La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CARPI, 8 Settembre 2008 Progetti di ricerca industriale, innovazione tecnologica e organizzativa, risparmio energetico: nuove opportunità di finanziamenti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CARPI, 8 Settembre 2008 Progetti di ricerca industriale, innovazione tecnologica e organizzativa, risparmio energetico: nuove opportunità di finanziamenti."— Transcript della presentazione:

1 CARPI, 8 Settembre 2008 Progetti di ricerca industriale, innovazione tecnologica e organizzativa, risparmio energetico: nuove opportunità di finanziamenti per le PMI dellEmilia Romagna (POR FESR ASSE )

2 Carpi, P ROGRAMMA O PERATIVO R EGIONALE : - Ricerca e Sviluppo - Innovaz. organizzativa e ICT - Innovaz. organizzativa e ICT - Energia e Ambiente MASSIMO GARUTI – Democenter-Sipe Scarl Centro per l Innovazione e il Trasferimento Tecnologico

3 Carpi, I nuovi bandi del POR per le IMPRESE

4 Carpi, Progetti di Ricerca Collaborativa delle PMI : POR : ATTIVITÀ I Sostegno a progetti di ricerca collaborativa delle PMI con laboratori di ricerca e centri per linnovazione PRRIITT: MISURA 3.1 AZIONE A - Progetti di ricerca industriale e sviluppo precompetitivo R&S_0

5 Carpi, Progetti di Ricerca Collaborativa delle PMI : OBIETTIVI stimolare le attività di ricerca industriale e di sviluppo precompetitivo delle PMI, in ambiti tecnologici prioritari per il rafforzamento del sistema produttivo regionale; favorire la creazione di nuova occupazione nel settore della ricerca industriale; rafforzare i rapporti delle imprese con le Università e gli enti di ricerca, particolare con i laboratori di ricerca industriale e trasferimento tecnologico della Rete regionale Alta Tecnologia, sostenendo forme di collaborazione volte al trasferimento di conoscenze; stimolare lutilizzo, ai fini di prove tecniche, sperimentazioni e misurazioni, di laboratori accreditati e centri per linnovazione; stimolare ladozione di forme di tutela della proprietà intellettuale e dei risultati della ricerca da parte delle imprese regionali; R&S_1

6 Carpi, Progetti di Ricerca Collaborativa delle PMI : INTERVENTI AMMESSI Progetti che comprendano: attività di ricerca industriale, ovvero ricerca pianificata, applicazioni sperimentali a fini di testaggio o indagini tematiche miranti ad acquisire nuove conoscenze utili per mettere a punto nuovi prodotti, processi produttivi o servizi o comportare un notevole miglioramento dei prodotti, processi produttivi o servizi esistenti nel breve e medio periodo; attività di sviluppo sperimentale, volte alla traduzione del risultato della ricerca industriale in un piano, progetto o disegno per la realizzazione di nuovi prodotti, processi produttivi o servizi ovvero per il miglioramento di quelli esistenti, siano essi destinati alla vendita o allutilizzazione diretta, compresa la creazione di prototipi N.B. I progetti dovranno prevedere lattivazione di forme di collaborazione con laboratori di ricerca appartenenti alla Rete Alta Tecnologia dellEmilia- Romagna, università, enti pubblici di ricerca. R&S_2

7 Carpi, Progetti di Ricerca Collaborativa delle PMI : SOGGETTI BENEFICIARI Piccole e Medie Imprese dellEmilia-Romagna (da almeno 6 mesi + con sana vigenza + parametri di affidabilità economico-finanziaria), in forma singola o associata, appartenenti ai seguenti ambiti industriali : - Agroalimentare - Sistema moda - Legno e mobili - Costruzioni e materiali da costruzione - Prodotti in metallo e trasformazione del metallo - Mezzi di trasporto, oleodinamica, pompe e motori, meccanica agricola - Automazione e meccanica industriale, energia - Biomedicale, meccanica di precisione, elettronica da consumo - Editoria, carta - Chimica, farmaceutica e cosmesi, gomma e plastica - Trasporti e stoccaggio - ICT, multimedia, servizi di R&S Grandi Imprese solo in ATI con almeno 3 PMI e per quota non superiore al 30% del totale del progetto. R&S_3

