La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Diritto del lavoro Appunti a cura di Franco Liso Capitolo I Dalle origini al fascismo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Diritto del lavoro Appunti a cura di Franco Liso Capitolo I Dalle origini al fascismo."— Transcript della presentazione:

1 Diritto del lavoro Appunti a cura di Franco Liso Capitolo I Dalle origini al fascismo

2 A - La prima fase la creazione del mercato del lavoro Dalleconomia feudale alla rivoluzione industriale

3 Le trasformazioni del sistema economico: le macchine e la rivoluzione industriale La nascita della fabbrica Carbone coke dal carbon fossile La macchina a vapore di Watt (1769) I filatoi meccanici Hargreaves(1764) Arkwright(1769)

4 lartigiano lapprendista la CORPORAZIONE Mercato locale dei beni La forma di lavoro prevalente nella società feudale lartigianato Il lavoro a domicilio

5 I limiti alle possibilità di svolgimento della attività produttiva controllata dalla corporazione Le critiche di Adam Smith (La ricchezza delle nazioni,1776) al sistema delle corporazioni che domina nei paesi europei creando diseguaglianze La politica europea … lo fa principalmente nei tre modi seguenti. Primo, limitando laffluenza in talune occupazioni a un numero inferiore a quello che sarebbe disposto ad entrarvi; secondo, accrescendola in altre al di là di quanto essa sarebbe naturalmente; e, terzo, ostacolando la libera circolazione del lavoro e del capitale, tanto da impiego a impiego che da luogo a luogo Poiché la proprietà che ognuno ha del suo lavoro è il fondamento originario di ogni altra proprietà, essa è la più sacra e inviolabile. Il patrimonio di un povero sta nella forza e nella destrezza delle sue mani; e impedirgli di impiegare la forza e destrezza nella maniera che egli reputa opportuna senza ingiuria al suo vicino è una patente violazione della più sacra fra tutte le proprietà. E una ingiusta usurpazione della giusta libertà tanto del lavoratore che di coloro che possono essere disposti ad assumerlo…

6 Le considerazioni di Adam Smith (La ricchezza delle nazioni,1776) sulla schiavitù Lesperienza di tutti i tempi e di tutte le nazioni credo dimostri che il lavoro fatto dagli schiavi, sebbene sembri costare soltanto il loro mantenimento, è in definitiva il più caro di tutti. Una persona che non può acquistare proprietà non può avere altro interesse che quello di mangiare il più possibile e di lavorare il meno possibile. Qualunque cosa faccia oltre a ciò che basta ad assicurargli la sussistenza, può essergli imposto con la violenza soltanto e mai da un suo particolare interesse. … agli schiavi sono succeduti i mezzadri e poi gli affittuari …(514)

7 dallartigianato Nei confronti dellartigiano il capitalista nella prima fase appare nella veste di mercante che gli compra i beni da lui prodotti (cliente di un lavoratore che svolge la propria attività presso il proprio domicilio...) nella fase successiva appare nella veste di produttore che gli compra le energie lavorative (datore di lavoro, interessato a che il lavoratore presti la sua attività presso la propria manifattura ….) alla manifattura, alla fabbrica

8 lavoro autonomo lavoro dipendente il capitalista dallautonomia (o dalla schiavitù ) alla subordinazione. Il contratto di lavoro come schema giuridico che assicura al capitalista la disponibilità di un fattore della produzione

9 smantellamento della società feudale e creazione del mercato del lavoro La libertà di intrapresa dellattività economica (libertà di commercio e dindustria) e labbattimento delle corporazioni Lideologia delleguaglianza degli individui e del laissez faire - i cittadini dispongono liberamente dei propri interessi mediante il contratto - lo Stato cura ordine pubblico, finanze e politica estera; al resto provvede lo spontaneo funzionamento del mercato nel quale devono liberamente competere gli individui - nulla tra lo Stato ed il cittadino Il proletariato La funzione del diritto Il riconoscimento della liberté du travail, du commerce et de lindustrie

10 Lartigiano: dalla autonomia alla subordinazione, da produttore (venditore di beni) a lavoratore dipendente (venditore della propria attività, del proprio servizio) Le parti del contratto, considerate su di un piede di uguaglianza in quanto entrambe titolari di un potere di regolazione dei propri interessi, danno luogo ad una relazione di autorità. Il capitalista, acquista per via del contratto di lavoro una posizione di potere giuridico nei confronti del lavoratore (potere direttivo, potere disciplinare, potere di licenziamento). Al maggior potere detenuto sul piano sociale si accompagna, in questo modo, una posizione di potere giuridico.

