La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti 1 Discarica per rifiuti non pericolosi Problematiche per la realizzazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti 1 Discarica per rifiuti non pericolosi Problematiche per la realizzazione."— Transcript della presentazione:

1 1 Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti 1 Discarica per rifiuti non pericolosi Problematiche per la realizzazione

2 2 Quando nasce una discarica La discarica, intesa come uno scavo nel suolo dove depositare materiali non più necessari ai bisogni delluomo, nasce insieme a lui. Adamo ed Eva quale servizio igienico utilizzavano ? I resti di ossa animali trovati dagli archeologi nelle caverne cosa rappresentano se non labbandono di rifiuti non più necessari al bisogno umano? La discarica, come la intendiamo noi oggi, altro non è se non la razionalizzazione di una abitudine atavica: Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti Ciò che non ci serve più …. lo abbandoniamo nel modo più … ECONOMICO ECONOMICO

3 3 Che cosè una discarica Definizioni ante D.Lgs. 36/2003 Prima categoria Delibera , punto Prima categoria Delibera , punto Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti Seconda categoriaDelibera , punto Seconda categoriaDelibera , punto seconda categoria Tipo A Delibera , punto seconda categoria Tipo A Delibera , punto seconda categoria Tipo B Delibera , punto seconda categoria Tipo B Delibera , punto seconda categoria Tipo C Delibera , punto seconda categoria Tipo C Delibera , punto Terza categoria Delibera , punto Terza categoria Delibera , punto 4.2.4

4 4 Che cosè una discarica Definizioni art. 2 D.Lgs. 36/2003 Discarica è unarea adibita a smaltimento dei rifiuti mediante operazioni di deposito sul suolo o nel suolo, compresa la zona interna al luogo di produzione dei rifiuti adibita allo smaltimento dei medesimi da parte del produttore degli stessi, nonché qualsiasi area ove i rifiuti sono sottoposti a deposito temporaneo per più di un anno. Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

5 5 Che cosa non è una discarica Definizioni art. 2 D. Lgs. 36/2003 Non sono Discarica : gli impianti in cui i rifiuti sono scaricati al fine di essere preparati per il successivo trasporto in un impianto di recupero, trattamento o smaltimento; gli impianti in cui i rifiuti sono scaricati al fine di essere preparati per il successivo trasporto in un impianto di recupero, trattamento o smaltimento; lo stoccaggio di rifiuti in attesa di recupero, trattamento per un periodo inferiore a tre anni come norma generale; lo stoccaggio di rifiuti in attesa di recupero, trattamento per un periodo inferiore a tre anni come norma generale; Lo stoccaggio di rifiuti in attesa di smaltimento per un periodo inferiore a un anno Lo stoccaggio di rifiuti in attesa di smaltimento per un periodo inferiore a un anno Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

6 6 Che cosè una discarica Classificazione art. 4 D.Lgs. 36/2003 Discarica per rifiuti inerti Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti Discarica per rifiuti non pericolosi Discarica per rifiuti pericolosi

7 7 I rifiuti ammessi in discarica per rifiuti non pericolosi Ammissione art. 7 comma 3 D.Lgs. 36/2003 Rifiuti urbani (art. 7, comma 2, D. Lgs. 22/97 e s.m.i.) Rifiuti urbani (art. 7, comma 2, D. Lgs. 22/97 e s.m.i.) Rifiuti non pericolosi di qualsiasi altra origine che soddisfano i criteri di ammissione dei rifiuti previsti dalla normativa vigente Rifiuti non pericolosi di qualsiasi altra origine che soddisfano i criteri di ammissione dei rifiuti previsti dalla normativa vigente Rifiuti pericolosi stabili e non reattivi che soddisfano i criteri di ammissione previsti dal decreto di cui al comma 5 art. 7 (Decr. interministeriale 3 ago 2005) Rifiuti pericolosi stabili e non reattivi che soddisfano i criteri di ammissione previsti dal decreto di cui al comma 5 art. 7 (Decr. interministeriale 3 ago 2005) Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

8 8 Problematiche di una discarica UOMO Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

9 9 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Rifiuto Nord Italia Rifiuto Nord Italia Rifiuto Sud Italia Rifiuto Sud Italia Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti Rifiuto Nord Europa Rifiuto Nord Europa Rifiuto USA Rifiuto USA

10 10 Problematiche di una discarica AMBIENTALI AMBIENTALI Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti NORMATIVE NORMATIVE COSTRUTTIVE COSTRUTTIVE

