La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE COORDINAMENTO PER L INSEGNAMENTO L2 DI ADELAIDE MECOZZI PATRICIA POGGI ARIANNA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE COORDINAMENTO PER L INSEGNAMENTO L2 DI ADELAIDE MECOZZI PATRICIA POGGI ARIANNA."— Transcript della presentazione:

1 ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE COORDINAMENTO PER L INSEGNAMENTO L2 DI ADELAIDE MECOZZI PATRICIA POGGI ARIANNA BIONDI ANNO SCOLASTICO 2012/2013

2 ATTIVITA DI PROGETTAZIONE 1.PROGETTO LETTORE MADRELINGUA: SCUOLA PRIMARIA Diffusione delle lettere informative alle colleghe di L2; Formalizzazione progetto madrelingua e relativa diffusione alle famiglie; Coinvolgimento di più classi possibili; Ricognizione delle classi partecipanti al progetto; Gestione contatti extrascolastici (Komalingua/ Paul Buono) per linvito della lettrice/lettore e riunioni con gli stessi per progettare il percorso da effettuare I costi del progetto sono stati sostenuti dalle famiglie

3 CLASSI COINVOLTE E DURATA COMPLESSIVA DELLE ATTIVITA SILVIO ZAVATTI cl. II B/C 1 h settimanale per un totale di 5 h per ciascuna classe in orario curricolare cl. IV B 1 h settimanale per un totale di 15 ore in orario curricolare cl. V A/B 1 h settimanale per un totale di 15 ore per ciascuna classe in orario curricolare ANITA GARIBALDI cl. I A/B/C/D 1 h settimanale per un totale di 5 h per ciascuna classe in orario curricolare cl. III A/B/D 1h settimanale per un totale di 5h per ciascuna classe in orario curricolare cl. V A/B – 1 h settimanale per totale di 15 ore per ciascuna classe in orario curricolare

4 SCUOLA INFANZIA PLESSO VIALE VITTORIO VENETO: Le lezioni di L2 ai bambini di 5 anni sono state effettuate a titolo gratuito dalla Sig.ra A.L.Hopkinsons totale monte ore: 30 h per i due gruppi di bambini di 5 anni con cadenza di 1 h settimanale per gruppo. Il 13 giugno cè stata la manifestazione finale a cui sono stati invitati i genitori PLESSO CIRO MENOTTI Le lezioni di L2 sono state effettuate dallins. Lorena Cancellieri in orario curricolare. 6 h di lettore madrelingua a carico della scuola Il 18 giugno:manifestazione finale a cui sono stati invitati i genitori PLESSO VIA DEI MILLE Le lezioni di L2 sono state effettuate dallins. M.Marchetta :20h totali per i due gruppi – 45m settimanali per ogni gruppo 6h di lettore madrelingua settimanale per ciascun gruppo con cadenza settimanale per un monte ore totale di 12 h a carico della scuola Il 10 giugno cè stata la manifestazione finale a cui hanno partecipato anche i genitori

5 SCUOLA MEDIA ANNIBAL CARO Il progetto del lettore è stato attivato in orario pomeridiano a partire da gennaio. Totale monte ore 42: -21 h. per le classi I e II (10 alunni) -21 h. per le classi III (9 alunni) Il costo è stato a carico delle famiglie Il servizio è stato prestato dalla ETON SCHOOL 3 alunni hanno sostenuto lesame KET (esito comunicato entro fine giugno)

6 2. PROGETTO CERTIFICAZIONI BRITISH INSTITUTES obiettivi iniziali e risultati ottenuti Diffusione delle informazioni ai genitori e agli insegnanti Diffusione di uninformativa presso tutte le classi interessate Monitoraggio del numero dei bambini per ladesione allesame di certificazione Inscrizioni degli alunni (tot.26) appartenenti alle classi V di entrambi i plessi di Scuola Primaria dell ISC Gestione della documentazione inviata allEnte certificatore e predisposizione del Timetable; Organizzazione e predisposizione delle giornate degli esami: 28/05/2013 nel plesso A.GARIBALDI; 30/05/2013 nel plesso S.ZAVATTI; Il risultato degli esami è stato positivo per tutti gli alunni; Organizzazione delliniziativa per la consegna dei diplomi (data da definirsi)

7 3. PROGETTO COMENIUS IL Progetto dal titolo: IEAEI: INCLUSIVE EDUCATION :AN ALLY FOR A EUROPEAN IDENTITY -Si è concluso il 31 luglio E stato riconosciuto come uno fra i MIGLIORI 8 PROGETTI COMENIUS del biennio ed è stato illustrato, su invito della commissione europea dal coordinatore, insegnante Ireneos GEORGIOU a BRUXELLES nel maggio del Anche la nostra Agenzia Nazionale, ha apprezzato la validità del lavoro svolto e ci ha chiesto di scrivere un articolo in merito alla nostra esperienza che è pubblicato nel sito LLP; di seguito il link m=1&style=comenius&pag=1http://www.programmallp.it/box_contenuto.php?id_cnt=3142&id_fro m=1&style=comenius&pag=1

8 Nel FEBBRAIO 2013 è stato presentato un nuovo progetto COMENIUS -TITOLO: RELIGION - BETWEEN MYTH AND REALITY (MYTHS, LEGENDS AND TRADITIONS: A BRIDGE AMONG DIVIDED PEOPLE) -PAESI PARTECIPANTI: Romania,Italia,Cipro, Bulgaria, Portogallo,Germania,Turchia -PAESE COORDINATORE: Italia -CLASSI COINVOLTE: IV e V scuola PRIMARIA;I-II scuola Media Inferiore -Avremo una risposta entro fine giugno, inizio luglio 2013

