La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Pierdaniele Giaretta Linguaggio della logica predicativa Nozioni fondamentali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Pierdaniele Giaretta Linguaggio della logica predicativa Nozioni fondamentali."— Transcript della presentazione:

1 Pierdaniele Giaretta Linguaggio della logica predicativa Nozioni fondamentali

2 Per lo studio delle inferenze sillogistiche e, soprattutto, di altre inferenze ancora più complesse, quali ad es.: Qualcuno è amato da tutti Tutti amano qualcuno sono utili alcune NOZIONI E DISTINZIONI LOGICO-PREDICATIVE che qui vengono presentate in modo intuitivo, facendo riferimento al linguaggio naturale integrato mediante laggiunta di variabili per oggetti. (Gli oggetti possono avere natura molto diversa e, in particolare, non sono necessariamente entità concrete inanimate. Possono essere anche esseri viventi o entità astratte.)

3 Termine singolare: espressione che designa un oggetto specifico. Esempi: Maria, Giorgio, 0 (nomi propri) 2+2, (0x5)+1 (termini funzionali, cioè costruiti mediante simboli di operazioni o funzioni) Il presidente della repubblica italiana, Il più piccolo numero naturale (descrizioni definite)

4 funzione enunciativa (o proposizionale): espressione che si ottiene da un enunciato sostituendo termini singolari con variabili. Esempi: x è rosso x ama Maria x ama y Osservazioni: E naturale inserire una stessa variabile per ogni occorrenza dello stesso termine e variabili diverse per termini diversi, ma ciò non è strettamente necessario al fine di ottenere una funzione enunciativa. Una funzione enunciativa diventa valutabile come vera o falsa non appena siano fissati i valori delle variabili in essa occorrenti.

5 Avvertenza: la seguente nozione è introdotta per ragioni di completezza, ma di essa e delle nozioni ad essa connesse non parlerà in seguito Funzione designatoria: espressione che si ottiene da un termine funzionale o da una descrizione definita sostituendo nomi propri con variabili. Esempi: x 2 + y il preside di x Osservazione: E naturale inserire una stessa variabile per ogni occorrenza dello stesso nome e variabili diverse per nomi diversi, ma ciò non è strettamente necessario al fine di ottenere una funzione designatoria. Assunzione: Ogni funzione designatoria designa un oggetto specifico non appena siano fissati i valori delle variabili in essa occorrenti.

6 Esempi di: funzioni enunciative (fe), funzioni designatorie (fd), enunciati (e), termini funzionali (tf), descrizioni definite (dd) e altro (a): x è multiplo di 3__fe__ x+2__fd__ il preside di Facoltà__dd__ (x + 3) = y__fe__ il padre di x__fd__ x è il preside di Facoltà__fe__ per ogni x, y

7 il padre dello studente che ho incontrato__dd__ x x__fe__ se x è il padre di x, x x__fe__ il centro di x__fd__ per ogni x__a__ qualche preside di Facoltà __a__ x 2 __fd__ 2 y__fe__ 2 2 e 2 2 __a__

8 per ogni x esiste un y tale x y__e__ cè un preside di Facoltà __e__ 2 = y__fe__ 2 + 2__tf__ esiste un y tale che per ogni x x y__e__ = 4__e__ almeno un gatto __a__ non piove__e__ x non è biondo__fe__

9 QUANTIFICATORI In logica le espressioni per ogni ed esiste almeno un (o cè almeno un), chiamate rispettivamente quantificatore universale e quantificatore esistenziale, vengono applicate a variabili occorrenti in funzioni enunciative. Alcuni esempi del loro uso sono già stati dati. Altri esempi sono i seguenti: per ogni x, x studia per ogni x, x studia x lavora esiste almeno un x tale che y ama x per ogni y esiste almeno un x tale che y ama x x è un uomo & esiste almeno un y tale che x è a destra di y Un linguaggio che contenga i connettivi vero-funzionali e i quantificatori è dotato di grande capacità espressiva, poiché in esso è possibile parafrasare anche enunciati costruiti con espressioni quali, ad es., tutti gli avvocati, qualche gatto, nessuna penna, come mostrano le seguenti traduzioni:

10 ogni sigaretta è nociva per ogni x, x è una sigaretta x è nociva nessuna sigaretta è nociva per ogni x, x è una sigaretta (x è nociva) qualche sigaretta è nociva cè almeno un x tale che x è una sigaretta & x è nociva qualche sigaretta non è nociva cè almeno un x tale che x è una sigaretta & (x è nociva) non ogni sigaretta è nociva (per ogni x, x è una sigaretta x è nociva) tutti gli avvocati sono furbi per ogni x, x è un avvocato x è furbo

