La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Simbolo e apice di tale rivoluzione fu la creazione dell’Johns Hopkins

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Simbolo e apice di tale rivoluzione fu la creazione dell’Johns Hopkins"— Transcript della presentazione:

1 Simbolo e apice di tale rivoluzione fu la creazione dell’Johns Hopkins
RIVOLUZIONE NEL CAMPO DELL’ISTRUZIONE MEDICA IN AMERICA Simbolo e apice di tale rivoluzione fu la creazione dell’Johns Hopkins tra il 1876 e il 1893 Esso costituì un nuovo modello di università, la cui scuola di medicina e il cui ospedale avrebbero prodotto l’energia e il potenziale umano capaci di trasformare l’intero sistema americano dell’istruzione medica. La creazione dell’Hopkins tra il 1876 e il 1893 fu dovuta a una miracolosa unione di uomini, soldi e circostanze. Il risultato fu un nuovo modello di università, la cui scuola di medicina e il cui ospedale avrebbero prodotto l’energia e il potenziale umano capaci di trasformare l’intero sistema americano dell’istruzione medica. Il grande merito del Johns Hopkins Medical School fu infatti quello di essere d’esempio convincendo medici e docenti d’America che nessun progresso è possibile se l’arte del guarire non è compenetrata dalla scienza medica. Come tutti gli altri studiosi dell’università, i ricercatori medici preparati all’Hopkins erano molto richiesti e contesi da tutte le scuole del paese.

2 sostituire i medici con insegnanti a tempo pieno:
INNOVAZIONI Una delle prime innovazioni e tra tutte forse la più fondamentale, operate all’interno dell’istituto, fu quella di sostituire i medici con insegnanti a tempo pieno: - si dedicavano completamente all’insegnamento e alla ricerca - percepivano uno stipendio molto più basso di chi si dedicava alla professione di medico. gli studiosi attirati dall’insegnamento erano a tal punto disposti a dedicarvisi da sacrificare l’aspetto economico INNOVAZIONI Una delle prime innovazioni fondamentali nell’istruzione medica fu quella di togliere dalle mani dei medici locali l’insegnamento dell’anatomia, della fisiologia, della patologia e della farmacologia. Le cattedre di queste discipline furono assegnate a docenti a tempo pieno: - Essi si dedicavano completamente all’insegnamento e alla ricerca, senza essere distratti dalla cura del paziente privato - Essi in oltre percepivano uno stipendio molto più basso di chi si dedicava alla professione di medico. Questa fu una modifica di fondamentale importanza in quanto gli studiosi attirati dall’insegnamento erano a tal punto disposti a dedicarvisi da sacrificare l’aspetto economico, in cambio dell’opportunità di fare ricerca e di istruire i giovani medici

3 NON UN PROCESSO EX NOVO.. L’Hopkins
(creato dal presidente Gilman, dai dottori Billings, Welch, Osler, Halsted e Kelly) è stata un università, nata in risposta alle richieste, che un processo già in atto non aveva ancora soddisfatto. L’America era infatti molto indietro rispetto alla maggior parte dei paesi europei, sia nell’istruzione sia nella qualità della terapia. Deve essere chiaro che la nuova istituzione non stava sorgendo ex novo, come uno splendente raggio di luce nel buio dell’arretratezza medica, ma l’Hopkins, creato dal presidente Gilman, dai dottori Billings, Welch, Osler, Halsted e Kelly,è stata piuttosto una risposta alle richieste che un processo già in atto non aveva ancora soddisfatto L’America era infatti molto indietro rispetto alla maggior parte dei paesi europei, sia nell’istruzione sia nella qualità della terapia.

