La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Rischio Paese: lapproccio di SACE Università del Salento 22 settembre 2007 Marco Minoretti Desk Europa Emergente e CSI Tel: +39.06.6736921.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Rischio Paese: lapproccio di SACE Università del Salento 22 settembre 2007 Marco Minoretti Desk Europa Emergente e CSI Tel: +39.06.6736921."— Transcript della presentazione:

1 Il Rischio Paese: lapproccio di SACE Università del Salento 22 settembre 2007 Marco Minoretti Desk Europa Emergente e CSI Tel:

2 SACE e la SACE Business School Il Rischio Paese: definire il rischio paese il Balance Sheet Approach e le crisi finanziarie internazionali Agenzie di rating e fonti informative Il rischio paese in SACE: Categorie OCSE e il CRAM Le condizioni di assicurabilità Composizione del portafoglio e principali paesi Programma Africa Case Study: Russia e Turchia

3 SACE Group 100% 70% 100% 66% Concerto Il Gruppo SACE

4 Le attività del Gruppo Il Gruppo SACE sostiene la competitività di banche ed imprese, attraverso lofferta di unampia gamma di prodotti e servizi assicurativo-finanziari: assicurazione del credito, protezione degli investimenti, riassicurazione, cauzioni e garanzie finanziarie per operazioni commerciali, finanziarie e di project & structured finance. Assicurazione del credito, protezione degli investimenti, riassicurazione e servizi finanziari Assicurazione del credito a breve termine Cauzioni, assicurazione dei rischi delle costruzioni ed assicurazione vita 100% 70%

5 Storia societaria Creazione di SACE come sezione speciale dellIstituto Nazionale Assicurazioni (INA) per lassicurazione del credito allesportazione Trasformazione di SACE in Istituto (ente economico) Trasformazione in Società per Azioni controllata al 100% dal Ministero dellEconomia e delle Finanze Costituzione di SACE BT: SACE entra nel mercato dellassicurazione del credito di breve termine Decreto sulla Competitività: ampliamento del perimetro operativo e dei soggetti assicurabili SACE BT acquisisce il 70% di Assicuratrice Edile (Assedile), società leader nel mercato delle cauzioni Moodys assegna a SACE un rating sulla solidità finanziaria pari a Aa2, con prospettive stabili Riduzione del capitale sociale per un importo di 3,5 miliardi Inizia il processo dinternazionalizzazione del Gruppo: SACE BT acquisisce, congiuntamente a Ducroire Delcredere, il 66% di KUP, società leader nel mercato ceco dellassicurazione del credito Legge Finanziaria 2007: ulteriore ampliamento dellarea operativa e dei soggetti assicurabili.

6 Levoluzione delloperatività forniture di merci o servizi da parte di imprese estere controllate/collegate a imprese italiane operazioni di interesse strategico per lItalia (come finanziamenti per reti, centrali ed infrastrutture) finanziamenti erogati da banche e istituti finanziari italiani, senza la necessaria presenza di una sottostante operazione di esportazione italiana Made in Italy Operatività tradizionale Made in Italy Operatività tradizionale Made by Italy ed internazionalizzazione 1° ampliamento del perimetro operativo ( ) Made by Italy ed internazionalizzazione 1° ampliamento del perimetro operativo ( ) Made for Italy linteresse strategico per lItalia 2° ampliamento del perimetro operativo (2006) Made for Italy linteresse strategico per lItalia 2° ampliamento del perimetro operativo (2006) Estensione del perimetro di assicurabilità a: operazioni con presenza di componente italiana garanzia di finanziamenti concessi ad aziende italiane con forte vocazione allinternazionalizzazione Perimetro di assicurabilità tradizionale: esportatore con sede in Italia che esporta merci prodotte in Italia esportatore estero che acquista merci italiane destinate alla vendita (ri-esportazione) Ulteriore ampliamento dellarea operativa e dei soggetti assicurabili per effetto della Legge Finanziaria 2007, che consente a SACE lemissione di garanzie e coperture assicurative relative a:

7 La SACE Business School moduli formativi per orientarsi nel mondo dellexport credit, diretti agli operatori coinvolti nel processo di internazionalizzazione (banche, aziende, consulenti, associazioni di categoria e di settore) ed agli studenti; programmi di assistenza tecnica per le ECAs dei Paesi emergenti; un supporto per il costante aggiornamento del personale, sulle dinamiche evolutive dei mercati finanziari internazionali. Nell 2004 SACE SpA fonda la Business School, proponendo:

8 1.Analisi dei mercati emergenti e valutazione dei rischi 2.La normativa internazionale e gli effetti sulle condizioni di underwriting 3.I prodotti e servizi SACE Cosa offriamo? La SACE Business School offre dai brevi corsi propedeutici o di approfondimento, ai programmi personalizzati per ogni esigenza, in tre principali aree: Lobiettivo è quello di ampliare e diffondere le conoscenze dei temi legati allexport credit e di consolidare la cooperazione con le altre ECAs per lo sviluppo di interessi commerciali comuni.

9 SACE e la SACE Business School Il Rischio Paese: definire il rischio paese il Balance Sheet Approach e le crisi finanziarie internazionali Agenzie di rating e fonti informative Il rischio paese in SACE: Categorie OCSE e il CRAM Le condizioni di assicurabilità Composizione del portafoglio e principali paesi Programma Africa Case Study: Russia e Turchia

10 Il rischio paese prima delle crisi anni 90 In pratica, il Rischio Paese era valutato esclusivamente in termini di abilità o volontà di pagamento di un paese e si basava sulla valutazione di variabili di flusso, come il saldo delle partite correnti e il bilancio pubblico. Le crisi finanziarie degli anni 90 hanno sorpreso tutti gli analisti e gli economisti portando a riconsiderare tale approccio Nel 2002 il FMI (Fondo Monetario Internazionale), al fine di migliorare lanalisi delle economie in difficoltà e a rischio di crisi, ha definito il cosiddetto Balance Sheet Approach In passato, lanalisi di Rischio Paese concentrava la sua attenzione sul rischio sovrano.

