La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 DICO, FAMIGLIA E DINTORNI. INDICE 1. DICO E DINTORNI. BREVE ANALISI STORICA. 2. DICO. DECRETO LEGGE 08.02.07. 3. FAMIGLIA, DICO E COSTITUZIONE. 4. CONVIVENTI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 DICO, FAMIGLIA E DINTORNI. INDICE 1. DICO E DINTORNI. BREVE ANALISI STORICA. 2. DICO. DECRETO LEGGE 08.02.07. 3. FAMIGLIA, DICO E COSTITUZIONE. 4. CONVIVENTI."— Transcript della presentazione:

1 1 DICO, FAMIGLIA E DINTORNI. INDICE 1. DICO E DINTORNI. BREVE ANALISI STORICA. 2. DICO. DECRETO LEGGE FAMIGLIA, DICO E COSTITUZIONE. 4. CONVIVENTI E ATTUALE LEGISLAZIONE. 5. LA RIFLESSIONE ECCLESIALE. Relatore: Giuseppe Zeppegno

2 2 1.DICO E DINTORNI. BREVE ANALISI STORICA.

3 3 Famiglia in trasformazione?

4 4 Dalla famiglia patriarcale (nonni, figli, nipoti, nuore, ecc…), alla famiglia nucleare (genitori, figli) Dalla famiglia nucleare (costituitasi almeno con atto civile) alle unioni di: - conviventi: coppie non sposate, che vivono sotto lo stesso tetto

5 5 - omosessuali … - allargate: divorziati risposati con figli del primo e secondo matrimonio

6 6 Le ragioni culturali

7 7 La sessualità a disposizione della libertà che decide quale significato attribuirvi. Si pone la base per una libera interpretazione dellistituto matrimoniale e familiare.

8 8 I PACS ALLA RIBALTA PATTI CIVILI DI SOLIDARIETÀ O MATRIMONIO LEGGERO PER ETEROSESSUALI ED OMOSESSUALI

9 9 Risoluzione del Parlamento Europeo (19 gennaio 2006) matrimonio gay = diritto fondamentale legislazioni che lo rifiutano = omofobiche

10 10 Le motivazioni Gli aderenti ai diversi partiti possono costituire un intergruppo (sulleconomia sociale, sulla difesa della famiglia, …) Lintergruppo gay e lesbico conta 120 aderenti (è il più numeroso allinterno del Parlamento Europeo)

11 11 I PACS IN EUROPA DANIMARCA 1989 NORVEGIA 1993 SVEZIA 1994 BELGIO 1998 FRANCIA 1999 OLANDA 2001 FINLANDIA 2001 GERMANIA 2001 PORTOGALLO 2001 REGNO UNITO 2005 SPAGNA 2005 SPAGNA Unioni omosessuali possibili dal 2005 Solo alcune decine di coppie hanno usufruito della Legge.

12 12 IL CONFRONTO CON LAMERICA CANADA: legge favorevole dal 2006 STATI UNITI: la maggio parte degli Stati dice no ai pacs

13 13 La legge francese Pacte civil de solidarité 944/1999 Riconosce le coppie di fatto anche tra persone dello stesso sesso La legge è servita a modello per lItalia

14 14 La legge francese Art : contratto bilaterale a titolo oneroso giuridicamente estraneo al matrimonio (il celibe resta celibe) suppone: - vita di coppia, residenza comune, contribuzione a vita comune - non obbliga alla fedeltà, soccorso, assistenza

15 15 Art Non possono concludere un patto ascendenti e discendenti in linea retta, affini in linea retta, collaterali sino al terzo grado incluso, persone già unite a qualcun altro con pacs o matrimonio

16 16 Art Il patto si stipula portando una dichiarazione congiunta al cancelliere del tribunale di istanza nella cui giurisdizione i contraenti hanno residenza Il cancelliere, dopo aver controllato linsieme dei documenti, iscrive il patto in un apposito registro e restituisce la dichiarazione ai contraenti

17 17 Art e 5 Dalla stipula del patto i contraenti hanno in comune ciò che riguarda labitazione comune e tutti i beni dichiarati comuni di volta in volta al momento della stipula dei successivi acquisti Godono di alcune agevolazioni fiscali

18 18 Art Il patto può essere sciolto con una dichiarazione consegnata al cancelliere e da questi riportata nel registro È sufficiente la dichiarazione di scioglimento di uno dei due contraenti (7,2% nei primi tre anni)

19 19 Il cancelliere notifica lo scioglimento allatro contraente Decorsi tre mesi il patto decade Il giudice, se le parti non si accordano, potrà stabilire una riparazione per il danno subito

20 20 Laccoglienza dei patti francesi dalle diverse religioni ISLAMICI (La Croix, ): Unica unione valida è quella aperta alla filiazione. EBREI (La Croix, ): Segno della dissoluzione dei valori nella società francese.