8 Carpi, Progetti di Ricerca Collaborativa delle PMI : SPESE AMMISSIBILI 1.Spese per nuovo personale (giovani ricercatori) 2.Contratti di collaborazione con laboratori di ricerca industriale e trasferimento tecnologico appartenenti alla Rete regionale dellAlta Tecnologia 3.Contratti di collaborazione con Università ed enti pubblici di ricerca e prestazioni relative allutilizzo di laboratori 4.Consulenze specialistiche 5.Spese per attrezzature (max 30% del totale) 6.Spese per personale interno (max 30% del totale) 7.Materiali e lavorazioni direttamente imputabili alla realizzazione dei prototipi e/o impianti pilota (max 20% del totale). R&S_4

9 Carpi, Progetti di Ricerca Collaborativa delle PMI : ENTITA DEGLI INCENTIVI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE Cofinanziamento differenziato per tipologia di spesa: MASSIMALI 50% per attività di ricerca industriale 35% per attività di sviluppo sperimentale (25% per le grandi imprese) euro il cofinanziamento massimo per progetto R&S_5

10 Carpi, Progetti di Ricerca Collaborativa delle PMI : CRITERI DI VALUTAZIONE R&S_6

11 Carpi, Progetti di Ricerca Collaborativa delle PMI : VINCOLI E SCADENZE Durata progetto: da 12 a 24 mesi (proroga eventuale fino a un terzo) Inizio progetto: dalla data di presentazione fino a 30 gg dallapprovazione Realizzazione minima: 70% budget approvato Parametri di affidabilità economico finanziaria: CN > (CP-I) / 3 OF/F < 10% Scadenza presentazione domanda: ore 17 del 14/11/2008 (telematica) R&S_7

12 Carpi, INNOVAZIONE E ICT NELLE PI : POR : Attività II 1.1 Sostegno a progetti di introduzione di ICT nelle PMI POR : Attività II 1.2 Sostegno a progetti e servizi per la creazione di reti di imprese, per linnovazione tecnologica e organizzativa nelle PMI INN_ICT_0

13 Carpi, INNOVAZIONE E ICT NELLE PI : OBIETTIVI favorire processi di sviluppo e innovazione del management aziendale finalizzati a migliorare la qualità della gestione delle imprese in termini di orientamento strategico, efficienza operativa, sviluppo organizzativo del marketing e dellinnovazione tecnologica, anche attraverso lutilizzo di nuove strumentazioni e metodologie ICT INN_ICT_1

14 Carpi, INNOVAZIONE E ICT NELLE PI : INTERVENTI AMMESSI Attività II Innovazione organizzativa, anche per reti dimprese: servizi avanzati o management esterno finalizzato a lo sviluppo commerciale verso nuovi mercati e nuovi canali distributivi; lo sviluppo di funzioni avanzate (ricerca e sviluppo, progettazione, marketing, ecc.); la riorganizzazione e razionalizzazione dei sistemi di fornitura (produttiva e di servizio); la valorizzazione dei sistemi di gestione della qualità nei processi produttivi, nelle prestazioni lavorative, nellambiente e nella sicurezza; laumento dellefficienza e della produttività; lampliamento della capacità produttiva e lintroduzione di nuovi processi produttivi; la diversificazione produttiva; la trasmissione di impresa Attività II I progetti possono essere accompagnati dallintroduzione nelle aziende di strumenti informatici e telematici avanzati finalizzati: allimplementazione e diffusione di metodi di acquisto e vendita on linee di prodotti e servizi; allo sviluppo di nuove funzioni avanzate nel rapporto clienti/fornitori; alla condivisione di sistemi di cooperazione e collaborazione tra aziende in particolare negli ambiti della co- progettazione, dellattività di co-markership, della razionalizzazione logistica; alla riorganizzazione e al miglioramento dell'efficienza dei processi produttivi all'interno della singola impresa e dei processi di innovazione di prodotto con particolare riferimento alla messa a punto ed alla sperimentazione di metodologie e applicazioni innovative nel campo della progettazione, dellinnovazione di prodotto e di processo; allo sviluppo di sistemi che favoriscano lintegrazione e lo scambio di informazioni. INN_ICT_2

