La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GLI STUDI DI SETTORE TRA MITO E REALTA Ovvero: la storia infinita della tassazione della piccola impresa e del lavoro autonomo Roberto Convenevole Università

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GLI STUDI DI SETTORE TRA MITO E REALTA Ovvero: la storia infinita della tassazione della piccola impresa e del lavoro autonomo Roberto Convenevole Università"— Transcript della presentazione:

1 GLI STUDI DI SETTORE TRA MITO E REALTA Ovvero: la storia infinita della tassazione della piccola impresa e del lavoro autonomo Roberto Convenevole Università degli studi di Milano-Bicocca 18 febbraio 2005 Agenzia delle Entrate – Ufficio Studi 1

2 STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE Motivazioni del seminario e materiali forniti Contesto di riferimento degli Studi Risultati pubblicizzati e risultati effettivi conseguiti Prospettive di analisi e di intervento Un nuovo protocollo dintesa Agenzia delle Entrate – Ufficio Studi 2

3 Perché questo seminario? Gli Studi rappresentano una tematica cruciale: -Rientro dalla grande evasione -Finanziamento riduzione aliquote Ire -Se ne parla molto ma se ne conosce pochissimo -Si tratta di temi sensibili della politica economica -Poca trasparenza su: metodologie, risultati, progressi conseguiti, -Trovare il modo per diradare la nebbia perché senza informazione non cè trasparenza e dunque non cè assunzione di responsabilità -Una serie di convegni interrotti nel 2002: chi controlla i controllori? (Del Bo, 24 ore) Agenzia delle Entrate – Ufficio Studi 3

4 Gli accertamenti presuntivi negli ultimi 20 anni Visentini-ter nel 1984 Coefficienti di congruità Coefficienti presuntivi Minimum Tax Parametri dal 1995 Studi di settore dal 1998 Concordato preventivo di massa: Pianificazione fiscale concordata: 2005 Agenzia delle Entrate – Ufficio Studi 4

5 Il contesto economico sociale La riforma del , che introdusse lIVA e limposta progressiva, fallisce immediatamente Il gradino di gettito IVA perso al varo non è mai stato recuperato. La crescita dellAMPI, in un contesto di acuto fiscal-drag ( inflazione a due cifre), ha innescato la spirale: evasione--crescita delle aliquote--maggiore evasione (AMT crescente) La progressiva crisi dellindustria ha portato ad una crescita abnorme delle partite IVA Nella UE lItalia ha da tempo la maggiore evasione rispetto al PIL: riferirsi alla pressione fiscale tout court è fuorviante Sul versante IRPEF ampi ceti sociali si sono sottratti fin dallinizio alla progressività e continuano a farlo Grande platea di soggetti privi di sostituto

6 LE PERSONE FISICHE SENZA SOSTITUTO 740 IMPRESE INDIVID. 750 soci 760 soci Totale persone fisiche Cont. ordinaria Cont. Semplific totale

7

8 Il contesto giuridico e storico degli studi di settore Gli Studi sono previsti dal D.L. 331 del 1993 che rinvia esplicitamente allart. 11 del D.L. 69 del 1989 che istituiva i coefficienti presuntivi per le sole imprese in contabilità semplificata (art. 12 DL 69) La genesi logica degli studi è cruciale per comprendere il sostanziale fallimento degli stessi. Analizzando i risultati della loro applicazione riemergono problemi già evidenziati nel 1991 dal Secit (coefficienti) Agenzia delle Entrate – Ufficio Studi 9

9 I risultati ufficiali: la visione edulcorata della realtà Si assiste ad un crescendo rossiniano:A.D. Sose: nel ladesione ai 45 primi studi ha comportato una crescita di gettito di Mld £ Per gli studi in vigore dal 1998 al 2000 i congrui salgono dal 49,2% al 59,0%; poi si sale al 70% La percentuale di non congrui con ricavi inferiori al ricavo minimo scende dal 25,9% al 18,8%. E congruo il 75 per cento dei versamenti (Da intervista a FiscoOggi del 3 aprile 2003) Si tratta di una visione edulcorata della realtà fiscale italiana basata su illusioni che generano posizioni eversive: le imprese si adeguano perché pagano il giusto (intervista a FiscoOggi del 20 dicembre 2001). Agenzia delle Entrate – Ufficio Studi 10

