La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ufficio Studi Liberare leconomia per tornare a crescere (una nota sulle spese obbligate) MARIANO BELLA DIRETTORE UFFICIO STUDI CONFCOMMERCIO ROMA, 20 settembre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ufficio Studi Liberare leconomia per tornare a crescere (una nota sulle spese obbligate) MARIANO BELLA DIRETTORE UFFICIO STUDI CONFCOMMERCIO ROMA, 20 settembre."— Transcript della presentazione:

1 Ufficio Studi Liberare leconomia per tornare a crescere (una nota sulle spese obbligate) MARIANO BELLA DIRETTORE UFFICIO STUDI CONFCOMMERCIO ROMA, 20 settembre 2011 ELABORAZIONI, STIME E PREVISIONI UFFICIO STUDI CONFCOMMERCIO SU DATI DI VARIE FONTI

2 Ufficio Studi IL CONTESTO ECONOMICO Il reddito reale pro capite degli italiani, tra il 2007 e il 2011, è calato del 7,1% (-4,8% aggregato rispetto a una popolazione cresciuta del 2,3%). Peggiore episodio nella storia economica italiana (nel il reddito si ridusse del 4,2%, popolazione stabile). Le famiglie reagiscono: consumi ,8 (forse meno, ma lontani dai livelli pro capite del 2000); ICC in moderata crescita. La crisi è di crescita, cioè di produzione e redditi, non dei consumi (almeno fino a luglio 2011) : la propensione aumenta; al Sud supera quota 95-96%. Gravi timori sulla tenuta in agosto e settembre ; fiducia ai minimi dal 2009, terza peggiore caduta del clima dal La propensione non può crescere per sempre: se la fiducia non si consolida e le famiglie dovessero ridurre la propensione al consumo (anche in ragione dei provvedimenti restrittivi di giugno- settembre), una nuova caduta in recessione non è affatto da escludere (anzi diventa probabile). 1

3 Ufficio Studi REDDITO, CONSUMI, LIBERTA DI SCELTA comp. % valori correnti +15,5 +5,5 -21,0 2 demografia banche, serv. professionali… non è effetto delle libera lizzazioni

4 Ufficio Studi LINFLAZIONE ITALIANA NON STA NEL MERCATO rapporto medio su 40 anni tra inflazione spese obbligate e crescita dei prezzi dei beni e servizi commercializzabili: 1,6 rapporto medio su 40 anni tra inflazione spese per labitazione e crescita dei prezzi dei beni alimentari: 2,2, cioè per ogni 1 per cento di incremento dei prezzi degli alimentari, le spese per labitazione sono cresciute sempre del 2,2% (affitti, combustibili, luce, acqua, gas,…) 3

5 Ufficio Studi CONSUMI OBBLIGATI E SOCIO-DEMOGRAFIA (indagine campionaria ISTAT) 4 Il numero medio di componenti per famiglia era 3,3 allinizio degli anni 70; è 2,4 oggi. Dunque le economie di scala nel consumo domestico vengono sempre meno sfruttate: le spese per laffitto o per la luce evidentemente crescono in termini pro capite, e quindi in aggregato, se la famiglia si riduce di dimensioni. Lattesa di vita in 20 anni è passata da 77 a 82 anni; la quota di over 65 dal 15% al 20%... La società è cambiata… gli anziani soli spendono in consumi basici i 4/5 del totale; sono vincolati per quasi il 60%; scompare quasi la mobilità; le famiglie numerose spendono più di un quinto del budget in alimentazione; le giovani coppie senza figli sono più terziarizzate (maggiore svago e tempo libero) composizione % della spesa per alcune tipologie di famiglia

6 Ufficio Studi CONSUMI OBBLIGATI E SOCIO-DEMOGRAFIA (indagine campionaria ISTAT) 5 composizione % della spesa per posizioni condizione professionale Al di là degli importanti effetti di reddito, è lessere o meno partecipe al mercato del lavoro che fa la differenza. Fuori dal mercato del lavoro, le spese obbligate incidono molto di più e i servizi commercializzabili si comprimono al minimo. Ne risentono direttamente i livelli di benessere economico. Le posizioni professionali incidono comunque meno della demografia sulla composizione della spesa.

7 Ufficio Studi INCREMENTO DELLIVA: VALUTAZIONE DELLEFFETTO SUI PREZZI AL CONSUMO 6 stima dellinflazione tendenziale 2011 prima della variazione dellaliquota stima dellinflazione tendenziale 2011 dopo la variazione dellaliquota

8 Ufficio Studi INFLAZIONE SI, INFLAZIONE NO: RESTA IL FATTO CHE CI SARA UN TRASFERIMENTO DI RISORSE DAL SETTORE PRIVATO ALLA P.A. (1/2) 7 PRIVATI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 4,2 MLD. DI EURO (SECONDO NOI DI MENO, CAUSA EFFETTI DEPRESSIVI CONSUMI DELLE FAMIGLIE -0,3/-0,5% COME SI REALIZZA QUESTO TRASFERIMENTO? PRIMA POSSIBILITA: INFLAZIONE SI REDDITO RICCHEZZA FIDUCIA LIVELLO DEI PREZZI PERCEZIONE, ASPETTATIVE SUI PREZZI TRE EFFETTI NEGATIVI

9 Ufficio Studi INFLAZIONE SI, INFLAZIONE NO (2/2) 8 COME SI REALIZZA QUESTO TRASFERIMENTO? SECONDA POSSIBILITA: INFLAZIONE NO REDDITO DELLE IMPRESE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE INFERIORE DI 4,2 MILIARDI DI EURO RICCHEZZA FIDUCIA LIVELLO DEI PREZZI (CHE NON VARIA) LIVELLO DEI PREZZI PERCEZIONE, ASPETTATIVE SUI PREZZI UN EFFETTO NEGATIVO nessuna variazione CONSUMI DELLE FAMIGLIE -0,1/-0,2%


Scaricare ppt "Ufficio Studi Liberare leconomia per tornare a crescere (una nota sulle spese obbligate) MARIANO BELLA DIRETTORE UFFICIO STUDI CONFCOMMERCIO ROMA, 20 settembre."

Presentazioni simili


Annunci Google