15 Carpi, INNOVAZIONE E ICT NELLE PI : SOGGETTI BENEFICIARI Piccole imprese (<50 dip, < 10 M, costituite da almeno 36 mesi) in forma singola A.T.I Associazioni Temporanee di Imprese tra Piccole Imprese - costituite, o ancora da costituire - aventi sede legale e operativa nella Regione Emilia- Romagna, purché lintervento sia realizzato in Emilia-Romagna Consorzi di Piccole Imprese, costituiti anche in forma cooperativa, aventi sede legale e/o operativa nella Regione Emilia-Romagna, purché lintervento sia realizzato in Emilia-Romagna INN_ICT_3

16 Carpi, INNOVAZIONE E ICT NELLE PI : SPESE AMMISSIBILI Spese dal 1 Gennaio 2008 a 12 mesi data di concessione del contributo: Temporary manager minimo 90 giornate non inferiori al 40% (esperienza e professionalità coerenti con il progetto di accrescimento tecnologico). Centri per linnovazione e i laboratori regionali e altresì con centri di trasferimento tecnologico riconosciuti con Università e società di ingegneria e di management. Consulenze specialistiche, lacquisizione di servizi relativi alle tecnologie dellinformazione a alla progettazione di software Personale interno (massimo 20%). Acquisto di hardware e software. Acquisizione di brevetti, diritti di licenza. Spese impiantistiche e opere civili per realizzare reti telematiche. Fideiussione bancaria a sostegno dellanticipo del 35% del contributo Spese generali, fino ad un limite massimo del 10 % INN_ICT_4

17 Carpi, INNOVAZIONE E ICT NELLE PI : ENTITA DEGLI INCENTIVI Contributo in conto capitale fino al 50% (si riserva la facoltà di ridurre). Spesa ammissibile maggiore a Contributo fino a per progetto (de minimis e non cumulabili). Aiuti de minimis non devono superare: ( per settore 60.2 Altri trasporti terrestri) su un periodo di tre esercizi finanziari (data di concessione dei contributi). INN_ICT_5

18 Carpi, INNOVAZIONE E ICT NELLE PI : CRITERI DI VALUTAZIONE INN_ICT_6 Qualità tecnica ed economico-finanziaria (da 0 a 100 punti, minimo 70) Capacità tecnico gestionali (da 0 a 30 punti, minimo 21) Elementi di priorità: Rilevanza della componente femminile e/o giovanile (+ 3%); Interventi di innovazione e riorganizzazione aziendale volti a favorire telelavoro, flessibilizzazione orario di lavoro, limpiego di lavoratori disabili (+ 3%); Ricadute positive sulloccupazione per acquisizione di competenze nel settore dellICT o dellorganizzazione aziendale, nuovi addetti laureati, posti di lavoro durevoli e di qualità (+ 3%); Interventi finalizzati allintroduzione di innovazione in campo ambientale o alladozione di sistemi di certificazione/gestione ambientale o alla riduzione dei rischi sui posti di lavoro (+ 5%). In caso di ulteriore parità i progetti saranno ordinati secondo il numero di protocollo di arrivo.

19 Carpi, INNOVAZIONE E ICT NELLE PI : VINCOLI E SCADENZE Durata progetto: da 01/01/2008 a 12 mesi dallapprovazione Budget minimo: Realizzazione minima: 50% budget approvato Alienazione attrezzature:oltre 3 anni dalla conclusione del progetto Informazione e pubblicità: informare il pubblico in merito al finanziamento ottenuto nellambito del POR-FESR Scadenza presentazione domanda: 15/10/2008 (raccomandata A.R.) INN_ICT_7

20 Carpi, ENERGIA E AMBIENTE PER PMI : POR : Attività III.1.2: Sostegno a progetti innovativi nel campo delle tecnologie energetico- ambientali volti al risparmio energetico e allutilizzo delle fonti rinnovabili NRG_0

