La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Alta Formazione per docenti di scuola superiore di 1° e 2° grado nellambito del Progetto nazionale A scuola di dislessia organizzato da MIUR –

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Alta Formazione per docenti di scuola superiore di 1° e 2° grado nellambito del Progetto nazionale A scuola di dislessia organizzato da MIUR –"— Transcript della presentazione:

1 Corso di Alta Formazione per docenti di scuola superiore di 1° e 2° grado nellambito del Progetto nazionale A scuola di dislessia organizzato da MIUR – AID- FTI – USR per la Puglia Partecipanti: Prof.ssa Armagno Rosa Prof.ssa Basile Palma Prof. DAlessandro Roberto Prof.ssa Gentile Antonia Prof.ssa Gianfrate Maria Prof.ssa Griseta Angelinda Prof.ssa Guarnieri Sophie Prof.ssa Spinosa Anne

2 Con il D.M. 12 Luglio 2011 diventano operative le misure previste dalla Legge 8/10/10 n.170 recante nuove norme in materie di Disturbi Specifici dellApprendimento (DSA ): Dislessia = difficoltà di lettura Disgrafia= difficoltà nella scrittura Discalculia= difficoltà di calcolo Comorbilità= coesistenza di più disturbi

3 D.M – , art. 2 Soggetti e compiti Le istituzioni scolastiche provvedono a segnalare alle famiglie le eventuali evidenze, riscontrate nelle prestazioni quotidiane in classe e persistenti nonostante lapplicazione di adeguate attività di recupero didattico mirato, di un possibile disturbo specifico di apprendimento, al fine di avviare il percorso per la diagnosi ai sensi dellart.3 della Legge170/2010 modalità di formazione dei docenti e dei dirigenti scolastici; Gli Uffici Scolastici Regionali attivano tutte le necessarie iniziative e procedure per favorire il rilascio di una certificazione diagnostica dettagliata e tempestiva da parte delle strutture preposte; La famiglia (o lo studente maggiorenne) consegnano la certificazione di DSA alla scuola o alluniversità.

4 Misure educative e didattiche Obiettivo: successo formativo degli alunni con DSA Strumenti: didattica individualizzata e personalizzata «GARANTITA ED ESPLICITATA» (PDP) Misure compensative (dopo aver reso gli alunni competenti allutilizzo) e dispensative (per ridurre affaticamento e disagio conseguentemente a compiti direttamente connessi con il disturbo)

5 Che cosè il PDP? PIANO: è studio mirante a predisporre un'azione in tutti i suoi sviluppi, un programma, un progetto, una strategia. DIDATTICO: lo scopo della didattica è il miglioramento dell'efficacia e soprattutto dell'efficienza dell'apprendimento dellallievo, che comporta, quindi, una diminuzione dei tempi di studio e del dispendio di energie dellefficacia e dell'efficienza dell'insegnamento del docente. PERSONALIZZATO: indica la diversificazione delle metodologie, dei tempi, degli strumenti nella progettazione del lavoro della classe.

6 Chi lo redige? Il Consiglio di Classe, acquisita la diagnosi specialistica di DSA, redige il Piano Didattico Personalizzato.

7 Quando viene redatto? La sua redazione avviene: allinizio di ogni anno scolastico entro i primi due mesi per gli studenti già segnalati su richiesta della famiglia in possesso di segnalazione specialistica.

8 Come viene redatto? La redazione deve contenere e sviluppare i seguenti punti: dati relativi allalunno descrizione del funzionamento delle abilità strumentali caratteristiche del processo di apprendimento strategie per lo studio – strumenti utilizzati individuazione di eventuali modifiche allinterno degli obiettivi disciplinari per il conseguimento delle competenze fondamentali strategie metodologiche e didattiche adottate strumenti compensativi e dispensativi criteri e modalità di verifica e valutazione pianificazione con la famiglia del lavoro individuale

9 Strategie metodologiche e didattiche utilizzabili Incoraggiare lapprendimento collaborativo (Imparare non è solo un processo individuale: la dimensione comunitaria dellapprendimento svolge un ruolo significativo); favorire le attività in piccolo gruppo e il tutoraggio; promuovere la consapevolezza del proprio modo di apprendere al fine di imparare ad apprendere privilegiare lapprendimento esperienziale e laboratoriale per favorire loperatività e allo stesso tempo il dialogo, la riflessione su quello che si fa; sollecitare le conoscenze precedenti per introdurre nuovi argomenti e creare aspettative; sviluppare processi di autovalutazione e autocontrollo delle proprie strategie di apprendimento; individuare mediatori didattici che facilitano lapprendimento (immagini, schemi, mappe …).

