La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA FILOSOFIA DEL PROGETTO La fondazione Cariplo ha promosso il Progetto Scuola 21 per colmare alcune lacune della Scuola italiana, in particolare quella.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA FILOSOFIA DEL PROGETTO La fondazione Cariplo ha promosso il Progetto Scuola 21 per colmare alcune lacune della Scuola italiana, in particolare quella."— Transcript della presentazione:

1 LA FILOSOFIA DEL PROGETTO La fondazione Cariplo ha promosso il Progetto Scuola 21 per colmare alcune lacune della Scuola italiana, in particolare quella di non fornire tutti gli strumenti necessari per affrontare i problemi in modo corretto ed interdisciplinare. Questo progetto dovrebbe contribuire a modificare latteggiamento delle giovani generazioni accrescendone le competenze ed invitandole ad agire e pensare in modo critico. La fondazione ha deciso, quindi, di affrontare, il tema delleducazione alla sostenibilità ambientale. Il progetto è stato sperimentato in dodici scuole campione della Lombardia e verrà diffuso su larga scala.

2 ISTITUTO GIORGI: OBIETTIVO: Sensibilizzare le persone sullambiente che le circonda e la riqualificazione dellambiente stesso. Per la riqualificazione del territorio abbiamo deciso di ???? elementi del quartiere Conca Fallata: la chiesa Santa Maria alla Fonte e la turbina della Conca Fallata. FASI: - Raccolta delle idee -Sopralluogo per individuare nel quartiere gli elementi da valorizzare con il progetto -Scelta dopo brain storming del prodotto da realizzare -Assegnazione del lavoro da svolgere, dividendosi in gruppi, ognuno dei quali era responsabile della realizzazione di una parte dellevento -Sviluppo ed elaborazione delle idee raccolte da parte dei gruppi -Assemblaggio dei lavori svolti per finalizzare la presentazione -Presentazione finale del lavoro svolto per il progetto

3 - PULIZIA - P. MODELLINO - EVENTO Gruppi: Donini, Marinaro Feola, Lombardi, Di Benedetto, Cappelupo,Calzone Responsabili: Pozzoli, Stella, Cassano Tutta la classe DIVISIONE IN GRUPPI - P. VIRTUALE Responsabili: Vlad, Pozzoli, Donini

4 MEDIOEVO Abbiamo desiderato ampliare il discorso della Conca Fallata studiando il periodo storico in cui è stata edificata la Chiesa Rossa: il Medioevo. Unepoca storica molto spirituale e profonda non solo per la gente comune ma anche per gli intellettuali, come Dante. Le chiese erano un punto non solo di preghiera, ma anche di ritrovo sociale. Molti di noi immaginano il Medioevo come un tempo ricco di leggende, caratterizzato da guerre come le famose Crociate, da ordini cavallereschi con un loro rigoroso codice etico e morale: i Templari, Re Artù e la tavolo rotonda, Robin Hood. I menestrelli cantavano nelle piazze le loro ballate locali, tramandando a noi le loro gesta. Le persone desideravano un rapporto più vicino possibile a Dio, desiderio che si realizzò attraverso la diffusione del monachesimo in tutta lEuropa.

5 .

6

7 .

8

9 .

10 .

11

12 LORD RANDAL "O where ha you been, Lord Randal, my son? And where ha you been, my handsome young man?" "I ha been at the greenwood; mother, mak my bed soon, For I'm wearied wi hunting, and fain wad lie down." "An wha met ye there, Lord Randal, my son? And wha met ye there, my handsome young man?" "O I met wi my true-love; mother, mak my bed soon, For I'm wearied wi huntin, and fain wad lie down." "And what did she give you, Lord Randal, my son? And wha did she give you, my handsome young man?" "Eels fried in a pan; mother, mak my bed soon, For I'm wearied wi huntin, and fein wad lie down." "And what gat your leavins, Lord Randal my son? And wha gat your leavins, my handsome young man?" "My hawks and my hounds; mother, mak my bed soon,

