La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Configurazione in ambiente Windows Ing. A. Stile – Ing. L. Marchesano – 1/23.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Configurazione in ambiente Windows Ing. A. Stile – Ing. L. Marchesano – 1/23."— Transcript della presentazione:

1 Configurazione in ambiente Windows Ing. A. Stile – Ing. L. Marchesano – 1/23

2 Configurazione TCP/IP statica 1/2 Dopo aver dimensionato, a seconda delle esigenze, la rete, è necessario configurare i singoli host a livello IP Per effettuare tale configurazione in ambiente Windows XP, è necessario eseguire i seguenti passi: Selezionare la connessione che si intende configurare, richiamarne il menu contestuale e scegliere la voce Proprietà 2/23

3 Configurazione TCP/IP statica 2/2 Selezionare la voce Protocollo Internet (TCP/IP) e scegliere la voce Proprietà 3/23

4 Configurazione TCP/IP dinamica Per utilizzare il servizio di configurazione automatica DHCP, selezionare Ottieni automaticamente un indirizzo IP P.S.: questo approccio funziona A PATTO CHE NELLA RETE ESISTA ALMENO UN SERVER DHCP, ovvero una macchina che ospiti (e che abbia avviato) tale servizio! 4/23 Per scoprire lindirizzo IP di un client così configurato, è sufficiente usare il comando ipconfig

5 Configurazione statica VS dinamica La configurazione statica: Permette di allocare in maniera ottimale gli indirizzi IP a disposizione Consente di supplire, in prima battuta, allassenza di un DNS locale (gli indirizzi IP sono noti a priori, e pertanto sono facilmente raggiungibili, a patto di ricordarli) La configurazione dinamica: È più semplice rispetto a quella statica (non richiede una fase di studio della rete per poi assegnare gli indirizzi ad ogni computer) È più versatile per i terminali mobili che cambiano spesso rete di appartenenza 5/23

6 Configurazione logica della rete A questo punto, i computer si vedono a livello IP, ma i sistemi operativi non sono ancora configurati per operare in rete: la rete esiste fisicamente, ma non logicamente!!! Pertanto, è necessario configurare i computer per farli appartenere ad un workgroup o ad un dominio 6/23

7 Configurazione di un workgroup 1/2 Per associare un computer ad un workgroup, è sufficiente selezionare la voce Nome computer da Pannello di controllo Sistema, scegliere la voce Cambia e specificare il nome del gruppo di appartenenza 7/23

8 Configurazione di un workgroup 2/2 Si noti che il workgroup NON DEVE ESSERE CREATO ESPLICITAMENTE!!! Dal momento in cui si decide di assegnare un computer ad un workgroup, si possono avere due possibilità: 2.il workgroup specificato già esiste, pertanto il nuovo computer sarà visibile dagli altri appartenenti allo stesso workgroup 1.il workgroup specificato non esiste, e pertanto viene automaticamente creato. Se un nuovo computer dichiara di voler appartenere ad esso, allora AUTOMATICAMENTE i due computer saranno visibili sotto lo stesso workgroup 8/23

9 Configurazione di un dominio 1 (o eventualmente più) stazioni con Windows 2000 Server, che permettono: la gestione dei dominio e dei suoi utenti la gestione di servizi DNS, DHCP 9/23 Per la configurazione di un dominio, occorrono: N stazioni con Windows 95/98/NT/2000 Professional/ XP Professional

10 Assegnazione di un nome al server Per configurare un computer (su cui sia installato Windows 2000 Server) come server di dominio, occorre seguire i seguenti passi: 1) Assegnazione di un nome al server: Entrare in Pannello di controllo Sistema Identificazione rete e scegliere la voce Proprietà 10/23

11 Creazione di account 1/2 2) Creare gli account di dominio per gli utenti: In Pannello di controllo Strumenti di amministrazione, selezionare Utenti e computer di Active Directory 11/23

12 Creazione di account 2/2 Selezionare il contenitore in cui si desidera creare il nuovo oggetto utente; fare clic sullicona Crea un nuovo oggetto utente sulla barra degli strumenti e immettere nome, cognome, nome di accesso utente e password 12/23

13 Creazione di gruppi di dominio 3) Creare i gruppi per gli account di dominio: In Pannello di controllo Strumenti di amministrazione, selezionare Utenti e computer di Active Directory Richiamare il menu contestuale del nome del dominio e scegliere Nuovo Gruppo 13/23

14 4) Aggiunta di utenti ai gruppi di dominio: In Pannello di controllo Strumenti di amministrazione, selezionare Utenti e computer di Active Directory Aggiunta di utenti ai gruppi di dominio 1/2 Richiamando il menu contestuale del gruppo, selezionare la schedaMembri e aggiungere gli utenti oppure selezionare gli utenti, visualizzare il menu contestuale, selezionare Aggiungi membri al gruppo, quindi scegliere il gruppo 14/23

15 Aggiunta di utenti ai gruppi di dominio 2/2 15/23

16 Criteri di accesso ai documenti 1/3 È possibile assegnare quattro tipi di permessi ai file, alle cartelle, o ai documenti condivisi: Nessun accesso: non viene garantito alcun accesso alla condivisione Lettura: è possibile: Visualizzare i nomi delle sottodirectory e dei file Aprire le sottodirectory Visualizzare i dati e gli attributi dei file Eseguire i file di programma 16/23

17 Criteri di accesso ai documenti 2/3 Modifica: è possibile, oltre alle azioni consentite dallautorizzazione Lettura, le seguenti azioni: Creare sottodirectory e file Modificare i file Cambiare gli attributi delle sottodirectory e dei file Eliminare sottodirectory e file Controllo completo: sono possibili, oltre alle azioni consentite dallautorizzazione Modifica, le seguenti azioni: Cambiare le autorizzazioni di altri utenti Diventare proprietario 17/23

18 Criteri di accesso ai documenti 3/3 Per poter modificare i criteri di accesso a documenti e a cartelle, è sufficiente richiamare il menu contestuale della risorsa, scegliere la voce Proprietà e selezionareProtezione Sarà possibile aggiungere ed eliminare utenti e gruppi di utenti e, per ogni utente o gruppo di utente, specificare i permessi di accesso alla risorsa selezionata 18/23

19 Condivisione di risorse 1/4 Per condividere files, cartelle, unità disco e stampanti in rete, è sufficiente richiamare il menu contestuale delloggetto da condividere, selezionare la voce Condivisione, scegliere Condividi cartella, o la voce equivalente, e scegliere il nome che verrà visualizzato sui computer remoti In questa fase, è anche possibile impostare le autorizzazioni di accesso alla risorsa mediante il tastoAutorizzazioni 19/23

20 Per accedere alle risorse localizzate sugli altri computer della rete alla quale si è connessi, è sufficiente selezionare Risorse di rete Tutta la rete Rete di Microsoft Windows. A questo punto, si visualizzeranno tutti i domini e i workgroups ai quali il computer è connesso Condivisione di risorse 2/4 20/23

21 Se si cerca di accedere ad un gruppo di lavoro oppure ad un dominio, verranno ovviamente richiesti nome utente e password, senza i quali non è possibile accedere alle risorse condivise presenti sul computer Condivisione di risorse 3/4 21/23

22 A questo punto, è possibile accedere alle risorse localizzate sul computer remoto selezionato (a patto di avere nome utente, password e diritti per accedere alla risorsa) Condivisione di risorse 4/4 22/23

23 The end… Qualche domanda??? 23/23


Scaricare ppt "Configurazione in ambiente Windows Ing. A. Stile – Ing. L. Marchesano – 1/23."

Presentazioni simili


Annunci Google