La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dai cataloghi alle reti documentarie Riflessioni sul tema dellinteroperabilità tra sistemi di ricerca eterogenei Napoli, 31-05-2002.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dai cataloghi alle reti documentarie Riflessioni sul tema dellinteroperabilità tra sistemi di ricerca eterogenei Napoli, 31-05-2002."— Transcript della presentazione:

1 Dai cataloghi alle reti documentarie Riflessioni sul tema dellinteroperabilità tra sistemi di ricerca eterogenei Napoli,

2 La premessa Una parte cospicua di quanto è stato prodotto in seguito allattività intellettuale ed artistica delluomo è sopravvissuta nei secoli anche grazie alle metodologie messe in atto ed affinate nel corso del tempo, dalle istituzioni culturali – biblioteche, musei ed archivi – per organizzare la raccolta e la documentazione delle testimonianze loro affidate

3 Il problema Il fatto di venire riconosciuti come appartenenti a categorie differenti, in base alle loro caratteristiche intrinseche ed estrinseche, ha condotto quegli oggetti ad essere raggruppati e trattati con modalità tali da rendere talvolta problematiche le analisi e le comparazioni richieste dalla conduzione di indagini scientifiche

4 La conseguenza La barriera che si frappone ad una vera integrazione fra le risorse documentarie è di tipo eminentemente culturale e deriva dal modo in cui nel corso dei secoli i prodotti dellingegno e della creatività sono stati raccolti, organizzati e documentati dai criteri seguiti nellallestimento dei repertori da come si è andato consolidando il sistema economico a sostegno delle attività editoriali di tipo commerciale

5 Il paradosso Alcuni degli ostacoli che rendono difficoltoso laccesso ai documenti sono una diretta conseguenza degli sforzi intrapresi per rendere possibile laccesso stesso

6 La scelta Dovendo allestire degli strumenti di ricerca, gli specialisti hanno privilegiato lefficacia di un sistema impostato su modelli descrittivi definiti sulle caratteristiche specifiche di ciascuna categoria di oggetti, rispetto alle opportunità offerte da uno strumento fondato su un modello descrittivo omogeneo

7 Dalla parte dellutente Se lutente è tenuto, prima di effettuare una ricerca, a comprendere il modo in cui la raccolta dei documenti è stata organizzata ed a conoscere i dispositivi messi in atto per documentarla, al tempo stesso egli ha il vantaggio di disporre di uno strumento predisposto per rispondere adeguatamente ai suoi bisogni informativi

8 Due constatazioni Lo sviluppo delle reti telematiche ha sensibilmente ridotto, fin quasi ad annullarla, lincidenza del tempo e dello spazio nello svolgimento di procedure di interrogazione e di trasferimento di pacchetti anche consistenti di dati Il prevalere degli standard sui sistemi proprietari rende ogni giorno più efficace la comunicazione e linterazione fra sistemi diversi

9 Lauspicio Lapplicazione delle tecnologie digitali potrebbe condurre alla realizzazione di strumenti di ricerca con caratteristiche non immaginabili in quelli tradizionali, con lobiettivo di creare una rete di connessioni fra documenti e risorse referenziali di integrare le conoscenze di ricostituire, ove necessario almeno in modo virtuale, i nessi fra entità altrimenti separate

10 Lopportunità Il ricercatore disporrebbe, così, non soltanto di un catalogo elettronico o di una serie di indici, più o meno sviluppati ed interrogabili, ma di un vero e proprio sistema informativo culturale, che provvederebbe a riorganizzare gli archivi e a presentare i dati secondo le modalità di volta in volta più opportune a soddisfare i bisogni informazionali del singolo utente

11 La sfida Una struttura così sofisticata e flessibile, da consentire a sistemi cognitivi realizzati secondo procedure specifiche e tradizioni proprie di ciascun dominio disciplinare di interagire e combinarsi, dovrebbe prevedere modalità di impiego sufficientemente semplici, e pur tuttavia non banali, che rendano possibile la messa in atto di strategie di ricerca efficaci, anche in presenza di modelli descrittivi e di profili di ricerca con i quali lutente abbia poca o nessuna familiarità

12 Le risorse culturali prodotte da istituzioni autorevoli e non di parte, come musei, biblioteche ed archivi livello qualitativo costante relativa stabilità nel tempo alto valore intrinseco ai fini della formazione e della ricerca promozione di una identità culturale a livello locale, regionale e nazionale