13 For I'm wearied wi huntin, and fein wad lie down. And what becam of them, Lord Randal, my son? And what becam of them, my handsome young man? They stretched their legs out and died; mother mak my bed soon, For I'm wearied wi huntin, and fain wad lie down. O I fear you are poisoned, Lord Randal, my son! I fear you are poisoned, my handsome young man! O yes, I am poisoned; mother, mak my bed soon, For I'm sick at the heart, and fain wad lie down. What d'ye leave to your mother, Lord Randal, my son? What d'ye leave to your mother, my handsome young man? Four and twenty milk kye; mother, make my bed soon, For I'm sick at the heart, and I fain wad lie down. What d'ye leave to your sister, Lord Randal, my son? What d'ye leave to your sister, my handsome young man?" "My gold and my silver; mother mak my bed soon,

14 For I'm sick at the heart, an I fain wad lie down. What d'ye leave to your brother, Lord Randal, my son? What d'ye leave to your brother, my handsome young man? My houses and my lands; mother, mak my bed soon, For I'm sick at the heart, and I fain wad lie down. What d'ye leave to your true-love, Lord Randal, my son? What d'ye leave to your true-love, my handsome young man?" I leave her hell and fire; mother mak my bed soon, For I'm sick at the heart, and I fain wad lie down."

15 STORIA DELLA CHIESA La Chiesa di S. Maria alla Fonte fu edificata in diverse fasi dal secolo IX-X al secolo XIII su edifici preesistenti. Gli ultimi interventi furono realizzati nel Sotto la pavimentazione della chiesa sono tuttoggi presenti porzioni di muratura di epoca romana, del II sec. a.C. e paleocristiana, del V secolo d.C. In origine la chiesa era tutta affrescata; ora rimangono solo tracce delle antiche decorazioni.

16 La chiesa fa parte di un complesso comprendente cascine ed edifici ad uso agricolo e sorge su di unarea caratterizzata dalla presenza di rogge e canali artificiali in adiacenza del Naviglio Pavese. Nel marzo 2004 è stato terminato il restauro di metà della cascina, adibendola a Biblioteca Civica, dotata di tutti i più moderni impianti informatici.

17 ARCHEOASTRONOMIA: ASTRONOMIA,GEOMETRIA E SIMBOLISMO COSMICO IN UNA CHIESA ROMANICA È ormai accertato che le chiese romaniche vennero edificate tenendo conto nella loro progettazione di particolari criteri geometrici ed astronomici, in particolare lorientamento della navata centrale, la disposizione delle monofere negli absidi e il loro orientamento fu deciso in modo tale che la luce del sole, nascente allalba in alcuni particolari giorni dellanno potesse penetrarvi generando suggestivi giochi di luci, i quali rivestivano una notevole importanza dal punto di vista simbolico.

18 Talvolta furono anche la luna e le stelle ad essere prese in considerazoine ai fini dellorientamento degli edifici sacri. Sulle facciate delle chiese romaniche sono spesso presenti alcune aperture (monofore, bifore, oculi e rosoni) poste sopra la porta di ingresso attraverso le quali la luce del sole al tramonto, in alcuni particolari giorni dellanno, entrava generando fasci di luce, che andavano a proiettarsi su alcuni particolari architettonici ben determinati e di grande importanza simbolica, quali ad esempio gli altari. Queste proiezioni, visibili ancora oggi, erano deliberatamente calcolati e i metodi utilizzati al tal fine spesso costituivano un patrimonio culturale tenuto strettamente segreto dalla corporazione degli architetti e dei costruttori medioevali.

19 Il progetto di studio i cui risultati sono presentati in questa sede si è proposto di eseguire il rilievo archeoastronomico della chiesa romanica Santa Maria alla Fonte (facciata chiesa)(retro chiesa) Lanalisi archeoastronomica di ciascuna chiesa romanica permette di ricostruire i criteri applicati durante la fase costruttiva, caso per caso, e mediante lanalisi globale estesa anche a molti edifici di culto costruiti durante particolari periodi storici, di ricostruire le conoscenze, matematiche, geometriche ed astronomiche delle corporazioni di costruttori operanti sul territorio durante il medioevo ed il loro significato simbolico.

