La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO PROGETTO DI EDUCAZIONE SCIENTIFICA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO PROGETTO DI EDUCAZIONE SCIENTIFICA."— Transcript della presentazione:

1 I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO PROGETTO DI EDUCAZIONE SCIENTIFICA

2 Origine del progetto Il primo progetto nacque nellanno scolastico 2003/04 in seguito alla partecipazione di un gruppo di insegnanti allattività di formazione in servizio organizzata nellambito del progetto regionale Leducazione scientifica nella scuola. Negli anni scolastici successivi sono stati coinvolti i colleghi delle classi parallele disponibili a mettersi in gioco sulla modalità di lavoro conosciuta. Lattività del gruppo è formalmente inserita, dal 2004/05, nel Piano dellOfferta Formativa. Nel 2008 e nel 2009 ha potuto disporre di un finanziamento ottenuto nellambito del Progetto Scuole Aperte. Nellanno scolastico 2009 – 2010 il Comitato Tecnico Scientifico del Progetto per lEducazione Scientifica della Regione Toscana ha validato il progetto Educazione Scientifica che è stato inserito nellapposito sito

3 ANALISI DEI BISOGNI I risultati di studi internazionali evidenziano le carenze nellinsegnamento – apprendimento delle materie scientifiche degli studenti italiani. Linsegnamento scientifico consiste nella trasmissione, attraverso la mediazione dellinsegnante, di contenuti molto complessi.

4 Scegliere i contenuti,insegnare alcune cose bene e fondo, individuare nuclei fondanti. Metodologie didattiche, diversamente articolate in relazione sia alletà degli studenti che alla specificità dei saperi disciplinari. Individuazione di un curricolo cioè che cosa e come insegnare alle varie età.

5 Destinatari Gli insegnanti di area scientifica delle classi I, II, III, IV, V dei tre plessi di scuola primaria del circolo, per un totale di 25 docenti e 450 alunni.

6 Finalità progettare percorsi concettuali e didattici sviluppare la didattica laboratoriale sviluppare le attività di modellizzazione e schematizzazione per imparare a descrivere e interpretare fenomeni. avviare all acquisizione dei linguaggi e dei modi di operare della scienza. educare alla convivenza democratica

7 Obiettivi del progetto progettare un curricolo verticale per le scienze allestire percorsi di esperienze da svolgere con i bambini arricchire l archivio di unità didattiche aumentare luso del laboratorio :come luogo fisico e come luogo della mente

8 Struttura del Progetto Il progetto si articola come segue: PROGETTAZIONE riunioni periodiche dei docenti per: progettazione del curricolo verticale di scienze, scelta dei contenuti; progettazione delle attività da svolgere successivamente con i bambini; confronto e discussione delle attività svolte nel periodo intercorrente fra due riunioni.

9 SPERIMENTAZIONE sperimentazione con i bambini delle attività programmate Raccolta e redazione delle attività didattiche sperimentate Arricchimento dellarchivio didattico del circolo CREAZIONE DI UN ARCHIVIO

10 Il metodo di lavoro è di tipo FENOMENOLOGICO-OPERATIVO che si articola in CINQUE FASI. METODOLOGIA

11 PRIMA FASE SPERIMENTAZIONE-OSSERVAZIONE I percorsi didattici si sviluppano sulla base di fenomenologie che si potranno sperimentare e/o osservare.

12 SECONDA FASE VERBALIZZAZIONE SCRITTA INDIVIDUALE attraverso la riflessione sullesperienza e la mediazione del linguaggio inizia la costruzione della conoscenza, il linguaggio permette di svolgere le attività di descrizione, rappresentazione, individuazione di differenze e somiglianze, relazioni e connessioni causali, classificazione e definizione, deve essere pensiero direttamente in azione, il linguaggio principale potrà essere costituito da un disegno o da uno schema grafico.

13 TERZA FASE DISCUSSIONE COLLETTIVA E CONFRONTO lintervento dei pari contribuisce allaffinamento, con correzioni e completamenti, della costruzione della conoscenza.

14 QUARTA FASE MODIFICA E INTEGRAZIONE correzione, modifica e integrazione, alla luce della discussione collettiva, della precedente concettualizzazione. affinamento della concettualizzazione.

15 QUINTA FASE SINTESI Realizzazione di una sintesi scritta graficamente chiara e linguisticamente corretta prodotta dallinsegnante alla fine dellattività, utilizzando tutto il materiale prodotto e condiviso dagli studenti, necessità di chiarezza, anche grafica, e completezza incollata nel quaderno,che diventa un piccolo libro di testo e può sostituire e/o integrare il sussidiario.

16 VALUTAZIONE del progetto : verifica in itinere durante le riunioni periodiche attraverso il confronto delle problematiche incontrate, dallesame dei quaderni dei bambini e delle loro difficoltà. dellapprendimento : quaderno somministrazione prove di verifica specifiche sulle esperienze svolte.

17 RISULTATI Coinvolgimento della quasi totalità dei docenti di area scientifica del Circolo Produzione di un curricolo verticale delle scienze sperimentali inserito nel POF del Circolo. Sperimentazione di percorsi didattici formati da singole unità di apprendimento, inseriti in uno specifico archivio. Negli alunni si sono poste le basi per lo sviluppo di competenze dell'educazione scientifica e delleducazione alla convivenza democratica.


Scaricare ppt "I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO PROGETTO DI EDUCAZIONE SCIENTIFICA."

Presentazioni simili


Annunci Google