11 Una passo indietro… cosa è una crisi? Tre tipologie di crisi: 1.Crisi valutarie: quando si verifica una significativa svalutazione della valuta con una cospicua perdita di riserve e/o un deciso aumento del tassi di interesse nel tentativo di difendere la valuta. Può essere provocata da un attacco speculativo o da un evento inatteso 2.Crisi bancaria: quando il fallimento di banche (potenziale o effettivo) o una corsa agli sportelli porta a sospendere il ripagamento delle proprie passività. Tale situazione è tipicamente accompagnata dallinsolvenza delle banche 3.Crisi debitoria: quando un paese non ha la volontà o la capacità di ripagare il proprio debito, pubblico o privato. Il rischio sovrano si concentra proprio sul prospettive di ripagamento del debito pubblico 50,0 70,0 90,0 110,0 130,0 150,0 170,0 190,0 210,0 230, Emerging markets bond index (EMBI+) Crisi Messicana Crisi Rus s a Crisi Asiatiche Crisi Brasiliana Turchia Argentina

12 Tre modelli per analizzare le crisi La letteratura economica classifica le crisi secondo tre diversi generazioni di modelli; quello che cambia veramente sono i sistemi economici e finanziari che i modelli descrivono: 1.Modelli di prima generazione: spiega le crisi valutarie come il risultato di crescenti disavanzi pubblici che hanno portato alla perdita delle riserve internazionali ed eventualmente allabbandono del cambio fisso. Laccento è posto sui fondamentali macroeconomici 2.Modelli di seconda generazione: si è sviluppato dopo la crisi dello SME nel 1992 e la crisi messicana del La crisi in questo caso può essere provocata da una decisione di politica monetaria interna quando le autorità decidono se svalutare. Oltre alla debolezza dei fondamentali, tali modelli notano come i disequilibri valutari e di durata possano portare ad una self-fulfilling currency run, debt rollover crisis o alla corsa agli sportelli. 3.Modelli di terza generazione: dopo lesperienza delle crisi delle Tigri asiatiche del si nota che sono le vulnerabilità del settore privato piuttosto che gli squilibri fiscali a giocare un ruolo chiave. Si comincia a parlare di balance sheet approach. In tali crisi vi sono elementi auto-realizzanti insieme alle vulnerabilità nel settore industriale e finanziario. Inoltre le crisi valutarie sono spesso seguite dalla crisi del sistema bancario (crisi gemelle). In tali modelli, quindi, si cerca di comprendere come i movimenti dei capitali possono portare a crisi valutarie e finanziarie.

13 Mercati emergenti: vecchie e nuove crisi Esempi Principali Player Debito Crisi Indicatori di previsione Ristrutturazione del debito Africa 90 America Latina 80 Stati Prestiti bancari (pubblici e privati) Solvibilità paese Servizio del debito (30%) Partite correnti (4%) Riserve (3 mesi) Club di Parigi Club di Londra IFIs Asia 97, Russia 98 Brasile 99, Turchia e Argentina 01 (Effetto Domino) Stati, Banche, Imprese Effetto domino tra settori Azioni/obbligazioni/ strumenti finanziari Liquidità Mismatch nei bilanci Breve termine / Riserve Flussi di Hot Money Bolle speculative Ristrutturazioni a BT Accordi tra le parti Recapitalizzazioni Fallimenti (regolam/ corporate governance) Nuove architetture finanziarie e mercato dei capitali Nuove CrisiVecchie CrisiCrisi Future?

14 Cosa è il Balance Sheet Approach? Il Balance Sheet Approach concentra la sua attenzione sullesame delle variabili di stock nei bilancio dei diversi settori di un paese e nel suo bilancio aggregato (attività e passività). (FMI 2002) Conseguentemente una crisi finanziaria si genera quando, nel momento di una crescente domanda di attività finanziarie in uno o più settori, i creditori perdono la fiducia nella capacità: del paese di ottenere valuta forte per onorare il servizio del debito estero del governo di ripagare il suo debito del settore bancario di far fronte ai deflussi di depositi delle imprese di ripagare i propri debiti alle banche o ad altri creditori Per questo motivo nellanalisi di rischio paese non si deve tener conto esclusivamente dei fondamentali macroeconomici ma anche dei disequilibri di bilancio del settore privato NB: Tuttavia non bisogna dimenticare anche gli elementi qualitativi (ad esempio la governance) che il balance sheet approach non considera e possono costituire un fattore di vulnerabilità

15 Il nuovo approccio al rischio paese: dal paese a imprese e banche RISCHIO PAESE CRISI VALUTARIE DEFAULT SUL DEBITO SOVRANO IMPRESE BANCHE Restrizione del credito Consumatori Mismatch di bilancio (tassi di cambio, portafoglio: titoli dello Stato ) Governo RISCHIO SISTEMICO – EFFETTO DOMINO

