La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTA DI SCIENZE MOTORIE CORSO INTEGRATO DI ISTOLOGIA ANATOMIA & FISIOLOGIA MODULO DI ANATOMIA AA 2011-2012 Dott.ssa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTA DI SCIENZE MOTORIE CORSO INTEGRATO DI ISTOLOGIA ANATOMIA & FISIOLOGIA MODULO DI ANATOMIA AA 2011-2012 Dott.ssa."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTA DI SCIENZE MOTORIE CORSO INTEGRATO DI ISTOLOGIA ANATOMIA & FISIOLOGIA MODULO DI ANATOMIA AA Dott.ssa Veronica Papa

2 APPARATO LOCOMOTORE Lapparato locomotore è costituito da -Componente ossea: ossa e articolazioni -Componente muscolare costituita dalla muscolatura striata volontaria. Lapparato locomotore risulta, quindi, costituito dalle ossa che si uniscono per formare lo scheletro, dalle articolazioni che connettono le ossa fra loro e dalla muscolatura scheletrica. Nellembrione lo scheletro è formato da circa 350 ossa di natura cartilaginea, molte delle quali si fondono nel corso dello sviluppo fetale tra loro; la natura cartilaginea dello scheletro resta circoscritta ad alcune zone di orecchio e naso, alla trachea ed ai bronchi, alla superficie anteriore delle coste ed alle superfici articolari.

3 Sostegno: rappresenta il sostegno del capo, del tronco e degli arti. Protezione: protegge diversi organi e strutture interne Movimento: i muscoli scheletrici, inserendosi sulle ossa tramite i tendini, consentono spostamenti dellintero corpo o parti di esso: -Ossa: componente passiva dello scheletro -Muscoli: componente attiva Riserva: le ossa sono un importante deposito di Sali minerali Emopoiesi: alcune ossa contengono il midollo osseo, responsabile della produzione e sede dellemopoiesi. FUNZIONI DELLAPPARATO SCHELETRICO

4 SCHELETRO ASSILE E APPENDICOLARE La componente scheletrica viene a sua vota suddivisa in: -Scheletro assile: comprende le ossa del cranio del torace e della colonna vertebrale che insieme formano lasse longitudinale del corpo -Scheletro appendicolare: comprende le ossa degli arti superiori e inferiori ed i cingoli che li collegano al tronco

5 LO SCHELETRO ASSILE Costituito da 80 ossa, il 40% delle ossa del corpo umano. Comprende: -Il cranio (22 ossa) e le ossa associate (6x ossicini uditivi e losso ioide -La colonna vertebrale (24 vertebre+ il sacro ed il coccige) -La gabbia toracica (24 coste + lo sterno) Lo scheletro assile crea una struttura che sostiene e protegge gli organi e fornisce la superficie di inserzione ai muscoli che: -Regolano la posizione di testa, collo e tronco -Eseguono movimenti respiratori -Stabilizzano o posizionano strutture dello scheletro appendicolare

6

7

8

9 COMPONENTE OSSEA Le ossa vengono classificate per struttura o per forma. In base alla struttura istologica vengono classificate in: -Ossa spugnose -Ossa compatte Va, inoltre, ricordato che la forma e la struttura delle ossa sono funzione dellattività statiche o dinamiche nelle quali sono coinvolte La superficie delle ossa presenza sporgenze (apofisi, processi, tuberosità) o spine appuntite, solchi, fosse e docce che hanno funzioni articolari o permettono linserzione di tendini e legamenti.

10 I processi ossei sono, quindi, sporgenze di varia forma, contenute nellosso che le ospita. Entrano a far parte delle articolazioni dando attacco a tendini, legamenti e muscoli. Si riconoscono: -I condili, I tubercoli e le tuberosità: processi di forma tondeggiante -I trocanteri: processi ossei di forma varia -Le creste e Le spine: processi ossei sottili più o meno appuntiti

11 In base alla forma, e a seconda della prevalenza della lunghezza e della larghezza sullo spessore o della relativa equivalenza delle tre dimensioni, vengono classificate in: -Ossa lunghe: ossa dalla forma irregolarmente cilindrica in cui la lunghezza prevale sulla larghezza e sullo spessore. Presentano generalmente 3 regioni: I.Un corpo allungato detto diafisi al cui interno è contenuto il canale midollare che ospita il midollo osseo. II.Due estremità ingrossate dette epifisi (una prossimale ed una distale). -Ossa piatte: sono costituite da due lamine di osso compatto che racchiudono osso spugnoso -Ossa brevi: hanno le tre dimensioni sostanzialmente simili e sono costituite da tessuto osseo spugnoso, rivestito da tessuto osseo compatto.

