La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CONVEGNO NAZIONALE INDIRIZZI BIOLOGICI Perugia 26 maggio 2006 PRECEDENTE CONVEGNO: FORLI 10 marzo 2006 OBIETTIVO INIZIALE DEL CONVEGNO DI FORLI: Proposta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CONVEGNO NAZIONALE INDIRIZZI BIOLOGICI Perugia 26 maggio 2006 PRECEDENTE CONVEGNO: FORLI 10 marzo 2006 OBIETTIVO INIZIALE DEL CONVEGNO DI FORLI: Proposta."— Transcript della presentazione:

1 CONVEGNO NAZIONALE INDIRIZZI BIOLOGICI Perugia 26 maggio 2006 PRECEDENTE CONVEGNO: FORLI 10 marzo 2006 OBIETTIVO INIZIALE DEL CONVEGNO DI FORLI: Proposta di Sperimentazione ai sensi dellArt.11 del D.P.R. n. 275/99 di un : LICEO TECNOLOGICO indirizzo: Produzioni biologiche e Biotecnologie alimentari opzione Biologico-Sanitaria

2 Piccola storia degli indirizzi: BIOLOGICI, BIOLOGICO-SANITARI, CHIMICO BIOLOGICI e SALUTE / AMBIENTE Fin dallinizio degli anni 70 si ravvisa la necessità di riformare le Scuole Secondarie Superiori D.P.R. n. 419 del Decreto delegato sulla Sperimentazione Sperimentazioni autonome BIOLOGICHE e BIOLOGICO-SANITARIE Febbraio 1988 – Insediamento Commissione BROCCA Anno scolastico – Avvio a campione delle sperimentazioni BROCCA Anno scolastico – Estensione Sperimentazioni: Biologico BROCCA 1997/98 – 3 Istituti in Italia sperimentano i Licei AMBIENTE e SALUTE Legge , n. 30 Legge Quadro in materia di Riordino dei Cicli dell'Istruzione Legge , n. 53.e D. L.vo sul secondo ciclo distruzione Anno scolastico ????

3 BIOLOGICO (BROCCA) MATERIE D INSEGNAMENTO Triennio 3^4^5^ FISICA 4 (2)3 (2)- BIOLOGIA GENERALE 3-- ECOLOGIA 3 (2)-- BIOCHIMICA E BIOLOGIA MOLECOLARE -2 (1)5 (2) MICROBIOLOGIA -3 (2)5 (4) MORFOLOGIA E FISIOLOGIA 4 (1)3 (1)- CHIMICA GENERALE 4 (2)-- CHIMICA ORGANICA E ANALITICA -7 (5)- CHIMICA STRUMENTALE --4 (3) ECONOMIA A E ORGANIZZAZIONE AZIENDALE --2 TOTALE 18 (7)18 (11)16 (9)

4 INDIRIZZO BIOLOGICO Ore settimanali per anno di corso Discipline del piano di studi1°2°3° 4° 5° Filosofia--232 Diritto ed Economia22--- Scienze della terra3---- Biologia-3--- Labor. Fisica Chimica5(5) --- Tecnologia e Disegno3(2)6(3)--- Fisica--3(2) - Biologia Generale--3-- Ecologia--3(2)-- Microbiologia---3(2)5(4) Morfologia e fisiologia--3(1) - Biochimica e biolog. molec.---2(1)5(2) Chimica generale--4(2)-- Chimica organica e analitica---6 (5)- Chimica Strumentale----4(3) Economia e organizz. aziendale Totale ore settimanali ITAS G.Bruno – Perugia – Biologico (Brocca)