11 Vieta ai mastri come agli operai di mettersi daccordo, di organizzarsi e di emettere ordinanze o prendere decisioni … sui loro pretesi interessi comuni … Tutti i gruppi composti da artigiani, operai … o istigati da essi saranno considerati assembramenti sediziosi Art. 1: Il ny a plus de corporations dans lEtat; il ny a plus que linterét particulier de chaque individu et linterét général. Il divieto penale delle coalizioni: la legge Le Chapelier 1791

12 il contratto di lavoro come forma giuridica della mobilità di uno dei fattori della produzione: la mercificazione del lavoro e il calcolo razionale del capitale leguaglianza dei contraenti: il libero contratto di lavoro il diritto di proprietà dei mezzi di produzione substrato del potere nei confronti dei lavoratori La figura della locazione delle opere (locatio operarum)

13 il codice civile del 1865 Titolo IX Del contratto di locazione Art Il contratto di locazione ha per oggetto le cose o le opere. Art La locazione delle opere è un contratto per cui una delle parti si obbliga a fare per laltra una cosa mediante la pattuita mercede. Capo III Della locazione delle opere Art Vi sono tre principali specie di locazione di opere e dindustria: 1. Quelle per cui le persone obbligano la propria opera allaltrui servizio; 2. Quella dei vetturini sì per terra come per acqua, che si incaricano del trasporto delle persone o delle cose; 3. Quella degli imprenditori di opere ad appalto o cottimo.

14 Art Nessuno può obbligare la propria opera allaltrui servizio che a tempo o per una determinata impresa. il codice penale sardo puniva tutte le intese di datori di lavoro allo scopo di indurre ingiustamente ed abusivamente gli operai ad una diminuzione del salario art. 385 tutte le intese degli operai allo scopo di sospendere, ostacolare o far rincarare il lavoro senza ragionevole causa art. 386

15 lavoratore datore di lavoro Una eguaglianza giuridica che nasconde una diseguaglianza sociale La maschera del libero contratto di lavoro

16 La questione sociale Lo sfruttamento delle mezze forze la nascita del sindacato e i movimenti socialisti 1891 > camera del lavoro di Milano 1892 > partito socialista 1901 > Fiom 1906 > CGdL 1910> Confindustria

17 La disciplina delle coalizioni > dalla repressione penale alla tolleranza Inghilterra 1871 Francia 1864 e 1884 Germania 1869 Italia 1889 (nuovo codice penale, Zanardelli) La nascita del sindacato

18 Negoziare collettivamente – attraverso propri rappresentanti – è una necessità per i lavoratori, essendo essi deboli di norma, se presi individualmente. Non è una necessità, invece, per i datori di lavoro, i quali, trovandosi in condizioni di maggior potere negoziale, sarebbero in grado di negoziare direttamente. Farlo collettivamente rappresenta per essi, invece, una convenienza dettata solo dallinteresse a non produrre a costi superiori a quello dei diretti concorrenti. Una finalità che ha a che vedere con la concorrenza è peraltro strutturalmente presente anche sul versante dei lavoratori, i quali attraverso lorganizzazione sindacale miravano appunto a realizzare un controllo del mercato del lavoro, volto ad impedire che altri lavoratori potessero accettare condizioni contrattuali inferiori.

19 la legislazione sociale la tendenza al controllo delle conseguenze negative derivanti dallo squilibrio dei rapporti di forza sul mercato del lavoro

20 lavoratore datore di lavoro

21 lavoratore datore di lavoro

22 lavoratore datore di lavoro

23 lavoratore datore di lavoro

24 lavoratore datore di lavoro

25 lavoratore la tendenza al riequilibrio

26 La protezione del contraente debole e la limitazione dei poteri del datore di lavoro, negoziali e di gestione in via diretta (disciplina del rapporto di lavoro) in via mediata (attraverso il riconoscimento del ruolo dellautonomia collettiva: lo sviluppo del sistema di relazioni industriali). La protezione del lavoratore contro i rischi. Il trasferimento del loro costo in capo alla produzione. Lo sviluppo del welfare. Un lungo cammino verso la demercificazione…. (ma anche, soprattutto se pensiamo agli inizi della legislazione sociale, finalità di garanzia della riproduzione sociale)

