La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Genova Smart City dallidea al progetto allazione 8 marzo 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Genova Smart City dallidea al progetto allazione 8 marzo 2012."— Transcript della presentazione:

1 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Genova Smart City dallidea al progetto allazione 8 marzo 2012

2 2 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane COMUNEidea Mettere in COMUNE lidea di città SMart progetto Conoscere lo stato attuale di evoluzione del progetto Genova SMart City azioni Prospettare le azioni necessarie per la concretizzazione dellidea Per unorganizzazione pubblica Smart

3 3 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane … non si tratta di… aggiungere altro lavoro a quello già pressante che siamo chiamati a fare… ma di… Orientare concretamente in unottica SMart le attività che già stiamo realizzando e/o progettando

4 4 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane DAL PROGETTO ALLAZIONE SMART e un valore di fondo che deve permeare tutta la filiera della programmazione città Smart per trasferire lidea di una città Smart nella nostra attività quotidiana

5 5 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Costruzione della Vision; il management dellEnte condivide con la Sindaco e lAmministrazione la nuova idea di Città: Genova Smart City Costituzione di 5 gruppi di lavoro in coincidenza con le 5 Linee Programmatiche di mandato, coadiuvati da un facilitatore, da un esperto informatico e da uno di area economico-finanziaria: Nuovi metodi di Governo La città dove si vive bene La città creativa La città accessibile La città sostenibile Metodologia (1/3)

6 6 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Metodologia (2/3)

7 7 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Rivisitazione in ottica Smart degli strumenti di programmazione pluriennali ed annuali (Relazione Previsonale e Programmatica, Programma Triennale dei LL.PP., PEG, ecc.) Marcatura ed eventuale riorientamento delle azioni strategiche e delle opere in funzione del grado di allineamento alle logiche Smart Formulazione di progetti, in molti casi trasversali allorganizzazione del Comune, qualificati in funzione del loro grado di aderenza ai principi di GSC; tutto il lavoro è stato realizzato e condiviso dai diversi gruppi attraverso un portale WEB realizzato dai SI Metodologia (3/3)

8 8 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Il lavoro di preparazione - 1 rilettura della RPP e del Piano Triennale dei Lavori Pubblici in ottica SMART marcatura delle Azioni Strategiche e delle opere in funzione del grado di orientamento SMART: Verde Azioni già allineate alla logica della sostenibilità ma ulteriormente migliorabili Giallo/Verde Giallo Azioni potenzialmente SMART, ma che necessitano di un definitivo orientamento Azioni oggi neutre che necessitano di decisioni forti per indirizzarle in ottica SMART

9 9 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Il lavoro di preparazione - 2 Mappa di correlazione con Obiettivi Puc Piano dAzione per lEnergia Sostenibile (SEAP) Analisi delle Azioni previste dal Piano dAzione per lEnergia Sostenibile (SEAP) per il patto dei Sindaci Mappa di correlazione con Obiettivi Peg

10 10 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Il lavoro di preparazione - 3 Piano dAzione per lEnergia Sostenibile (SEAP) Il Piano dAzione per lEnergia Sostenibile (SEAP) è il documento chiave che definisce le politiche energetiche che il Comune di Genova intende adottare al fine di perseguire gli obiettivi del Patto dei Sindaci. Lattuazione delle Azioni del SEAP rappresenta una Tappa di avvicinamento obbligatoria a Genova SMART City Genova Sostenibile Genova Smart

11 11 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Il lavoro dei Gruppi Guardare con lottica SMART Il Piano Triennale dei Lavori Pubblici le Azioni Strategiche RPP con i connessi obiettivi di Peg Le Azioni Seap Definire come, a quali condizioni, con quali risorse e con quali tempi sia possibile: Potenziare il verde Passare dal verde /giallo e dal giallo al verde Formulare proposte di modifica e/o integrazione di RPP, PEG e Programma Triennale

12 12 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane

13 13 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane

14 14 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Ogni progetto è stato classificato attraverso i seguenti attributi condivisi: Obiettivo Smart (ad es. riduzione CO2, produzione energia da fonti rinnovabili, aumento dei servizi con output digitale) Indicatori (tonnellate di CO2 risparmiate, kWh prodotti da fonte rinnovabile, n° di pratiche dematerializzate) Tempi di progettazione e realizzazione Aree obiettivo (Val Varenna, Voltri) Collegamenti con documenti programmatici (RPP e PEG) Trasversalità (Intelligent buildings, Sistemi a rete, Organizzazione dellEnte, Mobilità cittadina, Sistema ambientale) Qualificazione dei progetti