10 Le conseguenze della mancanza di trasparenza Settembre 2004: bozza Finanziaria: 3,8 MLD Venturi: abbiamo già dato a regime 7,5 miliardi di di maggior imposte levasione sta altrove. Si individua il capro espiatorio degli ordinari per opzione (cfr. Del Bo 24 Ore) Si apportano le modifiche alla bozza (cfr. articolo di Dodero) e si rinvia la palla nel campo delle imprese estranee agli studi Come impostare la trasparenza? Aspetto Cruciale: rendere pubblici i volumi di analisi statistica sui dati di base e sugli esiti

11 I risultati effettivi in termini di crescita della base imponibile (non gettito) con studi vigenti Adeguamento in dichiarazione ( adeg. magg. ricavi) ; ; ; ; Importi in milioni di La crescita della base imponibile nel 1998 è un sottomultiplo di quanto sostenuto da AD Sose. Emerge una veloce obsolescenza degli studi di settore: i contribuenti imparano alla svelta come eludere GeRiCo. Cruciale è il periodo di vigenza. Ladeguamento in corso danno è frutto di unillusione ottica. Lesenzione dallIrap favoriva il fenomeno dellappiattimento in corso danno risolto poi con ladeguamento in dichiarazione. Agenzia delle Entrate – Ufficio Studi 12

12 Primi 45 studi: dinamica Ricavi e Produzione Istat

13 VariabileValoreIndice Ricavi dichiarati da tutti i contribuenti di cui semplificati ,79 di cui ordinari + professionisti ,21 VA Istat sommerso extra-agricolo Ricavi dichiarati dai non congrui ,97100 di cui semplificati non congrui ,47 di cui ordinari + professionisti non congrui ,53 Adeguamento richiesto da Gerico ,91 11, di cui ai semplificati ,73 di cui agli ordinari e professionisti ,27 Adeguamento effettuato dai non congrui3.4190,45 1,83 100,00 di cui dai semplificati ,00 di cui dagli ordinari e dai professionisti ,00 Proiezione dei risultati del 2002 a tutto luniverso mln

14 ALCUNI ESEMPI CONCRETI Ladeguamento effettuato rispetto a quello richiesto, per tipologia giuridica di contribuente Rosticcerie: come si distribuiscono le imprese non congrue rispetto allo scostamento Ristoranti: la percentuale delladeguamento effettuato rispetto al richiesto

15 Percentuale adeguamento effettuato rispetto a quello richiesto Tipo di contribuente Contribuenti in semplificata24,31%25,97%27,53%32,21%34,31% Contribuenti in ordinaria10,85%10,54%9,64%11,53%13,00% Soc. di capitali1,99%0,48%1,63%2,18%4,07% Professionisti--7,51%10,04%14,74% Media14,72%12,13%11,99%14,21%15,49%

16 Distribuzione delle imprese non congrue (sia ordinarie che semplificate) in base allo scostamento – biennio

17 Ristoranti - Percentuale delladeguamento effettuato rispetto al richiesto (imprese ordinarie e semplificate) – Biennio Asse delle x: scostamento % tra ricavo puntuale e ricavi dichiarati; Asse delle y: percentuale delladeguamento effettuato rispetto a quello richiesto

18 Il modello implicito negli studi di settore Ritengo che gli studi si fondino su un modello che: stima levasione in ragione inversa al volume daffari; salvaguarda levasione da extra profitti e quella normale degli operatori maggiori; tende a colpire solo levasione marginale degli operatori più piccoli. Anche perché i cluster (gruppi statistici omogenei) non considerano la scelta della contabilità. La conseguenza è che si trascura laspetto della congruità dei costi. Ergo: vale il sillogismo di Franco Gallo 2000: se i contribuenti mentono anche gli studi di settore mentono. Ergo: necessità di raffronto con banche dati esterne Agenzia delle Entrate – Ufficio Studi 18

19 Agenzia delle Entrate – Ufficio Studi 19 Per tre ordini di motivi, tutti rilevanti: -a) genesi logica dello strumento: di fatto si ragiona come nel sui soli semplificati -b) metodo di costruzione: un fantascientifico apparato statistico viene utilizzato come se il tempo non fosse trascorso e nulla si fosse appreso dalle esperienze passate; coazione a ripetere; -c) mancanza di coerenza dellaccertamento: per svariati motivi laccertamento non utilizza il bastone in suo possesso e dunque la carota deperisce; Perché anche gli studi non fanno emergere base imponibile in maniera significativa?