16 Quali sono gli squilibri di bilancio? 1.maturity mismatch, quando il gap fra le passività e le attività liquide rende un settore incapace di onorare i suoi impegni contrattuali; 2.currency mismatches, quando una variazione del tasso di cambio porta ad ingenti perdite di capitali 3.capital structural problems, quando una forte dipendenza dallindebitamento o dal finanziamento attraverso il mercato azionario rende unimpresa o una banca incapace di affrontare una riduzione delle entrate 4.solvency problems, quando le attività sono insufficienti a coprire le passività. Gli altri tre disequilibri possono portare al rischio di insolvenza mentre il rischio di insolvenza può nascere esclusivamente da un eccessivo ricorso al indebitamento o allinvestimento in attività a basso rendimento. LIMF ha definito quattro tipologie di squilibri di bilancio che possono portare il paese a non onorare il suo debito quando si trova ad affrontare degli shock:

17 Ma quindi, cosa è il rischio paese? si intende linsieme dei rischi che non si sostengono se si effettuano delle transazioni nel mercato domestico, ma che emergono nel momento in cui si effettua un investimento in un paese estero. Tali rischi sono maggiormente imputabili alle differenze di tipo politico, economico e sociale esistenti tra il paese originario dellinvestitore ed il paese in cui viene effettuato linvestimento Meldrum (2000) sovranoeconomicopoliticotrasferimentoposizione eventi di natura non economica derivanti da conflitti, mutamenti istituzionali e atti unilaterali dei governi capacità (o volontà) del debitore sovrano di onorare i propri Impegni restrizioni sui movimenti di capitali e sul rimpatrio di dividendi e profitti effetti di contagio che possono provenire da paesi vicini o con caratteristiche simili fattori che influenzano la crescita quali la politica economica, il grado di apertura delleconomia, landamento delle ragioni di scambio del paese Meldrum, D.H. (2000). "Country Risk and Foreign Direct Investment." Business Economics, 35, January, pp. 33–40.

18 SACE e la SACE Business School Il Rischio Paese: definire il rischio paese il Balance Sheet Approach e le crisi finanziarie internazionali Agenzie di rating e fonti informative Il rischio paese in SACE: Categorie OCSE e il CRAM Le condizioni di assicurabilità Composizione del portafoglio e principali paesi Programma Africa Case Study: Russia e Turchia

19 Agenzie di rating Cosa è un rating? Il rating è una valutazione di un emittente o di una emissione espressa in maniera sintetica attraverso una sigla (es. AAA, BB, ecc). Chi fa i rating? I rating sono richiesti dalle società emittenti, a pagamento, e vengono analizzate da Agenzie accreditate a livello internazionale: Moodys, Standard & Poors, Fitch A cosa servono? Questo processo è utile per mettere a disposizione degli investitori uno strumento oggettivo e riconosciuto di valutazione del merito di credito Cosa tiene in considerazione un rating? 1. la capacità dellemittente di soddisfare gli impegni finanziari presi nei termini concordati; 2. la natura dellimpegno finanziario e le garanzie accessorie; 3. la protezione e posizione relativa dellobbligazione nei confronti di altre emissioni della stessa società.

20 Lutilizzo dei rating in SACE In SACE il rating viene utilizzato per la valutazione delle controparti (enti governativi, municipalità, imprese, banche, etc). Inoltre serve per il calcolo del premio che lassicurato dovrà pagare: più il rating della controparte è negativo è più il premio sarà alto Le classi di rating A tale valutazione si aggiunge anche un outlook (stabile, positivo, negativo) che indica uneventuale variazione positiva del rating (upgrading) o uneventuale variazione negativa (dowgrading)

21 Le fonti informative Oxford Economic Forecasting Oxford Analytica Global Insight Economist Intelligence Unit Fondo Monetario Internazionale Banca Mondiale Banche di Sviluppo Regionali (EBRD, ADB, AfDB, IADB) Institute of International Finance Investment Banks Ma non dimentichiamoci di Google!!!!!

22 SACE e la SACE Business School Il Rischio Paese: definire il rischio paese il Balance Sheet Approach e le crisi finanziarie internazionali Agenzie di rating e fonti informative Il rischio paese in SACE: Categorie OCSE e il CRAM Le condizioni di assicurabilità Composizione del portafoglio e principali paesi Programma Africa Case Study: Russia e Turchia

23 Gli eventi generatori di rischio NATURALI Rischi socio-politici MAN-MADE Rischi economici Politici: instabilità politica; atti o provvedimenti delle autorità del paese (es. espropri, nazionalizzazioni e confische). Sociali: eventi che influenzino la politica del paese o lattività economica ( guerre, disordini, sommosse) Macroeconomici: rischi macroeconomici specifici del paese Microeconomici: rischi microeconomici specifici del paese Lanalisi Paese è mirata a valutare la possibilità che si verifichino i seguenti eventi Terremoti, inondazioni, altre calamità naturali

24 La Valutazione del Rischio Paese in SACE Condizioni di Assicurabilità Categorie OCSE I fondamenti della valutazione del rischio paese in SACE:

25 Definiscono il MPR (Minimum Premium Rate), ovvero il premio minimo applicabile dalle ECA (Export Credit Agencies) per il rischio sovrano a MLT. Il MPR non si applica ai paesi di categoria 0. Determinazione delle Categorie OCSE: definizioni 8 categorie (0-7): 0 rappresenta un rischio trascurabile (Paesi UE, USA, Giappone, etc.) 7 rappresenta il rischio massimo (Argentina, Angola, Zimbabwe, Corea del Nord, Bielorussia…) Le ECA possono adottare criteri di classificazione dei paesi diversi da quello OCSE. Tuttavia, esse sono comunque tenute ad applicare il premio minimo legato alla categoria OCSE per la copertura del rischio sovrano a MLT. Le Categorie OCSE: Misurano la probabilità che il Paese non onori il servizio del debito nel medio-lungo termine (probabilità di default).

