La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

8 marzo 2013 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi A. Bugli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "8 marzo 2013 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi A. Bugli."— Transcript della presentazione:

1 8 marzo 2013 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi A. Bugli

2 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi Contenuti: a)Testo definitivo dellart. 3 (per estratti, in corsivo), integrato con b)Quesiti, spunti e riflessioni (puntualmente enfatizzati)

3 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi Art. 3, comma 1 L'esercente la professione sanitaria + che nello svolgimento della propria attivita' + si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunita' scientifica + non risponde penalmente per colpa lieve. + In tali casi resta comunque fermo l'obbligo di cui all'articolo 2043 del codice civile + Il giudice anche nella determinazione del risarcimento del danno tiene debitamente conto della condotta di cui al primo periodo

4 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi Art. 3, comma 2 Con decreto del Presidente della Repubblica + da emanare entro il 30 giugno anche in attuazione … del decreto-legge 13 agosto 2011, n al fine di agevolare l'accesso alla copertura assicurativa agli esercenti le professioni sanitarie + sono disciplinati le procedure e i requisiti minimi e uniformi per l'idoneita' dei relativi contratti, in conformità ai seguenti criteri (…SEGUE…)

5 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi QUESITI: 1)A chi si rivolge larticolo in commento? esercenti la professione sanitaria (chi sono?) 2) Tutti? Solo i liberi professionisti? Solo i dipendenti? A. Tesi estensiva: tutti (equiparazione nel trattamento dei diversi esercenti. Tanto più che la disposizione sembra essere a tutela del cliente/paziente). B. Tesi restrittiva che vuole che la norma sia riferita ai soli liberi professionisti: si poggia su una lettura rigorosa del termine cliente utilizzato dal d.l. 138/2011. Non convince a pieno. Diversamente perché questo inciso Resta comunque esclusa a carico degli enti del Servizio sanitario nazionale ogni copertura assicurativa della responsabilità civile ulteriore rispetto a quella prevista, per il relativo personale, dalla normativa contrattuale vigente? C. Tesi altrettanto restrittiva per cui la disposizione esclude i liberi professionisti: non si comprenderebbe altrimenti il riferimento allart (quando vi è un contratto che vincola il medico al paziente). Se così fosse, che caratteristiche dovrebbe avere lassicurazione del l.p.?

6 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi QUESITI: 1)Quale rischio? Generico riferimento alla Responsabilita' professionale. Solo esterna o anche interna (es. resp. erariale)? 2) Volendo ammettere che sia cambiato il titolo di responsabilità da para- contrattuale (contatto sociale) a extra contrattuale (2043 c.c.), viene a mutare anche il rischio dedotto in passato – ad esempio – in polizze poliennali? Può affermarsi una diminuzione del rischio di polizza ex art c.c.? Lo stesso dovrebbe valere anche in ragione delle regole di computo del danno non patrimoniale secondo le tabelle della RCA di cui si dirà a breve. Art Diminuzione del rischio. Se il contraente comunica all'assicuratore mutamenti che producono una diminuzione del rischio tale che, se fosse stata conosciuta al momento della conclusione del contratto, avrebbe portato alla stipulazione di un premio minore, l'assicuratore, a decorrere dalla scadenza del premio o della rata di premio successiva alla comunicazione suddetta, non può esigere che il minor premio, ma ha la facoltà di recedere dal contratto entro due mesi dal giorno in cui è stata fatta la comunicazione.

7 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi I RIFERIMENTI NORMATIVI: 1) d.l. 138/2011, art. 3, c.5, lett. e: a tutela del cliente, il professionista e' tenuto a stipulare idonea assicurazione per i rischi derivanti dall'esercizio dell'attivita' professionale. Il professionista deve rendere noti al cliente, al momento dell'assunzione dell'incarico, gli estremi della polizza stipulata per la responsabilita' professionale e il relativo massimale... 2) dpr. 137/2012, art. 5: Il professionista e' tenuto a stipulare… idonea assicurazione per i danni derivanti al cliente dall'esercizio dell'attivita' professionale, comprese le attivita' di custodia di documenti e valori ricevuti dal cliente stesso. Il professionista deve rendere noti al cliente, al momento dell'assunzione dell'incarico, gli estremi della polizza professionale, il relativo massimale e ogni variazione successiva. 2. La violazione della disposizione di cui al comma 1 costituisce illecito disciplinare.