15 15 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Intelligent Buildings Modello di museo Modello di scuola Modello di cimitero Matitone (modello terziario-direzionale) Sistemi a rete Fibra ottica WI-FI Teleriscaldamento Trasversalità individuate Organizzazione dellEnte Dematerializzazione Modelli di gara Regolamenti comunali GIS condiviso e trasparente Mobilità cittadina Sopraelevata Preferenziamento Sistema ambientale Orti urbani Vertical farm

16 16 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Le tappe successive discussione e validazione delle proposte di ri-orientamento di RPP, PEG e Piano Triennale dei Lavori Pubblici individuazione dei progetti prioritari definizione delle modalità organizzative ed attuative necessarie alla realizzazione dei progetti (es. costituzione task force GSC, project management, ecc.) Verifica periodica dello stato avanzamento lavori Workshop con esperti sui temi guida di GSC Restituzione del lavoro dei Gruppi a Sindaco, Giunta, Direttore Generale per

17 17 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Codice Vertical Farm Responsabile dellattuazione Corsi Anna Iole Settore Urban Lab Premessa Proposta di Vertical Farm avanzata da Siemens. Parallelamente la Facoltà di Architettura (Prof. Raiteri e suoi dottorandi) ha manifestato la disponibilità a progettare e monitorare uninstallazione di parete verde verticale per il controllo del microclima interno degli edifici ed il risparmio energetico. LUniversità sta lavorando con il Municipio VII Ponente anche al recupero di spazi verdi pubblici. Ledificio individuato per tale sperimentazione potrebbe essere la scuola Quasimodo, questo stesso edificio è stato visitato anche dagli esponenti di Siemens e giudicato adatto alla realizzazione della Vertical Farm. Inoltre esiste la possibilità di aprire una succursale dellIstituto Tecnico Agrario Marsano a Voltri, ipotesi bene accolta dalla popolazione locale, i cui studenti potrebbero contribuire sia alla gestione degli spazi verdi pubblici che interagire con la Vertical Farm. Obiettivi dellazione Realizzazione Vertical farm proposta da Siemens. Progetto sperimentale di una facciata verde - Riqualificazione estetica e prestazionale (funzionamento microclimatico) di un involucro architettonico attraverso lintegrazione di vegetazione e di sistemi di microgenerazione energetica. Lobiettivo del progetto sperimentale è di studiare un sistema con buone caratteristiche prestazionali ed estetico formali, con attenzione ai costi, alla facilità di messa in opera, ad una ridotta manutenzione, al ciclo di vita dei materiali, al bilancio energetico, al rapporto con la preesistenza e alladattabilità ad altri casi affini per contesto climatico. Apertura succursale dellIstituto Tecnico Agrario Marsano Descrizione dellazione La Vertical Farm potrebbe essere connessa al parco del Basilico, questo modello di produzione agricola nasce per le città densamente costruite per portare nel centro abitato prodotti freschi a Km 0 e ridurre così le emissioni, nel caso di Genova i terreni coltivabili non sono poi così lontani dal centro abitato e necessitano di un recupero quindi sarebbe prioritario tornare ad essi. In questo caso specifico la Vertical Farm potrebbe rappresentare un volano per promuovere la coltivazione tradizionale in quanto limitrofa alla Piana di Prà, luogo DOP del basilico. Sistema integrato facciata verde – sistemi di microgenerazione energetica Aspetti principali di intervento: Analisi stato di fatto Scelta delle specie vegetali Determinazione Struttura di supporto Dimensionamento e tipologia dei dispositive di microgenerazione energetica Studio riciclo delle acque Studio del sistema di illuminazione Contesto Ligure marino, esposizione Sud, SudOvest, SudEst Alcuni esempi : Vertical farm -1