4 ALCUNI MIGLIORAMENTI INFATTI GIÀ SI ERANO VISTI..
Migliaia di giovani avevano cercato all’esterno una preparazione avanzata, specialmente nelle scienze di laboratorio. Molti giovani si erano spinti fino a cominciare il processo di automiglioramento prima di iniziare gli studi formali a medicina. Alcuni miglioramenti infatti già si erano visti anche se avvennero soprattutto a livello individuale: - Migliaia di giovani avevano cercato all’esterno una preparazione avanzata, specialmente nelle scienze di laboratorio. - Molti giovani ambiziosi si erano spinti fino a cominciare il processo di automiglioramento addirittura prima di iniziare gli studi formali a medicina, trascorrendo molti anni al college, nonostante che la maggior parte delle facoltà di medicina non richiedesse più del semplice diploma di scuola superiore

5 Tutti questi miglioramenti tuttavia derivavano solo dall’impegno
personale di coloro che volevano realizzare le loro aspirazioni Tutti questi miglioramenti, tuttavia, derivavano solo dall’impegno personale di coloro che volevano realizzare le loro aspirazioni

6 NESSUNO SFORZO STRUTTURATO FINO AL 1876..
quando nacque l’American Medical College Association. Scopo: trovare soluzioni ai bisogni della nazione in campo educativo e sperimentale. L’inaugurazione del Johns Hopkins Medical School nel 1893 rappresentò la realizzazione delle più alte aspirazioni dei riformatori. Nessuno sforzo strutturato venne fatto fino al 1876 Nel 1876 i rappresentanti di 22 facoltà di medicina si incontrarono per formare la American Medical College la quale in seguito si organizzo come associazione, allo scopo di trovare soluzioni ai bisogni della nazione in campo educativo, sperimentale Da allora in poi il ritmo dei miglioramenti fu sempre più serrato L’inaugurazione del Johns Hopkins Medical School nel 1893 rappresentò la realizzazione delle più alte aspirazioni dei riformatori.

7 Si era creato così l’esempio a cui guardare per la realizzazione di altri istituti.
Ciò che rimaneva da fare era portare all’esame delle autorità preposte le disfunzioni e provvedere alle trasformazioni necessarie su larga scala. Si era creato così l’esempio a cui guardare per la realizzazione di istituti e strutture più adeguati, competenti e competitive. Ciò che rimaneva da fare era portare all’esame delle autorità preposte le disfunzioni e provvedere alle trasformazioni necessarie con una combinazione di lungimiranza e finanziamenti come quelli che erano stati alla base della nascita del Johns Hopkins ma questa volta su larga scala.

8 Requisiti per l’ammissione Entità e preparazione del corpo insegnante
L’INSTITUTE OF TECNOLOGY INCARICA ABRAHAM FLEXNER DI CONDURRE UNO STUDIO SULLA PREPARAZIONE MEDICA NEGLI STATI UNITI: Felxner visitò 155 scuole usando per ognuna di esse gli stessi criteri di valutazione: Requisiti per l’ammissione Entità e preparazione del corpo insegnante Situazione economica della scuola Rapporti scuola-ospedale in cui lavoravano gli studenti e insegnanti

9 FU ATTERITO DA CIÒ CHE TROVÒ:
i livelli richiesti per l’ammissione erano troppo bassi docenti preparati in modo inadeguato i fondi mal spesi laboratori non attrezzati e luridi Troppo pochi istituti in cui studenti e insegnanti avessero libero accesso ad un buon ospedale

10 HOPKINS ERA L’UNICA ECCEZIONE

11 raccolse i dati trovati in una relazione nota con il nome di: RAPPORTO FLEXNER
L’intenzione di Flexner era di andare oltre le critiche e proporre un programma di riforme volte a riorganizzare a livello nazionale i numerosi istituti con l’eliminazione di 120 scuole.

12 La pubblicazione fu un avvenimento sensazionale tanto che come egli stesso disse :
“l’istruzione medica americana passò dallo stadio più basso a quello più alto del mondo civile.”

13 I principi del nuovo sistema non si limitavano alla nuova istruzione ma comprendevano anche:
Tirocini avanzati Tirocini di specializzazione Esortazione a dedicarsi alla ricerca Le scuole che accettarono di rinnovarsi ricevettero ingenti finanziamenti ( Naturalmente la Johns Hopkins medical school manteneva nonostante ciò le sue caratteristiche di scuola d’avanguardia. )!!