12 LE ARTICOLAZIONI Le articolazioni sono dispositivi giunzionali che mettono in relazione due o più ossa, consentendo fra esse movimenti più o meno ampi. Unarticolazione è quindi la struttura anatomica in cui due o più ossa sono a contatto. E formata da: -I capi articolari delle ossa che entrano a far parte delle articolazioni. Questi risultano costituiti da singole superfici dette condili rivestita da cartilagine ialina. -Capsula articolare, tipica delle articolazioni mobili o diartrosi, è un manicotto di tessuto connettivo fibroso che si inserisce da entrambe le parti ai margini delle cartilagini articolari e continua nei periosti. E, inoltre, rivestita internamente da una membrana sinoviale, capace di filtrare da sangue il liquido sinoviale; questultimo ha funzione trofica per le cartilagini articolari e riduce lattrito tra le superfici articolari. -Legamenti: fasci di tessuto connettivo che stabilizzano e rinforzano le articolazioni. Si distinguono: I.Legamenti intrinseci: entrano a far parte della capsula articolare stabilizzandola II.Legamenti estrinseci e/o Legamenti accessori: legamenti esterni alla capsula articolare.

13

14 In base al grado di movimento che consentono, le articolazioni vengono classificate in 3 grandi gruppi: I.Articolazioni mobili o diartrosi I.Articolazioni scarsamente mobili sinfisi, sincondrosi e sindesmosi I.Articolazioni immobili o suture

15 LE DIARTROSI In base ai tipi di movimento che consentono e della forma dei condili articolari che coinvolgono, le diartrosi vengono classificate in 5 sotto categorie: I. Artrodie II. Enantrosi III. Condiloartrosi IV. Articolazioni a sella V. Ginglimi

16 ARTRODIE I capi articolari hanno forma pianeggiante e possono solo scivolare tra loro

17 ENANTROSI Nelle enantrosi le superfici articolari contrapposte di una emisfera cava e di una emisfera piena Permettono movimenti su tutti i piani

18 CONDILARTROSI Nelle condilartrosi le superfici articolari hanno la forma di un elissoide pieno e cavo.

19 ARTICOLAZIONE A SELLA Nelle articolazioni a sella, le superfici articolari sono biassiali ossia convesse in una direzione e concave in quella ortogonale.

20 GINGLIMI Nei ginglimi i capi articolari hanno la forma di due cilindri, uno cavo e laltro pieno. Si distingue in: -Ginglimo laterale se gli assi dei capi articolari sono paralleli allasse longitudinale dellosso -Ginglimo angolare se perpendicolari

21

22 SINARTROSI Vengono definite sinartrosi le articolazioni scarsamente mobili. Si classificano in funzione della tipologia di tessuto che è interposto fra i capi articolari; in particolare abbiamo: -Le sinfisi, in cui il tessuto interposto è costituito da cartilagine fibrosa -Le sincontrosi se il tessuto interposto fra i capi articolari è cartilagine ialina -Le sindesmosi se il tessuto interposto è costituito da connettivo fibroso Le suture sono articolazioni immobili che si stabiliscono tra le ossa piatte del cranio

23 PRINCIPI GENERALI DI MOVIMENTO Tutti i movimenti, sia quelli semplici come il camminare che quelli complessi o fini come i movimenti che si compiono durante lattività motoria o fini come lo scrivere, sono in realtà combinazioni complesse di schemi motori semplici. Ogni movimento è determinato dalla sinergia di diversi componenti: -Le diartrosi che caratterizzano il tipo di movimento -I muscoli, linnervazione e le modalità di inserzione sono, invece, gli elementi caratterizzanti la forza e la destrezza del movimento. I tipi di movimento consentiti alle articolazioni mobili o diartrosi sono essenzialmente 4: I.Scivolamento II.Movimento angolare III.Rotazione IV.Circomduzione

24 LE LEVE Una leva è una macchina semplice, un dispositivo costruito dall'uomo per vincere mediante una forza, detta motrice, un'altra forza detta resistente. E costituita da: -Il fulcro ossia il punto attorno al quale ruota la leva -Il braccio della forza definita come la porzione di leva compresa tra il fulcro ed il punto di applicazione della forza -Il braccio del carico definita come la porzione di leva compresa tra il fulcro ed il punto di applicazione del carico. Si riconoscono leve di prima, di seconda e di terza classe

25 Il movimento allinterno del corpo del corpo umano è il prodotto della complessa disposizione delle 3 classi di leve. I fulcri sono generalmente situati a livello delle articolazioni Il carico consiste, generalmente, nel peso corporeo o in qualche resistenza interna. La forza è prodotta dallazione muscolare.