18 18 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Risultati ottenibili, potenziali di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni Vertical Farm: produzione agricola a Km 0, l'edificio potrebbe funzionare senza utilizzare un watt di energia che non sia autoprodotto e senza generare rifiuti o emissioni. Sperimentazione parete verde verticale : Lintegrazione di vegetazione permette un miglioramento della qualità dellaria, laumento della biodiversità e la riduzione del fenomeno isola di calore, grazie alla capacità di raffrescamento, che consente anche in aree climatiche, come quella mediterranea, caratterizzate da estati calde, una riduzione delle emissioni dovute agli impianti di condizionamento. Il miglioramento della qualità dellaria ottenibile grazie ad una maggior presenza di aree verdi riguarda principalmente lassorbimento di polveri sottili, di ossidi di azoto e di zolfo oltre alla riduzione di anidride carbonica. Considerando la difficoltà in ambito urbano e nelle aree densamente costruite di reperire superfici a terra da destinare ad zone verdi, può essere il costruito stesso a fornire lo spazio necessario. Lintegrazione massiccia di vegetazione in architettura consente lo sfruttamento delle superfici (orizzontali e verticali) delledificato per ottenere i benefici descritti e, dunque, il miglioramento della qualità ambientale e delle condizioni di benessere degli abitanti e può costituire unopportunità innanzitutto per la riqualificazione dellesistente. Le città italiane sono infatti caratterizzate da un grande patrimonio di edilizia residenziale pubblica risalente agli anni settanta con scarse qualità architettoniche, evidenti problemi di degrado, responsabile di sprechi energetici inaccettabili (70% dei consumi energetici prodotti dagli edifici) e con insufficienti condizioni di confort indoor e outdoor, legate anche alla mancanza di spazi verdi e di relazione, vista lelevata densità edilizia di questa tipologia di tessuto urbano. Il progetto sperimentale proposto costituisce unazione dimostrativa (ripetibile) che consente la valutazione dei benefici ottenibili con interventi dimensionalmente più consistenti. Prevedibile svolgimento temporale Attori coinvolti o coinvolgibili /Soggetti promotori Siemens, Università degli Studi di Genova, DSA, Municipio Ponente, Istituto Agrario Marsano, (Parco del Basilico?) Valutazioni e strategie finanziarie Possibili ostacoli o vincoli /barriere di mercato Verifica della coerenza e integrabilità delle diverse proposte. Indicazioni per il monitoraggio Attraverso questintervento è possibile valutare il sistema studiato nelle diverse fasi di intervento e durante lintero arco stagionale ed effettuare delle misurazioni sul miglioramento termico ottenibile (misurazioni pressochè mai effettuate in Italia). Sfruttamento delle potenzialità di una facciata verde per migliorare il microclima interno degli edifici e degli spazi ad essi connessi (estate: controllo della radiazione solare, abbassamento della temperatura dellaria, processi di evapotraspirazione; inverno: controllo degli effetti del vento), per depurare laria, per migliorare il benessere psicofisico. Proposta di un intervento energeticamente autosufficiente. Alcuni esempi : Vertical farm -2

19 19 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Alcuni esempi:Cimitero di Staglieno -1 CodiceCimitero di Staglieno Responsabile dellattuazione Cristiana Benetti Alessandrini - Settore Servizi Cimiteriali Premessa I servizi cimiteriali sono a pieno titolo classificabili come servizi pubblici locali. Con il termine di servizi cimiteriali si intende, oltre al servizio di manutenzione e gestione ordinaria dei siti cimiteriali, lattività di natura pubblicistica di tutte le operazioni cimiteriali (concessioni e riscossione tariffe). I cimiteri appartengono al demanio comunale (art. 824 del c.c.) e, in tale ambito, il Comune di Genova gestisce un sistema complesso di 35 cimiteri di cui 1 monumentale, riconosciuto a livello nazionale ed europeo come un museo allaperto. Non a caso Staglieno è inserito nel Progetto, recentemente approvato dal Consiglio Europeo delle Cultural Routes che ha lintento di valorizzare il patrimonio culturale dei cimiteri monumentali più significativi deuropa. Scriveva E. Hamingway di Staglieno …. una delle meraviglie del mondo.. Ma Staglieno non è solo un luogo di cultura ed arte, perché continua ad essere un luogo di devozione ed il principale cimitero della città in cui si concentrano quasi il 50% (circa 2.600) delle operazioni cimiteriali complessive oggi soggette ad un importante processo di rinnovamento nelle loro modalità di esecuzione e di offerta alla cittadinanza. In tale contesto di ripensamento dei servizi cimiteriali, si colloca lidea di un cimitero smart. Obiettivi dellazione Razionalizzazione, semplificazione dei servizi cimiteriali Costituzione e gestione di unofferta di servizi in linea con le aspettative di qualità richieste dalla cittadinanza Descrizione dellazione Lazione smart di Staglieno si articola su tre linee: 1.informatizzazione delle procedure amministrative, contabili, ed operative cimiteriali, nella logica della revisione ed ottimizzazione dei processi di lavoro, della dematerializzazione di tutte le pratiche gestite tramite work-flow/scrivania virtuale, della disponibilità dei servizi on_line per il cittadino 2.linstallazione di impianti fotovoltaici sulla copertura del nuovo corpo uffici- magazzino- deposito salme in fase di progettazione definitiva e sulle gallerie monumentali. Lazione prevede la concessione a società o ad ESCO di superfici a tetto al fine dellinstallazione di pannelli solari fotovoltaici, ciò a fronte di un contributo percentuale sulla quantità di energia prodotta dallimpianto e/o del pagamento della manutenzione delle superfici 3.il potenziamento del sistema di gestione differenziata dei rifiuti prodotti sia dagli operatori durante le operazioni cimiteriali, sia dallutenza frequentatrice larea cimiteriale. A tale fine è appena stato ultimato il primo piano di Settore per la gestione dei rifiuti in ottica smart

