La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sandra Gizdulich DPS-DGPRUC Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione ANCI-ReCS Firenze, 25 ottobre 2013 I progetti urbani di questa programmazione e.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sandra Gizdulich DPS-DGPRUC Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione ANCI-ReCS Firenze, 25 ottobre 2013 I progetti urbani di questa programmazione e."— Transcript della presentazione:

1 Sandra Gizdulich DPS-DGPRUC Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione ANCI-ReCS Firenze, 25 ottobre 2013 I progetti urbani di questa programmazione e lagenda urbana della prossima spunti di riflessione

2 INDICE 1- LE EVIDENZE ATTUALI: i dati sulla programmazione ad oggi 2- LE INDICAZIONI IN ESSERE: lezioni apprese (del resto in parte già note !!) 3- GLI ELEMENTI IN DISCUSSIONE PER IL FUTURO: cosa stiamo facendo come stiamo operando

3 Fonte: elaborazioni DPS-DGPRUC su dati BDU e SFC Importi in milioni 1- I DATI AD OGGI Risorse programmate per tema prioritario: confronto tra la programmazione iniziale e quella vigente, incluso il PAC N. B.: La quota PAC rappresentata in figura riguarda la sola riduzione del cofinanziamento Statale Ridotte le risorse per la rigenerazione urbana e rurale (- 1,4 miliardi circa) e per il turismo (- 700 milioni circa) solo in parte riportate nel PAC tra le Misure di Salvaguardia)

4 I DATI AD OGGI ATTUAZIONE PER TEMA PRIORITARIO Fonte: elaborazioni DPS-DGPRUC su dati BDU e SFC (dati al 31 AGOSTO 2013) Importi in milioni N. B.: La quota PAC rappresentata in figura riguarda la sola riduzione del cofinanziamento Statale

5 Comuni soggetti attuatori meno efficienti e performanti negli Assi dedicati, dove ritardi hanno portato de-finanziamento (Regioni CONV e Friuli V.G.), soluzioni tampone (es. Jessica), scorrimento di graduatorie (es. MIUR) …evitare di ripetere errori di governance, procedure e strumenti troppo complessi. Garantire maggiore delega Avanzamento spesa 41% 39% 16% 46% 45%26% Tutti i soggetti attivi nel territorio delle CM Comuni attuatori su Asse Urbano dei POR Giugno 2013, pagamenti/costo rendicontabile UE Fonte: elaborazione DPS-Uval su dati BDU

6 CHI FA CITTA? IL RUOLO DEI COMUNI ATTUATORI NON SI LIMITA AL RINNOVAMENTO URBANO Fonte: dati Open Coesione (al 30 GIUGNO 2013) al netto di trasporti ed istruzione Importi in milioni Tipo di soggetto attuatore per tema di policy (costo totale progetto per ciascuna categoria) nelle Regioni con Programmi Integrati Urbani (4 Regioni CONV + Basilicata, Lazio, Toscana).

7 Progetti integrati: procedure Regione-Comuni troppo lunghe, spesso inutilmente complesse e ridondanti… Avviso pubblico Graduatoria e finanziamento Lazio: 10 mesi per selezione dei progetti Ipotesi revisione del POR Fonte: disamina procedure DPS-Uval

8 Nei PO , le 10+4 città metropolitane "ospitano" sul proprio territorio investimenti di filiere decisionali che spesso non coinvolgono i Comuni …… PO FESR e FSE Regionali e Nazionali 41,8 miliardi COMUNI (attuatori) CITTÀ (intero territorio urbano) 7,3 miliardi 17% progetti 490 progetti (senza i GP, che fanno storia a sé) 406 M 1% Fonte: elaborazione DPS-Uval su dati BDU

9 2- INDICAZIONI le cose da sapere per la prossima programmazione: MATURITÀ PROGETTUALE E DI IMPOSTAZIONE: PROGRAMMI REALMENTE OPERATIVI FINO DALLA FASE DI AVVIO!!! BASTA CON LA POLVERIZZAZIONE (slogan ricorrente, ora imperativo) questione problematica anche per la chiusura di questa programmazione data la soglia -non proprio piccola- dei 5 milioni ATTENZIONE ANCHE ALLE 7 INNOVAZIONI DI METODO!!!: Risultati Azioni Tempi, Partenariato tempi previsti e sorvegliati!!! Trasparenza, Valutazione Presidio nazionale Risultati misurabili attraverso indicatori di policy, associati a valori obiettivo (target), indicazione circostanziate delle Azioni da finanziare, Tempi, Partenariato tempi previsti e sorvegliati!!! Trasparenza, Valutazione la misurabilità degli interventi ne rende evidenti le finalità, dà un pungolo agli amministratori per la loro azione, fornisce ai cittadini un metro per la verifica dellazione pubblica e lesercizio della propria pressione, Presidio nazionale NOTAil percorso di programmazione deve mobilitare NOTA: per il Regolamento generale dei Fondi, il percorso di programmazione deve mobilitare local authorities representing the largest cities and urban areas "regional authorities, national representatives of local authorities and local authorities representing the largest cities and urban areas, whose competences are related to the planned use of the ESI Funds" (Art. 5 CPR) Nel percorso partenariale istituzionale … dobbiamo recuperare !!!

10 3- AGENDA URBANA e PO città metropolitane: considerazioni preliminari Va garantito che realtà urbane importanti abbiano un ruolo nella programmazione per contribuire ad alcune priorità nazionali (Cfr "Metodi e Obiettivi"): Sostenere le funzioni ed i nuovi servizi della città metropolitana per residenti e utilizzatori (tra cui smart cities) Contrastare il disagio e la povertà espandendo e migliorando i servizi sociali in aree marginali o per fasce fragili di cittadinanza (Europa 2020) Sostenere e attrarre linsediamento di segmenti pregiati delle filiere produttive locali a vocazione urbana (per la competitività territoriale) Avviare al più presto il confronto nel merito delle cose da fare (anche per individuare i risultati attesi)

11 PO Città Metropolitane alcune considerazioni: L'Agenda dovrà definire modalità di coordinamento (Stato, Regioni e Città) e potrebbe prevedere alcune caratteristiche differenziate tra Mezzogiorno e Centro-Nord L'eventuale PO per le città metropolitane (CM) è parte di una più ampia Agenda Urbana Nazionale Impegnerebbe solo parte della riserva 5% FESR Non esaurirebbe gli investimenti nelle stesse CM e non sostituisce o salta la filiera ordinaria Resta centrale il ruolo del programmatore regionale per infrastrutture significative e grandi progetti, riqualificazione urbana "tradizionale, …

12 Il quadro dei regolamenti Regolamenti e realtà italiana: Necessaria riflessione franca e comune Strumento ITI (Integrated Territorial Investment) non particolarmente nuovo né interessante, ma da valutare. 5% FESR per: "Azioni integrate: come tradurli in pratica? città con "compiti relativi almeno alla selezione degli interventi": che implicazioni? ma … l"Autorità di gestione ha verifica finale dell'ammissibilità delle operazioni prima dell'approvazione Forte delega OK, ma compiti da OI molto onerosi, dato nuove regole SiGeCo

13 GRAZIE DELLATTENZIONE! Sandra Gizdulich


Scaricare ppt "Sandra Gizdulich DPS-DGPRUC Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione ANCI-ReCS Firenze, 25 ottobre 2013 I progetti urbani di questa programmazione e."

Presentazioni simili


Annunci Google