27 I primi concordati di tariffa la nascita delle commissioni interne La prima legislazione sociale - donne e fanciulli (1886, 1902, 1907) - i collegi probivirali (1893) (preavviso nel licenziamento, sciopero e sospensione del rapporto) - assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (1898) - previdenza volontaria per invalidità e vecchiaia (1898, 1907) - lavoro nelle risaie (1907) - riposo settimanale e festivo (1907) - sussidio di maternità alle operaie (1910) - ispettori del lavoro (1912) - previdenza obbligatoria per invalidità e vecchiaia (1919) - assicurazione contro la disoccupazione involontaria (1919)

28 Con Giovanni Giolitti si realizza una svolta nel rapporto con le forze sociali …. Il moto ascendente delle classi popolari si accelera ogni giorno di più, ed è moto invincibile perché comune a tutti i paesi civili, e perché fondato sul principio di eguaglianza tra gli uomini. Nessuno si può illudere di potere impedire che le classi popolari conquistino la loro parte di influenza economica e di influenza politica Dal discorso tenuto alla Camera il febbraio 1901 come ministro degli interni nel governo Zanardelli

29 Il nuovo indirizzo governativo in età giolittiana fu inaugurato con il progetto di costituzione dell Ufficio del lavoro e del Consiglio superiore del lavoro presso il Ministero di Agricoltura, industria e commercio. LUfficio aveva compiti di studio e di ricerca sui problemi del lavoro, per offrire le conoscenze e i dati sulla base dei quali il Consiglio avrebbe operato la mediazione tra i datori di lavoro e i lavoratori e suggerito gli interventi sociali necessari a migliorare le condizioni dei lavoratori (Musso 103, Gallotta) 1902 Legge istitutiva dellUfficio del lavoro e del consiglio superiore del lavoro

30 fine

31 Possiede gli strumenti di lavoro e la materia prima (che tuttavia può anche essergli fornita dal committente)

32 Prevale nelle campagne ed è svolto da persone che svolgono anche attività in agricoltura la loro produzione viene fatta per un mercante o per un industriale

33 La manifattura implica la divisione del lavoro tutto ciò che prima faceva lartigiano, a mano, lo fanno in più, dividendosi i vari compiti la produzione rimane prevalentemente affidata allabilità manuale del lavoratore La fabbrica si crea con lintroduzione delle macchine utensili nel processo produttivo il lavoro si separa dai mezzi di produzione le operazioni eseguite dalloperaio passano alla macchina, della quale il lavoratore diviene appendice

34

35

36 Considérer le travail comme un bien quantifiable et échangeable est une fiction, puisque, tout comme la terre et la monnaie, le travail est une condition, et non pas un produit de lactivité économique. Mais cest une fiction nécessaire à lavènement du capitalisme. Pour fonder la production et la répartition des richesses sur le libre- échange, il faut en effet faire comme si le travail, la terre et la monnaie étaient des produits échangeables, des marchandises. Cette fiction ne pouvait être instituée que par le droit, et cest ainsi quest né le droit du travail. Au sens précis du terme, le droit di travail est celui qui regit les echanges de travail et dargent. Ainsi entendue, il est né en France avec decret la Révolution française et ladoption, en 1791, du décret dAllarde et de la loi Le Chapelier. Le premier dispose qu il sera libre à Lo smantellamento della società feudale e la creazione del mercato del lavoro

37 toute personne de faire tel négoce ou dexercer telle profession, art ou métier quelle trouvera bon, et la seconde proclamait lanéantissement de toutes les espèces de corporations des citoyens du même état et profession. Faisant ainsi table rase de lorganisation corporative, la Revolution française ouvre la voie à la contractualisation des relations de travail, qui sera consacrèe en 1804 par le code civil. Supiot, Le droit du travail, 2004, 14