21 21 Laccoglienza dei patti francesi da parte delle diverse religioni PROTESTANTI (La Croix, ): La società continui a sostenere il matrimonio tra un uomo e una donna. CATTOLICI: (Documento Conferenza episcopale francese): Une loi inutile et dangereuse,

22 22 La situazione italiana 2003: nuclei familiari Unioni di fatto: nel 2003 ( tra celibi) [ nel 1993 ( tra celibi)] 1,8 % del totale

23 23 Le proposte di legge italiane RADICALI MOVIMENTO OMOSESSUALE (Arcigay) PARTITI DELLA SINISTRA STORICA

24 24 La proposta radicale Pacs per tutte le coppie (eterosessuali ed omosessuali) Estendere listituto del matrimonio anche alle coppie omosessuali

25 25 La proposta di Grillini (Arcigay) Riconoscimento dellidentità ricevuta (della condizione gay si può solo constatare lesistenza) Riconoscimento alle famiglie omosessuali degli stessi diritti delle famiglie eterosessuali DSM IV (MANUALE DIAGNOSTICO DEI DISTURBI MENTALI) Non individua più lomosessualità tra i disturbi della personalità.

26 26 Argomenti addotti dagli omosessuali Gli omosessuali sono una minoranza con gli stessi diritti delle altre minoranze A chi è vissuto a lungo con un compagno gay è spesso negato il diritto di assistere il proprio partner, di subentrare nellaffitto della casa, di ottenere la pensione, …

27 27 Il problema dei figli per le coppie omosessuali «Quanto alla questione delladozione, o dellinseminazione artificiale, si tratta di un capitolo totalmente estraneo a tutte le proposte di legge pendenti davanti al Parlamento italiano, e che non è al momento oggetto di specifiche rivendicazioni da parte nostra» (Grillini).

28 28 2. DICO. DECRETO LEGGE

29 Ministero delle politiche per la famiglia Ministero per i diritti e le pari opportunità Decreto di legge sulle unioni di fatto DICO Diritti e doveri delle persone stabilmente conviventi NO MATRIMONIO DI SERIE B NO PACS

30 30 Presentazione del decreto di legge Art. 1 (Ambito e modalità di applicazione) 1. Due persone maggiorenni e capaci, anche dello stesso sesso, unite da reciproci vincoli affettivi, che convivono stabilmente e si prestano assistenza e solidarietà materiale e morale, non legate da vincoli di matrimonio, parentela in linea retta entro il secondo grado, affinità in linea retta entro il secondo grado, adozione, affiliazione, tutela, curatela o amministrazione di sostegno, sono titolari dei diritti, dei doveri e delle facoltà stabiliti dalla presente legge.

31 31 2. La convivenza di cui al comma 1 è provata dalle risultanze anagrafiche in conformità agli articoli 4, 13 comma 1 lettera b), 21 e 33 del decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n. 223, secondo le modalità stabilite nel medesimo decreto per liscrizione, il mutamento o la cancellazione. E fatta salva la prova contraria sulla sussistenza degli elementi di cui al comma 1 e delle cause di esclusione di cui allarticolo 2. Chiunque ne abbia interesse può fornire la prova che la convivenza è iniziata successivamente o è terminata in data diversa rispetto alle risultanze anagrafiche.

32 32 3. Relativamente alla convivenza di cui al comma 1, - qualora la dichiarazione allufficio di anagrafe non sia resa contestualmente da entrambi i conviventi, il convivente che lha resa ha lonere di darne comunicazione mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento allaltro convivente; - la mancata comunicazione preclude la possibilità di utilizzare le risultanze anagrafiche a fini probatori ai sensi della presente legge.

33 33 4. Lesercizio dei diritti e delle facoltà previsti dalla presente legge presuppone lattualità della convivenza. 5. Le disposizioni di cui al presente articolo si applicano anche allanagrafe degli italiani residenti allestero. 6. Ai fini della presente legge i soggetti di cui al comma 1 sono definiti conviventi.