8 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi SPUNTI: a)Cosa si intende realmente per agevolare laccesso alle coperture? La norma non prevede, infatti, un meccanismo simile a quello dellobbligo a contrarre nella RCA b) In attesa del decreto attuativo, quando può dirsi che una copertura è idonea a soddisfare le esigenze di garanzia dellart. 3 del e del d.l 138/2011? -Tema della claims made pura che potrebbe non essere utile a garantire il cliente/paziente -Possibile responsabilità dellintermediario per collocamento di prodotto inadeguato -Rapporto tra più coperture. Relazione tra polizza contratta dalla struttura per colpa lieve del medico e polizza del singolo professionista

9 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi UN ESEMPIO: La polizza degli intermediari di assicurazione (art. 11 del Reg. 5 ISVAP): 2. La polizza deve avere le seguenti caratteristiche minimali: a) garantire la responsabilità civile derivante da danni arrecati a terzi nellesercizio dellattività di intermediazione conseguenti a negligenze ed errori professionali dellintermediario ovvero a negligenze, errori professionali ed infedeltà dei suoi dipendenti, collaboratori o persone del cui operato deve rispondere a norma di legge, incluse le persone fisiche e le società, iscritte nella sezione E. Non sono consentite clausole che limitino o escludano tale copertura; b) coprire lintegrale risarcimento dei danni occorsi nel periodo di svolgimento dellattività di intermediazione, ancorché denunciati nei tre anni successivi alla cessazione dellefficacia della copertura; c) linserimento di franchigie o scoperti non può essere opposto dallimpresa ai terzi danneggiati che devono ricevere, nel limite dei massimali garantiti, lintegrale ristoro del danno subito; limpresa conserva il diritto di rivalsa nei confronti dellassicurato; d) garantire la copertura nel territorio di tutti gli Stati membri.

10 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi Art. 3, comma 2, lett. c prevedere che + i contratti di assicurazione + debbano essere stipulati anche in base a condizioni che dispongano alla scadenza la variazione in aumento o in diminuzione del premio in relazione al verificarsi o meno di sinistri e + subordinare comunque la disdetta della polizza alla reiterazione di una condotta colposa da parte del sanitario accertata con sentenza definitiva (…SEGUE…) SPUNTI: -Quale applicazione del bonus malus? Riduzione in termini assoluti del premio? - Durata poliennale o comunque necessità di tacito rinnovo?

11 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi Art. 3, comma 3 Il danno biologico conseguente all'attivita' dell'esercente della professione sanitaria + e' risarcito sulla base delle tabelle di cui agli articoli 138 e 139 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, + eventualmente integrate + con la procedura di cui al comma 1 del predetto articolo 138 e sulla base dei criteri di cui ai citati articoli, per tener conto delle fattispecie da esse non previste, afferenti all'attivita' di cui al presente articolo (…SEGUE…)

12 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi SPUNTI: a)Pretesa onnicomprensività della definizione di danno biologico b)Possibile estensione dei criteri di personalizzazione del danno c)Rapporto tra polizze first party (es. infortuni) e third party liability (es. responsabilità del medico)

13 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi Art. 3, commi 4 e 6 Resta comunque esclusa a carico degli enti del Servizio sanitario nazionale ogni copertura assicurativa della responsabilità civile ulteriore rispetto a quella prevista, per il relativo personale, dalla normativa contrattuale vigente. + Dall'applicazione del presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica RIFLESSIONI FINALI: -Il decreto rappresenta certamente un primo importante segno di volontà di integrazione tra settore sanitario e assicurazione - attenzione: il rischio è quello di ribaltare sulle imprese di assicurazione e sui compensi dei singoli professionisti i costi delle inefficienze di sistema. Tanto più alla luce dellasserita necessità di provvedere ad una revisione del SSN a costo zero.

14 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "8 marzo 2013 Le novità introdotte dallart. 3 della Legge Balduzzi A. Bugli."

Presentazioni simili


Annunci Google