26 I paesi sono suddivisi per aree geografiche ed esaminati con cadenza trimestrale nel Gruppo degli Esperti di Rischio Paese. Il processo si articola in 2 fasi: CRAM (Country Risk Assessment Model), modello che include: Indicatori economico-finanziari Esperienza di pagamento delle ECA Procedura di aggiustamento qualitativo del risultato in base a fattori non considerati nel modello (situazione politica, tensioni sociali, coerenza e sostenibilità della politica economica) Determinazione delle Categorie OCSE: metodologia

27 Situazione economica Situazione finanziaria Esperienza di pagamento CRAM score (OCSE) valutazione del rischio di credito in un paese Categoria di rischio da 0 a 7 (0 = rischio minimo) Situazione politica Sinistri in corso/esposizione Indennizzi pagati/esposizione nei confronti delle ECA, FMI e Banca Mondiale Debito estero/entrate valutarie Debito estero/GDP Servizio debito estero/entrate valutarie Riserve valutarie (in mesi di import) Potenziale di Crescita Tasso di inv./risparmio PIL procapite Crescita di lungo periodo Aspettativa di vita Policy Performance Inflazione Saldo di bil. pubbico Saldo conto corrente Vulnerab. Shock Est. Dimensioni Diversificazione export Importazioni oil Aiuti Stabilità politica Tensioni sociali Esproprio, violenza politica, trasferimento etc… Determinazione delle Categorie OCSE: il CRAM Aggiustamento qualitativo

28 Determinazione delle Categorie OCSE: laggiustamento qualitativo Elementi considerati per laggiustamento qualitativo: Situazione politica (struttura istituzionale, livello di democrazia, possibilità di conflitti interni-esterni, sistema legale) Situazione sociale (tasso di disoccupazione, tensioni sociali, rivendicazioni di minoranze etniche o religiose) Coerenza delle strategie del governo (sostenibilità della politica economica), cooperazione con le Istituzioni Finanziarie Internazionali. Altri fattori non inclusi nel modello Sistema finanziario/bancario Debito pubblico

29 Le Condizioni di Assicurabilità Prevalente attività con debitori sovrani. Lanalisi paese era considerata vincolante rispetto allanalisi delle controparti, che rimaneva in secondo piano Condizioni rigide: Non era consentito operare al di fuori delle condizioni di assicurabilità Maggiore flessibilità: Possibilità di operare (caso per caso) anche in paesi in sospensiva, revisione dei Paesi in base alla presenza di progetti validi Valutazione del merito di credito delle controparti IERI OGGI Definizione: indicano latteggiamento assicurativo che SACE adotta verso ciascun paese, suddiviso per rischio sovrano, bancario e corporate.

30 Le Condizioni di Assicurabilità: Classi di Rischio APERTURA CHIUSURA Comprende i Paesi industrializzati e alcuni Paesi emergenti che non presentano aspetti di rischiosità particolarmente rilevanti. Esempio: USA e paesi UE, Cina, Kuwait, Russia, Brasile Esempio : Afghanistan, Bolivia, Libano, Zimbabwe Paesi in sospensiva per i quali non è consentita la normale operatività. NB! Ci sono comunque delle restrizioni allapertura…. …come ci sono delle deroghe alla chiusura

31 IMPORTI CONTROPARTE TIPI DI RESTRIZIONI Le Condizioni di Assicurabilità: Restrizioni e deroghe % COPERTURA DURATE Limitazioni o particolari condizioni relative alle controparti (sovrane, bancarie, corporate) con le quali SACE è disposta a operare. Limitazioni complessive per paese (plafond) o per singola operazione. Dilazioni massime di pagamento previste (solo BT o MLT). Riduzione della percentuale massima di copertura (di norma 95% del valore del contratto per il rischio politico). DEROGHE ALLA CHIUSURA In caso di chiusura possono essere considerate (caso per caso) operazioni strutturate, project finance, operazioni finanziate da IFI, da altre ECA o da Banche Regionali di Sviluppo investimenti e domande di copertura di rischi accessori

32 PAESE Categ oria di rischi o CONDIZIONI DI ASSICURABILITÁ NOTE IMPEGNI IN ESSERE (mln di ) 30/06/07 ESPOSIZ. TOTALE (mln di ) 30/06/07 sovranobancariocorporate BT MLT ALBANIA 6 Apertura*Apertura * Limiti FMI. -41,1043,27 ANDORRA 2 Apertura --- ARMENIA 6 ChiusuraApertura --- AZERBAIGIAN 5 Apertura --- BIELORUSSIA 7 Apertura Plafond paese 70 mln -36,8437,63 BOSNIA ERZEGOVINA 7 Apertura*Apertura * Limiti FMI. -29,2564,95 CROAZIA 4 Apertura*Apertura * Limiti FMI. 4,793,4115,20 GEORGIA 6 ChiusuraApertura -0,46 ISLANDA 0 Apertura --- KAZAKISTAN 4 Apertura 4,1181,2285,96 KIRGHIZISTAN 7 Chiusura --- LIECHTENSTEIN 0 Apertura --- MACEDONIA 5 Apertura*Apertura * Limiti FMI. --8,82 Esempio: le condizioni di assicurabilità

33 Rischio del credito66,996,596,184,579,190,483,171,4 Politico11,10,00,82,80,60,50,80,5 Sovrano23,143,648,529,632,914,330,919,7 Privato32,752,946,852,245,675,651,451,2 Investimenti32,72,31,410,310,40,011,220,2 Rischi accessori0,41,22,55,210,59,65,78,4 TOTALE100 Composizione degli impegni per tipologia di rischio di SACE ( , %)