14 L’INFLUENZA DELLE DONNE
Era il periodo nel quale i medici iniziavano a rivolgere l’attenzione non solo ed esclusivamente alla malattia ma anche al malato: Se prima la malattia era il nemico la guarigione la vittoria e il paziente era troppo spesso il solo campo di battaglia; Se prima veniva considerato come assolutamente necessario evitare il coinvolgimento emotivo .... Il medico non era irrispettoso nel confronto del paziente ma semplicemente manteneva le distanze, Lo trattava con rispetto e persino con una sorta di decoro formale.

15 Ora la crescente influenza delle donne medico aveva mostrato come
Ora la crescente influenza delle donne medico aveva mostrato come la vita di un paziente, l’insorgere della malattia, lo strazio dell’anima, il dolore della sua famiglia e la speranza nella guarigione potevano diventare parte integrante e ugualmente importante della cura del paziente.

16 LA SINDROME DEI BAMBINI BLU.
I medici iniziavano a mostrare maggior dedizione ,maggior solidarietà verso i pazienti dando ad essi molto di più delle sole cure corporali. E fu proprio in questo modo continuativo di stare vicino e costituire una guida spirituale oltre che una figura professionale per il paziente che stette la grandezza di Helen Taussig. Ella di avvalse di una combinazione fra scienza pure ed empatia umana per affrontare uno dei più annosi problemi dell’anatomia patologica. LA SINDROME DEI BAMBINI BLU. Empatia= capacità di identificarsi con un’altra persona.

17 LA VITA Infanzia La dott.sa Taussing nacque il 24 maggio 1898 a Cambridge, nello Stato del Massachusetts, era la più giovane di quattro figli. Suo padre era un docente presso l'Università di Harvard e consigliere del presidente Woodrow Wilson. Sua madre, Edith Guild Taussig, dedita alle scienze naturalistiche, morì di tubercolosi quando Helen aveva solo undici anni.

18 Taussing era una bambina fragile ebbe problemi di dislessia (estrema difficoltà a leggere ed a comprender parole scritte) e anche problemi d’udito . Il suo udito infatti iniziò a deteriorarsi già da bambina, dopo una brutta pertosse. Per questi motivi perse parte della scuola ma fece di tutto per uscire da questa situazione e divenire una brillante studentessa. E vi riuscì brillantemente

19 Nel 1921 si laureò presso l'Università di California a Berkeley
Gli Studi Nel 1917 si laureò presso la Scuola Femminile di Cambridge. Scuola nella quale divenne campionessa di tennis. Nel 1921 si laureò presso l'Università di California a Berkeley Nel 1917 si laureò presso la Scuola Femminile di Cambridge Nel 1917 si laureò presso la Scuola Femminile di Cambridge e poi divenne campionessa di tennis durante i suoi due anni di studio a Radcliffe, il college femminile alle dirette dipendenze di Harvard. Così, prese a frequentare la Scuola per la Sanità pubblica presso  Harvard ed ottenne un permesso speciale per frequentare contemporaneamente anche corsi presso l'Università di Boston.

20 Tentò d'iscriversi presso l'Università di Harvard ma ci riuscì solo nel 1945, quando anche le donne furono ammesse. Ad Harvard frequentò la Scuola per la Sanità pubblica e ottenne un permesso speciale per frequentare contemporaneamente anche i corsi presso l’Università di Boston. Già nel 1945 Helen era completamente sorda, ma nonostante ciò,decise di far praticantato e scelse la cardiologia pediatrica quale specializzazione.

21 Durante il corso dei suoi studi, un suo docente d'anatomia le suggerì di specializzarsi nella ricerca cardiaca e di far domanda per entrare all'università Johns Hopkins di Baltimore, nello Stato del Maryland, una delle poche scuole mediche americane che accettavano donne. Helen seguì questo suggerimento e si diplomò nel A quel tempo era del tutto priva dell'udito.

