La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I generi letterari e elementi di narratologia Diana Dragoni a.s. 2012-2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I generi letterari e elementi di narratologia Diana Dragoni a.s. 2012-2013."— Transcript della presentazione:

1 I generi letterari e elementi di narratologia Diana Dragoni a.s

2 Testo, dal latino textus

3 Classificazione dei testi PER GENERE : lirica narrativa drammaturgia PER TIPI : narrativi, descrittivi, argomentativi, espositivi, regolativi.

4 IL TESTO NARRATIVO FAVOLAFIABANOVELLARACCONTOROMANZO In base alla forma e al contenuto si distingue in

5 Struttura di base: 1.Situazione iniziale o esordio 2.Rottura dellequilibrio 3.Spannung (momento di massima tensione) 4.Ricomposizione dellequilibrio 5.Conclusione

6 Elementi sempre presenti: 1.Un narratore 2.Un destinatario 3.Una storia 4.Un ambiente 5.Un tempo

7 LA FAVOLA Può avere come protagonisti esseri umani o animali (questi ultimi rappresentati con caratteristiche umane, nei pregi e nei difetti); spesso si conclude con una morale. Es.: le favole di Esopo (VI-V sec. a.C.), le favole di Gaspare Gozzi ( )

8 LA FIABA Più lunga della favola e ricca di colpi di scena, è caratterizzata da unambientazione fantastica, popolata da esseri magici, fate, folletti e streghe, gnomi e orchi, oltre a re, principi e principesse. Es.: Fiabe italiane di Italo Calvino ( )

9 LA NOVELLA e IL RACCONTO Di minore ampiezza rispetto al romanzo, presenta unambientazione realistica e si distingue in vari diversi: storico, fantastico, comico ecc. Es.: le novelle raccolte nel Decameron di Boccaccio ( )

10 IL ROMANZO Una narrazione lunga, incentrata sulle vicende del protagonista, intorno al quale ruotano le vicissitudini di altri personaggi. Può essere davventura, giallo, umoristico, satirico, psicologico, storico, verista… Es.: I promessi sposi di Alessandro Manzoni (1785 –1873)

11 Elementi di narratologia

12 IL TESTO NARRATIVO SEQUENZE (MICRO E MACRO) NARRATIVE DESCRITTIVE DIALOGATE RIFLESSIVE È divisibile in unità minime di significato, dette Possono essere

13 Le MICROSEQUENZE sono brevi sequenze in stretta relazione con unità di contenuto più ampie (sequenze), che riportano un evento oppure informazioni del segmento narrativo. MACROSEQUENZA, un organismo complesso e articolato del testo. In essa compaiono dei mutamenti interni di una certa rilevanza e ben individuabili. Lunione di più sequenze può essere considerata una

14 Il passaggio tra una sequenza e laltra può essere segnalato da: 1.mutamento di tempo (il giorno, oggi, la sera prima…); 2.mutamento di luogo; 3.entrata o uscita di un personaggio; 4.diversa tipologia narrativa: descrizione, narrazione, dialogo, riflessione… 5.mutamento di contenuto.

15 Gli elementi base di un racconto: 1.la fabula e lintreccio della storia; 2.i personaggi e le loro caratteristiche; 3.il luogo e lambiente; 4.il tempo della storia e del racconto; 5.il ruolo del narratore.

16 PRESENTAZIONE CARATTERIZZAZIONE I PERSONAGGI DA PARTE DEL NARRATORE DA PARTE DI UN ALTRO PERSONAGGIO SI PRESENTA DA SE FISICA ESTERIORE PSICOLOGICA AMBIENTE IN CUI VIVE, CLASSE SOCIALE MODO DI ESPRIMERSI, CULTURA VALORI E IDEALI

17 IL RUOLO DEI PERSONAGGI Protagonista o eroe; Antagonista; Aiutante; Oppositore.

18 FONTI: Il testo narrativo letterario e le sue caratteristiche generali: /approfondimenti/Approfondimenti__Testo_le tterario.pdf Guida per luso del portfolio europeo…


Scaricare ppt "I generi letterari e elementi di narratologia Diana Dragoni a.s. 2012-2013."

Presentazioni simili


Annunci Google