5 classi:3ª4ª5ª Biologia ed Ecologia5(2) Anatomia e Fisiologia4(1) Igiene e Microbiologia 4(1) Chimica5(2) Scienza dell'alimentazione3(1) Psicologia e Filosofia222 Diritto e Legislazione233 totale ore settimanali :21(6)22(6) classi:3ª4ª5ª Scienze, biologia332 Fisica33 Chimica, chimica alimenti34(2)5(2) Scienza alimentazione 5(2) Organizzazione servizi2 Anatomia, fisiologia, patologia43 Igiene333 Microbiologia, immunologia 4(2)5(3) totale ore settimanali : 2022(4)20(7) ITAS G.Saffi - Forlì ITAS Ginori-Conti Firenze BIOLOGICO–SANITARIO

6 ITIS Cassata - Gubbio INDIRIZZO BIOLOGICO-SANITARIO PIANO DI STUDI - TRIENNIO DI SPECIALIZZAZIONE CLASSI DEL TRIENNIO MATERIE DI INSEGNAMENTO III° IV° V° BIOLOGIA 4(2) MATEMATICA E LABORATORIO 4(1) FISICA E LABORATORIO 3(1) CHIMICA E LABORATORIO 4(2) ANATOMIA, FISOLOGIA, IGIENE 3(2) PSICOLOGIA LEGISLAZIONE SANITARIA,SOCIALE, ECONOMICA Totale ore settimanali 23

7 MATERIE1°2° RELIGIONE/ATTIVITÀ ALTERNATIVA11 EDUCAZIONE FISICA22 ITALIANO ed elementi di STORIA DELLA LETTERATURA 54 STORIA22 LINGUA STRANIERA23 DIRITTO ED ECONOMIA22 TECNOLOGIE DELLINFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE 22 MATEMATICA44 SCIENZE DELLA TERRA22 FISICA e laboratorio22 CHIMICA e laboratorio33 TECNOLOGIE BIOLOGICHE e laboratorio 44 Area di integrazione22 totale ore settimanali33 3°4° 5° LEGISLAZIONE SANITARIAED AMBIENTALE223 CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO CONTROLLO CHIMICO 653 BIOLOGIA E LABORATORIO CONTROLLO MICROBIOLOGICO 433 ECOLOGIA 33 ELEMENTI DI FISICA AMBIENTALE22 CHIMICA DEGLI AGENTI INQUINANTI 3 INSEGNAMENTI PROGETTATI DALLISTITUTO333 totale ore settimanali (compresa area comune)33 Ambiente - controllo e monitoraggio ambientale 3°4° 5° LEGISLAZIONE SANITARIA222 ANATOMIA, FISIOLOGIA E PATOLOGIA334 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA343 CHIMICA ORGANICA E BIOCHIMICA32 ELEMENTI DI BIOFISICA3 SCIENZA DELLA NUTRIZIONE 23 ELEMENTI DI FARMACOLOGIA E TOSSICOLOGIA 23 INSEGNAMENTI PROGETTATI DALLISTITUTO333 totale ore settimanali (compresa area comune)33 Salute - gestione servizi alla persona Legge 10 febbraio 2000, n. 30 Indirizzo AMBIENTE/SALUTE dal 1997/98 – 3 Istituti in Italia

8 D.P.R , n. 275: Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche, ai sensi dellart. 21 della legge , n. 59 (G.U , n. 186, S.O 152/L) Art Iniziative finalizzate all'innovazione 1.Il Ministro della Pubblica Istruzione, anche su proposta del Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione, del Servizio Nazionale per la qualità dell'istruzione, di una o più istituzioni scolastiche, di uno o più Istituti regionali di ricerca, sperimentazione e aggiornamento educativi, di una o più Regioni o Enti locali, promuove, eventualmente sostenendoli con appositi finanziamenti disponibili negli ordinari stanziamenti di bilancio, progetti in ambito nazionale, regionale e locale, volti a esplorare possibili innovazioni riguardanti gli ordinamenti degli studi, la loro articolazione e durata, l'integrazione fra sistemi formativi, i processi di continuità e orientamento. Riconosce altresì progetti di iniziative innovative delle singole istituzioni scolastiche riguardanti gli ordinamenti degli studi quali disciplinati ai sensi dell'articolo 8. Sui progetti esprime il proprio parere il Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione. 2. I progetti devono avere una durata predefinita e devono indicare con chiarezza gli obiettivi; quelli attuati devono essere sottoposti a valutazione dei risultati, sulla base dei quali possono essere definiti nuovi curricoli e nuove scansioni degli ordinamenti degli studi, con le procedure di cui all'articolo 8. Possono anche essere riconosciute istituzioni scolastiche che si caratterizzano per l'innovazione nella didattica e nell'organizzazione.

