La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lanziano e il futuro…… Verona 6 marzo 2012 Carla Collicelli – Fondazione Censis Carla Collicelli Fondazione CENSIS1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lanziano e il futuro…… Verona 6 marzo 2012 Carla Collicelli – Fondazione Censis Carla Collicelli Fondazione CENSIS1."— Transcript della presentazione:

1 Lanziano e il futuro…… Verona 6 marzo 2012 Carla Collicelli – Fondazione Censis Carla Collicelli Fondazione CENSIS1

2 Metamorfosi sociale in atto NUOVI ITALIANI INVECCHIAMENTO MEGACITIES 2 Per il benessere e il sociale Dalla acuzie alla cronicità Consumismo e consumerismo Sofisticazione delle esigenze Conflittualità crescenti Divide culturale Carla Collicelli Fondazione CENSIS2

3 In crescita i grandi anziani e gli uomini Variazione % % over 65 su totale popolazione anni 2002 e 2010 % uomini su popolazione over 65 anni 2002 e ,7% 20,2% 41% 42,1% +14,2% +165% Carla Collicelli Fondazione CENSIS3

4 Dallacuzie alla cronicità Con linvecchiamento della popolazione si assiste ad uno shift graduale ma deciso dei bisogni di salute Tra il 1930 ed il 1960 la mortalità per malattie infettive e parassitarie passa dal 15,2% al 2,9%, e si riduce ulteriormente nei decenni successivi fino all1,3% del 2003 Nello stesso periodo la mortalità per tumori passa dal 5,1% del 1930, al 16,0% del 1960 fino al 28,4% del 2003, e quella per malattie cardiocircolatorie raggiunge il 41,1% 4 Carla Collicelli Fondazione CENSIS 4

5 Aumentano i non autosufficienti Aumentano anche gli autosufficienti: il 76,6% nel 2002 l82,3% nel 2006 l85,2% nel 2010 I NON AUTOSUFFICIENTI PER ETA I NON AUTOSUFFICIENTI PER ETA (val.%) I NON AUTOSUFFICIENTI PER AREA GEOGRAFICA I NON AUTOSUFFICIENTI PER AREA GEOGRAFICA (val.%) Carla Collicelli Fondazione CENSIS5

6 Le famiglie con minori, anziani o disabili ( val.%) 6 Fonte: Pensare al futuro del Welfare italiano. Summit Unipol Censis, 2011 Carla Collicelli Fondazione CENSIS

7 Aspetti in cui si sentono limitati gli anziani confronto ( val.%) 7 Carla Collicelli Fondazione CENSIS

8 La città nemica per … Per il 27,5% per i mezzi di trasporto Per il 25,9% (32,9% nel Sud) per gli Uffici pubblici Per il 19,9% per gli Ospedali Per il 18% per le strade,i marciapiedi Poi uffici postali,banche,uffici ASL 8Carla Collicelli Fondazione CENSIS

9 I soggetti da cui ricevono aiuto gli anziani per affrontare i problemi (val.%) 9Carla Collicelli Fondazione CENSIS

10 Le reti di aiuto informale sono in crisi Diminuiscono le famiglie aiutate (dal 23,3% nel 1983 al 16,9% nel 2009) Aumenta letà dei care giver (da 43 anni nel 1983 a circa 50 nel 2009) Aumentano i care giver ma diminuisce il numero di ore dedicato agli aiuti informali La rete di parentela è sempre più stretta e lunga. Ogni care giver ha meno persone con cui condividere gli aiuti da fornire, meno tempo da dedicare e più persone da assistere per un periodo più lungo dellesistenza Rimane contenuto lapporto del volontariato (6,6% dei care giver contro il 7,9 nel 1983 e il 5,6% del 1998) Carla Collicelli Fondazione CENSIS 10

11 La famiglia è ancora molto affidabile, anche se in corso di indebolimento Redistribuzione della ricchezza Redistribuzione della ricchezza Famiglia lunga Famiglia lunga Welfare familiare Welfare familiare Affettività e relazionalità Affettività e relazionalità (Censis, 2006) Carla Collicelli Fondazione CENSIS11

12 Il mito della conciliazione 1.Flessibilità lavorativa (orari, congedi) 2.Organizzazione sociale (città, orari, servizi, contributi monetari) 3.Carichi familiari: cure e casa Carla Collicelli Fondazione CENSIS12

13 Invisibilità istituzionale: un welfare senza famiglia Spesa residuale Spesa residuale Trasferimenti iniqui Trasferimenti iniqui Invisibilità fiscale Invisibilità fiscale Sanitarizzazione dei problem Sanitarizzazione dei problem i Carla Collicelli Fondazione CENSIS13