22 La sua professione di medico venne influenzata da quella del padre e da quella della madre , fisico e studiosa nell’ambito delle scienze naturalistiche. Lei stessa, infatti, era molto interessata alla biologia, alla fisica e alla zoologia.

23 Imparò a Leggere sulle labbra e ad "ascoltare con le dita" i pazienti con problemi cardiaci.
Si pensa che alcune delle tecniche più innovative possano esser ascritte alla sua abilità a distinguere il ritmo dei cuori in buon stato di salute da quelli con problemi attraverso il tatto piuttosto che col suono.

24 “La sua capacità così particolare, associata ad un acuto senso d'osservazione, le ha permesso d'effettuare una delle scoperte più importanti, nell'ambito cardiaco, del XX secolo...."

25 La dottoressa Taussig infatti studiò per molti anni i problemi cardiaci di tipo congenito:
Descrisse e classificò molti dei malfunzionamenti cardiaci responsabili della sindrome "dei bambini blu“ o Tetralogia di Fallot : neonati il cui colore indicava un'inadeguata ossigenazione sanguigna causata da un difetto presente nelle valvole cardiache. sindrome "dei bambini blu", neonati il cui colore indica un'inadeguata ossigenazione sanguigna

26 PROCEDIMENTO USATO PER CONDURRE LE SUE RICERCHE:
La Taussig avviò uno studio su un gruppo di bambini i cui mali non erano ma stati studiati in precendenza e quindi privi di terapia. Per condurre le sue ricerche utilizzò il fluoroscopio con il quale riuscì ad ottenere immagini chiare di:Polmoni, cuori e vasi sanguigni. Per eseguire un’arteriografia, il paziente viene fatto sdraiare; si procede quindi all’introduzione di un catetere (ossia un sottile tubo) in un’arteria, di solito di una gamba o di un braccio, previa anestesia locale nel punto di inserimento. Mediante il catetere viene inoculato il mezzo di contrasto, in genere iodio che, iniettato nei vasi sanguigni, risulta opaco ai raggi X: nelle lastre radiografiche, di conseguenza, le arterie appaiono bianche. Mediante uno strumento a raggi X, detto fluoroscopio, posto sopra il paziente, vengono riprese diverse immagini radiografiche. Il fluoroscopio è collegato a un monitor e a un computer, che permettono di controllare tutte le fasi della procedura. L’esecuzione dell’arteriografia può richiedere da 20 minuti a 3 ore. Dopo l’estrazione del catetere, i tessuti intorno al punto di inserimento si cicatrizzano.

27 “ presto mi resi conto che nei bambini cianotici i cambiamenti nei volumi e nella forma de cuore e dei vasi erano di grande valore dianostico. Studiando in cuore in tutte le posizioni si poteva determinare quali caivtà fossero ingrandite e quali piccole e mancanti.”

28 Non completo sviluppo embrionale
Inizialmente non potè far altro che cercare di dare un senso alle sottili differenze incontrate in quanto troppe e troppo diverse erano le malattie da cui erano afflitti i suoi pazienti in costante crescita. Le principali erano: Tetralogia Non completo sviluppo embrionale Problemi di valvole

29 Dopo aver acquisito la padronanza del fluoroscopio riuscì a stilare diagnosi sempre più accurate .
Così si recò da Maude Abbott al Mcgill a Baltimora dove raccolse informazioni riguardo tutte le malformazioni congenite cardiache fino ad ora classificate da Abbott.

30 COME PRATICAVA LA DIAGNOSI??
A quel tempo la Taussig era già un po’ sorda Di conseguenza sviluppò le proprie capacità di osservazione e il senso del tatto a un tale livello di sensibilità da poter ottenere una grande quantità di informazioni guardando e toccando il torace del bambino

31 LA DIAGNOSI ERA INUTILE
Nonostante le diagnosi si stessero via via sempre più perfezionando esse non servivano a nulla quando si trattava di mettere a punto una terapia. Infatti era possibile alleviare i sintomi ma non risolvere il problema.