20 LA CHIESA

21 IL PROBLEMA Scritte su tutti i muri... …anche su quelli della chiesa ERANO COMPLETAMENTE RICOPERTI DA SCRITTE Quando abbiamo effettuato il primo sopralluogo sia i muri delle fontane che i muri della Chiesa…

22 COME LABBIAMO TROVATA… … QUALCHE MESE DOPO Meno scritte sui muri delle fontane Niente più scritte sul muro dentrata Quando abbiamo effettuato la seconda visita in loco… …Niente più scritte sui muri

23 ORA CI MANCAVA DA RISOLVERE SOLO UN PROBLEMA la PUBBLICITA'

24 MODELLINO Una delle fasi della preparazione allevento è la progettazione e costruzione di un modellino ad immagine e somiglianza della Chiesa

25 FRATI CAPPUCCINI

26 CHI: i frati capuccini FILOSOFIA E STILE DI VITA: stile di vita francescana, semplice e austera, vicina alla gente, cresciuta in una quotidianità fraterna e orante. QUANDO E DOVE: XXVI secolo nelle Marche e in Calabria COSA FARE : iniziative di edilizia religiosa, popolare e di organizzazione socio-economica e culturale. Iniziative di alta visibilità spirituale

27

28

29

30 CANTICO DELLE CREATURE Altissimu, onnipotente bon Signore, Tue so' le laude, la gloria e l'honore et onne benedictione. Ad Te solo, Altissimo, se konfano, et nullu homo ène dignu te mentovare. Laudato sie, mi' Signore cum tucte le Tue creature, petialmente messor lo frate Sole, lo qual è iorno, et allumini noi per lui. Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore: de Te, Altissimo, porta significatione. Laudato si', mi Signore, per sora Luna e le stelle: in celu l'ài formate clarite et pretiose et belle. Laudato si', mi' Signore, per frate Vento et per aere et nubilo et sereno et onne tempo, per lo quale, a le Tue creature dài sustentamento.

31 Laudato si', mi' Signore, per sor Aqua, la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta. Laudato si', mi Signore, per frate Focu, per lo quale ennallumini la nocte: ed ello è bello et iocundo et robustoso et forte. Laudato si', mi' Signore, per sora nostra matre Terra, la quale ne sustenta et governa, et produce diversi fructi con coloriti flori et herba. Laudato si', mi Signore, per quelli che perdonano per lo Tuo amore et sostengono infirmitate et tribulatione.

32 Beati quelli ke 'l sosterranno in pace, ka da Te, Altissimo, sirano incoronati. Laudato si' mi Signore, per sora nostra Morte corporale, da la quale nullu homo vivente po' skappare: guai a quelli ke morrano ne le peccata mortali; beati quelli ke trovarà ne le Tue sanctissime voluntati, ka la morte secunda no 'l farrà male. Laudate et benedicete mi Signore et rengratiate e serviateli cum grande humilitate

33

34 LASSEMBLAGGIO…

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44 LABORATORI

45

46

47 I.TI.S GIORGI &L.TECNOLOGICO 2°A & 3°AT

48 LE CLASSI DEL GIORGI 3°AT 2°A

49 I RAGAZZI DEL GIORGI RINGRAZIANO PER LA COLLABORAZINE… -Ingegnere Ansaloni (responsabile progettazione a2a) -Istituto Zappa -Compagnia Chiaravalle -Frati cappuccini della chiesa Santa Maria alla Fonte -Fondazione Cariplo -Centro giovani Rebelot

50 INOLTRE PER LA PAZIENZA E PER LAIUTO RINGRAZIAMO La professoressa marina Gagliano La professoressa Valeria Chatzipetros

51 FORSE TUTTO QUESTO E STATO POSSIBILE GRAZIE A LORO La professoressa Rita Di Biase (inglese)

52 La professoressa Silvia Ricci (chimica)

53 La professoressa Loredana Mazzetti (biologia)

54 La Professoressa Silvia Motta (fisica)

55 La Professoressa Anna Buscemi (italiano)

56 La professoressa Manuela Zarattini (matematica)

57 GRAZIE DALLA 3°AT


Scaricare ppt "LA FILOSOFIA DEL PROGETTO La fondazione Cariplo ha promosso il Progetto Scuola 21 per colmare alcune lacune della Scuola italiana, in particolare quella."

Presentazioni simili


Annunci Google