26 LEVE DI PRIMA CLASSE LEVE DI PRIMA CLASSE La leva di prima classe ha il fulcro compreso compreso tra il braccio del carico e quello della forza La leva di prima classe è usata per bilanciare il peso del corpo; di solito non cè guadagno di resa meccanica. Poggiando, ad esempio, sullarto inferiore destro, si crea una leva di prima classe atta a bilanciare il peso del corpo in cui: -Il fulcro è costituito dallarticolazione dellanca -Il carico è costituito dal peso corporeo -La forza è costituita dalla contrazione del piccolo e medio gluteo

27 LEVE DI SECONDA CLASSE Una leva di seconda classe (carriola) è caratterizzata dallavere il fulcro ad una delle estremità e la forza applicata sullaltra. E caratterizzata da una notevole resa meccanica, in quanto in grado di spostare carichi pesanti anche se a velocità moderata. Un tipico esempio, applicato al corpo umano, è rappresentato dal sollevarsi sulle punte del piedi; in questo caso, infatti: -Le teste dei metatarsi costituiscono il fulcro -Il peso del corpo è il carico -La contrazione dei muscoli del polpaccio garantiscono la forza

28 LEVE DI TERZA CLASSE Una leva di seconda classe è caratterizzata dallavere il fulcro ad una delle estremità, il carico applicato sullaltra e la forza nel mezzo. La leva di terza classe è quella più frequentemente presente nel corpo umano. Funziona con minore efficienza meccanica perché in grado di spostare pesi di minore entità, ma spesso con una notevole velocità. La contrazione del bicipite brachiale a livello del gomito ne è un classico esempio; in questo caso: -Il fulcro è rappresentato dal gomito. -Il carico è costituito dal peso dellavambraccio e della mano -La contrazione del bicipite brachiale garantisce la forza

29 I MOVIMENTI I principali tipi di movimento sono 4: 1.Scivolamento 2.Movimento angolare 3.Rotazione 4.Circomduzione

30 LO SCIVOLAMENTO Tipico delle artrodie. E il movimento più semplice che possa compiere unarticolazione Consiste nello scivolamento di una superficie articolare sullaltra senza componenti rotatorie e modificazioni angolari.

31 MOVIMENTI ANGOLARI Raramente lesecuzione dei movimenti che coinvolge un segmento corporeo rispetto ad un altro si verifica su di un unico piano. Tuttavia, per semplicità di comprensione, conviene considerare separatamente i movimenti sui 3 assi. Il movimento angolare: - è caratteristico delle enantrosi, condilartrosi, delle articolazioni a sella e dei ginglimi angolari. -Determina la riduzione o lampliamento dellangolo compreso fra le due ossa che costituiscono larticolazione. Nelluomo i movimenti angolari sono 4 e risultano particolarmente evidenti negli arti superiore ed inferiore.

32

33 I 4 movimenti angolari sono: I.Flessione o piegamento II.Estensione o raddrizzamento III. Abduzione o allontanamento IV. Adduzione o avvicinamento. La flessione e lestensione si verificano nel piano parasagittale: -La flessione consiste nel piegare due segmenti corporei contigui in un piano parasagittale in maniera tale da avvicinarne le superfici articolari anteriori o posteriori: piegare il gomito, ad esempio, significa compiere una flessione per avvicinare lavambraccio e il braccio in modo che le superfici anteriori risultino contrapposte luna allaltra; allopposto piegare il ginocchio significa avvicinare le superfici posteriori della gamba e della coscia. -Lestensione è il movimento contrario alla flessione e consiste nellallontanare due superfici articolari contrapposte lungo il piano sagittale.

34 Labduzione e ladduzione sono, invece, movimenti che si verificano nel piano frontale. -labduzione consiste, quindi, nel muovere un segmento lungo il piano frontale in maniera tale che questo si allontani dalla linea mediana del corpo: il movimento dellarto superiore che si allontana da lato del tronco. -Ladduzione, viceversa, consiste nel muovere un segmento lungo il piano frontale in maniera tale che questo si avvicini alla linea mediana del corpo: il movimento dellarto superiore che lo avvicina al lato del tronco.

35

36 Il movimento di rotazione, che avviene nel piano orizzontale, si attua quando un osso ruota attorno ad un asse che può essere la sua stessa diafisi, come nella rotazione dellomero, o può coincidere con un altro osso, come nel caso dellatlante che ruota attorno al dente dellepistrofeo. E caratteristica dei ginglimi Può essere laterale o mediale: -La rotazione mediale consiste nella rotazione di un arto rispetto al suo asse longitudinale, in maniera tale da disporre la sua superficie anteriore verso la linea mediana: ruotando internamente la gamba, le dita del piede si avvicinano alla linea mediana del corpo -La rotazione laterale consiste nella rotazione di un arto rispetto al suo asse longitudinale, in maniera tale da allontanare la sua superficie anteriore dalla linea mediana: ruotando esternamente la gamba, le dita del piede si allontanano alla linea mediana del corpo. Si usano i termini pronazione e supinazione per descrivere la rotazione allinterno e allinterno della mano e del piede.

