La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Decreto Legislativo n. 231/01: profili giuridici e impatti della norma (Percorsi 231) Ottobre 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Decreto Legislativo n. 231/01: profili giuridici e impatti della norma (Percorsi 231) Ottobre 2010."— Transcript della presentazione:

1 1 Decreto Legislativo n. 231/01: profili giuridici e impatti della norma (Percorsi 231) Ottobre 2010

2 2 Ambiti di applicazione del Decreto Legislativo 231/01 Cosa vuol dire Responsabilità Amministrativa della Società Reati ed esempi di realizzazione della condotta illecita Agenda

3 3 Ha introdotto nel sistema giuridico italiano una forma di responsabilità oggettiva a carico degli Enti che traggano vantaggio da alcune, precise tipologie di reato commesse da amministratori, dirigenti, dipendenti, etc., inserendosi in un contesto internazionale che ha superato il principio dinon imputabilità penale delle persone giuridiche. Ha di fatto imposto alle imprese, a valle delle prime applicazioni del Decreto da parte della Magistratura, di adeguare i propri sistemi di governance, organizzativi e di controllo orientandoli ad un più efficace presidio della criminalità economica, rispondendo così alle attese del legislatore e, più in generale, alle aspettative di una sempre più matura Responsabilità sociale dimpresa. Coniuga i tratti essenziali del sistema penale e di quello amministrativo, assoggettando lazienda/persona giuridica ad un procedimento dalle caratteristiche sostanziali del procedimento penale (iscrizione nel registro degli indagati, rinvio a giudizio, etc.), nel corso del quale lazienda stessa dovrà provare la sua estraneità al reato, con possibile applicazione di sanzioni amministrative (pecuniarie ed interdittive). Il Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 introduce per la prima volta nellordinamento italiano la responsabilità amministrativa degli Enti relativamente alla commissione dei reati specificatamente indicati dal legislatore. Il contesto normativo

4 4 Se viene commesso uno dei reati ricompresi nel suo ambito di applicazione (ad oggi: reati nei confronti della PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, reati INFORMATICI, reati SOCIETARI, reati sulla FALSITA IN MONETA, reati con finalità di TERRORISMO, reati CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE, reati di ABUSI DI MERCATO, reati TRANSNAZIONALI, etc.) Se il reato è commesso da persone che dirigono/controllano lazienda o che sono sottoposti alla vigilanza di questi (anche se parasubordinati) … Se per effetto del reato si viene a configurare un vantaggio o interesse per lazienda (quindi anche di natura indiretta) … Il contesto normativo Responsabilità Penale Personale del soggetto che compie il reato Responsabilità Amministrativa Personale dellente che ne ha tratto vantaggio ED INOLTRE ALLORA :

5 5 D. Lgs. 231/2001 Reati contro la PA nella gestione dei finanziamenti pubblici (art. 24): Malversazione a danno dello Stato, Indebita percezione di erogazioni, Truffa in danno della PA, Frode informatica in danno della PA Reati nei rapporti con la PA (art. 25): Concussione, Corruzione, Istigazione alla corruzione, ecc. Reati nella gestione di monete ed altri valori pubblici(art. 25-bis): Falsificazione di monete, spedita e introduzione nello Stato di monete false e Alterazione di monete ecc. Reati societari (art. 25-ter): False Comunicazioni sociali, Falso in prospetto; Impedito controllo, Operazioni in pregiudizio dei creditori; Illecita influenza sullassemblea, Aggiotaggio; Ostacolo allesercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza, ecc... Reati aventi finalità di terrorismo o di eversione dellordine democratico e di finanziamento del terrorismo (art. 25-quater) Reati contro la personalità individuale (art. 25-quinquies): Riduzione o mantenimento in schiavitù, tratta di persone, acquisto o alienazione di schiavi Reati Transnazionali (L. 146/2006): Riciclaggio, Associazione a delinquere, ecc... Reati di Abusi di mercato (art. 25-sexies): Abuso di informazioni privilegiate, Manipolazione del mercato Reati in materia di salute e sicurezza sul lavoro (art. 25-septies): Omicidio colposo, lesioni personali colpose Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (art. 25-octies) Reati Informatici (art. 24-bis): Delitti informatici e trattamento illecito dei dati Delitti di criminalità organizzata(art. 24-ter): Associazione per delinquere, associazione di tipo mafioso Delitti contro l'industria e il commercio (art. 25-bis1): Turbata libertà dell'industria o del commercio, Frodi contro le industrie nazionali Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all'autorità giudiziaria (art. 25-novies) Delitti in materia di violazione del diritto d'autore (art. 25-nonies) Il contesto normativo 23 agosto giugno 2001