34 34 Art. 2 (Esclusioni) 1. Le disposizioni della presente legge non si applicano alle persone: a) delle quali luna sia stata condannata per omicidio consumato o tentato sul coniuge dellaltra o sulla persona con la quale laltra conviveva ai sensi dellarticolo 1, comma 1, ovvero sulla base di analoga disciplina prevista da altri ordinamenti; b) delle quali luna sia stata rinviata a giudizio, ovvero sottoposta a misura cautelare, per i reati di cui alla lettera a); c) legate da rapporti contrattuali, anche lavorativi, che comportino necessariamente labitare in comune.

35 35 Art. 3 ( Sanzioni ) 1. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, al fine di beneficiare delle disposizioni della presente legge, chiede liscrizione anagrafica in assenza di coabitazione ovvero dichiara falsamente di essere convivente ai sensi della presente legge, è punito con la reclusione da uno a tre anni e con la multa da euro 3000 a euro La falsa dichiarazione di cui al comma 1 produce la nullità degli atti conseguenti; i pagamenti eseguiti sono ripetibili ai sensi dellarticolo 2033 del codice civile.

36 36 Art. 4 (Assistenza per malattia o ricovero) 1. Le strutture ospedaliere e di assistenza pubbliche e private disciplinano le modalità di esercizio del diritto di accesso del convivente per fini di visita e di assistenza nel caso di malattia o ricovero dellaltro convivente.

37 37 Art. 5 ( Decisioni in materia di salute e per il caso di morte) 1. Ciascun convivente può designare laltro quale suo rappresentante: a) in caso di malattia che comporta incapacità di intendere e volere, al fine di concorrere alle decisioni in materia di salute, nei limiti previsti dalle disposizioni vigenti; b) in caso di morte, per quanto riguarda la donazione di organi, le modalità di trattamento del corpo e le celebrazioni funerarie, nei limiti previsti dalle disposizioni vigenti.

38 38 2. La designazione è effettuata mediante atto scritto e autografo; in caso di impossibilità a redigerlo, viene formato un processo verbale alla presenza di tre testimoni, che lo sottoscrivono.

39 39 Art. 6 (Permesso di soggiorno) 1. Il cittadino straniero extracomunitario o apolide, convivente con un cittadino italiano e comunitario, che non ha un autonomo diritto di soggiorno, può chiedere il rilascio di un permesso di soggiorno per convivenza. 2. Il cittadino dellUnione europea, convivente con un cittadino italiano, che non ha un autonomo diritto di soggiorno, ha diritto alliscrizione anagrafica di cui allarticolo 9 del decreto legislativo di attuazione della direttiva 2004/38/CE.

40 40 Art. 7 ( Assegnazione di alloggi di edilizia pubblica ) 1. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano tengono conto della convivenza di cui allarticolo 1 ai fini dellassegnazione di alloggi di edilizia popolare o residenziale pubblica.

41 41 Art. 8 ( Successione nel contratto di locazione ) 1. In caso di morte di uno dei conviventi che sia conduttore nel contratto di locazione della comune abitazione, laltro convivente può succedergli nel contratto, purché la convivenza perduri da almeno tre anni ovvero vi siano figli comuni. 2. La disposizione di cui al comma 1 si applica anche nel caso di cessazione della convivenza nei confronti del convivente che intenda subentrare nel rapporto di locazione.

42 42 Art. 9 ( Agevolazioni e tutele in materie di lavoro ) 1. La legge e i contratti collettivi disciplinano i trasferimenti e le assegnazioni di sede dei conviventi dipendenti pubblici e privati al fine di agevolare il mantenimento della comune residenza, prevedendo tra i requisiti per laccesso al beneficio una durata almeno triennale della convivenza. 2. Il convivente che abbia prestato attività lavorativa continuativa nellimpresa di cui sia titolare laltro convivente può chiedere, salvo che lattività medesima si basi su di un diverso rapporto, il riconoscimento della partecipazione agli utili dellimpresa, in proporzione dellapporto fornito.

43 43 Art. 10 (Trattamenti previdenziali e pensionistici) 1. In sede di riordino della normativa previdenziale e pensionistica, la legge disciplina i trattamenti da attribuire al convivente, stabilendo un requisito di durata minima della convivenza, commisurando le prestazioni alla durata della medesima e tenendo conto delle condizioni economiche e patrimoniali del convivente superstite.