14 Anno Numero di famiglie % sul totale delle famiglie ,7 8, ,5 9, ,7 9, ,5 10, ,1 10,1 Famiglie che ricorrono a un collaboratore domestico (v.a., val. %, var. % e diff. ass.) Carla Collicelli Fondazione CENSIS14 Fonte: elaborazione Censis su dati Istat, 2009

15 Come si prevede di affrontare i futuri bisogni sanitari e assistenziali Come si prevede di affrontare i futuri bisogni sanitari e assistenziali (val.%) 15 Fonte: Pensare al futuro del Welfare italiano. Summit Unipol Censis, 2011 Carla Collicelli Fondazione CENSIS

16 Carente la politica del governo nei confronti della terza età Come giudica la politica dellattuale governo nei confronti della terza età? Carla Collicelli Fondazione CENSIS 16

17 Al Nord una visione più positiva ad parte degli anziani Negli ultimi dieci anni la condizione degli anziani è migliorata (val.%) Negli ultimi dieci anni la condizione degli anziani è peggiorata (val.%) 17Carla Collicelli Fondazione CENSIS

18 Anziani che non ricevono aiuto, per area geografica Non ho ricevuto aiuto/supporto da nessuno per affrontare i problemi di vita quotidiana (val.%) © Indagine Censis- Salute La Repubblica, 2010

19 Spesa sociale in Italia e in Europa nel 2008 nel 2008 (val. procapite in a prezzi costanti del 2000) Fonte: elaborazione Censis su dati Eurostat Carla Collicelli Fondazione CENSIS 19

20 Dallospedale al territorio Posti letto negli istituti di cura pubblici (tassi x1.000 abitanti) Fonte: elaborazione Censis su dati Istat 20 Carla Collicelli Fondazione CENSIS20

21 Le contraddizioni Diminuiscono i posti letto ospedalieri per acuti (4,4 nel 2007, erano 5,9 nel 1997) Ma lofferta per la lungodegenza e le cure domiciliari è ancora fortemente diseguale a livello territoriale Si riduce il tasso di ospedalizzazione: sono 132,6 i ricoveri ogni abitanti (erano 142,6 nel 2004) Lospedale rimane al centro del sistema delle cure soprattutto al Mezzogiorno (il tasso del Sud e Isole è il più alto, 138,6) 21 Carla Collicelli Fondazione CENSIS21

22 La Long Term Care La Long Term Care (Stime della spesa in Italia al 2005) Gran parte dei costi legati allassistenza di soggetti non autosufficienti ricade sulle famiglie 22 Carla Collicelli Fondazione CENSIS22

23 23 Anziani assistiti in alcuni paesi OCSE (%) DomicilioResidenza Germania8,44,3 Giappone9,83,1 Inghilterra8,04,5 Italia4,93,0 Stati Uniti14,05,1 Svezia9,57,5 Fonte: I. Mastrobuono da:Trends in severe disability among elderly people, OECD 2007 Germany 2004, the European Observatory on Health Systems La non autosufficienza in Italia 2010 Ministero del lavoro Annuario Statistico ISTAT 2006 U.S. Census Bureau, 2006

24 24 Assistiti a domicilio/1000 pz età>65 aa. Fonte: I. Mastrobuono, da Ministero della Salute 2005 e Società Italiana di gerontologia e geriatria

25 25 Assistenza Domiciliare Integrata : anno 2007 Casi trattati Italia di cui 81.2% anziani(3,27% anziani) Lombardia81.174di cui 84.8% anziani(3,66% anziani) Veneto73.431di cui 81.0% anziani(6,42% anziani) Emilia Romagna64.666di cui 85.0% anziani(5,72% anziani) Lazio51.877di cui 79.7% anziani(3,88% anziani) Abruzzo12.705di cui 80.7% anziani(3,66% anziani) Molise5.790di cui 45.4% anziani(3,72% anziani) Campania17.707di cui 82.9% anziani(1,63% anziani) Puglia13.882di cui 83.3% anziani(1,62% anziani) Basilicata6.774di cui 75.6% anziani(4,32% anziani) Calabria13.071di cui 77.9% anziani(2,76% anziani) Sicilia12.784di cui 72.4% anziani(1,02% anziani) Sardegna5.228di cui 68.4% anziani(1,20% anziani) Ore per caso trattato annue 22 di cui 15 infermieri 17 di cui 11 infermieri 10 di cui 8 infermieri 22 di cui 20 infermieri 20 di cui 13 infermieri 28 di cui 19 infermieri 15 di cui 10 infermieri 60 di cui 28 infermieri 51 di cui 32 infermieri 40 di cui 24 infermieri 15 di cui 11 infermieri 34 di cui 20 infermieri 72 di cui 58 infermieri Fonte: I. Mastrobuono, da Annuario Statistico del SSN, Anno Il 6% di assistiti anziani porterebbe ad un valore di