9 LICEO TECNOLOGICO 1° Biennio 2° Biennio V anno 1° 2° 3° 4° 5° Attività e insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia - Filosofia 1) Elementi di diritto ed economia 22 Organizzazione e amministrazione aziendale 222 Matematica 5 (2) 4 (2) 3 Scienze integrate 2) 8 (5) Tecnologia e rappresentazione grafica 4 (2) Scienze motorie e sportive Religione cattolica o Attività alternative Totale ore Attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo Totale ore Totale complessivo ore Attività e insegnamenti facoltativi Educaz.ambientale, Biologia ed Ecologia Anzichè- Lingua 2 1) Storia dal primo al quinto anno - Filosofia dal terzo al quinto anno 2) Fisica, Chimica, Biologia, Scienze della Terra

10 Discipline con attività di laboratorio3°4°5° Chimica agraria e tecnologia delle trasformazioni agroalimentari3232 Biologia applicata3232 Tecniche di gestione, valutazione e marketing Pedologia e agronomia53 Coltivazioni e difesa 4242 Principi di organizzazione e valorizzazione delle produzioni zootecniche3232 Legislazione 40 Genio rurale 60 Totale discipline di indirizzo Indirizzo: Produzioni biologiche e biotecnologie alimentari (previsto dal decreto) Discipline con attività di laboratorio3°4°5° Chimica e laboratorio Biologia applicata e Biochomica Morfologia e Fisiologia5 2 Microbiologia Scienza dell'alimentazione Fisica Totale discipline di indirizzo Indirizzo: Produzioni biologiche e biotecnologie alimentari - opzione Biologico-Sanitaria o NUOVO INDIRIZZO BIOLOGICO (o Indirizzo: SALUTE e AMBIENTE)

11 FORMALIZZAZIONE DI UNA RETE DI SCUOLE Nella fase finale del Convegno del a Forlì i rappresentanti degli Istituti presenti hanno ritenuto opportuna la costituzione di una rete di scuole COSTITUITA DAGLI ISTITUTI CHE ATTUANO SPERIMENTAZIONI AD INDIRIZZO BIOLOGICO ISTITUTI ADERENTI ALLA RETE ELENCO ISTITUTI ADERENTI ALLA RETE 1 I. I. S. MASERATI – VOGHERA 2 I. I. S. SANTONI – PISA 3 I. I. S. TORRE – ACQUI TERME 4 I. T. A. S. A. MANTEGNA – MANTOVA 5 I. T. A. S. CHIMIRRI – CATANZARO 6 I. T. A. S. G. BRUNO – PERUGIA 7 I. T. A. S. G.SAFFI – FORLI 8 I. T. A. S. M. RICCI – MACERATA 9 I. T. A. S. S. CATERINA DA SIENA – SALERNO 10 I. T. A. S. S. RUJU – SASSARI 11 I. T. A. S. SANTORRE DI SANTAROSA – TORINO 12 I. T. C. F. PACINI – PISTOIA 13 I. T. C. S. PRIMO LEVI – BOLLATE (MI) 14 I. T. I. A. EINSTEIN – VIMERCATE 15 I. T. I. Q.SELLA - BIELLA 16 I. T. I. S. GALILEO GALILEI – AREZZO 17 I. T. I. S. SILVIO DE PRETTO – SCHIO (VI) 18 I.T.A.S. ELENA DI SAVOIA – BARI 19 LICEO BIOLOGICO SANTA CHIARA – VOGHERA 20 I.T.I.S. L.COBIANCHI - VERBANIA 21 I.S.I.S.S. D'ANNUNZIO-FABIANI - GORIZIA 22 I. T. I. S. M.L.CASSATA – GUBBIO 23 I. T. I. S. e LICEO BIOLOGICO GALILEI – ARZIGNANO (VI) 24 I.T.A.S. G.DELEDDA – CAGLIARI 25 I.S.I.S.S.S. S.B.BOSCARDIN - VICENZA 26 I.T.A.S. SELMI – MODENA 27 I. T. I. S. "G.Ciampini – NOVI LIGURE 28 I.T.A.S. S.CATERINA DA SIENA – SALERNO 29 I.T.A.S. GALILEI – JESI 30 I.I.S. A.ZANELLI - REGGIO EMILIA 31 I.T.A.S. RICCI - MACERATA 32 I.T.A.S. SCALCERLE - PADOVA