11 11 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Ambientali Aria Aria Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti Acqua Acqua Suolo Suolo Antropico Antropico

12 12 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Ambientali - aria Gas ad effetto serra (MH 4, CO 2 ); Gas ad effetto serra (MH 4, CO 2 ); –Biogas; –Gas scarico automezzi (conferitori, trasporto percolato, etc.); Odori; Odori; Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

13 13 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Ambientali - acqua Percolato Percolato –Interno discarica; –Rilascio da automezzo (cisterna trasporto, autocompattatore); Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti Fauna; Fauna; Flora; Flora; Inquinamento falde ( freatica, in pressione ) Inquinamento falde ( freatica, in pressione )

14 14 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Ambientali - suolo Temperatura Temperatura –sottosuolo; –falde Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti Rilascio metalli pesanti; Rilascio metalli pesanti; Flora; Flora; Fanghi Fanghi

15 15 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Ambientali - antropico Igiene e salute pubblica; Igiene e salute pubblica; Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

16 16 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Normativo Atti Impero Romano, Medioevo, Stato Pontificio, Regno Italiano (RD 1034) ; Atti Impero Romano, Medioevo, Stato Pontificio, Regno Italiano (RD 1034) ; Normativa Italia Normativa Italia –D.P.R ; Delibera 27 luglio 1984 –D. Lgs ; D. Lgs. 36 / 2003 Decr interm 3 ago 2005 Decr interm 3 ago 2005 –D. Lgs Parte IV; –D. Lgs – Parte I V.I.A. Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

17 17 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Normativo Normativa Europea relativa alle discariche Normativa Europea relativa alle discariche –Direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

18 18 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Costruttive Scavo; Scavo; Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti Impermeabilizzazione Impermeabilizzazione –barriera geologica naturale; –barriera artificiale; controllo controllo –Sensori verifica perdite; –Pozzi spia, IBE, etc. –Sistema di gestione e controllo; –Safety & security

19 19 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Costruttive Natura dei rifiuti posti a dimora; Natura dei rifiuti posti a dimora; Metodo di coltivazione; Metodo di coltivazione; –Omogeneità della massa depositata (tipo, triturazione, compattazione); –Stabilità delle sponde (profilo e spessore); –Lotti compatibili per caratteristiche e dimensioni –Pompaggio del percolato (eliminazione [recupero o trattamento], ricircolo) –Raccolta, captazione e recupero del biogas (pericolo esplosioni) –Copertura transitoria e finale –Sistemazione finale e recupero allambiente originario Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

20 20 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive D.Lgs. 13 gennaio 2003 n° 36; D.Lgs. 13 gennaio 2003 n° 36; Attuazione della Direttiva 1999/31/CE Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti Modificato nel corso degli anni da; Modificato nel corso degli anni da; –D.Lgs. 18 feb 2005 n° 59; –DL 30 giu 2005 n° 115 convertito con L. 17 ago 2005 n. 168; –DL 30 set 2005 n° 203 convertito con mod. da L 02 dic 2005 n° 248 –DL 28 dic 2006 n° 300 convertito con mod. da L 26 feb 2007 n° 17

21 21 Problematiche di una discaricaper rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Problematiche di una discaricaper rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Vediamo innanzitutto dove non si possono realizzare: (All. I punto 2.1, comma 1) Vediamo innanzitutto dove non si possono realizzare: (All. I punto 2.1, comma 1) –Aree individuate ai sensi dellart. 17, comma 3, lettera m) della L. 18 mag 1989 n° 183; –Aree individuate dagli articoli 2 e 3 del DPR 8 settembre 1997 n° 357 ; – territori sottoposti a tutela ai sensi del decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 490; – aree naturali protette sottoposte a misure di salvaguardia ai sensi dell'articolo 6, comma 3, della legge 6 dicembre 1991, n. 394; –aree collocate nelle zone di rispetto di cui all'articolo 21, comma 1, del decreto legislativo 11 maggio 1999, n Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