44 44 Art. 11 ( Diritti successori ) 1. Trascorsi nove anni dallinizio della convivenza, il convivente concorre alla successione legittima dellaltro convivente, secondo le disposizioni dei commi 2 e Il convivente ha diritto a un terzo delleredità se alla successione concorre un solo figlio e ad un quarto se concorrono due o più figli. In caso di concorso con ascendenti legittimi o con fratelli e sorelle anche se unilaterali, ovvero con gli uni e con gli altri, al convivente è devoluta la metà delleredità.

45 45 3. In mancanza di figli, di ascendenti, di fratelli o sorelle, al convivente si devolvono i due terzi delleredità, e, in assenza di altri parenti entro il secondo grado in linea collaterale, lintera eredità. 4. Al convivente, trascorsi almeno nove anni dallinizio della convivenza, e fatti salvi i diritti dei legittimari, spettano i diritti di abitazione nella casa adibita a residenza della convivenza e di uso sui mobili che la corredano, se di proprietà del defunto o comuni. Tali diritti gravano sulla quota spettante al convivente.

46 46 5. Quando i beni ereditari di un convivente vengono devoluti, per testamento o per legge, allaltro convivente, laliquota sul valore complessivo netto dei beni prevista dallarticolo 2, comma 48, del decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2006, n. 286, è stabilita nella misura del cinque per cento sul valore complessivo netto eccedente i euro.

47 47 Art. 12 (Obbligo alimentare) 1. Nellipotesi in cui uno dei conviventi versi in stato di bisogno e non sia in grado di provvedere al proprio mantenimento, laltro convivente è tenuto a prestare gli alimenti oltre la cessazione della convivenza, purché perdurante da almeno tre anni, con precedenza sugli altri obbligati, per un periodo determinato in proporzione alla durata della convivenza. Lobbligo di prestare gli alimenti cessa qualora lavente diritto contragga matrimonio o inizi una nuova convivenza ai sensi dellarticolo 1.

48 48 Art. 13 (Disposizioni transitorie e finali ) 1. I conviventi sono titolari dei diritti e degli obblighi previsti da altre disposizioni vigenti per le situazioni di convivenza, salvi in ogni caso i presupposti e le modalità dalle stesse previste. 2. Entro nove mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, può essere fornita la prova di una data di inizio della convivenza anteriore a quella delle certificazioni di cui allarticolo 1, comma 2. La disposizione di cui al presente comma non ha effetti relativamente ai diritti di cui allarticolo 10 della presente legge. 3. Il termine di cui al comma 2 viene computato escludendo i periodi in cui per uno o per entrambi i conviventi sussistevano i legami di cui allarticolo 1, comma 1, e le cause di esclusione di cui allarticolo 2.

49 49 4. In caso di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio può essere fornita, entro tre mesi dal passaggio in giudicato della sentenza, da parte di ciascuno dei conviventi o, in caso di morte intervenuta di un convivente, da parte del superstite, la prova di una data di inizio della convivenza anteriore a quella della iscrizione di cui allarticolo 1, comma 2, comunque successiva al triennio di separazione calcolato a far tempo dallavvenuta comparizione dei coniugi innanzi al presidente del tribunale. 5. I diritti patrimoniali, successori o previdenziali e le agevolazioni previsti dalle disposizioni vigenti a favore dellex coniuge cessano quando questi risulti convivente ai sensi della presente legge. 6. I diritti patrimoniali, successori o previdenziali e le agevolazioni previsti dalla presente legge cessano qualora uno dei conviventi contragga matrimonio.

50 50 Art. 14 (Copertura finanziaria) 1. All'onere derivante dallarticolo 11, pari ad euro 4 milioni e 600 mila per lanno 2008 ed euro 5 milioni a decorrere dallanno 2009 si provvede mediante corrispondente riduzione dell'autorizzazione di spesa di cui all'articolo 1, comma 20, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, iscritta allU.P.B. dello stato di previsione del Ministero delleconomia e delle finanze per lanno Il Ministro dell'economia e delle finanze e' autorizzato ad apportare con propri decreti le occorrenti variazioni di bilancio. Fonte: Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità (09 febbraio 2007)

51 51 3. FAMIGLIA, DICO E COSTITUZIONE

52 52 Famiglia e Costituzione Costituzione, I parte, II titolo, Rapporti etico sociali: Costituzione, art. 29: «La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Il matrimonio è ordinato sull'eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell'unità familiare».

53 53 Famiglia e Costituzione Ulteriori specificazioni: Costituzione, art. 30: «È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio. Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti. La legge assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima. La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità».