6 6 Il D.Lgs. 231/01 prevede esplicite scelte organizzative atte a dimostrare la concreta volontà aziendale di impedire/prevenire i reati. In particolare lAzienda è esentata dalla Responsabilità amministrativa se prova nel corso del procedimento che: LOrgano dirigente ha adottato ed efficacemente attuato, prima della commissione del fatto, modelli di organizzazione e gestione idonei a prevenire reati della specie di quello verificatosi (per un maggiore dettaglio dei requisiti di un tale modello si veda la pagina seguente) Il compito di vigilare sul funzionamento e losservanza dei modelli e di curare il loro aggiornamento è stato affidato a un organismo dellente dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo Le persone hanno commesso il reato eludendo fraudolentemente i modelli di organizzazione e gestione Non vi è stata omessa o insufficiente vigilanza da parte dellorganismo di supervisione. Il contesto normativo

7 7 Ambiti di applicazione del Decreto Legislativo 231/01 Cosa vuol dire Responsabilità Amministrativa della Società Reati ed esempi di realizzazione della condotta illecita Agenda

8 8 La responsabilità amministrativa dellente si configura se il reato è commesso nellinteresse o a vantaggio dellorganizzazione stessa da: SOGGETTI APICALI (persone che rivestono funzioni di rappresentanza, amministrazione o direzione dellente o di una sua unità organizzativa dotata di autonomia finanziaria e funzionale nonché da persone che esercitano di fatto la gestione ed il controllo dello stesso). LEnte è responsabile salvo prova contraria (onere della prova). SOGGETTI SOTTOPOSTI ALLA DIREZIONE E VIGILANZA DEI SOGGETTI APICALI: in questo caso lente è responsabile solo se la commissione del reato è stata resa possibile dallinadeguato svolgimento degli obblighi di direzione e vigilanza da parte dei soggetti apicali. Il D.Lgs. Afferma che in ogni caso è esclusa linosservanza degli obblighi di direzione e vigilanza se lente, prima della commissione del reato, ha adottato ed efficacemente attuato un modello di organizzazione, gestione e controllo idoneo a prevenire reati della specie di quello verificatosi. I soggetti indicati dal Decreto

9 9 Gli effetti di un eventuale coinvolgimento di una società a seguito di un reato commesso (o anche solo tentato) dai soggetti in posizione apicale o da persone sottoposte al loro controllo, nellinteresse o vantaggio della società stessa, possono essere: sanzioni pecuniarie sanzioni interdittive, che limitano lattività della società Unulteriore conseguenza, particolarmente rilevante per aziende che operano nel settore finanziario, è costituita dal danno di immagine o reputazionale di difficile quantificazione, ma che può risultare ancora più grave dei due effetti precedentemente citati. Le sanzioni previste

10 10 Le sanzioni pecuniarie si applicano ogni volta che viene riconosciuta la responsabilità della società per non aver predisposto le misure necessarie a prevenire la commissione del reato da parte di un soggetto apicale o di persone sottoposte al suo controllo. Limporto della sanzione è proporzionale: alla gravità del reato commesso alle condizioni economiche e patrimoniali della società che ha commesso il reato Il valore totale della sanzione pecuniaria può arrivare fino ad un massimo di circa Euro. Sanzioni pecuniarie previste

11 11 Le sanzioni interdittive limitano lattività economica della società. Esse sono: linterdizione dallesercizio dellattività la sospensione o la revoca delle autorizzazioni, licenze o concessioni funzionali alla commissione dellillecito il divieto di contrattare con la pubblica amministrazione (stipulare contratti), salvo che per ottenere le prestazioni di un pubblico servizio lesclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi o sussidi e leventuale revoca di quelli già concessi il divieto di pubblicizzare beni o servizi Sanzioni interdittive previste