13 Gli sponsor Le istituzioni pubbliche di numerosi Paesi ed alcune fra le più prestigiose istituzioni private hanno deciso di garantire un generoso sostegno finanziario alla creazione di risorse elettroniche di natura culturale, tra le quali si possono annoverare le biblioteche digitali e le reti documentarie

14 Le condizioni Requisiti di ampia e riconosciuta utilità Portabilità attraverso le reti telematiche ed i sistemi di ricerca Durata nel tempo Interoperabilità

15 Prima condizione per linteroperabilità Le registrazioni debbono avere una struttura coerente, in modo che il trattamento dei dati proceda rapidamente, sulla base di algoritmi relativamente semplici e con un alto grado di affidabilità

16 Seconda condizione per linteroperabilità Limmissione e la gestione dei dati deve procedere secondo criteri di normalizzazione – gli standard – consistenti in veri e propri codici normativi o in linee-guida basate sulla prassi più diffusamente adottata

17 Joint Information System Committee Interoperabilità è la capacità di un sistema o di un prodotto di operare in combinazione con altri sistemi o prodotti senza richiedere un impegno particolare da parte dellutente.

18 Essere interoperabili Essere attivamente coinvolti nel processo volto ad assicurare che i sistemi, le procedure e la cultura di una organizzazione siano gestite in modo tale da massimizzare le occasioni di scambio e di riutilizzazione dellinformazione, sia internamente che allesterno.

19 Primo livello di integrazione Raggiungere un adeguato livello di omogeneità, almeno nellambito di applicazioni pensate per il trattamento di informazioni relative a documenti della medesima natura da parte di istituzioni affini, costituisce già un risultato da non sottovalutare e si propone come un primo passo in direzione di una più estesa integrazione fra sistemi di ricerca eterogenei

20 OPAC : prima generazione sistemi ad architettura centralizzata limitate capacità di elaborazione locale forte personalizzazione difficoltà nella comprensione dei comandi difficoltà nella individuazione della strategia di ricerca più efficace

21 OPAC: nuova generazione grandi capacità di elaborazione locali linguaggio iconico per la rappresentazione dei comandi interfacce più omogenee capacità di adattamento ai requisiti dellutente modalità di interazione assai simili

22 OPAC in rete Si fa fatica a distinguere un catalogo dallaltro basandosi unicamente sulla presentazione dei dati e sui dispositivi approntati per leffettuazione delle ricerche esempio 1 esempio 2

23 Z39.50 Il protocollo che ha reso possibile linteroperabilità fra i cataloghi Il lettore dispone della possibilità di interrogare, con una unica procedura ed in modo virtualmente simultaneo, un insieme di risorse preventivamente individuato esempio 1 esempio 2

24 Secondo livello di integrazione Lestensione dellinteroperabilità a sistemi fra loro eterogenei – le risorse prodotte dalle diverse tipologie di istituzione culturale – introduce ulteriori livelli di complessità in ragione del grado di integrazione che si intende conseguire

25 Interoperabilità tecnica Presuppone lo sviluppo e lapplicazione di standard per la comunicazione, il trasferimento, limmagazzinamento e la rappresentazione dei dati, come ad esempio i protocolli, i formati e i linguaggi di marcatura (rientrano in questa categoria Z39.50, ISO-ILL e XML)

26 Interoperabilità semantica Presuppone lo sviluppo di dispositivi, innanzi tutto logici, che stipulino le corrispondenze fra termini indicanti funzioni, ruoli e concetti equivalenti in sistemi di ricerca appartenenti ad ambiti disciplinari diversi esempio

27 Interoperabilità politica/umana Presuppone la scelta consapevole da parte delle istituzioni di rendere disponibili le proprie risorse informative mediante lintroduzione di nuove procedure amministrative per il controllo degli accessi e per la riscossione dei diritti sui dati con limmissione di nuovo personale specializzato o la riqualificazione di quello esistente per mezzo della sensibilizzazione della propria utenza

28 Interoperabilità multidisciplinare Presuppone lavvio di iniziative congiunte da parte di biblioteche, archivi e musei, finalizzate alla maggior conoscenza reciproca e alla individuazione di problemi e obiettivi comuni alla realizzazione di prodotti e di sistemi di ricerca che permettano di sperimentare le soluzioni adottate