54 54 Famiglia e Costituzione Ulteriori specificazioni: Costituzione, art. 31: «La Repubblica agevola con misure economiche e altre provvidenze la formazione della famiglia e l'adempimento dei compiti relativi, con particolare riguardo alle famiglie numerose. Protegge la maternità, l'infanzia e la gioventù, favorendo gli istituti necessari a tale scopo».

55 55 Famiglia e Costituzione Ulteriori specificazioni: Costituzione, art. 36: «Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa …».

56 56 Famiglia e Costituzione Ulteriori specificazioni: Costituzione, art. 37: «La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire l'adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione …».

57 57 Osservazioni. Famiglia e Costituzione La qualificazione costituzionale di famiglia riguarda la famiglia - tradizionalmente intesa - fondata sul matrimonio. Altre formazioni sociali non sono parificate alla famiglia (art. 29).

58 58 Un riferimento ai DICO? Costituzione, art. 2: «La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale».

59 59 Un riferimento ai DICO? Art 3:Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

60 60 4. Conviventi e attuale legislazione

61 61 LE RICHIESTELE TUTELE GIÀ PREVISTE DALLA LEGGE TUTELARSI COL DIRITTO PRIVATO Lassistenza in ospedale Nessuna legge impedisce di visitare o accudire il convivente in caso di malattia o ricovero. È il paziente che decide da chi farsi assistere.

62 62 LE RICHIESTELE TUTELE GIÀ PREVISTE DALLA LEGGE Le decisioni in materia di salute Il titolare di decisioni è solo il paziente. Donazioni degli organi Il convivente ha il diritto di decidere in assenza di indicazioni del diretto interessato (legge 91/99).

63 63 LE RICHIESTELE TUTELE GIÀ PREVISTE DALLA LEGGE TUTELARSI COL DIRITTO PRIVATO Il tutore legaleIn caso di incapacità, il giudice nomina un tutore, preferendo il coniuge o il convivente (art. 424 c.c.). Con atto pubblico o scrittura privata autenticata una persona può designare chi sarà il proprio amministratore di sostegno, in previsione di una propria futura incapacità (art. 408 c.c.). Gli alloggi e laffitto Il convivente subentra nel contratto di locazione in caso di morte del conduttore (art 6, L. 392/78; Cort. Cost. 559/89) I conviventi possono decidere di essere entrambi titolari del contratto di locazione.

64 64 LE RICHIESTELE TUTELE GIÀ PREVISTE DALLA LEGGE TUTELARSI COL DIRITTO PRIVATO Il lavoro Il convivente, come il coniuge, ha diritto a un permesso retribuito di tre giorni lavorativi allanno in caso di decesso o documentata grave infermità del partner (L.53/00). Le pensioni e la previdenza I fondi pensione complementari prevedono la possibilità di reversibilità a favore del convivente. Il convivente può stipulare a favore dellaltro contratti di previdenza privata e polizze sanitarie private.

65 65 LE RICHIESTELE TUTELE GIÀ PREVISTE DALLA LEGGE Processi e carcere Il convivente, come il coniuge, non è tenuto a testimoniare contro il proprio partner. È riconosciuto al detenuto il diritto di avere colloqui anche con il convivente. È attribuito un permesso al condannato in caso di imminente pericolo di vita di un familiare, intendendo anche il convivente (L.354/75). Il convivente può proporre la domanda di grazia.

66 66 LE RICHIESTELE TUTELE GIÀ PREVISTE DALLA LEGGE Risarcimento alle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata Il convivente è destinatario dellassegno vitalizio in caso di morte del partner (DPR 510/99).

67 67 Alcune situazioni sono tutelate dalle leggi vigenti, altre possono essere sanate con modifiche di alcune norme giuridiche a favore di tutti i conviventi Altri diritti (al patrimonio, alla locazione, …) possono già essere messi in opera dai conviventi stessi nel rispetto della piena autonomia (testamenti, locazioni della casa stipulata congiuntamente, …) VERSO UNA PRIMA SINTESI

68 68 COLORO CHE NON VOGLIONO SPOSARSI 1. Se non vogliono assumere il vincolo del matrimonio perché ritengono la loro unione un fatto privato che può recedere in ogni momento senza traumi e complicazioni, non è il caso che la legge se ne occupi perché la loro intenzione è proprio quella di non essere legati giuridicamente. 2. Se non vogliono assumere i doveri dellistituto matrimoniale ma accettano una certa visibilità può essere utile accordare loro dei diritti. NECESSARI DISTINGUO …