12 12 Come affermato precedentemente, affinché la responsabilità della società possa sussistere, è necessario che: venga commesso un reato appartenente alle tipologie previste dal Decreto; lautore materiale del reato sia: una persona che riveste funzioni di rappresentanza, amministrazione o direzione (anche di fatto) della società o di una sua unità organizzativa (soggetto in posizione apicale); oppure una persona sottoposta alla direzione o alla vigilanza dei soggetti in posizione apicale; il reato sia posto in essere nellinteresse o a vantaggio della società. I presupposti della responsabilità della Società

13 13 Se il reato è stato commesso dai soggetti sottoposti alla direzione o vigilanza delle persone in posizione apicale, la società non ne risponde se prova che: ha adottato un Modello di organizzazione, gestione e controllo idoneo a prevenire reati analoghi a quelli verificatisi; ha efficacemente adempiuto agli obblighi di direzione e vigilanza. In questo caso, in presenza di un modello di organizzazione, sarà la pubblica accusa a dover dimostrare la mancata adozione e lefficace attuazione ovvero linidoneità del modello a prevenire i reati. Lesenzione come obiettivo

14 14 Il D. Lgs. n. 231/01 prevede esplicite scelte organizzative atte a dimostrare la concreta volontà aziendale di impedire/prevenire i reati. In particolare lazienda è esentata dalla responsabilità amministrativa se prova nel corso del procedimento: che lorgano dirigente dellazienda ha adottato ed efficacemente attuato, prima della commissione del fatto, un Modello di organizzazione, gestione e controllo idoneo a prevenire reati analoghi a quelli verificatisi di aver affidato ad un Organismo di Vigilanza il compito di vigilare sul funzionamento e losservanza del Modello che le persone che hanno commesso il reato lo hanno fatto eludendo fraudolentemente il Modello che non vi è stata omessa o insufficiente vigilanza da parte del suddetto Organismo di Vigilanza In sostanza lente dovrà provare di aver adottato una serie di misure atte a prevenire i reati e di aver esercitato una costante vigilanza circa lidoneità di tali misure. Lesenzione come obiettivo

15 15 Ambiti di applicazione del Decreto Legislativo 231/01 Cosa vuol dire Responsabilità Amministrativa della Società Reati ed esempi di realizzazione della condotta illecita Agenda

16 16 D. Lgs. 231/2001 Reati contro la PA nella gestione dei finanziamenti pubblici (art. 24): Malversazione a danno dello Stato, Indebita percezione di erogazioni, Truffa in danno della PA, Frode informatica in danno della PA Reati nei rapporti con la PA (art. 25): Concussione, Corruzione, Istigazione alla corruzione, ecc. Reati nella gestione di monete ed altri valori pubblici(art. 25-bis): Falsificazione di monete, spedita e introduzione nello Stato di monete false e Alterazione di monete ecc. Reati societari (art. 25-ter): False Comunicazioni sociali, Falso in prospetto; Impedito controllo, Operazioni in pregiudizio dei creditori; Illecita influenza sullassemblea, Aggiotaggio; Ostacolo allesercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza, ecc... Reati aventi finalità di terrorismo o di eversione dellordine democratico e di finanziamento del terrorismo (art. 25-quater) Reati contro la personalità individuale (art. 25-quinquies): Riduzione o mantenimento in schiavitù, tratta di persone, acquisto o alienazione di schiavi Reati Transnazionali (L. 146/2006): Riciclaggio, Associazione a delinquere, ecc... Reati di Abusi di mercato (art. 25-sexies): Abuso di informazioni privilegiate, Manipolazione del mercato Reati in materia di salute e sicurezza sul lavoro (art. 25-septies): Omicidio colposo, lesioni personali colpose Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (art. 25-octies) Reati Informatici (art. 24-bis): Delitti informatici e trattamento illecito dei dati Delitti di criminalità organizzata(art. 24-ter): Associazione per delinquere, associazione di tipo mafioso Delitti contro l'industria e il commercio (art. 25-bis1): Turbata libertà dell'industria o del commercio, Frodi contro le industrie nazionali Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all'autorità giudiziaria (art. 25-novies) Delitti in materia di violazione del diritto d'autore (art. 25-nonies) Il contesto normativo 23 agosto giugno 2001