34 IMPEGNI TOTALI ( ) 23,6 mld Il Il portafoglio SACE: impegni per area geografica

35 Il portafoglio SACE: impegni per paese Il portafoglio SACE è fortemente concentrato un numero limitato di mercati, in particolare verso i paesi esportatori di petrolio. I primi 3 paesi incidono per circa il 40% degli impegni totali. Grande incidenza delle operazioni di finanza strutturata

36 Il portafoglio SACE: impegni in essere per settore Impegni in essere di SACE per settore merceologico (al 31/12/2006) Aeronautico e Navale 9,4% Industria metallurgica 12,8% Servizi finanz. non bancari 3,1% Altri settori 19,7% Elettrico 6,8% Banche 14,0% Chimico e Petrolchimico 15,0% Oil&Gas 19,2%

37 Il portafoglio SACE: i principali mercati Iran: numerose op.ni con garanzia sovrana (CIPE). Dal 2004 estesa la copertura a soggetti pubblici senza garanzia sovrana (NPC, NIOC, NISCO). Principali settori: energia, acciaio, chimica. Russia: preponderanza di rischi privati (Blue Stream). Buona operatività con le banche (Vnesheconombank, Sberbank, Vneshtorgbank). Principali settori: energia, acciaio, telecomunicazioni.

38 Il portafoglio SACE: i principali mercati (2) Brasile: Portafoglio sostanzialmente bilanciato. Op.ni di investimento (settore bancario). Principali settori: telecomunicazioni, chimico (fertilizzanti), energia (Petrobras) Turchia: Maggioranza rischi privati, op.ni strutturate e con banche (Turkiye Garanti Bankasi, Kocbank, Turkiye Bankasi, Yapi). Principali settori: telecomunicazioni, trasporti, acciaio.

39 Dopo un periodo di instabilità politica ed economica, lAfrica sub-sahariana sta attraversando una fase di stabilizzazione economica e di crescita. Al contempo, in taluni paesi si sta assistendo ad un consolidamento della democrazia, anche se numerosi rimangono i casi di paesi privi di strutture democratiche e di stabili sistemi di governo (cosiddetti failed states). Anche sul fronte del debito estero sono stati compiuti progressi nellambito del Programma HIPC di cancellazione del debito. SACE ha elaborato un nuovo meccanismo, un Programma Africa, in linea con la crescente richiesta di copertura assicurativa da parte degli esportatori italiani e come veicolo di penetrazione commerciale per le imprese italiane Lobiettivo del Programma è di adottare un atteggiamento di maggiore apertura, proporzionata ai progressi compiuti dai singoli paesi e in accordo con le limitazioni imposte dal FMI allindebitamento sovrano.. Le trasformazioni in Africa Subsahariana

40 OPEN: Cover is available OPEN WITH RESTRICTIONS: Cover is available subject to restrictions regarding: countepart (eg. sovereign) amount (eg. country ceiling or single transaction limit) tenor (eg. short term, medium-long term) OFF COVER: No cover available. Neverthless, the following transactions may be considered, on a case by case basis: transactions with substantial risk-mitigating factors (structured finance or project finance transactions, transactions partly financed by IFIs, regional development banks and other ECAs) investment projects transactions involving non-credit risks Il Programma Africa MAURIZIO CAPO VERDE GHANA NIGERIA NIGER CIAD REPUBBLICA CENTRAFRICANA S U D A N CAMERUN SAO TOMÉ GABON REP. CONGO REP. DEM. CONGO BURKINA FASO BENIN TOGO COSTA DAVORIO LIBERIA SIERRA LEONE GUINEA G.-BISSAU MAURITANIA SENEGAL GAMBIA MALI MAROCCO A L G E R I A TUNISIA L I B I A EGITTO ETIOPIA KENIA UGANDA MALAWI MOZAMBICO M A D A G A S C A R ZIMBABWE BOTSWANA SWAZILAND LESOTHO REPUBBLICA SUDAFRICANA NAMIBIA ANGOLA Z A M B I A GUINEA EQ. RWANDA TANZANIA COMORE GIBUTI BURUNDI ERITREA SEICELLE SOMALIA

41 Apertura: Botswana, Gabon, Maurizio, Namibia, Sudafrica e Swaziland. Apertura con condizioni: Capo Verde, (rischio sovrano nel rispetto dei limiti del FMI) Guinea Equatoriale, Lesotho (plafond paese di 10 mln), Angola e Nigeria (plafond paese 100 mln solo rischi privati) Benin, Burkina Faso, Camerun, Eritrea, Etiopia, Ghana, Kenya, Malati Mali, Mauritania, Mozambico, Senegal, Tanzania, Uganda e Zambia (plafond paese 10 mln solo rischi privati e durata massima 5 anni). Chiusura: Burundi, Repubblica Centrafricana, Ciad, Comore, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica del Congo, Costa dAvorio, Gambia, Gibuti, Guinea, Guinea Bissau, Liberia, Madagascar, Niger, Ruanda, Sao Tomè e Principe, Seicelle, Sierra Leone Somalia, Sudan Togo e Zimbabwe. Operatività limitata a progetti che comportino una sostanziale mitigazione del rischio paese, operazioni di investimento (ove esistano accordi multilaterali e bilaterali di protezione degli investimenti) e rischi accessori. Latteggiamento assicurativo di SACE

42 Attività assicurativa legata al Programma Africa Lesposizione verso lAfrica Subsahariana è pari al 5,3% dellesposizione totale di SACE. Dal lancio del programma Africa, SACE ha approvato nuovi impegni per 480 milioni di euro.

