La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Incontro Settori Innovazione e Viabilità delle Province e Veneto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Incontro Settori Innovazione e Viabilità delle Province e Veneto."— Transcript della presentazione:

1 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Incontro Settori Innovazione e Viabilità delle Province e Veneto Strade Piano Nazionale per la Larga Banda Progetto Regione del Veneto

2 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Piano Nazionale per la Larga Banda Obiettivo principale del piano è abilitare il 95,6% della popolazione a servizi di connettività a 7-20 Mbit/s entro il 2012, nonché rimuovere i deficit infrastrutturali che limitano lo sviluppo delle reti di nuova generazione utilizzando in modo prevalente la tecnologia ottica e su rame. La quota rimanente della popolazione sarà raggiunta con accesso radio in modo da garantire una capacità sino a 2 Mbit/s. Il Finanziamento complessivo del Piano ammonta a 1,471 Miliardi di Euro in parte già disponibili e in fase di impiego da parte di Infratel Italia. Il Governo, per mezzo del Dipartimento per le Comunicazioni, ha guidato lattività di Pianificazione e Reperimento delle risorse Finanziarie garantendo la coerenza e lefficacia degli interventi a livello nazionale, coinvolgendo Operatori di Telecomunicazioni e Amministrazioni Pubbliche centrali e Locali.

3 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Internet for all % coverage of 30Mbps 100% internet coverage 50% households take-up of 100Mbps Agenda Digitale

4 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Stato del Digital Divide in Veneto Al 30 giugno 2010 con riferimento al solo servizio ADSL: l87,4 % della popolazione dispone di una connessione a larga banda in modalità Full (con banda teorica di almeno 7Mbps) il 3,2 % dispone di una connessione in modalità Lite (con banda teorica massima di 640Kbps) il 9,4 % risulta essere totalmente in Digital Divide. I dati di copertura sono calcolati al lordo della fattibilità tecnica relativa alla rete di accesso, non tenendo quindi in considerazione eventuali problematiche relative alla presenza di multiplatori, concentratori, extra-lunghezze dei doppini telefonici (su base nazionale circa il 5,2% delle linee di rete daccesso è affetta da problematiche di questo tipo). Su 581 Comuni della Regione del Veneto, 71 hanno una copertura ADSL inferiore al 50%, 8 Comuni presentano una copertura compresa tra il 50 e il 75%, 22 hanno una copertura tra il 75 il 95% e 450 hanno una copertura superiore al 95%. Tipologia di connessioneCentrali%Copertura popolazione ADSL2+ (20 Mbps)18356,3% ADSL (7Mbps)34931,1% ADSL Lite (640kbps)1703,2% Divario Digitale6019,4%

5 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Investimenti previsti dal Piano Nazionale in Veneto REALIZZAZIONE RETE DI BACKHAUL Tipologia di connessioneInterventiInvestimento (Meuro) FIBRA OTTICA33056,8 BACKHAUL RETE SECONDARIA 438 km fibra tratte radio 28,39 PONTE RADIO ALTA CAPACITA342,26 RETE DACCESSO Tipologia di interventoInterventiInvestimento (Meuro) APPARATI Wired IP 20 Mbit/s107221,44 AREE Wireless IN ACCESSO36923,25 Il piano Nazionale prevede investimenti in Veneto per 132,183 Milioni di Euro così ripartiti:

6 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Accordo di programma per lo sviluppo della larga banda siglato il 7 settembre Processo di attuazione affidato al MISE tramite la Società In House INFRATEL ITALIA S.p.A.. Finanziamento complessivo pari a Euro ,00. Fonti di finanziamento: Euro ,00 a valere sui fondi assegnati dal CIPE e da Leggi Finanziarie dello Stato(MISE); Euro ,00 a valere sui fondi FESR (POR ) di competenza della regione del Veneto; Euro ,00 a valere sui fondi FEASR (Sviluppo Rurale ) di competenza della regione del Veneto; Euro ,00 a valere su fondi FAS-Regione ai sensi della delibera CIPE 3/2206, di competenza della regione del Veneto. Una prima Convenzione Operativa per un primo lotto di 99 collegamenti è stata approvata dalla Giunta Regionale in data 9 febbraio 2010 relativa ad un importo di Euro ,00 di cui Euro ,00 su fondi MISE-Infratel e ,00 su fondi FAS regionali. Con delibera di Giunta n 2482 del 19/10/2010 la Regione Veneto ha approvato un ulteriore iniziativa a favore dei Distretti Produttivi per Euro ,00 (Euro ,00 sul capitolo esercizio finanziario corrente + Euro ,00 cofinanziamento Statale). Descrizione Fonti di Finanziamento Disponibili