29 Interoperabilità internazionale Presuppone che tutti i fattori esaminati in precedenza vengano considerati alla luce delle problematiche connesse allo scambio internazionale dei dati, tenendo conto in primo luogo delle barriere linguistiche e delle diversità culturali

30 Dati conoscitivi quali sono e dove hanno luogo le intersezioni fra le discipline chi sono coloro che, a vario titolo ed in diverso momento, producono, ricercano, trasferiscono e rielaborano le informazioni quali profili hanno gli utenti delle risorse informative così generate

31 Un primo risultato La mappatura (tabella di equivalenze) di alcuni tra i metadati di più ampia diffusione nelle applicazioni fin qui conosciute sta permettendo di affrontare la delicata questione delle equivalenze semantiche e di produrre un apparato di definizioni e di esempi esempio 1 esempio 2

32 La questione della granularità Coesistono allinterno degli archivi più livelli di descrizione (singoli oggetti, serie, intere raccolte), un fattore che è non trascurabile, se circoscritto ad un singolo sistema o a sistemi omogenei dal punto di vista disciplinare, ma che diventa di estrema criticità nel caso di sistemi eterogenei

33 Verso lintegrazione La prima soluzione è stata quella di un adattamento dei formati elettronici originariamente elaborati per il materiale bibliografico

34 Lesperienza statunitense Formati USMARC: elaborazione di una griglia elettronica associata alla definizione di regole per la descrizione normalizzata di una classe di materiali AACR2: includono capitoli specificamente dedicati alla descrizione dei documenti manoscritti e delle carte di archivio e degli oggetti museali esempio

35 La reazione degli archivisti Gli archivisti, pur adottando come formato di scambio dei dati il MARC-AMC, hanno avvertito linadeguatezza dei criteri dettati dalle AACR2 e hanno optato per lelaborazione di un manuale più adatto alle loro specifiche esigenze: Archives, Personal Papers, and Manuscripts (APPM), pubblicato per la prima volta a cura di Steven Hensen nel 1983 e ripubblicato in una versione modificata nel 1989 sotto gli auspici della Society of American Archivists

36 Tuttavia I formati MARC svolgono un ruolo fondamentale nella realizzazione dei primi sistemi documentari eterogenei. Tra la metà degli anni 80 e la metà degli anni 90 vengono prodotte oltre mezzo milione di descrizioni di archivi, a livello di fondo o di serie, che, unite alle descrizioni di centinaia di raccolte museali e allo spoglio di migliaia di periodici, fanno delle basi di dati bibliografiche OCLC e RLIN i più ricchi e compositi giacimenti di dati e di informazioni sul patrimonio culturale dellumanità, che gli utenti possono interrogare avvalendosi dei medesimi apparati indicali utilizzati per le ricerche bibliografiche

37 Di conseguenza Linteroperatività viene perseguita con ladozione di un medesimo contenitore, il MARC, e adoperandosi al fine di trovare un accordo sulle norme descrittive sottostanti che garantisca, per quanto possibile, luniformità delle notizie che le istituzioni si scambiano Le divisioni fra gli ambiti disciplinari vengono progressivamente avvertite come un limite da superare in vista delladempimento di una missione comune

38 A metà degli anni 90 i mutamenti nel quadro delle tecnologie elettroniche il potenziamento delle strutture di connessione fra sistemi informativi diversi la coesistenza di archivi referenziali e di documentazione primaria originariamente digitale la progressiva integrazione fra le diverse componenti del circuito della produzione documentaria

39 I metadati Inizia a diffondersi la prassi di incorporare nel documento digitale, fin dal momento della sua creazione, un insieme di informazioni, per lo più prodotte in modo automatico con lapplicazione di appositi algoritmi, che possano essere di volta in volta utilizzate dai sistemi di information retrieval, del commercio elettronico e di gestione del copyright esempio

40 La metababele Ai metadati – descrittivi, strutturali ed amministrativo-gestionali – creati durante le diverse fasi del ciclo di vita della risorsa elettronica viene data la struttura più rispondente alle esigenze funzionali specifiche della comunità che li produce La mancanza di coordinamento si traduce nella proliferazione di schemi di metadati fra loro difficilmente integrabili, nella duplicazione di procedure non sempre necessarie e, in ultima analisi, in un dispendio di risorse