37

38 CIRCUMDUZIONE Movimento tipico dellenantrosi, in particolare della spalla e dellanca. E un movimento complesso, risultante dalla combinazione dei movimenti di flesso-estensione, di abduzione e di adduzione Consiste nel descrivere tramite un osso lungo uno spazio conico in cui la circonferenza di base è disegnata dallestremità distale dellosso ed il vertice si trova nella cavità articolare.

39 I MUSCOLI SCHELETRICI NEL MOVIMENTO Il muscolo scheletrico è un organo composto da vari tipi diversi di tessuto, che comprendono: - il tessuto muscolare scheletrico, - il tessuto vascolare, - il tessuto nervoso e vari tipi di tessuto connettivo. Sono, quindi, dei veri e propri organi in cui si riconoscono macroscopicamente due componenti: - Il ventre, la porzione rossa e carnosa costituita in massima parte dalle fibre muscolari - Una porzione bianca e lucente definita tendine che si inserisce sullosso, costituita per massima parte di tessuto connettivo. Tortora, Derrickson Conosciamo il corpo umano © Zanichelli editore 2009

40 Il muscolo si inserisce sullosso in due punti o inserzioni: -Il capo di origine, definito come il punto di terminazione del muscolo più vicino alo scheletro e di conseguenza meno mobile -Il capo di inserzione ossia il punto di terminazione dl muscolo più distale rispetto allo scheletro. A volte però ci possono essere più capi di origine (bicipite brachiale, tricipite, quadricipite) o più inserzioni (flessore ed estensore comune delle dita). A seconda della loro origine, i muscoli si distinguono in: -Estrinseci se hanno origine esterna e linserzione sulle ossa della zona considerata -Intrinseci se hanno origine e inserzione sulle ossa della zona considerata.

41

42 FORMA E DIMENSIONE DEI MUSCOLI I muscoli scheletrici si classificano sulla base di alcuni parametri: La forma; si riconoscono, infatti muscoli - Lunghi o nastriformi -Piatti, nel qual caso le formazioni connettivali che le uniscono alle ossa sono dette aponeurosi -Brevi -Anulari o orbicolari.

43 Lorientamento delle fibre muscolari che ne compongono il ventre: essenzialmente landamento delle fibre allinterno di un muscolo può essere solo di due tipi ossia -Parallelo=aspetto fusiforme (bicipite brachiale); la contrazione si verifica per la massima distanza possibile ma con limitata efficacia -Obliquo rispetto alla linea di trazione (contrazione) del muscolo= lamina larga e sottile (obliquo esterno delladdome); I muscoli le cui fibre hanno un andamento obliquo, non riescono ad accorciarsi allo stesso modo, ma sono raggruppate in elevato numero per unità di superficie consentendo una maggiore potenza dal punto di vista contrattile rispetto ad un muscolo fusiforme. Questa distribuzione delle fibre, nota come pennata, riconosce 3 varianti principali: -Muscoli unipennati in cui le fibre sinseriscono soltanto ad unestremità del tendine -Muscoli bipennati in cui è presente un setto centrale e le fibre muscolari si attaccano a entrambi i lati del setto -Muscoli multipennati in cui i muscoli presentano svariati setti centrali da cui dipartono le fibre

44

45

46 Il diverso numero di capi o ventri (bicipite, tricipite, quadricipite digastrici e poligastrici Il tipo dazione: caratteristica specifica dei muscoli scheletrici è quella di lavorare in coppia; un singolo muscolo non muoverebbe losso poichèla sua azione è dovuta solo alla contrazione. Per questo motivo ci devono essere almeno due muscoli con funzione opposta. Si riconoscono, pertanto: -Muscoli antagonisti: i muscoli che lavorano in coppia con azioni opposte per produrre il movimento -Muscoli sinergici ossia quei muscoli che collaborano con gli agonisti.

47 I muscoli vengono classificati anche in base del tipo di movimento consentito alle diverse parti del corpo. Si distinguono quindi: -Muscoli flessori ed estensori -Muscoli abduttori e adduttori -Muscoli pronatori e supinatori -Muscoli rotatori esterni ed interni

48


Scaricare ppt "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTA DI SCIENZE MOTORIE CORSO INTEGRATO DI ISTOLOGIA ANATOMIA & FISIOLOGIA MODULO DI ANATOMIA AA 2011-2012 Dott.ssa."

Presentazioni simili


Annunci Google