21 Carpi, ENERGIA E AMBIENTE PER PMI : OBIETTIVI sostenere la qualificazione ambientale ed energetica del sistema produttivo regionale attraverso il cofinanziamento di interventi nelle singole PMI finalizzati a promuovere il risparmio energetico, luso efficiente dellenergia, lautoproduzione di energia, la valorizzazione delle fonti rinnovabili, i sistemi di produzione combinata di diverse forme di energia, la riduzione delle emissioni di gas serra. NRG_1

22 Carpi, ENERGIA E AMBIENTE PER PMI : INTERVENTI AMMESSI Progetti rivolti a: a)conseguire elevati standard di efficienza energetica, ridurre i consumi per climatizzazione e illuminazione di stabilimenti produttivi, per produzione di acqua calda sanitaria per illuminazione delle aree esterne; b)ridurre i consumi specifici di energia nei processi produttivi (cicli e linee produttive) nonché ladozione di strumenti di misura, controllo e gestione dellenergia nellazienda; c)adottare impianti ad alto rendimento di cogenerazione, trigenerazione, quadrigenerazione con pieno utilizzo delle diverse forme di energia prodotta; d)valorizzare le fonti rinnovabili di energia; e)ridurre le immissioni di gas ad effetto serra, anche attraverso la installazione di sistemi di trattamento, captazione e stoccaggio ovvero di impianti ad alto rendimento in grado di sostituire i combustibili con altri a minor contenuto di carbonio. NRG_2

23 Carpi, ENERGIA E AMBIENTE PER PMI : REQUISITI PRESTAZIONALI A seconda delle tipologie di interventi sono definiti i seguenti requisiti minimi: a)efficienza energetica, riduzione dei consumi: risp. energetico MIN 5 TEP/anno; b)processi produttivi: risp. energetico MIN 5 TEP/anno; c)co- tri- quadri- generazione: MAX 10 MW (termica ed elettrica); d)fonti rinnovabili di energia: risp. energetico MIN 5 TEP/anno + MAX 10 MW (termica ed elettrica); e)ridurre le immissioni di gas ad effetto serra: MIN tonn/anno CO2 eq. NRG_2bis

24 Carpi, ENERGIA E AMBIENTE PER PMI : SOGGETTI BENEFICIARI Piccole e Medie Imprese dellEmilia-Romagna in forma singola, nonché i consorzi o le società consortili costituiti, anche in forma cooperativa, tra PMI, con esclusione dei seguenti ambiti industriali : sezione A Agricoltura, caccia e silvicoltura; sezione B pesca, piscicoltura e servizi connessi; sezione E produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua; sezione F costruzioni; sezione G Commercio allingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali e per la casa; sezione H alberghi e ristoranti; sezione J intermediazione monetaria e finanziaria; sezione K attività immobiliari, noleggio, informatica, ricerca e altre attività professionale; sezione L Pubblica amministrazione e difesa; assicurazione sociale obbligatoria; sezione M Istruzione; sezione N sanità e altri servizi sociali; sezione O altri servizi pubblici, sociali e personali; sezione P Servizi domestici presso famiglie e convivenze; sezione Q Organizzazioni ed organismi territoriali; NRG_3

25 Carpi, ENERGIA E AMBIENTE PER PMI : SPESE AMMISSIBILI a)progettazione, direzione lavori, collaudo e certificazione impianti, macchinari, attrezzature e sistemi; b)fornitura materiali e componenti necessari alla realizzazione di impianti, macchinari, sistemi, dispositivi e attrezzature ammesse ad intervento; c)installazione e posa in opera degli impianti, macchinari, sistemi, dispositivi e attrezzature, ammessi ad intervento; d)installazione di opere accessorie strettamente necessarie e connesse allinstallazione e al funzionamento degli impianti, macchinari, sistemi e attrezzature ammessi ad intervento; e)acquisto di software dedicati alla gestione e controllo dei consumi energetici aziendali; f)acquisto di diritti di brevetto, di licenze, di know-how o di conoscenze tecniche non brevettate finalizzate alla formulazione e attuazione del progetto di efficienza energetica; g)acquisizione di studi e/o consulenze in materia energetica finalizzate alla realizzazione degli interventi previsti nel presente bando; h)polizze fideiussorie o altre garanzie bancarie o assicurative a sostegno della richiesta di pagamento di un anticipo del contributo; i)consulenze specializzate finalizzate alla redazione della diagnosi energetica aziendale di cui ai punti 3.7 e 3.8 e alla certificazione delledificio di cui al punto 4.7. Non sono ammissibili le spese relative a acquisto di terreni, di macchinari usati, di edifici. R&S_4