41 Allorigine di Dublin Core la memoria dellimportante ruolo svolto dal formato MARC nel favorire la rapida crescita degli archivi bibliografici integrati la consapevolezza che mai le diverse componenti del circuito dellinformazione si sarebbero adattate ad una struttura tanto complessa, che richiede lintervento di personale qualificato

42 Fattori chiave di Dublin Core un numero minimo di elementi dal significato immediatamente comprensibile nessun vincolo normativo per quanto riguarda la quantità delle informazioni e il modo di registrarle assenza di una specifica destinazione duso, a differenza degli altri metadati pensati in funzione di utilizzazioni ben definite e per tipologie di materiali chiaramente individuate sito

43 Fattore di debolezza Laver pensato ad un modello equidistante da tutte le applicazioni ed utilizzabile da qualunque categoria di utenti ha condotto alla definizione di un prodotto che non risponde in modo adeguato alle esigenze di nessuno

44 Altro fattore di debolezza Lassenza di prescrizioni vincolanti, al di là di generiche linee guida, rende inevitabile il fatto che ciascuno, facendo prevalere la propria interpretazione particolare, tenda a produrre descrizioni totalmente incompatibili con quelle prodotte dagli altri

45 Il mondo delle biblioteche ha accolto con maggior favore, rispetto ad altri ambienti, lo sviluppo di Dublin Core, considerandolo un tassello importante del catalogo della biblioteca ibrida e mettendo in atto, quindi, progetti di cooperazione finalizzati alla descrizione di risorse digitali a carattere prevalentemente culturale, sulla scorta di quanto era stato fatto trentanni prima per i documenti tradizionali progetti esempio

46 Le riserve La consapevolezza di non poter assicurare il controllo bibliografico in assenza di un dispositivo strutturato e di regole ben definite, ha fatto sì che proprio dal mondo delle biblioteche si siano levate le critiche più severe (alchimisti bibliografi, che cercano la pietra filosofale che ci offrirà una catalogazione e un accesso efficaci senza vocabolari controllati, M. Gorman)

47 Un approccio differente Definizione dei cosiddetti profili applicativi (Application profiles), cioè di schemi di metadati composti di elementi tratti da uno o più insiemi di metadati, combinati ed ottimizzati in funzione di una specifica applicazione Il modello di riferimento è, in questo caso, il Warwick Framework, una struttura costituita dallaggregazione in pacchetti di più insiemi di metadati relativi ad una singola risorsa esempio

48 La modellizzazione Definizione di strutture logiche allinterno delle quali più modelli di dati vengono combinati fra loro alla luce dellesigenza di rendere possibile lo scambio e il riutilizzo dei diversi tipi di metadati in unampia gamma di applicazioni Elaborando un modello teorico siamo in grado di sapere quali dati archiviare quali relazioni rappresentare perché

49 Modelli di riferimento Alcuni di questi modelli, sviluppati dalle diverse comunità di utilizzatori di metadati, hanno acquisito una particolare rilevanza per limpatto che può derivare dalla loro applicazione nellallestimento dei dispositivi di gestione del documento digitale, per il modo in cui danno evidenza alle relazioni intercorrenti tra le procedure messe in atto per finalità che spaziano dal reperimento allo scambio commerciale, dallarchiviazione al restauro, dal momento della produzione iniziale del documento a quello della sua utilizzazione

50 Functional Requirements for Bibliographic Records FRBR rappresenta, per molte di queste teorizzazioni, il modello di riferimento per la centralità che in esso viene accordata alle procedure di ricerca e di identificazione del documento perché definendo le entità esso permette di associare le manifestazioni che materializzano la medesima espressione, eventualmente su supporti diversi, o le espressioni che realizzano la medesima opera, sia pure in lingue o edizioni differenti

51 Gruppo 1: Entità e relazioni primarie ESPRESSIONE MANIFESTAZIONE UNITA OPERA è realizzata attraverso è materializzata in è esemplificata da

52 Gruppo 2: Entità e relazioni di responsabilità ESPRESSIONE MANIFESTAZIONE UNITA OPERA PERSONA ENTE * ** *** **** *è creata da **è realizzata da ***è prodotta da ****è posseduta da

53 Gruppo 3: Entità e relazioni di soggetto CONCETTO OGGETTO EVENTO OPERA LUOGO ha come soggetto

54 Interoperability of Data in E-Commerce Systems Il progetto INDECS, avviato con la finalità di elaborare una struttura di metadati per rappresentare la proprietà intellettuale e le transazioni relative alla gestione dei diritti, incorpora nel proprio schema il modello FRBR, introducendo il concetto di Evento per descrivere il modo in cui i documenti sono stati prodotti: chi ha fatto cosa, il contesto, gli input alle varie procedure

