La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 1 Blue Dignity

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 1 Blue Dignity"— Transcript della presentazione:

1 Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 1 Blue Dignity

2 Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 2 Il progetto Sultan Razia – dal nome di una principessa molto amata dal popolo afgano. E una micro-impresa di cui fanno parte 15 donne: sono donne povere che vivono nella periferia di Kabul e si occupano di tagliare e lavorare pietre semipreziose. Oltre a lavorare ai macchinari per tagliare le pietre, seguono un corso di alfabetizzazione ed uno di formazione professionale. Esiste anche un asilo per i figli.

3 Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 3 Sultan Razia

4 Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 4 Sultan Razia

5 Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 5 Il progetto Acquisto delle pietre semipreziose: lapislazzuli, quarzi e ametiste. Proposte per la realizzazioni di monili e semplici montature. Attività di sensibilizzazione ed informazione sulla condizione delle donne in Afghanistan.

6 Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 6 Afghanistan – conflitto permanente 1747–1978: dalla monarchia Durrani alla Repubblica di Afghanistan. 27 aprile 1978: colpo di stato del partito marxista PDPA : intervento sovietico. Truppe sovietiche (e governative) combattono contro la guerriglia mujahedin (sostenuta dagli USA) : conflitti armati tra mujahedin tagiki, uzbeki, pashtun,… : Taliban al governo (sostenuti da Pakistan e Arabia Saudita) combattono contro la resistenza dei mujahedin uniti nellAlleanza del Nord.

7 Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 7 Conflitto permanente Fine 2001: intervento armato USA. 9 ottobre 2004: elezioni presidenziali con la conferma a presidente di Hamid Karzai oggi: truppe americane e governative (del governo Karzai) combattono contro la resistenza dei taliban e dei miliziani di Hekmatyar e Dostum.

8 Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 8 Le vittime : le guerre tra forze sovietiche e mujahedin, poi tra le varie fazioni di mujahedin ed infine tra taliban ad Alleanza del Nord hanno causato la morte di 1 milione e mezzo di Afgani (1 milione di civili). Intervento USA fine 2001: ha provocato la morte di 14 mila afgani ( 10 mila taliban e 4 mila civili). A queste vanno aggiunte migliaia di civili afghani morti al termine del conflitto per fame e malattia oggi: altri 11 mila morti, di cui 6 mila nel solo 2006 Dallinizio del 2007: la guerra ha provocato 748 morti (230 civili, 360 taliban, 136 militari afgani e 22 soldati nato).

9 Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 9 Le mine Dal 1979 ad oggi: sono state disseminate almeno 640 mila mine, tra antiuomo e anticarro. Vanno aggiunti milioni di ordigni inesplosi. Dal 1979 ad oggi: 400 mila afghani (per l 80% civili) sono rimasti uccisi o mutilati dalle mine. Dal 1988 sono state rinvenute 250 mila mine e 3,3 milioni di ordigni inesplosi. Per bonificare completamente il territorio afgano, ai ritmi attuali, ci vorrebbero più di 4 mila anni. Ottobre 2001-marzo 2002: le forze aeree USA hanno sganciato 250 mila cluster bomb, per lo più rimaste inesplose.

10 Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 10 LAfghanistan è uno dei paesi più poveri del mondo, nella classifica dei paesi meno sviluppati è davanti soltanto a Burkina Faso e Niger. Milioni di afgani non hanno ancora accesso allacqua potabile, ai servizi igienici e allelettricità, anche nella capitale. Malattie come tubercolosi e poliomielite sono ancora molto diffuse, colpiscono soprattutto donne e bambini. Un bambino su 4 muore prima di raggiungere i 5 anni. La metà delle donne che perdono la vita in età fertile muore di parto. LAfghanistan ha uno dei tassi di mortalità per parto più alti del mondo. La speranza di vita media si aggira sui 42 anni Le condizioni economiche

11 Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 11 Assenza di un sistema giuridico efficace ed equilibrato in grado di garantire alle donne istruzione ed occupazione e difenderle dalle violenze. Sistema di quote in parlamento: alle donne è andato il 27% dei seggi nella camera bassa del nuovo parlamento di Kabul. LAfghanistan ha ratificato i principali accordi internazionali sui diritti umani. Costruire qualcosa partendo da quello che è scritto - con la povertà, lanalfabetismo, la misoginia e la guerra- è cosa ben diversa. La condizione delle donne

12 Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 12 L 85% delle donne afgane è analfabeta. Il 95% delle donne afgane è sistematicamente vittima delle violenze domestiche. Anche se la legge afgana stabilisce che non possono sposarsi prima dei 16 anni, le bambine di 8 o 9 anni vengono spesso vendute come spose. A causa delle rigida segregazione, un numero sempre maggiore di donne cerca di fuggire. Ma se una donna si allontana dalla famiglia è considerata colpevole del reato di zina - coinvolgimento in attività sessuale illecita. La condizione delle donne

13 Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 13 Quando viene catturata, una donna che scappa rischia di finire in prigione o di essere restituita al marito, al padre o ai fratelli, i quali possono ucciderla per ripristinare lonore della famiglia. Lo stesso accade alle vittime di stupro. Molte donne a Kabul vengono rapite dai trafficanti e vendute come schiave sessuali. Molte ragazze si suicidano per sfuggire alle botte, agli abusi sessuali o a un matrimonio forzato, per evitare la prigione o lomicidio donore (150 suicidi denunciati nellultimo anno). Meno della metà dei bambini e meno di un terzo delle bambine in età scolare frequenta effettivamente la scuola. La condizione delle donne

14 Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 14 Blue Dignity


Scaricare ppt "Ass. Jambo - Commercio equo e solidale 1 Blue Dignity"

Presentazioni simili


Annunci Google