43 Recenti operazioni NIGERIA MOZAMBICO ETIOPIA Policy: Project Finance Project Finance Credito Fornitore Assicurato: SnamProgetti SinocOil & Gas International Group DUMEC Copertura: LNG Plant Extension Gas pipeline Export of dumpers Debitore: Nigeria LNG Ltd. RompCo Construction and Business Bank Impegni: 190 milioni 21,7 milioni 0.6 milioni Rischi: politico e commerciale politico politico e commerciale Copertura: 90% 95% 95% Periodo: 9 anni 14 anni -

44 SACE e la SACE Business School Il Rischio Paese: definire il rischio paese il Balance Sheet Approach e le crisi finanziarie internazionali Agenzie di rating e fonti informative Il rischio paese in SACE: Categorie OCSE e il CRAM Le condizioni di assicurabilità Composizione del portafoglio e principali paesi Programma Africa Case Study: Russia e Turchia

45 Rischio bancario (RB) Rischio economico (RE) Rischio politico (RP) rischio: alto medio basso outlook: positivo stabile negativo Rischio operativo (RO) Politica Interna Relaz. Internaz. Struttura Performance Sistema Legale Attegg. Inv. Esteri Infrastrutture Sicurezza Attivita Economica Bil. Pub. e Inflazione Bil. Dei Pagamenti Debito Estero e Riserve Tasso Di Cambio Mercato Azionario Il rischio paese in SACE: le schede paese

46 Il rischio paese in SACE: le schede paese (2) Alla valutazione dei 4 rischi si aggiungono inoltre: Il rapporto con le Istituzioni Finanziarie Internazionali Linterscambio del paese con lItalia Commercio investimenti diretti esteri Lesposizione di SACE nel paese, composta da: Impegni in essere Sinistri in corso Indennizzi pagati da recuperare

47 RUSSIA Rating Standard and PoorsMoodysFitch BBB+Baa2BBB+ Condizioni di assicurabilità SACE Categoria OCSE: 3/7 Rischio sovrano: apertura nel rispetto del limiti del FMI Rischio bancario: apertura Rischio corporate: apertura

48 Russia: rischio politico (rischio: medio - outlook: stabile) Politica interna situazione politica è stabile lo Stato ha ripreso il controllo di alcuni settori strategici, ad esempio quello energetico. conflitto ceceno e rischio attacchi terroristici (attualmente basso) Successione di Putin (marzo 2008): fattore di incertezza Relazioni internazionali lesportazione di idrocarburi: motore principale della rinascita russa ma anche causa di crescenti tensioni con i paesi della CSI (Comunità degli Stati Indipendenti) creazione di un piccolo gruppo di fronda anti-russo, il GUAM (composta da Georgia, Ucraina, Azerbaijan e Moldova) membership, insieme a Cina ed ai paesi dellAsia centrale (escluso il Turkmenistan), della Shanghai Cooperation Organization rapporti con USA e UE in peggioramento (nonostante buone relazioni economiche). La decisione della NATO di installare dei sistemi anti-missilistici in Europa centro orientale è stata particolarmente mal vista dal Cremlino. rivendicazione di un controllo maggiore su alcune aree del circolo polare artico

49 s: stime p: previsioni. Fonte: : IMF (Country Report, July 2006); * Economist Intelligence Unit Russia: principali indicatori economici Principali indicatori economici s2007p2008p PIL (variazione % reale) 7,26,46,77,06,8 Inflazione media annua (%) 10,912,79,77,77,5 Saldo Bilancio Pubblico/PIL (%) 4,98,28,44,92,8 Bilancia dei pagamenti Esportazioni ($ mld) 183,2243,8303,9315,2332,6 Importazioni ($ mld) -97,4-125,4-164,7-210,3-249,2 Saldo bilancia commerciale ($ mld) 85,8118,4139,2104,983,4 Saldo transazioni correnti ($ mld) 59,083,894,561,742,8 Saldo transazioni correnti/PIL (%) 10,011,09,65,12,9 Debito estero totale ($ mld) 214,5257,2309,7418,4504,5 Debito estero totale/PIL (%) 36,233,731,434,834,7 Debt service ratio (%) 19,820,417,612,613,7 Riserve valutarie lorde ($ mld) 124,5182,2303,7431,8524,4 Riserve valutarie lorde (mesi import.) 11,413,317,419,820,6 Cambio medio RUB/USD 28,8128,2827,2025,7025,40

50 Russia: rischio economico (rischio: medio - outlook: stabile) Attività economica. crescita robusta (6,7%) nonostante il rallentamento della produzione nel settore oil&gas. nel 2006 unottima performance per i settori non-tradable. Il settore oil&gas necessita di ingenti investimenti. Il settore manifatturiero soffre la concorrenza internazionale a causa degli scarsi investimenti e dellapprezzamento del rublo Bilancio pubblico e inflazione. avanzi di bilancio consistenti grazie agli introiti per la vendita degli idrocarburi (in peggioramento) dal 2004 accantonamento di parte dei surplus fiscali in un Fondo di Stabilizzazione, alta inflazione. La Banca Centrale Russa sembra più concentrata nel mantenimento della competitività Bilancia dei pagamenti. consistenti surplus commerciali e di parte corrente il 2006 è stato un anno record per afflusso di capitali Posizione debitoria e riserve internazionali. pagamento anticipato del debito verso il FMI e il Club di Parigi. riduzione del debito con lestero del settore pubblico e consistente aumento dellindeb. del settore privato elevato livello di riserve (in aumento) Tasso di cambio. Spinte allapprezzamento della valuta generate dalle consistenti entrate petrolifere Apprezzam. in termini effettivi reali con negative ripercussioni sui settori non-oil in termini di competitività