7 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Infratel, società di scopo del Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento Comunicazioni, è il soggetto attuatore del Programma Larga Banda in tutte le aree sottoutilizzate del Paese, ai sensi della Legge n. 80 del La dinamica di costituzione, avvio operativo della Società e regolamentazione delle fasi dattuazione delliniziativa sono le seguenti: Convenzione sottoscritta il 22 dicembre 2003 tra il Ministero delle Comunicazioni e Sviluppo Italia S.p.A., con la quale sono stati regolati i primi rapporti per procedere con lattuazione del Programma per lo Sviluppo della Larga Banda nel Mezzogiorno; Costituzione di Infrastrutture e Telecomunicazioni per lItalia S.p.A. (Infratel Italia), in data 23 dicembre 2003; Autorizzazione generale del Ministero delle Comunicazioni, ai sensi dellart. 25, comma 4, del D. Lgs. n. 259/2003 che, a far data dal 22 dicembre 2004, legittima Infratel Italia allofferta dinfrastrutture di telecomunicazioni abilitanti alla banda larga, realizzate ed integrate sul territorio nazionale, agli operatori e provider di settore ed alla Pubblica Amministrazione; Iscrizione di Infratel Italia nel Registro Operatori di Comunicazione tenuto a cura dellAutorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, al n ; Legge n. 80 del 2005, la quale ha stabilito che: Gli interventi per la realizzazione delle infrastrutture per la larga banda di cui al programma approvato con delibera CIPE n. 83/03 del 13 novembre 2003, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 48 del 27 febbraio 2004, possono essere realizzati in tutte le aree sottoutilizzate. Il CIPE stabilisce annualmente le risorse del Fondo Aree Sottoutilizzate di cui allarticolo 61 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, destinate al finanziamento del citato programma attuato dal Ministero delle Comunicazioni per il tramite della Società Infrastrutture e Telecomunicazioni per lItalia S.p.A. (Infratel Italia) del gruppo Sviluppo Italia S.p.A; Accordo di Programma del 22 dicembre 2005, reg. alla Corte dei Conti il 22 febbraio 2006, stipulato tra il Ministero delle Comunicazioni ed Infratel Italia ad integrazione della Convenzione del 22 dicembre 2003, il quale regolamenta le attività di realizzazione del potenziamento della rete infrastrutturale pubblica per la larga banda nelle aree sottoutilizzate del Paese. Infratel Italia

8 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto La missione Infratel è strettamente correlata alla strategie sociali che sovrintendono lesecuzione del Programma Larga Banda in tutte le aree sottoutilizzate del Paese, ai sensi della Legge 80 del 2005 I principali fattori di successo dellesperienza Infratel sono: Esperienza specifica, grazie alla conoscenza approfondita delle infrastrutture di rete di telecomunicazioni presenti nei territori oggetto dintervento Unorganizzazione adeguata, con competenze specifiche, che permette la gestione efficiente ed efficace, con costi e tempi di attuazione ridotti Flessibilità nelle attività e nei servizi erogati, dalla progettazione alla direzione lavori, dalla cessione in uso delle infrastrutture alla loro manutenzione Soggetto nazionale che promuove interventi coerenti ed integrati, rapidi e coordinati tra diversi soggetti pubblici e privati, evitando duplicazioni di investimenti e sprechi di risorse pubbliche Infratel Italia

9 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Infratel, alla data del 31 dicembre 2010, svilupperà Km di infrastrutture di telecomunicazioni attivando i servizi a banda larga in 607 Aree di Centrale di 14 Regioni e abilitando agli stessi una popolazione di circa di persone. In continuità al processo dattuazione e dimplementazione delle infrastrutture, il Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento Comunicazioni ed Infratel hanno siglato Accordi Operativi con le Regioni sotto riportate: Infratel Italia I Intervento AttuativoII Intervento AttuativoIII Intervento Attuativo

10 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Infratel Italia provvede alla realizzazione di cavidotti, o anche alluso di tubazioni e palificate esistenti, con posa della fibra ottica spenta, nelle aree caratterizzate da divario digitale infrastrutturale; talvolta, in via complementare ma residuale, procede mediante soluzioni wireless. Il modello dintervento è dunque incentrato sulla realizzazione di sbracci dinterconnessione, abilitanti alla banda larga tra il sistema ottico regionale e lArea di Commutazione locale, il cosiddetto backhauling, rimuovendo tutte le barriere di carattere infrastrutturale allerogazione di servizi di comunicazione avanzati da parte degli operatori di mercato. DORSALE OTTICA Punto dinterconnessione Area di Commutazione 1 POP Sbracci dinterconnessione Infratel Rilegamento ad opera degli Operatori Area di Commutazione 2 POP Rilegamento radio ad opera degli Operatori Modello di Intervento Infratel

11 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Posa su palificazioni e tubazioni esistenti: Infratel ricorre, dove possibile, alla condivisione e allaccesso alle infrastrutture esistenti Utilizzo Infrastrutture Esistenti

12 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Infratel ricorre a tecniche innovative di scavo, con consistente riduzione dei costi e dei tempi di realizzazione. Scavo in Minitrincea Scavo in minitrincea: parziale ingombro della sede stradale, poco materiale di risulta, ripristino veloce.

13 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Scavo No Dig, nessun ingombro della sede stradale, lavori marginali di ripristino, riduzione dei tempi di realizzazione Scavo in No Dig

14 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Scavo in trincea tradizionale: viene utilizzato da Infratel solo nel caso in cui non vi sia la possibilità di utilizzo di tecniche di scavo meno invasive. molto materiale di risulta,occupazione sede stradale, necessità di molti mezzi e personale, tempi di realizzazione più lunghi. Scavo in Tecnica Tradizionale

15 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Per il raggiungimento degli obiettivi economici e temporali del Piano è indispensabile: Limpiego diffuso delle tecniche di scavo innovative (Trenchless) La Richiesta di permessi ai sensi della legge 133/08 art. 2 (DIA) Per disciplinare questi aspetti e tutti i rapporti tra Infratel e Province si propone la stipula di una CONVENZIONE, sulla base dello schema già approvato dallUPI nellambito del protocollo di intesa siglato con il MISE il 25 Febbraio Gestione Rapporti con ENTI


Scaricare ppt "Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Regione del Veneto Incontro Settori Innovazione e Viabilità delle Province e Veneto."

Presentazioni simili


Annunci Google