La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lastronomia e la didattica la didattica Fisica GeocentrismoedeliocentrismoLeggidiKeplero Italiano LastronomianellaDivinaCommedia Il pensiero letterario.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lastronomia e la didattica la didattica Fisica GeocentrismoedeliocentrismoLeggidiKeplero Italiano LastronomianellaDivinaCommedia Il pensiero letterario."— Transcript della presentazione:

1

2 Lastronomia e la didattica la didattica Fisica GeocentrismoedeliocentrismoLeggidiKeplero Italiano LastronomianellaDivinaCommedia Il pensiero letterario e lastronomia Storia e Filosofia Lastronomiae la Chiesa I filosofi elastronomia

3 …si assisterà alla completa frattura del paradigma precedente. (Thomas Kuhn )

4 Nel Medioevo ha dominato la teoria Aristotelico-Tolemaica, secondo cui Nel Medioevo ha dominato la teoria Aristotelico-Tolemaica, secondo cui luniverso è formato da orbite circolari concentriche, con centro la terra luniverso è formato da orbite circolari concentriche, con centro la terra Da essa emergeva la differenza tra la fisica sublunare (imperfetta, con moti rettilinei) e la sopralunare (perfetta, con moti circolari). Da essa emergeva la differenza tra la fisica sublunare (imperfetta, con moti rettilinei) e la sopralunare (perfetta, con moti circolari).

5 La difficoltà maggiore si trovò nel giustificare quei moti che non soddisfacevano la teoria in vigore. La difficoltà maggiore si trovò nel giustificare quei moti che non soddisfacevano la teoria in vigore. Tolomeo, per superare la difficoltà che emergeva dallosservazione dei pianeti che apparivano di grandezze diverse in diversi periodi dellanno, introdusse il concetto di Tolomeo, per superare la difficoltà che emergeva dallosservazione dei pianeti che apparivano di grandezze diverse in diversi periodi dellanno, introdusse il concetto di moto retrogrado

6 Ruolo dominante e oppressivo ebbe la Chiesa. Nel febbraio del 1600, a Roma, un eretico viene arso vivo e si scrive …. distoglie con disprezzo il volto dal crocifisso che gli porgono. Quell eretico è il filosofo Giordano Bruno ( ) Lo stesso Galileo riuscì ad evitare la condanna solo considerando le sue scoperte come semplici teorie matematiche.

7

8 La Chiesa, oltre a condannare le nuove teorie, ignorava quelle antiche. Gli Egizi, già nel 4281 a.C. elaborarono un calendario di 365 giorni molto simile al nostro. Robert Bauval scoprì che l'allineamento delle piramidi di Giza è un'immagine estremamente precisa della Cintura di Orione.

9

10 METODO SPERIMENTALE Ciò che caratterizza la rivoluzione, è anche lintroduzione del METODO SPERIMENTALE, introdotto da Galilei, che si basa sullesperimento oltre che sullesperienza. La novità essenziale, era quella di creare in laboratorio una situazione artificiale.

11 Fu il primo a ipotizzare un sistema eliocentrico e a introdurre il concetto di moto apparente. Il moto retrogrado infatti, era un moto apparente dovuto alla diversa velocità dei pianeti.

12 Determinò in modo più preciso le orbite dei pianeti, ma non abbandonò del tutto il sistema geocentrico. Egli, infatti, ipotizzò un compromesso tra i due sistemi.

13 Con le sue scoperte formulò le tre leggi omonime: Prima Legge Lorbita dei pianeti è ellittica e il sole occupa uno dei fuochi;

14 Seconda legge Il raggio vettore che va dal sole al pianeta spazza aree uguali in intervalli di tempo uguali;

15 Terza legge I quadrati dei periodi di rivoluzione dei pianeti sono proporzionali ai cubi della loro distanza dal sole.

16 Le scoperte sulle macchie solari, i crateri lunari e i satelliti di Giove attestarono che la fisica sopralunare non era perfetta rispetto a quella Sublunare e che non tutto gira attorno alla Terra.

17 Lobiezione più forte …se la Terra si muovesse dovremmo accorgercene. La risposta a questa obiezione condusse Galilei ad elaborare uno dei principi su cui si baserà lintera fisica moderna: il sistema inerziale

18 lintroduzione del sistema inerziale galileiano non riuscì a spiegare perché le orbite descritte dai pianeti fossero circolari. …e Newton aggiunse una forza centripeta costringe i pianeti a muoversi intorno ad un centro di attrazione e così entra in scena un nuovo concetto: linterazione a distanza

19 Dante – astronomia

20 Già ogne stella cade che saliva Quandio mi mossi, e l troppo star si vieta (Inferno VII – 98,99) E già la luna è sotto i nostri piedi; Lo tempo è poco ormai che n'è concesso, (Inferno XXIX - 10,11) Salimmo su, el primo e io secondo, tanto chi vidi de le cose belle che porta l ciel,per un pertugio tondo. E quindi uscimmo a riveder le stelle. (inferno XXXIV – 136,139) A seder ci ponemmo ivi ambedui Vòlti a levante ond'eravam saliti, Che suole a riguardar giovare altrui. Li occhi prima drizzai ai bassi liti; Poscia li alzai al sole, e ammirava Che da sinistra n'eravam feriti. (Purgatorio IV - 52, 57)

21 Lavoro realizzato dalla IV G a.s. 2007/2008 Del liceo scientifico F. Brunelleschi Un particolare ringraziamento ai professori che ci hanno guidato in questo percorso Interdisciplinare: (in ordine alfabetico)


Scaricare ppt "Lastronomia e la didattica la didattica Fisica GeocentrismoedeliocentrismoLeggidiKeplero Italiano LastronomianellaDivinaCommedia Il pensiero letterario."

Presentazioni simili


Annunci Google