51 Struttura del sistema. processo di consolidamento dopo 1998: ma ancora debolezze strutturali e da scarsa trasparenza. alta frammentazione: a fine 2006, banche (di cui 52 detenute al 100% da banche estere e 13 con più del 50% di proprietà straniera). 5 banche controllano circa il 45% degli asset totali e due di esse (Sberbank e Vneshtorbank) sono statali. Il primato di Sberbank, che controlla il 29% degli asset totali e il 60% dei depositi, è insidiato da Vneshtorbank, Gazprombank e Alfa Bank, nonostante la crescita, la fiducia del piccoli risparmiatori è ancora limitata Performance. deposit insurance scheme (schema di assicurazione dei depositi) forte aumento delle attività di credito al consumo e i prestiti alle PMI. Tuttavia ancora limitati (come i risparmi delle famiglie) grande interesse delle banche internazionali verso la Russia. Tuttavia esistono delle limitazioni cui sono soggetti gli operatori internazionali in tema di apertura di nuove filiali (disputa entrata WTO) Il livello di non-performing loans è andato decrescendo, a fine 2005 era pari al 2,8% dei crediti totali. Il ROA era pari al 3,2%, il ROE era pari al 24,2%. Russia: rischio bancario (rischio: medio - outlook: stabile)

52 Russia: rischio operativo (rischio: medio - outlook: stabile) Sistema legale. Progressi nelladozione di un quadro normativo coerente (tra legislazione regionale e federale). principale problema legato allenforcement di tali provvedimenti Il sistema giudiziario burocratizzato e dotato di scarsa indipendenza dal potere politico Atteggiamento nei confronti degli investitori esteri. positivo atteggiamento verso gli investitori, ma protezione di alcuni settori strategici (energia) revisione di alcuni Production Sharing Agreement (Vedi caso Sakhalin 2) elevata burocrazia, applicazione arbitraria delle leggi da parte delle autorità locali e livelli inadeguati di governance. Mancanza di chiarezza nel sistema fiscale e amministrativo Il 1° luglio 2006 è entrata in vigore la piena convertibilità del rublo: ciò elimina il deposito obbligatorio non remunerato per i non residenti che acquistano titoli denominati in rubli Infrastrutture, sicurezza e calamità naturali. sistema infrastrutturale necessita ammodernamento ed ampliamento. il conflitto ceceno continua a costituire un fattore di instabilità. organizzazioni criminali particolarmente potenti e spesso legate (se non coincidenti) con i grandi gruppi industriali controllati dagli oligarchi.

53 Russia: gli indicatori di rischio operativo Indicatori di Business Climate Rank Doing Business (WB)96° su 175 Index of Economic Freedom120° su 157 Corruption Perceptions Index121° su 163 Accordi e Convenzioni Convenzione di WashingtonFirmato Convenzione di New YorkIn vigore Accordo sulla promozione e la reciproca protezione degli investimenti con lItalia In vigore

54 TURCHIA Rating Standard and PoorsMoodysFitch BB-Ba3BB- Condizioni di assicurabilità SACE Categoria OCSE: 5/7 Rischio sovrano: apertura Rischio bancario: apertura Rischio corporate: apertura

55 Politica interna. situazione politica incerta a causa dellelezione, in agosto, alla carica di presidente di Abdullah Gül (AKP) osteggiato da esercito, magistratura e opposizione laica tuttavia le elezioni parlamentari di luglio hanno decretato la vittoria del partito islamico moderato per la Giustizia e lo Sviluppo (AKP), riconfermando il mandato di Erdogan con un buon margine di voti il nuovo esecutivo, composto principalmente da tecnici, ha espresso le proprie intenzioni riformiste e europeiste Relazioni internazionali. sospensione del processo di allargamento UE (congelamento di 8 dei 35 capitoli del negoziato di adesione della Turchia) questione in sospeso rimane lapertura a Cipro dei porti ed aeroporti turchi crescente rilevanza per la sicurezza energetica europea grazie alla posizione strategica tra paesi produttori e paesi consumatori inasprimento dei rapporti con il Kurdistan iracheno Turchia: rischio politico (rischio: medio - outlook: stabile)

56 Turchia: principali indicatori economici Principali indicatori economici s2007p2008p PIL (variazione % reale) 9,97,66,05,06,0 Inflazione media annua (%) 8,68,29,68,04,3 Saldo Bilancio Pubblico/PIL (%) -7,2-2,7-1,4-3,0-2,6 Bilancia dei pagamenti Esportazioni ($ mld) 67,076,987,899,9108,9 Importazioni ($ mld) -90,9-109,6-128,2-140,7-149,6 Saldo bilancia commerciale ($ mld) -23,9-32,8-40,4-40,8-40,7 Saldo transazioni correnti ($ mld) -15,6-23,1-32,7-31,8-29,4 Saldo transazioni correnti/PIL (%) -5,2-6,4-8,5-7,9-6,7 Debito estero totale ($ mld) 162,2170,1193,9212,2231,9 Debito estero totale/PIL (%) 50,547,053,2 53,7 Debt service ratio (%) 27,226,427,527,926,7 Riserve valutarie lorde ($ mln) 37,652,254,558,060,3 Riserve valutarie lorde (mesi import.) 3,44,24,0 3,9 Cambio medio TRY/USD* 1,42551,34361,42851,44181,5223 s: stime; p: previsioni. Fonte:IMF (IMF Country Report No. 07/161, May 2007); *EIU