17 17 LE TIPOLOGIE DI REATO INDIVDUATE NEL D.LGS 231/01 I Reati

18 18 Si tratta dei reati realizzabili nellambito dei rapporti della Società con la Pubblica Amministrazione. Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato (art. 316-ter codice penale) Malversazione a danno dello Stato (art. 316-bis codice penale) Truffa in danno dello Stato o di un ente pubblico (art. 640 comma 2 n. 1 codice penale) Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche (art. 640-bis codice penale) Frode informatica in danno dello Stato o di un ente pubblico (art. 640-ter codice penale) Corruzione (art. 318 e seguenti codice penale Concussione (art. 317 codice penale) Reati contro la Pubblica Amministrazione

19 19 Si tratta dei reati che ledono la fiducia nello Stato in quanto collegati alla falsificazione o alla messa in circolazione di beni pubblici, quali ad esempio le monete, i valori bollati e la carta filigranata. Falsificazione di monete, spendita e introduzione nello Stato, previo concerto, di monete falsificate (art. 453 codice penale) Alterazione di monete (art. 454 codice penale) Spendita e introduzione nello Stato, senza concerto, di monete falsificate (art. 455 codice penale) Spendita di monete falsificate ricevute in buona fede (art. 457 codice penale) Falsificazione di valori di bollo, introduzione nello Stato, acquisto, detenzione o messa in circolazione di valori di bollo falsificati (art. 459 codice penale) Contraffazione di carta filigranata in uso per la fabbricazione di carte di pubblico credito o di valori di bollo (art. 460 codice penale) Fabbricazione o detenzione di filigrane o di strumenti destinati alla falsificazione di monete, di valori di bollo o di carta filigranata (art. 461 codice penale) Reati in tema di falsità in monete, carte di pubblico credito e valori di bollo

20 20 Si tratta dei reati che ledono la fiducia nello Stato in quanto collegati alla falsificazione o alla messa in circolazione di beni pubblici, contraffatti introdotti con lArticolo integrato dalla Legge 23 Luglio 2009, n.99, art.15 Contraffazione, alterazione o uso di segni distintivi di opere dell'ingegno o di prodotti industriali. Contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni (art. 473 codice penale) Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi (art. 474 codice penale) Turbata libertà dell'industria o del commercio (art. 513 c.p.) Frode nell'esercizio del commercio (art.515 c.p.) Vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine (art. 516 c.p.) Vendita di prodotti industriali con segni mendaci (art. 517 c.p.) Fabbricazione e commercio di beni realizzati usurpando titoli di proprietà industriale (art. 517 – ter c.p.) Contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari (art. 517 – quater c.p.) Illecita concorrenza con minaccia o violenza (art. 513 – bis c.p.) Frodi contro le industrie nazionali (art. 514 c.p.) Delitti contro l'industria e il commercio

21 21 Si tratta dei reati in materia societaria che riguardano lattività degli organi sociali e la gestione di specifiche operazioni ed obblighi societari. False comunicazioni sociali (art codice civile) False comunicazioni sociali in danno dei soci o dei creditori (art codice civile) Falsità nelle relazioni o nelle comunicazioni delle società di revisione (art codice civile) Impedito controllo (art codice civile) Indebita restituzione dei conferimenti (art codice civile) Illegale ripartizione degli utili e delle riserve (art codice civile) Illecite operazioni sulle azioni o quote sociali o della società controllante (art codice civile) Operazioni in pregiudizio dei creditori (art codice civile) Omessa comunicazione del conflitto di interessi (art bis codice civile) Indebita ripartizione dei beni sociali da parte dei liquidatori (art codice civile) Formazione fittizia del capitale (art codice civile) Illecita influenza sull'assemblea (art codice civile) Aggiotaggio (art codice civile) Ostacolo all'esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza (art codice civile) Reati Societari

22 22 Si tratta di delitti aventi finalità di terrorismo o di eversione dell'ordine democratico in attuazione della Convenzione Internazionale per la Repressione dei Finanziamenti al Terrorismo dell8 dicembre Essi riguardano vari comportamenti tra i quali: La commissione di delitti con finalità di terrorismo o di eversione dellordine democratico, previsti dal codice penale o da leggi speciali La concessione di finanziamenti o la raccolta di fondi effettuata deliberatamente o comunque sapendo che queste somme saranno utilizzate per la commissione di delitti aventi finalità di terrorismo Delitti con finalità di terrorismo o di eversione dellordine democratico