69 69 COLORO CHE NON POSSONO SPOSARSI per mancanza di condizioni lavorative, economiche o psicologiche adeguate. Una corretta politica familiare non può accontentarsi di tacitare le coscienze dei governanti offrendo un piccolo matrimonio ma deve attivare iniziative sociali a favore della famiglia. Benedetto XVI, Discorso agli Amministratori della Regione Lazio, 11 gennaio «È necessaria una politica della famiglia e per la famiglia (…). Si tratta cioè di incrementare le iniziative che possono rendere meno difficile e gravosa per le giovani coppie la formazione di una famiglia, e poi la generazione e leducazione dei figli, favorendo loccupazione giovanile, contenendo per quanto possibile il costo degli alloggi, aumentando il numero delle scuole materne e degli asili-nido».

70 70 COLORO CHE NON POSSONO SPOSARSI per impedimenti transitori (minore età, attesa di divorzio, …). Non possono neppure accedere ai DICO, quindi lofferta per loro è priva di significato.

71 71 Dietro langolo … LA SITUAZIONE DEL BELGIO

72 72 Le tappe del cambiamento del diritto di famiglia 13 febbraio 2003: matrimonio a persone dello stesso sesso 24 aprile 2003: adottanti di sesso diverso 20 aprile 2006: adottanti anche dello stesso sesso 15 giugno 2006: senato approva legge sulla PMA

73 73 Art. 2 legge PMA Autore del progetto genitoriale è ogni persona che abbia deciso di diventare genitore per il tramite di una PMA, effettuata o no a partire dai propri gameti o embrioni»

74 74 Progetti di legge Maternità sostitutiva per le coppie sterili Omosessuali maschi con madre gestante

75 75 La psicologia delletà evolutiva insiste sullimportanza per larmonico sviluppo dei bambini di possedere una doppia figura genitoriale (maschile e femminile) … Un problema aperto …

76 76 5. LA RIFLESSIONE ECCLESIALE NOTA DEL CONSIGLIO PERMANENTE A RIGUARDO DELLA FAMIGLIA FONDATA SUL MATRIMONIO E DI INIZIATIVE LEGISLATIVE IN MATERIA DI UNIONI DI FATTO, 28 marzo 2007

77 77 «Non abbiamo interessi politici da affermare; solo sentiamo il dovere di dare il nostro contributo al bene comune …». «Solo la famiglia aperta alla vita può essere considerata vera cellula della società perché garantisce la continuità e la cura delle generazioni». «Non a caso lesito più evidente del buon funzionamento di una coppia si esprime nella generatività (sia essa biologica o sociale), che si realizza proprio grazie allincontro di differenze e rappresenta ciò che di più vitale ed appagante lessere umano adulto possa sperimentare». R. Iafrate, Passa dal cuore il futuro delluomo realizzato, Convegno di Verona 2007.

78 78 «Queste riflessioni non pregiudicano il riconoscimento della dignità di ogni persona; a tutti confermiamo il nostro rispetto e la nostra sollecitudine pastorale». «Siamo consapevoli che ci sono situazioni concrete nelle quali possono essere utili garanzie e tutele giuridiche per la persona che convive. A questa attenzione non siamo per principio contrari».

79 79 «Siamo però convinti che questo obiettivo sia perseguibile nellambito dei diritti individuali, senza ipotizzare una nuova figura giuridica che sarebbe alternativa al matrimonio e alla famiglia e produrrebbe più guasti di quelli che vorrebbe sanare». «Una parola impegnativa ci sentiamo di rivolgere specialmente ai cattolici che operano in ambito politico». «Lo facciamo con linsegnamento del Papa …

80 80 Esortazione apostolica post–sinodale Sacramentum Caritatis: «i politici e i legislatori cattolici, consapevoli della loro grave responsabilità sociale, devono sentirsi particolarmente interpellati dalla loro coscienza, rettamente formata, a presentare e sostenere leggi ispirate ai valori fondati nella natura umana», tra i quali rientra «la famiglia fondata sul matrimonio tra uomo e donna» (n. 83).

81 81


Scaricare ppt "1 DICO, FAMIGLIA E DINTORNI. INDICE 1. DICO E DINTORNI. BREVE ANALISI STORICA. 2. DICO. DECRETO LEGGE 08.02.07. 3. FAMIGLIA, DICO E COSTITUZIONE. 4. CONVIVENTI."

Presentazioni simili


Annunci Google