La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Quadro mondiale Il fabbisogno minimo giornaliero pro capite per la sopravvivenza in un clima moderato, è di 5 litri di acqua dolce la quantità media necessaria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Quadro mondiale Il fabbisogno minimo giornaliero pro capite per la sopravvivenza in un clima moderato, è di 5 litri di acqua dolce la quantità media necessaria."— Transcript della presentazione:

1 Quadro mondiale Il fabbisogno minimo giornaliero pro capite per la sopravvivenza in un clima moderato, è di 5 litri di acqua dolce la quantità media necessaria per lo svolgimento delle attività quotidiane (acqua da bere, per cucinare e per la pulizia domestica e personale) è dieci volte superiore, pari a circa 50 litri Si stima che circa 1 miliardo e 400 milioni di persone non abbia accesso a fonti idriche pulite quelle che vivono in situazioni di assenza delle necessarie condizioni igieniche legate alla scarsità dacqua sono 2,5 miliardi, oltre un terzo della popolazione mondiale.

2 Nel 20° secolo, il tasso di crescita della popolazione è raddoppiato mentre la domanda dacqua è cresciuta di 6 volte rispetto al secolo precedente si stima che nel 2025 circa 4 miliardi di persone vivranno in condizioni di scarso accesso allacqua potabile. Le aree maggiormente colpite saranno localizzate in Africa, Medio Oriente ed Asia meridionale, con oltre il 90% della popolazione della penisola araba che si troveranno a dover affrontare situazioni di siccità circa l80% delle persone che oggi vivono in condizioni di scarsità dacqua potabile, è localizzato in aree rurali nellAfrica sub Sahariana solo il 39% della popolazione rurale dispone di acqua potabile, contro il 77% di quella concentrata nei centri urbani.

3 Cambiamenti climatici e riserve idriche Lacqua che precipita in forma di neve tende a penetrare più in profondità perché il fenomeno di evaporazione è ridotto dalle basse temperature e lo scorrimento in superficie è limitato dal lento rilascio di acqua provocato dallo scioglimento dei nevai, condizioni che ne facilitano lassorbimento nel terreno La presenza di foreste contribuisce a ridurre la forza con cui le gocce colpiscono il terreno, diminuendo il fenomeno di erosione dello strato superficiale molto ricco di materia organica dove lacqua piovana si accumula in maniera molto più efficiente di quanto non accada nel suolo privo di materia organica

4 Laumento delle temperature medie a terra influisce sullevaporazione delle acque meteoriche e degli oceani, ma anche dellacqua contenuta nel suolo che tende a seccarsi più velocemente Nel futuro si prevede un aumento delle precipitazioni alle latitudini superiori e nel Sud Est asiatico Al contrario, le zone del Centro Asia, dellAfrica meridionale, dellAustralia e dei paesi del bacino Mediterraneo saranno interessate da una diminuzione complessiva di apporto idrico dalle piogge Landamento delle temperature lascia supporre un aumento dellintensità delle precipitazioni che cadranno al suolo in maniera più violenta e concentrata in brevi periodi causando un aumento delle inondazioni, di frane, valanghe e dellerosione del suolo

5 Nell alluvione del 1991 in Bangladesh, morirono oltre persone Nel 2000 si è registrata la più grande alluvione nellAfrica sud orientale e Mozambico dove nel mese di febbraio caddero tante piogge torrenziali che, finirono con anche aree del Sud Africa, lo Zambia, lo Zimbabwe, il Botswana, Swaziland ed il Madagascar In Mozambico si contarono circa 700 vittime e mezzo milione di senza tetto, la perdita di un terzo della produzione di mais e dell80% degli animali da allevamento e con un quarto dellintera produzione agricola danneggiata Nel 2001 un nuovo episodio alluvionale ha colpito il paese provocando altri 40 morti e senza tetto.

6 La peggior alluvione in Europa è stata quella prodotta dallesondazione del fiume Oder, avvenuta nel luglio del 1997 a seguito delle piogge torrenziali protrattesi per 16 giorni e che sono cadute in quantità superiori del 300% alla media, con punte di oltre il 400% nelle aree montane Tra il 1950 ed il 1998 si è notato un aumento delle grandi alluvioni, con il maggior numero registrato negli anni 90

7 In Europa, la maggior parte dei grandi corsi fluviali, come il Reno, il Rodano e il Danubio, dipende dalla presenza di copertura nevosa delle Alpi. Linnalzamento di temperatura sulla superficie terrestre di un solo grado comporta lo spostamento del fronte dei nevai di 150 metri verso lalto, con un ritardo delle nevicate ed un anticipo della fine della stagione Laumento delle temperature, previsto tra 1 e 3,5 gradi entro fine secolo, è destinato ad accrescere il fenomeno dello scioglimento del permafrost, lo strato di terra che, alle latitudini più settentrionali, rimane perennemente ghiacciato Si calcola che le Alpi abbiano perso circa metà delle massa dei ghiacciai tra il 1850 ed oggi e, se il loro ritiro continuerà a questo ritmo, entro 100 anni si potrebbero ritirare il 95% di tutti i ghiacciai esistenti nellarea