38 Leggendo Barassi (1901, p. 71) … crediamo che una attenuazione si possa concedere, attenuazione accettata dalla dottrina e invalsa nella pratica. Si ammette, cioè, che il creditore delle operae possa limitare fin da principio (non mai escludere) il diritto proprio di far valere il divieto di cui allart In tal modo resta libero allaltra parte di continuare o no nel rapporto locativo, poiché esso non può mai limitare il diritto proprio. Rimane dunque nulla qualunque rinuncia fatta dalloperaio di far valere il divieto dellart. 1628: mentre si riconosce il diritto nellaltra parte di limitare la propria facoltà di opporre questo articolo….. (p. 73) …quando il locatore di opere si vincola per un periodo eccessivamente lungo, si ha violazione di un divieto che può essere fatta valere sia dal locatore stesso, sia dal conduttore di opere. Non vi è che un caso in cui a questultimo tale diritto può essere negato; ed è quando egli vi abbia parzialmente rinunciato. Il che accade quando si sia obbligato per propria parte a non opporsi se non in determinate circostanze (giusti motivi) a che il locatore abbia a continuare le sue prestazioni per un tempo lunghissimo, anche indefinitamente e cioè per tutta la vita del locatore. …(p. 74) Leffetto del divieto è.. che se le parti danno esecuzione al contratto si intende che ognuna delle parti possa interrompere quando voglia il vincolo locativo col debito preavviso

39 La macchina può fare a meno delloperaio qualificato consente lutilizzo di donne e bambini la resistenza operaia allintroduzione delle macchine

40 Solfatara siciliana

41

42

43

44 1898 Disordini a Milano, barricate a porta Garibaldi. La repressione per opera del generale Bava-Beccaris … 80 morti …

45 Francia 1910

46

47

48

49 …le Camere del lavoro non erano solamente un sindacato e.. le loro funzioni non erano limitate al solo piano rivendicativo. E questo non soltanto perché, oltre a funzioni di carattere contrattuale, esse, specie le maggiori, svolgevano una vasta attività anche nel settore del collocamento, della cooperazione, della ricreazione ed educazione popolare, ma anche per una ragione più profonda ed intrinseca al movimento operario italiano, quale si era venuto formando storicamente …. Nella camere del lavoro listanza rivendicativa sindacale e listanza politica erano … strettamente intrecciate …Nella situazione esistente in Italia era pressoché impossibile operare una netta distinzione tra lotta sindacale e lotta politica … Erano ancora troppi i casi in cui non si trattava di organizzare uno sciopero e di conquistare migliori salari e orari più brevi, ma di assicurare quelle condizioni generali di democrazia e di livello civile in cui un movimento rivendicativo potesse svilupparsi, divenire un elemento organico e normale nellambito di una società di tipo moderno (Procacci, 60)

50 Federazioni di mestiere esistenti in Italia ai primi del 900 (da Procacci) Federazioneanno di costituzioneiscritti Edilizia Federazione del libro Panettieri Litografi Ferrovieri Lavoranti in pellame Lavoranti in prodotti chimici Arti tessili Cappellai Orefici Impiegati e commessi aziende priv Metallurgici Lavoranti in legno Etc……….

51 Congresso fondativo della CGdL

52

53 1900

54 1901

55 1904

56

57

58

59

60

61

62

63 Wedderburn, I diritti del lavoro, p. 95 In Inghilterra il processo iniziò nel 1825, sebbene i Masters and Servants Acts, che sancivano lilliceità penale dellinadempimento del contratto di lavoro, non furono definitivamente abrogati fino al 1875 Il parlamento inglese introdusse dal 1871 al 1906 e modernizzò nel 1974 un esonero dalla responsabilità civile per leffettuazione dello sciopero…

64 il codice penale sardo puniva tutte le intese di datori di lavoro allo scopo di indurre ingiustamente ed abusivamente gli operai ad una diminuizione del salario art. 385 tutte le intese degli operai allo scopo di sospendere, ostacolare o far rincarare il lavoro senza ragionevole causa art. 386 il codice Zanardelli puniva solo i fatti di violenza e minaccia eventualmente commessi in occasione dei conflitti di lavoro (artt )