20 Questioni di metodo da risolvere 1) Modificare lart. 10 della Legge 146 del ) Ideare un protocollo dintesa tra il Ministro, le Associazioni di categoria e gli Ordini professionali per tarare gli studi di settore territorialmente e settorialmente. Passo avanti fatto nella Finanziaria 2005: è stata eliminata lesenzione IRAP per chi si adeguava in dichiarazione. Agenzia delle Entrate – Ufficio Studi 20

21 Questioni di metodo da risolvere Modificare lart. 10 Legge 146, 1998 (opzione) ed il D.L. 331 del Lanalisi ha confermato ciò che illustrò il SECIT nel 1991: è necessario estendere il regime presuntivo a tutti i soggetti che, indipendentemente dal regime contabile e dalla natura giuridica (incluse le società di capitali), si collochino in una determinata fascia di ricavi. (Notiziario Fiscale n. 12, 1991) Tale raccomandazione non venne recepita nel D.L. 331 del In mancanza di interventi correttivi non sarà possibile realizzare la giustizia grossa da cui dipende il successo vero della lotta allevasione Agenzia delle Entrate – Ufficio Studi 21

22 Studi, patto di stabilità e crescita economica Ideare un protocollo dintesa tra il Ministro e le categorie che riguardi tre livelli di intervento: Nazionale: nel medio periodo recuperare 115 punti base di IVA sul PIL. Accordo quadro nazionale, macroeconomico Regionale: si quantifica il contributo, per regione e per attività economica, coerente con la contrazione del Tax-gap, che ciascuna categoria ed associazione si impegna a fornire Provinciale: laccordo regionale viene suddiviso tra le province nei settori di pertinenza delle categorie e delle associazioni professionali seguendo linee guida logiche ritagliate sul territorio (Convegno di Ancona, febbraio 2002) A livello provinciale si realizza compiutamente lobiettivo del federalismo fiscale collegandolo al principio del beneficio. Agenzia delle Entrate – Ufficio Studi 22

23 Agenzia delle Entrate – Ufficio Studi 23 Lidea cardine da sviluppare è quella che, perso il grado di libertà della politica monetaria e realizzata parte della riforma fiscale (aliquote), la ripresa economica con il vincolo del patto di stabilità sia finanziata tramite un graduale recupero di evasione, con un ancoraggio territoriale dei benefici conseguiti. Questo vuol dire stare in Europa: da unevasione patologica ad una fisiologica. Studi, patto di stabilità e crescita economica

24 La strada per coniugare patto di stabilità e crescita economica Gli Studi rappresentano una potenzialità inespressa La banca dati della Sose non è sufficiente da sola per conseguire grandi risultati I dati Sose vanno confrontati con Contabilità Nazionale (regionali a 20 settori e provinciali a 6) LAmministrazione deve ripetere lo studio Sogei 1999 (anni ) a livello più fine, con miglioramenti metodologici Vanno codificati i comportamenti evasivi delle grandi, medie e piccole imprese e degli operatori marginali. Va impostato il problema della congruità dei costi Agenzia delle Entrate – Ufficio Studi 24

25 Conclusione: come uscire dallo Stallo? Evadere è solo una scelta etica? Approfondimenti: evasione da sopravvivenza; evasione normale e da extraprofitti Evasori e tartassati: tassazione del reddito disponibile e tassazione del reddito eccedente il consumo necessario. Gli studi dovrebbero essere una proxy del sostituto dimposta Dilemma fuorviante: tassazione del reddito effettivo o del reddito normale? Cosa si evoca parlando di giustizia fine e di giustizia grossa? Cosa significa la frase I ricchi non sono più qui? In presenza di una piaga ci vuole pragmatismo.


Scaricare ppt "GLI STUDI DI SETTORE TRA MITO E REALTA Ovvero: la storia infinita della tassazione della piccola impresa e del lavoro autonomo Roberto Convenevole Università"

Presentazioni simili


Annunci Google