9 4. GIORNATA EUROPEA DELLE LINGUE OBIETTIVI INIZIALI E RISULTATI OTTENUTI Diffusione di uninformativa sulliniziativa; Ricognizione delle proposte, Organizzazione della presentazione delle attività realizzate

10 Il 26/09/2012 è stata celebrata la Giornata Europea delle Lingue secondo il programma che segue: CLASSI PRIME Esecuzione di una canzoncina in lingua inglese già di loro conoscenza e costruzione della bandiera italiana e europea CLASSI SECONDE Disegno della bandiera europea, italiana e di quella inglese con relative diciture. CLASSSI TERZE Breve spiegazione sulla nascita e significato della bandiera europea, cenni sul motto europeo e suo significato CLASSI QUARTE Cenni storici circa i simboli della U.E. ( bandiera, moneta, inno, motto, logo). Conoscenza sulle origini della nascita della bandiera del Regno Unito. CLASSI QUINTE Presentazione in maniera più dettagliata di quanto già esposto per le classi quarte. Presentazione e conoscenza dei paesi anglofoni: U.S.A., Canada, Australia.

11 ATTIVITA COMUNI SVOLTE IN TUTTE LE CLASSI Bandiera europea appesa alla porta di ogni classe il giorno 26/09/2012; Ascolto dellInno europeo; Presentazione dei Paesi europei conosciuti dai bambini (riferimento progetto Comenius concluso nel luglio 2012)

12 5.PROGETTO SPERIMENTALE TEACHING ENGLISH TROUGH ENGLISH UTILIZZANDO LA METODOLOGIA CLIL Classi IV dell ISC: Help our planet Classi V dellISC: You are what you eat Monitoraggio su web del materiale inerente alle tematiche scelte e riferimento dello stesso che è stato selezionato; Ricerca di materiale cartaceo consultando tutti i libri e i sussidi multimediali,e alle risorse proposte durante i corsi di aggiornamento, selezione e scelta di quello più adatto; Realizzazione/ organizzazione degli strumenti da usare nelle lezioni – classi IV : Bins per la raccolta differenziata per comprendere Learn by doing il Recycle; realizzazione di un gadget con materiale riciclato; Realizzazione/ organizzazione degli strumenti da usare nelle lezioni – classi V : Piramide alimentare.

13 PIANIFICAZIONE DEI PROGETTI VALUTARE LADEGUATEZZA DEL PIANO INIZIALE PUNTI DI FORZA 1.Presenza di una figura di coordinamento per far collimare i piani dei progetti con le aspettative programmate; 2.Mantenere viva lattenzione dell Istituto intorno alle iniziative che riguardano la lingua inglese; 3.Avere proposto lesame di certificazione solo in classe V, quando il livello raggiunto è adeguato alla prova ed evidenzia la fine di un percorso scolastico 4.La cerimonia di consegna del diploma di certificazione British, anche questanno, è risultata un momento di emozione, gratificazione e partecipazione da parte di alunni e famiglie 5.La visibilità del progetto L2 nella scuola dellinfanzia con lo spettacolo finale è stato apprezzato dalle famiglie e gradito dai bambini

14 PUNTI DI CRITICITA La realizzazione di due progetti in un monte ore di 3 limita il consolidamento e l approfondimento di alcuni aspetti specifici della lingua nelle classi interessate; Lettore madrelingua, sarebbe opportuno trovare una modalità organizzativa diversa riguardo le adesioni e il finanziamento del corso; Relativamente allesame di certificazione nel corrente anno si è verificato un cambiamento della prova senza darne preavviso mentre gli alunni erano stati preparati ad una modalità diversa. Nonostante questo lesito è stato positivo per tutti.

15 ANALISI DELLEVOLUZIONE DEL PIANO DURANTE LO SVOLGIMENTO DEI PROGETTI Laggiornamento dei progetti ha influito positivamente sullandamento degli stessi perché ha consentito di apportare delle modifiche funzionali al suo corretto completamento. VALUTAZIONE DELLE AREE SUSCETTIBILI AL MIGLIORAMENTO Ricercare opportunità collegiali (utilizzando anche le riunioni di programmazione previste) per allineare il lavoro curriculare con i progetti previsti.

16 VALUTARE LEFFICIENZA: identificare le capacità di soluzioni di problemi tecnici I problemi sorti sono: Raccordare lorario del lettore con lorario della disciplina La raccolta delladesione unanime da parte dei genitori ha creato difficoltà

17 GESTIONE DEL PROGETTO L2 VALUTARE COME E STATO GESTITO IL PROGETTO RIUNIONI Alle riunioni, tenutesi di solito nellorario della programmazione prevista dal calendario di circolo, hanno partecipato le insegnanti referenti di L2, per definire, anche, unimpostazione comune dellinsegnamento della L2 e monitorarne lo stato dellarte ( chi- che cosa- quando); Altre riunioni, svoltosi al di fuori del calendario, sono state previste per gli incontri relativi agli esperti esterni (Signora Viviana Dal Pont Dirigente della scuola Komalingua e insegnante madrelingua per il Lettore di Madrelingua). COMUNICAZIONI Le comunicazioni alle insegnanti e ai genitori sono avvenute ogni qualvolta è stato necessario e sono state divulgate tramite circolari, riunioni, posta elettronica.

18 ESPERIENZE POSITIVE Buona collaborazione col lo staff delle scuole con cui lavoriamo.

19 FINE RELAZIONE


Scaricare ppt "ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE COORDINAMENTO PER L INSEGNAMENTO L2 DI ADELAIDE MECOZZI PATRICIA POGGI ARIANNA."

Presentazioni simili


Annunci Google