55 Percept Concept Event Party Acts in Place Time Expression Happens in Context Is used in Abstraction Is expressed in Is Fixed in Produces Is abstracted to A model of making Artefact Is abstracted to Manifestation

56 Material Spatio- Temporal Abstract Expression Manifestation Atoms, bits I made it Actions I did it Concepts I conceived it Identifiers include... ISWC ISAN PII DOI Fixed in Abstracted to Identifiers include... ISBN ISSN UPC/EAN DOI Identifiers include... ISRC UMID DOI Abstraction Expressed in Abstracted to Creation types

57 Material Spatio- Temporal Abstract Recording CD Fixed in Abstracted to Song Expressed in Abstracted to Musical creations

58 Harmony international digital library project Il conseguimento dellinteroperabilità tra insiemi di metadati provenienti da dominii diversi è il compito che si è posto lHarmony international digital library project nello sviluppare la struttura concettuale nota come modello ABC

59

60

61

62 Il metodo Tra gli obiettivi che il progetto si è assegnato vi è quello di non definire un vocabolario di metadati per se, ma di elaborare un modello ed una ontologia che possano fungere da base di partenza per lo sviluppo di vocabolari applicati a specifici dominii, ruoli o comunità utenziali

63 Il modello Tenendo conto di questa prospettiva e quindi agendo in senso trasversale, il modello ABC incorpora un certo numero di entità e di relazioni proprie di altre ontologie di metadati, dedicando una attenzione particolare a quelle che esprimono la nozione di temporalità e i cambiamenti che intervengono sugli oggetti in relazione al tempo

64 Le applicazioni Pertanto la struttura può trovare applicazione nella descrizione di documenti fisici, analogici e digitali posseduti da biblioteche, archivi e musei o circolanti in rete (quindi in modo indipendente dalla natura del supporto che li ospita) di concetti astratti come il contenuto intellettuale o le entità temporali, gli eventi di entità inter-dominio quali agenti (persone fisiche o giuridiche, servizi), luoghi e tempi

65 Authority control La definizione di criteri uniformi per la formulazione dei termini utilizzati come punti di accesso, quali nomi, titoli e descrittori, è cruciale ai fini del controllo semantico delle risorse digitali

66 Functional Requirements for Authority Numbers and Records Un modello logico funzionale, speculare a quello prodotto per i record bibliografici, da applicare ai termini di accesso soggetti a controllo è attualmente in corso di elaborazione da parte di un gruppo di studio denominato FRANAR

67 Le barriere Un problema rilevante, nellottica dellaccesso universale ai cataloghi, è costituito dalla dipendenza delle forme dei punti di accesso ai codici normativi e linguistici applicati nei diversi Paesi Alcuni progetti sono stati dedicati allo studio e alla realizzazione di dispositivi miranti a minimizzare le conseguenze di tali differenze e a rendere possibile la contemporanea interrogazione degli archivi bibliografici esistenti

68 AUTHOR Il progetto AUTHOR, in larga parte finanziato dalla Commissione Europea con la partecipazione delle biblioteche nazionali del Belgio, della Francia, del Portogallo, della Spagna e del Regno Unito, si è posto fra gli obiettivi quello di realizzare un convertitore fra le varianti nazionali dei formati MARC basato sul formato UNIMARC, dopo avere definito il livello minimo di una notizia di autorità sito

69 LEAF Il progetto LEAF, nato come estensione di un precedente progetto riguardante la documentazione archivistica corrente (MALVINE, Manuscripts And Letters Via Integrated Networks in Europe), si propone di creare un sistema di integrazione multilingue e multimediale fra archivi di nomi di persone e di enti, con una attenzione particolare alle modalità di ricerca effettivamente messe in atto dagli utilizzatori, esperti e non

70

71

72 Integrazione biblioteche- archivi E la base di una rete documentaria Bibliotecari ed archivistici hanno un diverso approccio nei confronti dellauthority file, inteso come archivio organizzato di forme controllate di punti di accesso alle descrizioni