32 Notò che molti peggioravano la loro situazione quando il dotto di botallo(foro fra i ventricoli) si chiudeva. dott. R.Gross operò un bambino ,per persistente pervietà del dotto di botallo, legando il vaso. Questo le fece capire che se era possibile chiuderlo allora doveva anche essere possibile inserire un vaso in un bambino sofferente per un insufficiente flusso di sangue. Anossemia: Diminuzione di ossigeno nei tessuti o nel sangue.

33 primo primario in chirurgia nell’ospedale della Venderbilt university.
Taussig si rivolge allora a l’unica persona che avrebbe potuto aiutarla: Alfred Blalock primo primario in chirurgia nell’ospedale della Venderbilt university. realizzò un lavoro considerato una pietra miliare nel campo della chirurgia cardiaca.

34 La Taussig lo convinse a occuparsi
del problema rappresentato dai bambini affetti da cardiopatie cianotiche con diminuito flusso ematico polmonare e suggerì un’operazione che constava nella ricostruzione di un "patent ductus" (apertura delle valvole) in risposta ad un declino anormale d'ossigeno nel sangue (anoxemia)

35 PREPARAZIONE ALL’INTERVENTO
Il dottor Blalock prima di eseguire l’operazione su esseri umani ne praticò moltissime su cani e solo quando fu certo che questa sarebbe potuta andare a buon fine anche su umani decise di applicarla.

36 procedura Blalock-Taussig
9 novembre 1944 primo intervento Cardio-chirurgico su una bambina ,di nome Eileen, a rischio di morte per anossemia Questo intervento rappresentò la conferma pratica agli studi teorici della dottoressa Taussig e del suo collega Blalock. Questo tipo di intervento fu chiamato procedura Blalock-Taussig

37

38 MA CHE COS’È LA TETRALOGIA DI FALLOT??

39 SINDROME DEI BAMBINI BLU
EDUARD SANDIFORT Observationes anatomico-piathologicae

40 la descrizione del primo caso della sindrome dei bambini blu
Basandosi sulle dissezione post-mortem la descrizione del primo caso della sindrome dei bambini blu Così egli descrisse la malattia: Alla nascita e nel primo anno il bambino era apparentemente in buona salute In seguito di manifestò un colore scuro Specialmente sotto sforzo assumeva un aspetto sempre più blu grigio e il respiro sempre più corto Cercando di guarirlo gli fu praticato un salasso dal quale risultò che il sangue era bluastro e molto denso.

41 Morto il ragazzo Sandifort praticando l’autopsia trovò che:
l’arteria polmonare era piccolissima e stretta. Nella parete muscolare che separa ventricolo destro da quello sinistro c’era un buco Ciò significa che il sangue era ostacolato nel suo passaggio ai polmoni e che una notevole quantità evitava la piccola circolazione passando attraverso il foro nella parete per ritornare non ossigenato in circolo.

42 TETRALOGIA DI FALLOT E' una malformazione cardiaca caratterizzata da una deviazione anteriore e verso sinistra del setto infundibulare. Essa è, a sua volta causa di: restringimento dell'infundibolo polmonare ipertrofia ventricolare destra difetto interventricolare per alterato allineamento del setto infundibolare con il restante setto interventricolare aorta a "cavaliere" dei due ventricoli

43 Pur essendo definita tetralogia, in realtà tale malformazione dovrebbe essere definita monologia, in quanto il primitivo difetto congenito è costituito dalla deviazione anteriore-sinistra del setto infundibulare.