8 Monte Ujaciard (Alpi francesi)

9

10 Monte Bianco – limite fronte ghiacciaio 1971

11 Luso dellacqua nelle strategie dei conflitti Le Nazioni Unite ritengono plausibile che circa 300 conflitti futuri si giocheranno sul controllo delle risorse idriche prima ancora che del petrolio

12 Risorse limitate Le piogge torrenziali, portano lacqua a scorrere velocemente sui pendii penetrando poco nel sottosuolo ed alimentando prevalentemente i corsi dacqua superficiali piuttosto che le riserve sotterranee In pianura, al contrario, lacqua tende a ristagnare ed a provocare lo straripamento dei corsi fluviali, provocando alluvioni La conservazione della copertura vegetale, soprattutto boschiva, e quindi del suolo organico, è un prerequisito fondamentale per ridurre i fenomeni idrici estremi di alluvioni e siccità

13 Acqua e salute circa 12 milioni di persone nel mondo ogni anno muoiono per carenza dacqua o per lassunzione degli agenti patogeni in essa presenti. Di queste, oltre 5 milioni allanno muoiono per il consumo di acque non correttamente potabilizzate, un numero pari a circa dieci volte quello delle vittime di tutti i conflitti Le malattie gastrointestinali ogni giorno uccidono circa bambini in tutto il mondo.

14 Queste patologie potrebbero essere facilmente evitate costruendo delle reti fognarie per la raccolta delle acque di scarico da inviare ad impianti di trattamento e degli impianti di potabilizzazione delle acque raccolte prima della loro distribuzione per uso alimentare le malattie gastroenteriche sono quelle che mietono il maggior numero di vittime ogni anno, ma lacqua è veicolo, diretto o indiretto,anche di altre patologie fatali, come il colera o la tripanosomiasi Nei paesi a clima tropicale, inoltre, lacqua stagnante ospita le fasi larvali delle zanzare del genere Anophele, portatrici del vettore della malaria

15 le malattie gastroenteriche sono quelle che mietono il maggior numero di vittime ogni anno, ma lacqua è veicolo, diretto o indiretto,anche di altre patologie fatali, come il colera o la tripanosomiasi. Nei paesi a clima tropicale, inoltre, lacqua stagnante ospita le fasi larvali delle zanzare del genere Anophele, portatrici del vettore della malaria

16 PATOLOGIAMORBIDITA (episodi/anno o persone infette) DECESSI (morti/anno) Patologie gastrointestinali Elminti intestinali (persone infette) Schistosomiasi (persone infette) Dracunculiasi (dati 1996)- Dracoma (casi attivi)- Malaria Febbre di Dengue Poliomielite Tripanosomiasi Filaria Oncocerciasi (di cui ciechi) (morti per cecità)

17 Acqua e salute Circa la metà delle popolazione mondiale è colpita da patologie associate ad una cattiva gestione dellacqua da un punto di vista sanitario, ed ogni anno lequivalente di tutti gli abitanti di una grande città italiana, come Roma o Milano, ne rimane addirittura vittima.

18 il numero delle persone che vivono in aree prive o con scarsi servizi di disinfezione è molto vicino a quello affetto da patologie associate al consumo dacqua. Questo dato è unulteriore riprova della necessità dintervento sulla gestione della qualità, ancorché della quantità, dellacqua fornita per lalimentazione, due fenomeni che vanno affrontati congiuntamente.

19

20

21

22

23 Rischio desertificazione in Italia

24 Rischio desertificazione in Sicilia

25 Acqua e profitto Se le popolazioni più povere del mondo moriranno di più per sete, fame ed alluvioni nel prossimo futuro ciò sarà anche in parte responsabilità del modello di sviluppo dei paesi industrializzati Anche nei paesi ad economia avanzata si registrerà un aumento nei problemi di approvvigionamento idrico che potrebbero non essere di facile soluzione nemmeno potendo disporre di adeguate risorse finanziarie a seguito della diffusione dellinquinamento delle acque terrestri superficiali, quelle di falda e quelle marine La gestione del mercato globale delle acque è già diventata unattività di grande profitto dal dubbio valore morale gestito da due multinazionali francesi che ne detengono il 40%

26 Acqua e profitto Dal 1999, anno di acquisizione della US Filter, la Vivendi-Generale Des Eaux è diventata la più grande azienda di gestione idrica a livello mondiale fornendo diversi servizi in oltre 100 paesi e traendo profitti per 13 miliardi di euro dalla sola fornitura dacqua La Suez-Lyonnaise des Eaux, opera inoltre 130 paesi, inclusa lItalia, e raggiunge un fatturato annuo di 9,4 miliardi di euro per le forniture idriche Queste compagnie, assieme a poche altre, formano delle vere e proprie cordate finalizzate alla gestione dei servizi idrici per la conquista di nuovi mercati