11 nessuno ama Giorgio per ogni x, (x ama Giorgio) non tutti amano Giorgio per ogni x, x ama Giorgio cè uno che è più bravo di tutti cè un x tale che per ogni y x è più bravo di y non tutte le auto inquinano (per ogni x, x è unauto x inquina) qualche auto non inquina cè almeno un x tale che x è unauto & (x inquina) chi ha un cane ha un amico per ogni x, ((esiste un y tale che y è un cane & x ha y) (esiste un y tale y è un amico & x ha y))

12 Maria non ha alcuna auto (cè almeno un x tale che x è unauto & Maria ha x) qualcuno è amato da tutti cè almeno un x tale che per ogni y x è amato da y tutti amano qualcuno per ogni y cè almeno un x tale che y ama x qualche cane è simpatico a tutti cè almeno un x tale che (x è un cane & per ogni y x è simpatico a y) ogni vino è bianco o rosso per ogni x (x è un vino (x è bianco x è rosso))

13 I quantificatori sono espressioni mediante le quali a partire da funzioni enunciative si possono ottenere enunciati o altre funzioni enunciative. esiste almeno un x tale che x è italiano esiste almeno un x tale chex ama y Un quantificatore si applica ad una variabile di una funzione enunciativa e il valore di verità della sua applicazione dipende da quali sono i valori di verità della funzione enunciativa per tutti i possibili valori della variabile.

14 Il valore di verità di esiste almeno un x tale che x è italiano dipende da quali sono i valori di x. Se tra di essi ce nè almeno uno che soddisfa - detto intuitivamente: rende vera - la funzione enunciativa x è italiano, allora il valore di verità è V, altrimenti è F. Analogamente, il valore di verità di per ogni x, x è italiano dipende da quali sono i valori di x. Se tutti soddisfano - detto intuitivamente: rendono vera - la funzione x è italiano, allora il valore di verità è V, altrimenti è F. Analogamente nei casi di esiste almeno un x tale che x ama y per ogni x, x ama y ma bisogna notare che in questi casi il valore di verità dipende dai valori di verità della funzione enunciativa per tutti i possibili valori della variabile di x solo relativamente a un dato valore di y. In altre

15 parole tali funzioni sono valutabili come vere o false solo dopo che è stato fissato il valore di y. I valori delle variabili alle quali sono applicati i quantificatori per ogni e esiste almeno un costituiscono il cosiddetto dominio di quantificazione. Affinché sia determinato il valore di verità degli enunciati e delle funzioni enunciative nelle quali occorrono quantificatori è necessario che un tale dominio sia fissato. In logica si assume che il dominio di tutti i quantificatori occorrenti in un enunciato o in una funzione enunciativa sia unico, che ad esso appartengano anche i valori delle variabili libere e, infine, che rispetto ad esso siano totalmente definite le funzioni enunciative di base (proprietà e relazioni), nel senso che esse risultino vere o false per ogni determinazione dei loro argomenti allinterno del dominio.

16 FORMALIZZAZIONE Per i quantificatori si usano i seguenti simboli: per ogni esiste almeno un Se si rappresentano le funzioni enunciative di base (proprietà e relazioni) mediante lettere predicative, dette per brevità predicati, e precisamente predicati unari (a un posto di argomento) per proprietà [P, Q,...], predicati binari (a due posti di argomento) per relazioni binarie [R, S,..], predicati n-ari (a n posti di argomento) per relazioni n-arie, e si adotta la convenzione di anteporre i predicati ai loro argomenti, si possono costruire forme enunciative, o formule, quali, ad es.:

17 P(a)a è P P(x)x è P x P(x)ogni x è P R(a, y) a sta nella relazione R con y y R(a, y) a sta nella relazione R con qualche y R(x, y) x sta nella relazione R con y x y R(x, y) ogni x sta nella relazione R con qualche y x (P(x) Q(x)) ogni P è Q x (P(x) Q(x)) nessun P è Q x (P(x) Q(x)) qualche P è Q x (P(x) Q(x)) qualche P non è Q

18 La lettera a che è stata usata in alcuni degli esempi precedenti, non è una variabile ma una costante, precisamente una costante individuale. Le costanti individuali rappresentano oggetti specifici; in quanto tali, sono assimilabili ai nomi propri e non possono essere quantificate. Come costanti individuali si possono usare le prime lettere dellalfabeto: a, b, c, … Formule quali P(x) e R(x, y) rappresentano funzioni enunciative (proprietà e relazioni) e non funzioni designatorie, sono cioè espressioni di funzioni che hanno valori di verità (V o F) come valori e non espressioni di funzioni che hanno oggetti come valori (assumendo che i valori di verità non siano oggetti). Per ragioni di semplicità omettiamo di parlare dei termini funzionali che sono i termini costruiti mediante le espressioni di funzioni.