26 26 Confronto delle previsioni sul numero di non autosufficienti in Italia Fonte Var.% Isvap [2001] % Beltrametti [2006] % Fonte: AXA, Protezione della persona e cambiamenti demografici: nuove frontiere e prospetti Fabbisogno di spesa per LTC in miliardi di euro (Beltrametti, 2006) Fabbisogno di spesa per LTC in miliardi di euro (Beltrametti, 2006) Scenario Solo 3° livello*1,92,12,63,23,74,0 Tutti i livelli*9,210,413,015,417,719,5 *Beltrametti ipotizza una copertura di tutti i livelli di non autosufficienza sulla base dei seguenti criteri: 300 per il 1° livello di disabilità, 600 per il 2° livello e, infine, 1000 per il 3° livello Fonte: I. Mastrobuono

27 Il sistema è a rischio di sostenibilità Longevità e basso ricambio generazionale, che sbilancia il rapporto fra attivi e non attivi Pressione sulla sanità per le malattie cronico degenerative e anche per laspirazione diffusa allo stare in salute Crescita della non autosufficienza Bassa tutela per le giovani generazioni causata dallinserimento lavorativo principalmente a causa della: Carla Collicelli Fondazione CENSIS27

28 Il volontariato e la sanità Organizzazioni di volontariato per tipologia di servizi offerti (servizi di ambito sanitario e sociale) v.a.val.% Ascolto, sostegno e assistenza morale ,9 Donazione di sangue ,4 Accompagnamento e inserimento sociale ,0 Campagne di informazione e sensibilizzazione ,8 Assistenza domiciliare o analogo (compresa assistenza in ospedale) ,8 Trasporto anziani e disabili ,4 Prestazioni di soccorso e trasporto malati ,7 Ascolto telefonico1.7968,5 Prestazioni sanitarie1.4326,8 Donazione di organi, tessuti e midollo8283,9 Ricerche e pubblicazioni scientifiche5942,8 Noleggio apparecchiature mediche1890,9 Produzione ausili per disabili1310,6 Fonte: Istat Carla Collicelli Fondazione CENSIS 28

29 E in crisi il welfare locale servizi Nel 2008 la spesa dei Comuni per i servizi (minori, anziani, disabili o persone in condizioni di disagio) è stata di 6,7 miliardi di euro (0,42% del Pil), (media pro capite 111 euro) La spesa media pro capite varia da 30 euro in Calabria a 280 euro a Trento disabile A fronte di una spesa media per ciascuna persona disabile di euro si passa da 658 euro nel Sud ai nel Nord-est Nel Sud ai disabili è destinato solo l8,4% per cento della spesa totale mentre al Nord la quota è pari al 58,6% anziani Per lassistenza agli anziani la spesa media pro capite è di 117 euro con quote che vanno da 165 euro nel Nord-est a 59 euro nel Sud. Carla Collicelli Fondazione CENSIS 29

30 30 Come fronteggiare le cronicità e le nuove povertà? Le persone bisognose di aiuti tenderanno ad aumentare nei prossimi decenni: occorre potenziare lofferta residenziale, in particolare la rete delle RSA, ma soprattutto puntare sulla DOMICILIARITÀ Strutturare il ricorso alle badanti in un sistema organizzato che offra formazione e servizi RILANCIARE LE CURE PRIMARIE e la medicina del terr i torio Fonte: Pensare al futuro del Welfare italiano. Summit Unipol Censis, 2011 Carla Collicelli Fondazione CENSIS

31 31 Razionalizzare la spesa privata La spesa delle famiglie italiane è elevata e fortemente disorganizzata Bisogna utilizzare al meglio le risorse che già oggi spendono i privati, facendole convergere in un sistema organizzato che razionalizzi lofferta, induca una riduzione dei costi e ponga le condizioni per un incremento delle prestazioni Fonte: Pensare al futuro del Welfare italiano. Summit Unipol Censis, 2011 Carla Collicelli Fondazione CENSIS

32 UN SOLCO GENERAZIONALE DA COLMARE Da una persona di unaltra generazione 18,3% Da una persona di unaltra etnia 8,3% Da una persona di unaltra classe sociale 6,5% Da una persona di unaltra regione dItalia 4,3% ERA IL 7,8% NEL 2002 Da chi si sentono più distanti gli anziani:

33 Un modello da rilanciare con decisione Valorizzando la partecipazione dei cittadiniSfruttando le capacità e le risorse spontaneeEscogitando sistemi poco costosiValutando la qualità e i requisiti delloffertaValorizzando la cultura locale dei servizi Carla Collicelli Fondazione CENSIS33

34 Carla Collicelli Fondazione CENSIS34 Grazie!


Scaricare ppt "Lanziano e il futuro…… Verona 6 marzo 2012 Carla Collicelli – Fondazione Censis Carla Collicelli Fondazione CENSIS1."

Presentazioni simili


Annunci Google