65 Saramago Una terra chiamata Alentejo

66

67

68 Dal discorso tenuto da GIOLITTI, Ministro dellInterno, il 4 febbraio 1901, in cui si affronta il problema dellatteggiamento dellesecutivo nei confronti delle organizzazioni operaie. Purtroppo persiste ancora nel governo e in molti dei suoi rappresentanti la tendenza a considerare come pericolose tutte le associazioni di lavoratori. Questa tendenza è effetto di poca conoscenza delle nuove correnti economiche e politiche che da tempo si sono determinate nel nostro come in tutti gli altri paesi civili, e rivela che non si è ancora compreso che la organizzazione degli operai cammina di pari passo con il progresso della civiltà. (…) Ora (le) Camere di lavoro che cosa hanno in sé di illegittimo? Esse sono le rappresentanti dì interessi legittimi delle classi operaie: la loro funzione è di cercare il miglioramento di queste classi (….) e potrebbero, se bene adoperate dal governo, essere utilissime intermediarie fra capitale e. (…) Si dice che le Camere di lavoro, come vennero costituite, hanno preso atteggiamenti ostili allo Stato. Lavoro. Ma questa è una conseguenza inevitabile della condotta del governo! Colui che si vede sistematicamente perseguitato dallo Stato, come volete che ne sia lamico? (…) Io (…) non temo mai le forze organizzate, temo assai più le forze inorganiche perché su dì quelle lazione del governo si può esercitare legittimamente e utilmente, contro i moti inorganici non vi può essere che luso della forza.

69 «E un errore, un vero pregiudizio credere che il basso salario giovi al progresso dellindustria; loperaio mal nutrito è sempre più debole fisicamente e intellettualmente: e i paesi di alti salari sono alla testa del progresso industriale, Noi lodiamo come una gran cosa la frugalità eccessiva dei nostri contadini; anche questa lode è un pregiudizio. Chi non consuma (…) non produce. Il governo quando interviene per tenere bassi i salari commette una ingiustizia, un errore economico e un errore politico».

70 Noi siamo allinizio di un periodo storico. (….) Nuove correnti popolari entrano nella nostra vita politica, nuovi problemi ogni giorno si affacciano, nuove forze sorgono con le quali qualsiasi governo deve fare i conti. E la stessa confusione dei partiti parlamentari dimostra che le questioni che dividono oggi non sono pìù quelle che dividevano una volta, Il moto ascendente delle classi popolari si accelera ogni giorno di più, ed è un moto invincibile perché comune a tutti i paesi civili, e perché poggiato su principio delleguaglianza tra gli uomini. Nessuno si può illudere di potere impedire che le classi popolari conquistino la loro parte di influenza economica e di influenza politica. Gli amici delle istituzioni hanno un dovere soprattutto, quello dì persuadere queste classi, e dì persuaderle con i fatti, che dalle istituzioni attuali esse possono sperare assai più che dai sogni dellavvenire; che ogni legittimo loro interesse trova efficace tutela negli attuali ordinamenti politici e sociali. Dipende principalmente da noi, dallatteggiamento dei partiti costituzionali nei rapporti con le classi popolari, che lavvento di queste classi sia una nuova forza conservatrice, un nuovo elemento di prosperità e di grandezza, o sia invece un turbine che travolga la fortuna della patria.

71

72 Tartufari, Del contratto di lavoro nellodierno movimento sociale e legislativo, Macerata 1893 Barassi, Sui limiti di una codificazione del contratto di lavoro, in Il Filangieri, XXIV, 1899 Vivante, I difetti sociali del Codice di commercio, in Riforma sociale, 1899 Vivante, La penetrazione del socialismo nel diritto privato, in Critica sociale, XII, 1902 Lessona, La giurisdizione dei probiviri rispetto al contratto collettivo di lavoro, Riv. Dir. Comm Ascoli, Sul contratto collettivo di lavoro (a proposito di recenti sentenze), Riv. Dir. Comm Ascoli, La riforma della legge sui probiviri, Riv. Dir. Comm. 1903

73 Renner Sinzheimer Khan-Freund Veneziani e Vardaro, La rivista di diritto commerciale e la dottrina giuslavorista delle origini, in Quaderni Fiorentini n. 16, 1987 Cazzetta, Leggi sociali, cultura giuridica ed origini della scienza giuslavoristica, in Quaderni Fiorentini n. 17, 1988 Simitis, Diritto privato e disuguaglianza sociale: il caso del rapporto di lavoro, in DLRI, n. 69,2001, 47 ss.

74 Donne e fanciulli L , n L , n.247 Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro L , n Legge sul riposo settimanale e festivo L , n.489 Orario di lavoro R.D , n. 692


Scaricare ppt "Diritto del lavoro Appunti a cura di Franco Liso Capitolo I Dalle origini al fascismo."

Presentazioni simili


Annunci Google