73 Per i bibliotecari La funzione dellauthority file è principalmente quella di uno strumento creato per gestire efficacemente la formulazione uniforme dei nomi degli autori e dei titoli delle opere le cui descrizioni sono contenute in un catalogo bibliografico, allo scopo di assicurare il più corretto ed univoco recupero dellinformazione da parte dellutente. In realtà, almeno fino ad oggi, delle potenzialità dellauthority file hanno usufruito più i catalogatori che i lettori

74 MARC authorities La notizia di autorità permette di registrare le diverse forme del nome o del titolo informazioni di carattere bibliografico (la fonte sulla quale è stata reperita ciascuna forma) biografico (informazioni sulla vita e sulla professione della persona, eventi relativi alla storia dellente) anagrafico (lindirizzo, il recapito telefonico, il sito elettronico) gestionale (lidentità di chi ha creato la notizia, le modalità di acquisizione delle informazioni)

75 Esempio di authority record Pittsburgh Research Center (United States. Bureau of Mines) < United States. Bureau of Mines. Pittsburgh Research Center << Pittsburgh Mining and Safety Research Center << United States. Bureau of Mines. Pittsburgh/Bruceton Administrative Office << Pittsburgh Research Center (United States. Dept. of Energy) Found: Its Practical ignition problems related to intrinsic safety, 1980: t.p. (Pittsburgh Research Center, Pittsburgh, Pa.) caption t.p. (U.S. Department of Interior, Bureau of Mines, Pittsburgh Research Center, Pittsburgh, Pa.)

76 Esempio (cont.) Phone call to Bureau of Mines publications office, 1/23/80 (The name of the Pittsburgh Mining and Safety Research Center was changed to Pittsburgh Research Center in 1977) Phone call to Pittsburgh Research Center, 3/17/89 (Bureau of Mines Pittsburgh/Bruceton Administrative Office is now absorbed by the Pittsburgh Research Center) De Rosa, M.I. A 20-liter furnace test method to determine the combustion gas toxicity of conveyor belts, 1996, surrogate: t.p. (United States Department of Energy, Pittsburgh Research Center) abstract p. (under the U.S. Bureau of Mines prior to transferring to the U.S. Department of Energy on Apr. 4, 1996) Library of Congress ; AACR2,

77 Più forme equivalenti Canada. Groupe de travail du Ministre sur la protection des enfants en cas daccidents de véhicules automobiles = Canada. Minister's Task Force on Crash Protection for Infant and Child Passengers in Motor Vehicles Etabli déc Rapport final soumis 24 janv Président: G.B. Williams. < Canada. Consommation et corporations Canada. Groupe de travail du Ministre sur la protection des enfants en cas d'accidents de véhicules automobiles Bibliothèque nationale du Canada ; RCAA 2,

78 Ampliamenti funzionali sviluppo in senso multimediale dei dati che ciascuna registrazione è in grado di ospitare la possibilità di accedere a tali informazioni da parte dei lettori le note come punti di partenza per una navigazione allinterno dellarchivio di autorità

79 La chiave dellinteroperabilità? Questa concezione pluridimensionale e dinamica del dispositivo di controllo dei punti di accesso, allinterno del quale ogni termine viene arricchito da informazioni di contesto, è indispensabile alla implementazione di sistemi di ricerca basati sul modello FRBR può costituire un ponte di raccordo fra ambiti disciplinari contigui

80 Encoded Archival Context Iniziativa sorta nellambito della comunità internazionale degli archivisti con lobiettivo di progettare un prototipo di descrizione di soggetti produttori basato su XML La proposta viene rivolta espressamente anche al mondo delle biblioteche e a quello delle arti esempi

81 Già lAudiffredi … nel redigere il catalogo della Biblioteca Casanatense, aveva compreso limportanza di far seguire ai nomi degli autori alcune notizie sulla loro patria, o luogo di origine, sulle cariche o le funzioni rivestite, sullepoca in cui erano vissuti, con la comunicazione, infine, della data di morte, mirando da un lato a fare del catalogo anche un prontuario di informazioni sugli autori dei libri della raccolta e dallaltro lato a fornire al lettore ogni coordinata necessaria per riconoscere il contesto culturale (storico-dottrinale) dal quale ciascun autore proveniva


Scaricare ppt "Dai cataloghi alle reti documentarie Riflessioni sul tema dellinteroperabilità tra sistemi di ricerca eterogenei Napoli, 31-05-2002."

Presentazioni simili


Annunci Google