27 Acqua e profitto Quando, nel 1993, la Vivendi acquisì i diritti sulle forniture idriche nella regione di Tucunam, in Argentina, le tariffe furono aumentate mediamente del 104% e la qualità dellacqua subì un progressivo deterioramento tanto che, nel 1997, sia la popolazione che le autorità provinciali si opposero al pagamento della fornitura. Dopo vari tentativi di ritorsione, la società si ritirò interrompendo i servizi Nel 1997, la Suez-Lyonnaise strappò un accordo trentennale per la concessione della costruzione di reti idriche e fognarie nelle città colombiane di La Paz e di El Alto, accordo fortemente caldeggiato dalla stessa Banca Mondiale, che, nel 2000 diventò azionaria della società costituita per lo scopo

28 Dal momento della privatizzazione, il costo dellallaccio idrico passò dai 100 euro dilazionabili in 5 anni ai 150 euro da pagare in ununica soluzione, il prezzo delle forniture da 2 a 12 bolivanos, la qualità dei servizi si deteriorò per il taglio del personale attuato per ridurre i costi di gestione che si tradusse in frequenti fuori servizio e ritorno alluso dei vecchi pozzi Dal momento che la gestione privata risponde ai generali criteri di mercato e del giusto profitto ciò non può in alcun modo essere applicato là dove la carenza idrica è più grave come diretta conseguenza della povertà Acqua e profitto

29 In azione – quadro internazionale PROMUOVERE IL CONCETTO DI UNIVERSALITÀ ED INDISPENSABILITÀ DELLE RISORSE IDRICHE PROMUOVERE IL DIRITTO ALL´ACQUA COME PRIMARIO E FONDAMENTALE AFFERMARE IL DIRITTO ALL´ACQUA NELLE SCUOLE COME STRUMENTO INDISPENSABILE PER I PIANI DI EDUCAZIONE PRIMARIA VIETARE L´UTILIZZO DELLE ACQUE COME STRUMENTO DI PRESSIONE POLITICA E/O MILITARE

30 In azione – quadro internazionale ATTUARE DA SUBITO PIANI DI GESTIONE INTEGRATA NEI PAESI A RISCHIO DI DESERTIFICAZIONE SVILUPPARE PROGRAMMI PARTECIPATI DIMMAGAZZINAMENTO DELLE ACQUE VIETARE LO SFRUTTAMENTO COMMERCIALE INTERNAZIONALE DEI SERVIZI IDRICI

31 In azione - piano nazionale RISANARE LA RETE DI DISTRIBUZIONE PROMUOVERE LA DOPPIA RETE IDRICA ATTUARE PROGRAMMI DI RISPARMIO NEL SETTORE INDUSTRIALE ATTUARE TECNICHE AGRICOLE ED IRRIGUE A RIDOTTO CONSUMO ESTENDERE I PIANI DI PREVENZIONE DI INCENDIO BOSCHIVO INCENTIVARE L´AGRICOLTURA IN AREE MARGINALI INCENTIVARE LA TUTELA DEL SUOLO ORGANICO ADOTTARE TECNICHE DI POTABILIZZAZIONE ALTERNATIVE

32 In azione - I singoli cittadini REALIZZARE IMPIANTI DOPPI IDRICI INCENTIVARE L´APPLICAZIONE, IN FASE DI COSTRUZIONE, DEI CONGEGNI DI RIDUZIONE DELLE ACQUE INCENTIVARE L´APPLICAZIONE DEI CONGEGNI DI RIDUZIONE NELLE ABITAZIONI ESISTENTI REALIZZARE RISERVE IDRICHE DI ACQUE RACCOLTE IN INVERNO PER SCOPI IRRIGUI A DIMENSIONE DOMESTICA ADOTTARE COMPORTAMENTI TESI AL RISPARMIO PREFERIRE ELETTRODOMESTICI AD ELEVATO RISPARMIO ENERGETICO ED IDRICO

33 Possibili applicazioni delle acque reflue

34 In azione - I singoli cittadini Avviare campagne di educazione al corretto uso dell´acqua che parta dalla divulgazione del reale valore e della limitatezza delle risorse idriche e dei vari fattori in grado di influenzarne il ciclo e la disponibilità complessivi Eliminare progressivamente dal mercato gli elettrodomestici che non rispondono ai requisiti di massimo risparmio idrico ed energetico

35


Scaricare ppt "Quadro mondiale Il fabbisogno minimo giornaliero pro capite per la sopravvivenza in un clima moderato, è di 5 litri di acqua dolce la quantità media necessaria."

Presentazioni simili


Annunci Google