44

45 Blalock e Taussig lavorarono assieme per vent’ anni.
Per poter gestire il grosso carico di pazienti essi elaborarono un sistema di divisione dei compiti: dalla diagnosi, al momento intra-operatorio e post alle visite di controllo a lungo termine. Essi diventarono il modello non solo della maggior parte dei centri di cura. L’approccio di gruppo a molte malattie ,oggi adottato tanto comunemente, deriva dal programma di cardiologia della Hopkins

46 Helen Taussig, più di chiunque altro al mondo, conosceva i particolari complessi della cura di questi pazienti. Si rese conto che in questo tipo di lavoro era essenziale arrivare a tutti i bambini che ne avevano bisogno si adoperò a preparare pediatri specializzati in cardiologia e a promuovere di centri in altre parti del paese.

47 un gran numero di individui altamente qualificati.
Quelli che avevano fatto tirocinio con la Taussig si sparpagliarono in tutti Stati Uniti un gran numero di individui altamente qualificati. Nel 1950 la prima di una lunga serie di riunioni con i suoi medici. possibilità in questa sede di scambiarsi le loro esperienze.

48 “Congenital malformation of the hearth”
Nel 1947 la taussig pubbicò il primo libro di testo sulla chirurgia pediatrica intitolato: “Congenital malformation of the hearth” Lo stile del libro diretto e descrittivo,era di inestimabile valore per comprendere la complessità delle alterazioni circolatorie. Il ramo della chirurgia pediariatica si arricchì con tanta rapidità che la seconda edizione del libro nel 1960 richiese 2 volumi ognuno dei quali con più di mille pagine.

49 Gli sbalorditivi risultati di questa operazione, incoraggiarono altri chirurghi statunitensi a tentare di raggiungere gli stessi obiettivi in diverse patologie congenite o acquisite. All’inizio degli anni ’50 si registrò un progresso dietro l’altro nei metodi diagnostici, nelle misure di sostegno e negli aspetti tecnici della chirurgia cardiaca.

50 Nel 1959 divenne prof. Di pediatria della Hopkins
Con l’aiuto di un’altra donna medico di formidabile talento, FRANCES KELSEY, riuscì a mettere al bando sul mercato americano il THALIDOMIDE: medicinale leggero non dannoso, apparentemetne privo di effetti collaterali e a basso prezzo efficace nel combattere la nausea da gravidanza.

51 "Malformazioni cardiache congenite"
Taussig continuò la sua ricerca sui difetti cardiaci dei neonati e pubblicò un importante lavoro nel 1947: "Malformazioni cardiache congenite"

52 divenir presidentessa dell'Associazione Americana di Cardiologia .
Primati La dottoressa Taussig è stata  la prima donna a trovar impiego a tempo pieno presso il Johns Hopkins, La prima donna ad aver ricevuto la più alta onorificenza da parte della Scuola di medicina John Hopkins. La prima donna a divenir presidentessa dell'Associazione Americana di Cardiologia .

53 E il suo nome è presente presso il
"Centro pediatrico per Problemi cardiaci" dell'ospedale John Hopkins in memoria della donna che seppe risolvere il mistero dei "bambini blu”.

54 The new statue, honoring dr
The new statue, honoring dr. Helen Broke Taussig, graces a room that used to honor only old white men.

55 Sul finire degli anni '70, la dottoressa Taussig si trasferì in Pennsylvania.
Morì per un incidente automobilistico il 21 maggio 1986 a Kennet Square, tre giorni prima del suo 88°compleanno. In suo ricordo è stato fatto un film dal titolo “Something the Lord Made ” negli Stati Uniti, 2004.

56 FONTI BIBLIOGRAFICHE E WEBOGRAFICHE:
Storia della medicina : dagli antichi greci ai trapianti d'organo / Sherwin B. Nuland ; traduzione di Paola Frezza.

57 www.scuolamedicasalernitana.it www.workersforjesus.com
Articolo di giornale:http://www.medicalarchives.jhmi.edu/apptclg.jpg


Scaricare ppt "Simbolo e apice di tale rivoluzione fu la creazione dell’Johns Hopkins"

Presentazioni simili


Annunci Google