19 RIFORMULAZIONE E GENERALIZZAZIONE di NOZIONI LOGICO-SEMANTICHE Relativamente ad un linguaggio basato su un alfabeto di predicati, costanti individuali, variabili individuali e quantificatori il valore di verità di un enunciato dipende da 1) qual è il dominio entro il quale si assume che prendano valore le variabili quantificate (o vincolate); 2) quale proprietà o relazione, definita rispetto a tale dominio, si assume sia rappresentata da ciascun predicato. 3) quale oggetto del dominio si assume sia il referente di una costante individuale. La specificazione di 2) e 3) viene chiamata interpretazione. Usando le nozioni di dominio e interpretazione si possono definire nozioni più generali di quelle già definite di tautologia,

20 conseguenza logica e equivalenza logica. Per semplicità tali definizioni sono date per formule chiuse, cioè per formule che non contengono variabili libere. Definizione La formula chiusa X è (logicamente) valida se e solo se è vera in ogni dominio per ogni interpretazione. Sono logicamente valide le formule che hanno la forma di tautologie come le seguenti: y R(a, y) y R(a, y) x P(x) x P(x) ( x P(x) & y R(a, y)) x P(x)

21 Lo sono anche formule come queste, che non hanno la forma di tautologie: x (P(x) P(x)) x y R(x, y) y R(a, y) x P(x) x P(x) Definizione La formula chiusa X è conseguenza logica delle formule chiuse Y 1, …,Y n (o segue logicamente da Y 1, …,Y n, per brevità Y 1, …, Y n I= X) se e solo se in ogni dominio ogni interpretazione che rende vere Y 1, …, Y n rende vera anche X. [Equivalentemente: …se e solo se non ci sono alcun dominio ed alcuna interpretazione tali che Y 1, …, Y n risultino vere e X falsa]

22 Esempi: x P(x) I= P(a) x P(x) I= x P(x) P(a) I= x P(x) x (P(x) Q(x)), x P(x) I= x Q(x) Teorema La formula chiusa X è conseguenza logica delle formule chiuse Y 1, …, Y n (o segue logicamente da Y 1, …, Y n, per brevità Y 1, …, Y n I= X) se e solo se la formula ( Y 1 & … & Y n ) X è logicamente valida. Ne segue che sono logicamente valide: x P(x) P(a) x P(x) x P(x) P(a) x P(x) x (P(x) Q(x)) & x P(x)) x Q(x)

23 Ci sono REGOLE DINFERENZA che riguardano specificamente i quantificatori. Regole semplici, che risultano intuitivamente evidenti, sono le seguenti: Eliminazione del quantificatore universale x P(x) P(a) Introduzione del quantificatore esistenziale P(a) x P(x) Regole formalmente e concettualmente più complesse sono quelle che permettono di dedurre una quantificazione universale e di dedurre da una quantificazione esistenziale. Accenniamo solo che la regola per la deduzione di una quantificazione universale formalizza lidea che si può generalizzare a tutti se si è ragionato su un individuo qualsiasi del dominio, mentre la regola per la deduzione da una quantificazione esistenziale

24 sfrutta lidea che si può idealmente scegliere un individuo che soddisfa la condizione di cui si afferma lesistenza di individui che la soddisfano e poi limitarsi a dedurre solo qualcosa che non dipenda da caratteristiche che distinguono gli individui che soddisfano tale condizione. Per tali regole dinferenza la definizione di validità rimane formalmente la stessa già introdotta per il ragionamento logico- enunciativo, ma ora va ripetuta facendo riferimento alla più generale nozione di conseguenza logica che è stata definita usando le nozioni di dominio e di interpretazione. Definizione Una regola dinferenza è logicamente valida (o logicamente corretta ) se e solo se la conclusione X è conseguenza logica delle premesse Y 1, …, Y n..

25 La validità di una regola si dimostra in modo analogo a quanto suggerito per il ragionamento logico-enunciativo, cioè facendo vedere che se in un dominio qualunque, per una qualunque interpretazione, le premesse risultano vere, allora, nello stesso dominio e per la stessa interpretazione, anche la conclusione è vera, oppure, in modo equivalente, facendo vedere che non esistono un domino e una interpretazione tali da rendere vere tutte le premesse e falsa la conclusione. Ovviamente la non-validità si dimostra facendo vedere che esistono un domino e una interpretazione tali da rendere vere tutte le premesse e falsa la conclusione. Ad esempio non è corretta la seguente regola: x P(x) P(a)

26 E facile specificare un dominio e una interpretazione di P e a rispetto al dominio specificato tali che x P(x) risulti vera e P(a) falsa. Vale anche per il ragionamento deduttivo con i quantificatori losservazione già fatta che nellattività deduttiva si fanno spesso passi inferenziali complessi che non sono descrivibili come applicazioni di nessuna delle regole dinferenza introdotte nei manuali di logica. Per valutare la correttezza logica di tali passi si devono individuare le forme delle premesse e della conclusione e verificare se la forma della conclusione segue logicamente dalle forme delle premesse. Naturalmente la nozione di conseguenza logica alla quale si deve fare riferimento è quella più generale.


Scaricare ppt "Pierdaniele Giaretta Linguaggio della logica predicativa Nozioni fondamentali."

Presentazioni simili


Annunci Google