26 Carpi, ENERGIA E AMBIENTE PER PMI : REGIME DI AIUTO CONTO CAPITALE a)De minimis b)Regime in esenzione (Regolamento comunitario generale di esenzione per categoria adottato in data 7 luglio 2008 e in corso di pubblicazione) Aiuti agli investimenti (materiali e immateriali) Aiuti in campo ambientale (materiali) Aiuti per la realizzazione di studi in materia ambientale Aiuti per servizi di consulenza QUOTA INTERESSI a)De minimis NRG_5

27 Carpi, ENERGIA E AMBIENTE PER PMI : ENTITA DEL CONTRIBUTO REGIME DE MINIMIS CONTO CAPITALE 40% delle spese ammesse, iva inclusa, e contributo massimo pari a fino a 15% per le spese a), f), g), h) pari al 70% per diagnosi energetica aziendale fino a pari al 50% per diagnosi energetica aziendale superiori a pari al 70% per certificazione energetica delledificio fino a pari al 50% per certificazione energetica delledificio superiori a CONTO INTERESSI 40% del costo totale della quota interessi agevolabile, e contributo massimo pari a NRG_5bis

28 Carpi, ENERGIA E AMBIENTE PER PMI : ENTITA DEL CONTRIBUTO REGIME IN ESENZIONE: MAX NRG_5ter

29 Carpi, ENERGIA E AMBIENTE PER PMI : CRITERI DI VALUTAZIONE NRG_6 Qualità tecnica del progetto A) massimizzazione del contributo degli interventi proposti alla riduzione dellemissione di gas serra B) minimizzazione degli impatti ambientali correlati alla realizzazione degli interventi proposti e alladeguamento di impianti di produzione e distribuzione di energia C) contributo degli interventi proposti allutilizzo di fonti rinnovabili, alla riduzione dei consumi energetici ed allautosufficienza energetica dellimpresa nonché alluso efficiente delle fonti di energia Qualità economico finanziaria del progetto A) congruenza tra il piano finanziario previsto per la realizzazione degli interventi proposti e gli obiettivi del progetto B) capacità di cofinanziamento dei proponenti valutata con particolare riferimento allentità del contributo richiesto rispetto al costo dellinvestimento CRITERI DI PRIORITA A) rilevanza della componente femminile/giovanile in termini di partecipazione societaria e/o finanziaria al capitale sociale B) eventuale applicazione delle BAT (Best Avalilable Techniques) previste dalla Direttiva 9661/CE (IPPC - Integrated Pollution Prevention and Control) ovvero dei sistemi di qualità aziendali EMAS, ISO/4001 C) valorizzazione energetica della parte biodegradabile dei sottoprodotti legati al processo produttivo dellimpresa proponente nel rispetto delle norme ambientali vigenti

30 Carpi, ENERGIA E AMBIENTE PER PMI : VINCOLI E SCADENZE Inizio progetto: entro 4 mesi dallapprovazione Completamento progetto: entro 8 mesi dalla comunicazione di inizio attività Scadenza presentazione domanda: entro 31/10/2008 (raccomandata A.R.) NRG_7

31 Carpi, GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "CARPI, 8 Settembre 2008 Progetti di ricerca industriale, innovazione tecnologica e organizzativa, risparmio energetico: nuove opportunità di finanziamenti."

Presentazioni simili


Annunci Google