10 Le metodologie didattiche devono essere volte a: ridurre al minimo i modi tradizionali di fare scuola (lezione frontale, completamento di schede che richiedono ripetizione di nozioni o applicazioni di regole memorizzate, successione di spiegazione-studio - interrogazioni … ). sfruttare i punti di forza di ciascun alunno, adattando i compiti agli stili di apprendimento degli studenti e dando varietà e opzioni nei materiali e nelle strategie dinsegnamento utilizzare mediatori didattici diversificati (mappe, schemi, immagini) stimolare il recupero delle informazioni tramite il brainstorming collegare lapprendimento alle esperienze e alle conoscenze pregresse degli studenti ridurre il carico esecutivo implicato nella realizzazione di un compito. Sollecitare la motivazione nello studente, facendogli percepire di avere la capacità di raggiungere un obiettivo e di poter svolgere un compito.

11 Strumenti e misure di tipo compensativo Tra gli strumenti compensativi un grande rilievo viene attribuito alle nuove tecnologie: Sintesi vocale (trasforma un compito di lettura in un compito di ascolto); Programmi di videoscrittura con correttore ortografico Libri e dizionario digitali Calcolatrice, tabelle, formulari … Strumenti informatici Fotocopie adattate Schemi e mappe Appunti scritti al PC Registrazioni Materiali multimediali Testi con immagini Testi con ampie spaziature

12 Misure di tipo dispensativo Nellambito delle varie discipline lalunno viene dispensato: dalla lettura ad alta voce; dal prendere appunti; dai tempi standard (dalla consegna delle prove scritte in tempi maggiori di quelli previsti per gli alunni senza DSA); dal copiare dalla lavagna; dalla dettatura di testi/o appunti; da un eccesivo carico di compiti; dallo studio mnemonico delle tabelline, formule, definizioni; dallo studio della lingua straniera in forma scritta se certificato dallo specialista su richiesta della famiglia.

13 La valutazione Le Istituzioni scolastiche adottano modalità valutative che consentono allalunno o allo studente con DSA di dimostrare effettivamente il livello di apprendimento raggiunto, mediante lapplicazione di misure che determinino le condizioni ottimali per lespletamento della prestazione da valutare- relativamente ai tempi di effettuazione e alle modalità di strutturazione delle prove – riservando particolare attenzione alla padronanza dei contenuti disciplinari, a prescindere dagli aspetti legati allabilità deficitaria. Le Commissioni degli Esami di Stato valutano coerentemente con le modalità stabilite nei PDP e adottano adeguate misure compensative. Ad ogni modo, sul diploma finale non dovrà comparire alcun riferimento al disturbo dello studente.

14 Criteri e modalità di verifica e valutazione Si concordano: – interrogazioni programmate – compensazione con prove orali di compiti scritti – uso di mediatori didattici durante le prove scritte e orali – valutazioni più attente ai contenuti che non alla forma – programmazione di tempi più lunghi per lesecuzione di prove scritte – prove informatizzate Patto con la famiglia Si concordano: - i compiti a casa (riduzione, distribuzione settimanale del carico di lavoro, modalità di presentazione …) – le modalità di aiuto: chi, come, per quanto tempo, per quali attività/discipline segue lo studente nello studio - gli strumenti compensativi utilizzati a casa (audiolibro, computer …..) - le interrogazioni

15 Per approfondire … Stelle cadute in terra (film) Come può essere così difficile (documentario sulla dislessia – Youtube)


Scaricare ppt "Corso di Alta Formazione per docenti di scuola superiore di 1° e 2° grado nellambito del Progetto nazionale A scuola di dislessia organizzato da MIUR –"

Presentazioni simili


Annunci Google