23 23 Si tratta dei delitti contro la personalità individuale ed in particolare: Riduzione o mantenimento in schiavitù Prostituzione minorile e pornografia minorile Detenzione di materiale pornografico relativo ai minori Turismo sessuale Tratta, alienazione e acquisto di schiavi Delitti contro la personalità individuale

24 24 Si tratta di reati previsti nel Testo Unico della Finanza (TUF) che possono avere unincidenza rilevante sullandamento del mercato ed in particolare: Abuso di informazioni privilegiate (art. 184 TUF) Manipolazione del mercato (art. 185 TUF) Abusi di mercato

25 25 Si tratta di una serie di delitti caratterizzati dal requisito della transnazionalità introdotti nellambito del D. Lgs. n. 231/01 dalla Legge 16 marzo 2006 n. 146 Ratifica ed Esecuzione della Convenzione e dei Protocolli delle Nazioni Unite Contro il Crimine Organizzato Transnazionale (G.U. dell11/4/06). Un reato viene considerato transnazionale qualora sia coinvolto un gruppo criminale organizzato, nonché: sia commesso in più di uno Stato; ovvero sia commesso in uno Stato, ma una parte sostanziale della sua preparazione, pianificazione, direzione o controllo avvenga in un altro Stato; ovvero sia commesso in uno Stato, ma in esso sia implicato un gruppo criminale organizzato impegnato in attività criminali in più di uno Stato; ovvero sia commesso in uno Stato ma abbia effetti sostanziali in un altro Stato. Essi riguardano vari delitti tra i quali vengono citati i principali: Associazione per delinquere Associazione di tipo mafioso Scambio elettorale politico-mafioso Associazione per delinquere contrabbando di tabacchi esteri Disposizioni contro le immigrazioni clandestine Sequestro di persona a scopo di rapina o di estorsione Associazione per il traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope Reati transnazionali e criminalità organizzata

26 26 Si tratta dei reati in materia di sicurezza sul lavoro ed in particolare: Omicidio colposo (art. 589 codice penale) commesso con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell'igiene e della salute sul lavoro Lesioni colpose gravi o gravissime (art. 590 codice penale) commesse con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell'igiene e della salute sul lavoro. Reati in materia di sicurezza sul lavoro

27 27 Si tratta dei seguenti reati, introdotti dal D. Lgs. n. 231/07: Ricettazione (art. 648 codice penale) Riciclaggio (art. 648-bis codice penale) Impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (art. 648-ter codice penale) Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

28 28 Si tratta dei reati introdotti dalla Legge n° 48 del 18 marzo 2008 Ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio dEuropa sulla criminalità informatica. Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico (art. 615-ter codice penale) Intercettazione, impedimento o interruzione illecita di comunicazioni informatiche o telematiche (art. 617-quater codice penale) Installazione di apparecchiature atte ad intercettare, impedire o interrompere comunicazioni informatiche o telematiche (art.617-quinquies codice penale) Danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici (art. 635-bis codice penale) Danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici utilizzati dallo Stato o da altro ente pubblico o comunque di pubblica utilità (art.635-ter codice penale) Danneggiamento di sistemi informatici o telematici (art.635-quater codice penale) Danneggiamento di sistemi informatici o telematici di pubblica utilità (art.635-quinquies codice penale) Detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici (art.615-quater codice penale) Diffusione di apparecchiature, dispositivi o programmi informatici diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico o telematico (art.615-quinquies codice penale) Falsità in documenti informatici (art. 491-bis codice penale) Frode informatica del soggetto che presta servizi di certificazione di firma elettronica (art.640-quinquies codice penale) Reati informatici

29 29 Si tratta dei reati introdotti dalla Legge n. 633/1941 (Articolo aggiunto dalla Legge 23 luglio 2009 n. 99, art. 15) Riproduzione, trascrizione, diffusione, vendita o messa in vendita o pone altrimenti in commercio un'opera altrui o ne rivela ……… (art. 171.) Duplicazione abusiva, per trarne profitto, di programmi per elaboratore o ai medesimi fini importazione, distribuzione, vendita, detenzione a scopo commerciale o imprenditoriale o concede ……. (art. 171 – bis) Duplicazione abusiva, riproduzione, trasmissione o diffusione in pubblico con qualsiasi procedimento, in tutto o in parte, un'opera dell'ingegno destinata……. (art. 171 – ter) Mancata comunicazione alla SIAE entro i 30 gg della messa in commercio …… (art. 171 – septies) Produzione, vendita, importazione, installazione, modifica, utilizzo per uso pubblico e privato apparati o parti di apparati atti alla decodificazione di trasmissioni audiovisive ad accesso condizionato….. (art.171 – octies) Delitti in materia di violazione del diritto d'autore