57 Attività economica. buona resilienza delleconomia alla mini crisi di maggio/giugno 2006 tasso di crescita del PIL reale robusto (6%), spinta dal consumo interno, in particolare forte aumento della spesa pubblica in presenza di un rallentamento dei consumi privati (in rallentamento per ) Bilancio pubblico e inflazione. riduzione del deficit di bilancio nel 2006, grazie allincremento nelle entrate fiscali. In forte peggioramento per il 2007 inflazione sotto stretta sorveglianza. Il mancato raggiungimento del target fissato dal FMI e dalla banca centrale è stato uno dei fattori scatenanti della crisi di maggio/giugno Rallentamento dellinflazione per il (ma sempre a rischio) Bilancia dei pagamenti. aumento importazioni causa principale del disavanzo commerciale disavanzo delle partite correnti ha toccato il suo picco nel 2006 (8,5% del PIL), nel biennio in miglioramento il saldo del conto capitale continua ad esser positivo anche se in diminuzione, a causa del minore afflusso di investimenti diretti esteri e ad una crescente propensione al disinvestimento Posizione debitoria e riserve internazionali. debito con lestero e debt-service ratio elevati (in aumento) le riserve in valuta straniera a fine 2006 ammontavano a circa 54 miliardi di dollari (pari a 4 mesi di importazioni) Tasso di cambio. recupero della valuta turca in termini nominali dopo il forte deprezzamento di maggio-giugno (di circa il 20%). a metà 2007 il tasso di cambio si è riassestato sui valori pre-crisi (TRY 1,33-1,34: USD1). grande volatilità della lira turca e sensibilità agli eventi di natura politica Turchia: rischio economico (rischio: medio - outlook: stabile)

58 Struttura del sistema. periodo di consolidamento dopo la crisi del Le riforme procedono, seppure con alcuni ritardi. Il Governo ha aumentato la trasparenza, rafforzato la regolamentazione e migliorato le funzioni di supervisione della Banca Centrale. A luglio 2006 è stato annunciato il programma di privatizzazione delle principali banche pubbliche, che dominano il settore detenendo circa i 2/3 dellattivo totale (in particolare, Halkbank). Il sistema è composto da 33 banche commerciali, di cui: 3 banche possedute dallo stato, 13 banche private e 17 controllate da banche straniere. Performance. La quota di asset del sistema bancario nelle mani di istituti stranieri è aumentata, passando dal 5% al 15% negli ultimi 2 anni. Ciò ha causato unespansione del credito, che necessita di un attento monitoraggio in quanto potrebbe portare allaumento dei non-performing loans diminuiti (intorno al 2,8% dei prestiti a metà 2006) redditività del sistema in diminuzione: a fine giugno 2006 il ROA era pari a 1,69% e il ROE pari a 6,31% il sistema bancario è riuscito a contenere le perdite determinate dallaumento dei tassi di interesse e dallindebolimento della lira (crisi di maggio/giugno 2006) rischio indiretto, difficilmente quantificabile, derivante dallesposizione in valuta estera delle imprese affidate dalle banche. nel complesso il sistema bancario appare in miglioramento (tuttavia:vulnerabilità permangono in termini di mismatch di durata e tassi di interesse) Turchia: rischio bancario (rischio: medio - outlook: stabile)

59 Sistema legale. Il sistema legislativo turco è nel processo di adeguamento allacquis communautaire europeo e non presenta particolari rischi in tema di discrezionalità o di repentini cambiamenti legislativi. corti sono indipendenti e imparziali. Tuttavia i tempi di risoluzione delle dispute tendono ad essere lunghi. Atteggiamento nei confronti degli investitori esteri. gli investitori stranieri sono stati del tutto equiparati a quelli nazionali (legge per gli Investimenti Esteri del 2003) Gli investitori esteri possono acquisire partecipazioni fino al 100%, tranne in alcuni settori strategici (telecom, mezzi di informazione), dove permangono alcune restrizioni. Infrastrutture, sicurezza e calamità naturali. il livello del sistema infrastrutturale è buono e ci sono crescenti investimenti nel settore dei trasporti e delle costruzioni. espansione e il miglioramento delle reti legate allesportazione di idrocarburi provenienti da oriente. sicurezza minacciata dalla presenza di episodi di terrorismo, sia di matrice islamica che curda. La rinascita del fondamentalismo islamico può costituire una minaccia per la stabilità del Paese. Turchia: rischio operativo (rischio: medio - outlook: stabile)

60 Turchia: gli indicatori di rischio operativo Indicatori di Business ClimateRank Doing Business 2006 (WB)91° su 175 Index of Economic Freedom ° su 157 Corruption Perceptions Index ° su 163 Accordi e Convenzioni Convenzione di WashingtonIn vigore Convenzione di New YorkIn vigore Accordo sulla promozione e la reciproca protezione degli investimenti con lItalia In vigore

61 Contatti Roma: tel fax Modena: tel fax Milano: tel fax Roma: tel /325fax Mestre: tel fax Milano: tel fax Modena: tel fax Torino: tel fax Hong Kong: tel fax Shanghai:tel fax Mosca: tel fax Roma: tel fax Milano: tel fax Roma:tel /-267 fax

62 The floor is yours Thank you!

63 Disclaimer This presentation has been prepared solely for information purposes and should not be used or considered as an offer to sell or a solicitation of an offer to buy any insurance/financial instrument mentioned in it. The information contained herein has been obtained from sources believed to be reliable or has been prepared on the basis of a number of assumptions which may prove to be incorrect and, accordingly, SACE does not represent or warrant that the information is accurate and complete.


Scaricare ppt "Il Rischio Paese: lapproccio di SACE Università del Salento 22 settembre 2007 Marco Minoretti Desk Europa Emergente e CSI Tel: +39.06.6736921."

Presentazioni simili


Annunci Google