La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ENERPLAN 2 e 3 AREA Science Park. Executive Summary Stakeholder/Area Strategica Ambiente MISSION. Scouting e valorizzazione di soluzioni tecnologiche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ENERPLAN 2 e 3 AREA Science Park. Executive Summary Stakeholder/Area Strategica Ambiente MISSION. Scouting e valorizzazione di soluzioni tecnologiche."— Transcript della presentazione:

1 ENERPLAN 2 e 3 AREA Science Park

2 Executive Summary Stakeholder/Area Strategica Ambiente MISSION. Scouting e valorizzazione di soluzioni tecnologiche e imprese innovative per la produzione di energia da fonti rinnovabili e il risparmio energetico. Posizionamento: impianti diffusi di piccola-media taglia nel settore edile – residenziale e industriale – e agricolo; Il Piano energia di AREA ENERPLAN è caratterizzato dalla realizzazione di LID – Laboratori Impianti Dimostrativi - con investimento/costi complessivi di 6,8M – di cui oltre 1,5M di personale. Il Piano è co-finanziato dal MINAMB (50%); ENER2 ed ENER3 valorizzano i positivi risultati tecnologici e di mercato di ENERPLAN1, proseguono nelle azioni di creazione e commercializzazione di prodotti innovativi e di creazione di nuovi mercati; ENER2 ed ENER3 avviano la fase di «rientro degli investimenti» sostenuti per garantire maggiore efficienza dellutilizzo delle risorse pubbliche destinate e contribuiscono ad accrescere lautonomia finanziaria di AREA.

3 Executive Summary Obiettivi Specifici Realizzare sul territorio nazionale una rete di LID per lo sviluppo, la sperimentazione e la diffusione – anche a livello internazionale – di sistemi e prodotti innovativi nel campo delle rinnovabili e dellefficienza energetica Contribuire allequilibrio economico-finanziario di AREA,generare ritorni e impatti misurabili da azioni di trasferimento dei LID, in linea con il Piano della Performance (Target 21) Sostenere lintegrazione tra diverse soluzioni tecnologiche al fine di massimizzare gli impatti e i ritorni in termini di efficienza e riduzione delle emissioni Contribuire alla creazione di «Poli Regionali Diffusi» di sviluppo e diffusione di innovazione tecnologica e di mercato, concorrendo alla maggiore efficienza ed economicità degli impegni di finanza pubblica, alla integrazione dei Centri di Ricerca dei territori coinvolti, alla attivazione di processi di sviluppo industriale innovation based, specie nelle regioni del Sud Contribuire alla creazione di nuovi settori industriali «Made in Italy», radicati sul territorio nazionale, in termini di competenze, risorse e capacità produttive di eccellenza, da aggregare in filiere e cluster (es. filiera riscaldamento e raffrescamento, cogenerazione etc.)

4 Struttura ENERPLAN 2 PdL1.1 Sviluppo e ottimizzazione del prototipo PdcHT PdL1.2 Ampliamento gamma prodotto PdL2 Produzione di freddo ad alta efficienza con recupero energetico da fonti rinnovabili: - Azione Ibrida Mix - Azione Ibrida Custom PdL3 Energy Performance Suite PdL4 Registro Imprese Verdi e loro Crescita Competitiva PdL5 Coordinamento e gestione PdL6 Comunicazione e disseminazione 4 PROGETTI DI SVILUPPO SPERIMENTALE 2 AZIONI TRASVERSALI DI COORDINAMENTO E GESTIONE

5 Esempio Intervento Pilota ENER3 Teleriscaldamento da Recupero Energetico

6 Teleriscaldamento da Recupero Energetico Si propone, fra le altre configurazioni e applicazioni della PdcHT, lo studio per la realizzazione di una macchina in grado di recuperare calore dallacqua producendo energia termica a temperature sufficientemente elevate (fino a 80°C) da poter alimentare impianti di riscaldamento tradizionali (radiatori e simili), con modifiche progettuali significative rispetto al prototipo PdcHT – sulle quali vanno verificate simulazioni, test e ingegnerizzazione – per una rete di TLR (teleriscaldamento) a rinnovabile per una frazione in un paese della Basilicata; Premesse: il processo industriale dellimpianto considerato prevede la re- iniezione di acqua reflua a temperatura non inferiore a 40°C. Da questi presupposti nasce lidea di poter recuperare lenergia termica dallacqua reflua al fine di poter riscaldare un certo numero di edifici mediante lutilizzo delle pompe di calore ad alta temperatura; Caratteristiche e differenze rispetto a PdcHT: solo ciclo alto, non ha il condensa-evaporatore, viene escluso uno dei due sotto-raffreddatori etc.


Scaricare ppt "ENERPLAN 2 e 3 AREA Science Park. Executive Summary Stakeholder/Area Strategica Ambiente MISSION. Scouting e valorizzazione di soluzioni tecnologiche."

Presentazioni simili


Annunci Google