30 30 Si tratta dei reati introdotti dal codice penale: Induzione a non rendere dichiarazioni ad autorità giudiziarie (art. 377-bis c.p) Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all'autorita' giudiziaria

31 31 ALCUNI ESEMPI DI REALIZZAZIONE DEI REATI INDICATI I Reati

32 32 I Reati contro la Pubblica Amministrazione Principali reati: Truffa aggravata ai danni dello Stato Malversazione a danno dello Stato Corruzione Esempi teorici di applicazione nellambito delloperatività aziendale: Alterazione o contraffazione della documentazione richiesta per le assunzioni agevolate o per i contratti di apprendistato e di inserimento e per la successiva verifica del rispetto dei presupposti e delle condizioni (ad esempio piano formativo, durata, etc) Inserimento di clausole truffaldine nei contratti stipulati con la Pubblica Amministrazione Impiego difforme di somme di denaro erogate alla società da qualsiasi ente pubblico o dalla Comunità Europea, a titolo di sovvenzioni, finanziamenti o contributi (ad esempio contributi per la formazione del personale) Riconoscimento di altra utilità attraverso lassunzione/ collaborazione/ avanzamento di grado di una persona su segnalazione del funzionario dellente Riconoscimento di altra utilità attraverso lassegnazione di beni fittiziamente a titolo di omaggio o liberalità Acquisizione di beni o servizi presso società o professionisti "vicini" a esponenti della P.A. allo scopo di ottenere favori o altra utilità

33 33 I Reati contro la Pubblica Amministrazione Principali reati: Concussione Esempi teorici di applicazione nellambito delloperatività aziendale: La condotta può essere realizzata esclusivamente dal Pubblico Ufficiale o dallincaricato di Pubblico Servizio, e consiste nel costringere o indurre qualcuno a dare o a promettere indebitamente, a lui o ad un terzo, denaro o altra utilità, abusando del proprio potere (il reato può essere favorito da qualsiasi soggetto diverso dal Pubblico Ufficiale o dallincaricato di Pubblico Servizio, che agisca in concorso con questi ultimi).

34 34 Principali reati: Falsità in monete, in carte di pubblico credito ed in valori bollati Esempi teorici di applicazione nellambito delloperatività aziendale: Contraffazione di monete nazionali o straniere, utilizzo, messa in circolazione, acquisto, detenzione o introduzione nello Stato di monete contraffatte o alterate. Falsificazione o utilizzo di valori di bollo falsificati. contraffazione di carta filigranata. Reati in tema di falsità in monete, carte di pubblico credito e valori di bollo

35 35 Principali reati: Falsità in monete, in carte di pubblico credito ed in valori bollati Esempi teorici di applicazione nellambito delloperatività aziendale: Contraffazione di monete nazionali o straniere, utilizzo, messa in circolazione, acquisto, detenzione o introduzione nello Stato di monete contraffatte o alterate. Falsificazione o utilizzo di valori di bollo falsificati. contraffazione di carta filigranata. Reati in tema di falsità in monete, carte di pubblico credito e valori di bollo

36 36 Principali reati: Contraffazione, alterazione o uso di segni distintivi di opere dell'ingegno o di prodotti industriali Contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi Turbata libertà dell'industria o del commercio Frode nell'esercizio del commercio Esempi teorici di applicazione nellambito delloperatività aziendale: Chiunque contraffà o altera brevetti, disegni o modelli industriali, nazionali o esteri, ovvero, senza essere concorso nella contraffazione o alterazione, fa uso di tali brevetti, disegni o modelli contraffatti o alterati. Chiunque introduce nel territorio dello Stato, al fine di trarne profitto, prodotti industriali con marchi o altri segni distintivi, nazionali o esteri, contraffatti o alterati Chiunque adopera violenza sulle cose ovvero mezzi fraudolenti per impedire o turbare l'esercizio di un'industria o di un commercio Chiunque, nell'esercizio di un'attività commerciale, ovvero in uno spaccio aperto al pubblico, consegna all'acquirente una cosa mobile per un'altra, ovvero una cosa mobile, per origine, provenienza, qualità o quantità, diversa da quella dichiarata o pattuita Delitti contro l'industria e il commercio