20 20 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Alcuni esempi :Cimitero di Staglieno - 2 Risultati ottenibili, potenziali di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni riduzione del consumo energetico relativo alla mobilità dei cittadini e degli operatori riduzione del consumo di carta stampata e di toner riduzione emissioni CO2 Prevedibile svolgimento temporale Informatizzazione: In esecuzione nel 2012 Installazione impianto fotovoltaico: In progettazione nel 2012 Potenziamento sistema di gestione dei rifiuti: In esecuzione nel 2012 Attori coinvolti o coinvolgibili /Soggetti promotori Comune di Genova/Associazioni di Categoria/Imprese private/Sopraintendenza Beni Architettonici e Paesaggio Valutazioni e strategie finanziarie Possibili ostacoli o vincoli /barriere di mercato Informatizzazione: qualche criticità è emersa per la rete ADSL in alcune zone della città non ben servite dal segnale. Il SITE sta verificando soluzioni infrastrutturali che consentano di assicurare il funzionamento del nuovo sistema informatico che gira su web Installazione impianto fotovoltaico: Occorre ottenere il parere della Sopraintendenza e valutare con i progettisti la resa degli impianti in relazione allesposizione solare delle gallerie ed alla presenza dei numerosi alberi. Potenziamento sistema di gestione dei rifiuti: attuazione è legata alla disponibilità di risorse finanziarie necessarie per lacquisto di 4 cassoni depositi rifiuti che debbono avere caratteristiche conformi alle prescrizioni provinciali indicate nelautorizzazione. Stima spesa: circa euro

21 21 Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane CodiceMuseo Smart Responsabile dellattuazione Guido Gandino – Settore Musei Premessa Nel 2009, grazie ad una sponsorizzazione, allinterno del percorso espositivo del Museo di Storia Naturale si è provveduto a titolo sperimentale alla sostituzione totale dei tubi fluorescenti anche allinterno delle vetrine espositive con quelli a Led a luce bianca. I vantaggi conseguenti sono stati numerosi: bassa temperatura desercizio, inutilità degli starter, assenza di manutenzione, mancanza di prodotti inquinanti o tossici e soprattutto lunga vita ( ore). Particolarmente rilevante è stato il risparmio energetico, pari al 62%, che per ogni anno di esercizio ha comportato la riduzione di emissione di circa 1 tonnellata di CO2. Obiettivi dellazione Diminuzione delle spese per lilluminazione e riduzione significativa delle emissioni di CO2 da parte delle strutture impiantisti e museali, efficientamento dei sistemi di controllo e miglioramento dei servizi cittadini. Descrizione dellazione Fase 1. Completamento azione sperimentale di sostituzione dei corpi illuminanti con tecnologia LED Museo di Storia Naturale Fase 2. Progettazione e realizzazione di un sistema integrato di sorveglianza e controllo microclimatico nei Musei di Strada Nuova mediante applicazione di sistemi tecnologici intelligenti Fase 3. Installazione impianti fotovoltaici Museo Storia Naturale e Galata Museo del Mare Fase 4. Estensione dei punti 1 – 2 – 3 allintero sistema museale Risultati ottenibili, potenziali di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni Da una stima effettuata a titolo esemplificativo, con un investimento iniziale di si può estendere a tutto ledificio del Museo di Storia Naturale lilluminazione a Led, prevedendo così un risparmio energetico almeno del 50% e una conseguente proporzionale riduzione delle emissioni di CO2.. Limporto medio annuo della bolletta energetica scenderebbe da a permettendo così di ammortizzare in cinque anni linvestimento economico iniziale.. Con linstallazione dellimpianto fotovoltaico il progetto di ecocompatibilità delledificio raggiungerebbe il massimo dellefficienza. Analoghe risultanze possono essere ripetute per gli altri edifici museali. Per limpianto di Strada Nuova una migliore efficienza nel rapporto presidio uomo/apparati attivi di controllo e un miglior servizio ai cittadini. Prevedibile svolgimento temporale Fasi: 1.entro entro 2012 progettazione prototipi e sperimentazione – entro 2015 realizzazione 3.entro da definire Attori coinvolti o coinvolgibili /Soggetti promotori Uffici tecnici comunali, Università, A.R.E. Liguria (Agenzia Regionale per lEnergia) Alcuni esempi :Museo Smart


Scaricare ppt "Direzione Pianificazione, Organizzazione, Relazioni Sindacali e Sviluppo Risorse Umane Genova Smart City dallidea al progetto allazione 8 marzo 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google