12 INTERVENTI DEL COORDINAMENTO DELLA RETE DEGLI ISTITUTI CON INDIRIZZI BIOLOGICI Trasmissione del documento elaborato nel Convegno nazionale di Forlì, con lettere accompagnatorie a: Ministero dellIstruzione U. e R., Dipartimento per lIstruzione, Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici: Direttore Generale: Dott. Silvio Criscuoli Vice Direttore Generale: Dott. Sergio Scala Consiglio Nazionale Della Pubblica Istruzione Resposabili Dipartimenti Scuola di D.S. e Margherita Vice Ministro della Pubblica Istruzione Dott.ssa Mariangela Bastico Realizzazione e aggiornamento del sito dei Biologici:

13 DAL PROGRAMMA DI GOVERNO DELLUNIONE Per rilanciare la scuola sfrutteremo la sua forza principale, quella dellautonomia. La progettualità e linnovazione che vengono dal territorio sono risorse preziose, cui dovremo dare spazio, accogliendo il dibattito culturale e le sperimentazioni coraggiose. Nellesercizio dellautonomia le istituzioni scolastiche, anche in rete tra loro e dintesa con le Regione e gli Enti Locali, possono sperimentare forme di arricchimento dei percorsi scolastici avvalendosi delle risorse e delle opportunità formative presenti sul territorio. Per aiutare questo progetto dobbiamo favorire la costituzione di reti di scuole e il riconoscimento da parte di Regioni ed Enti Locali di forme di rappresentanza delle scuole autonome.

14 Decreto legislativo 17 ottobre 2005 delle norme generali ed i livelli essenziali delle prestazioni sul secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione ai sensi della legge 28 marzo 2003, n.53. Articolo 1 4. Tutte le istituzioni del sistema educativo di istruzione e formazione sono dotate di autonomia didattica, organizzativa, e di ricerca e sviluppo. Norme transitorie e finali Articolo Le prime classi dei percorsi liceali e il primo anno di quelli di istruzione e formazione professionale sono avviati contestualmente a decorrere dallanno scolastico e formativo , previa definizione di tutti gli adempimenti normativi previsti. Sino alla definizione di tutti i passaggi normativi propedeutici allavvio del secondo ciclo, di competenza del Ministero dellistruzione, delluniversità e della ricerca, il medesimo Ministero non promuove sperimentazioni del nuovo ordinamento nelle scuole, ferma restando lautonomia scolastica.


Scaricare ppt "CONVEGNO NAZIONALE INDIRIZZI BIOLOGICI Perugia 26 maggio 2006 PRECEDENTE CONVEGNO: FORLI 10 marzo 2006 OBIETTIVO INIZIALE DEL CONVEGNO DI FORLI: Proposta."

Presentazioni simili


Annunci Google