37 37 Principali reati: Vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine Vendita di prodotti industriali con segni mendaci Fabbricazione e commercio di beni realizzati usurpando titoli di proprietà industriale Contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari Esempi teorici di applicazione nellambito delloperatività aziendale: Chiunque pone in vendita o mette altrimenti in commercio come genuine sostanze alimentari non genuine Chiunque pone in vendita o mette altrimenti in circolazione opere dell'ingegno o prodotti industriali, con nomi, marchi o segni distintivi nazionali o esteri, atti a indurre in inganno il compratore sull'origine, provenienza o qualità dell'opera o del prodotto Chiunque, potendo conoscere dell'esistenza del titolo di proprietà industriale, fabbrica o adopera industrialmente oggetti o altri beni realizzati usurpando un titolo di proprietà industriale Chiunque contraffà o comunque altera indicazioni geografiche o denominazioni di origine di prodotti agroalimentari Delitti contro l'industria e il commercio

38 38 Principali reati: Illecita concorrenza con minaccia o violenza Frodi contro le industrie nazionali Esempi teorici di applicazione nellambito delloperatività aziendale: Chiunque nell'esercizio di un'attività commerciale, industriale o comunque produttiva, compie atti di concorrenza con violenza o minaccia Chiunque, ponendo in vendita o mettendo altrimenti in circolazione, sui mercati nazionali o esteri, prodotti industriali, con nomi, marchi o segni distintivi contraffatti o alterati, cagiona un nocumento all'industria nazionale Delitti contro l'industria e il commercio

39 39 Principali reati: False comunicazioni sociali Impedito controllo Concorso di falsità nelle relazioni e nelle comunicazioni della società di revisione Esempi teorici di applicazione nellambito delloperatività aziendale: Chiunque, al fine di conseguire per sè o per altri un ingiusto profitto, nei bilanci, nelle relazioni o nelle altre comunicazioni sociali previste dalla legge, dirette ai soci o al pubblico, rappresenti circostanze inveritiere ovvero ometta informazioni sulla situazione economica, patrimoniale o finanziaria della società o del gruppo obbligatorie per legge Occultamento di documenti o realizzazione di altri artifici idonei ad impedire od ostacolare il controllo da parte del Collegio Sindacale e/o della Società di Revisione/Soci Alterazione dei dati delle relazioni o delle altre comunicazioni, con la consapevolezza di ingannare i destinatari delle comunicazioni, attestando il falso o occultando informazioni sulla situazione economica, patrimoniale o finanziaria della società o dell'ente Reati societari

40 40 Principali reati: Ostacolo allesercizio delle funzioni di Vigilanza Esempi teorici di applicazione nellambito delloperatività aziendale: Ostacolo allattività posta in essere dal Collegio Sindacale/ Società di revisione/ Organismo di Vigilanza effettuata mediante occultamento di fatti o operazioni Reati societari

41 41 Principali reati: Reati con finalità di terrorismo o di eversione dell'ordine democratico Esempi teorici di applicazione nellambito delloperatività aziendale: Chiunque, con qualsiasi mezzo, direttamente o indirettamente, illecitamente e deliberatamente fornisce o raccoglie fondi nellintento di vederli utilizzati, o sapendo che saranno utilizzati, in tutto o in parte, al fine di commettere i reati citati Reati con finalità di terrorismo o di eversione dellordine democratico

42 42 Principali reati: Abuso di informazioni privilegiate Manipolazione di mercato Esempi teorici di applicazione nellambito delloperatività aziendale: Chiunque, essendo in possesso di informazioni privilegiate in ragione della sua qualità di membro di organi di amministrazione, direzione o controllo dell'emittente, della partecipazione al capitale dell'emittente, ovvero dell'esercizio di un'attività lavorativa, di una professione o di una funzione, anche pubblica, o di un ufficio, utilizza tali informazioni per trarne vantaggio Chiunque diffonde notizie false o pone in essere operazioni simulate o altri artifizi concretamente idonei a provocare una sensibile alterazione del prezzo di strumenti finanziari Abuso di mercato

43 43 Principali reati: Omicidio colposo Lesioni colpose gravi o gravissime Esempi teorici di applicazione nellambito delloperatività aziendale: Omissione o non corretta adozione delle misure previste dal D.Lgs. 81/2008 quali: formalizzazione dei documenti relativi alla valutazione dei rischi; nomina scritta dei soggetti previsti dalla normativa; formazione e informazione dei lavoratori; definizione del piano di emergenza e di esodo ed individuazione delle squadre di emergenza; installazione presidi antincendio; omologazione CE delle macchine e delle attrezzature di lavoro; ecc.. tali da determinare la responsabilità della società in caso di decesso o lesioni gravi di persone. Reati in materia di salute e sicurezza sul lavoro

44 44 Principali reati: Ricettazione, Riciclaggio e Impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Esempi teorici di applicazione nellambito delloperatività aziendale: La condotta tipica dei reati di ricettazione, di riciclaggio, di impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita può essere compiuta da: chiunque acquista, riceve od occulta denaro o cose provenienti da delitto, al fine di trarre un vantaggio per sé o per altri da chiunque trasferisca denaro o altri beni provenienti da qualsiasi delitto non colposo, in modo da ostacolare l'identificazione della provenienza illecita del denaro o degli altri beni da chiunque impiega in attività economiche o finanziarie, denaro o altri beni provenienti da attività illecite Ricettazione, Riciclaggio e Impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

45 45 Principali reati: Falsità in documento informatico pubblico o privato Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico Detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici Installazione di apparecchiature atte ad intercettare, impedire od interrompere comunicazioni informatiche o telematiche Esempi teorici di applicazione nellambito delloperatività aziendale: Falsificazione di un documento informatico pubblico o privato avente efficacia probatoria. Per documento informatico si intende la rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti Accesso abusivo in un sistema informatico o telematico protetto da misure di sicurezza o nel rimanervi contro la volontà espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo Produzione abusiva, riproduzione, diffusione, comunicazione o consegna di codici, parole chiave o altri mezzi idonei all'accesso ad un sistema informatico o telematico, protetto da misure di sicurezza, o fornitura di indicazioni o istruzioni idonee al predetto scopo, al fine di procurare a sè o ad altri un profitto o di arrecare ad altri un danno Installazione fraudolenta di apparecchiature atte ad intercettare, impedire od interrompere comunicazioni relative ad un sistema informatico o telematico ovvero intercorrenti tra più sistemi Reati informatici

46 46 Principali reati: Produzione, vendita, importazione, installazione, modifica, utilizzo per uso pubblico e privato apparati o parti di apparati atti alla decodificazione di trasmissioni audiovisive ad accesso condizionato….. Esempi teorici di applicazione nellambito delloperatività aziendale: Chiunque a fini fraudolenti produce, pone in vendita, importa, promuove, installa, modifica, utilizza per uso pubblico e privato apparati o parti di apparati atti alla decodificazione di trasmissioni audiovisive ad accesso condizionato effettuate via etere, via satellite, via cavo, in forma sia analogica sia digitale. Si intendono ad accesso condizionato tutti i segnali audiovisivi trasmessi da emittenti italiane o estere in forma tale da rendere gli stessi. visibili esclusivamente a gruppi chiusi di utenti selezionati dal soggetto che effettua l'emissione del segnale, indipendentemente dalla imposizione di un canone per la fruizione di tale servizio Delitti in materia di violazione del diritto d'autore

47 47 Principali reati: Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all'autorità giudiziaria Esempi teorici di applicazione nellambito delloperatività aziendale: Chiunque, con violenza o minaccia, o con offerta o promessa di denaro o di altra utilità, induce a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci la persona chiamata a rendere davanti alla autorità giudiziaria dichiarazioni utilizzabili in un procedimento penale, quando questa ha la facoltà di non rispondere Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all'autorità giudiziaria

48 48 Saluti Vi ringrazio per lattenzione. Salvatore Molinaro cell. 338 / Value Process S.r.l. Via Canova, 37 – Milano Salvatore Molinaro cell. 338 / Value Process S.r.l. Via Canova, 37 – Milano


Scaricare ppt "1 Decreto Legislativo n. 231/01: profili giuridici e impatti della norma (Percorsi 231) Ottobre 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google