22 22 Problematiche di una discaricaper rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Problematiche di una discaricaper rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Vediamo ora dove di norma non vanno realizzati: (All. I punto 2.1, comma 2) Vediamo ora dove di norma non vanno realizzati: (All. I punto 2.1, comma 2) –in aree interessate da fenomeni quali faglie attive, aree a rischio sismico di 1^ categoria così come classificate dalla legge 2 febbraio 1974, n. 64, e provvedimenti attuativi, e aree interessate da attività vulcanica, ivi compresi i campi solfatarici, che per frequenza ed intensita' potrebbero pregiudicare l'isolamento dei rifiuti; –in corrispondenza di doline, inghiottitoi o altre forme di carsismo superficiale; –in aree dove i processi geologici superficiali quali l'erosione accelerata, le frane, l'instabilita' dei pendii, le migrazioni degli alvei fluviali potrebbero compromettere l'integrità della discarica e delle opere ad essa connesse; –in aree soggette ad attivita' di tipo idrotermale; –in aree esondabili, instabili e alluvionabili; deve, al riguardo, essere presa come riferimento la piena con tempo di ritorno minimo pari a 200 anni. Le Regioni definiscono eventuali modifiche al valore da adottare per il tempo di ritorno in accordo con l'Autorità di bacino laddove costituita. Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

23 23 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Accettabilità rispetto a: Accettabilità rispetto a: –distanza dai centri abitati; –collocazione in aree a rischio sismico di 2^ categoria cosi' come classificate dalla legge 2 febbraio 1974, n. 64, e provvedimenti attuativi, per gli impianti di discarica per rifiuti pericolosi sulla base dei criteri di progettazione degli impianti stessi; –collocazione in zone di produzione di prodotti agricoli ed alimentari definiti ad indicazione geografica o a denominazione di origine protetta ai sensi del regolamento (CEE) n. 2081/92 e in aree agricole in cui si ottengono prodotti con tecniche dell'agricoltura biologica ai sensi del regolamento (CEE) n. 2092/91; –presenza di rilevanti beni storici, artistici, archeologici. Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

24 24 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Accettabilità rispetto a: Accettabilità rispetto a: Un caso particolare deve essere preso in considerazione qualora la discarica dovesse accettare anche rifiuti contenenti amianto, perché in tal caso la norma prevede che occorre uno specifico studio, al fine di evitare qualsiasi possibile trasporto aereo delle fibre, la distanza dai centri abitati in relazione alla direttrice dei venti dominanti. Tale direttrice e' stabilita sulla base di dati statistici significativi dell'intero arco dell'anno e relativi ad un periodo non inferiore a 5 anni. Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

25 25 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Nella fase di caratterizzazione del sito, quindi ancor prima della progettazione della discarica la Norma richiede che venga accertata la stabilità del terreno rispetto alle condizioni di carico che saranno proprie della gestione della discarica. Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti Nella fase di caratterizzazione del sito e' necessario accertarsi mediante specifiche indagini e prove geotecniche che il substrato geologico, in considerazione della morfologia della discarica e dei carichi previsti, nonché delle condizioni operative, non vada soggetto a cedimenti tali da danneggiare i sistemi di protezione della discarica. Inoltre deve essere verificata in corso d'opera la stabilità del fronte dei rifiuti scaricati, come al successivo punto 2.10, e la stabilità dell'insieme terreno di fondazione-discarica con particolare riferimento alla stabilità dei pendii ai sensi del decreto del Ministro dei lavori pubblici in data 11 marzo 1988, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 127 del 1° giugno 1988, tenendo conto dei normali assestamenti dovuti alla degradazione dei rifiuti.

26 26 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) In fase costruttiva BARRIERA GEOLOGICA BARRIERA GEOLOGICA BARRIERA DI CONFINAMENTO BARRIERA DI CONFINAMENTO IMPERMEABILIZZAZIONE IMPERMEABILIZZAZIONE RETE RACCOLTA PERCOLATO RETE RACCOLTA PERCOLATO CONTROLLO DELLE PERDITE DI PERCOLATO CONTROLLO DELLE PERDITE DI PERCOLATO Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

27 27 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Gestione e post-mortem BIOGAS BIOGAS RETE DI CAPTAZIONE BIOGAS RETE DI CAPTAZIONE BIOGAS RECUPERO ENERGETICO BIOGAS RECUPERO ENERGETICO BIOGAS COPERTURA TEMPORANEA E FINALE COPERTURA TEMPORANEA E FINALE PROTEZIONE FISICA DA ACCESSI INDESIDERATI PROTEZIONE FISICA DA ACCESSI INDESIDERATI Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

28 28 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) BARRIERA GEOLOGICA Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti NATURALE Conducibilità idraulica K <= 1X10 -9 m/sec Spessore >= 1 m NATURALE Conducibilità idraulica K <= 1X10 -9 m/sec e/o Spessore >= 1 m Copertura parte superiore in fase post operativa Impermeabilizzazione del fondo e delle pareti con un rivestimento di materiale

29 29 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) BARRIERA DI CONFINAMENTO Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

30 30 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) IMPERMEABILIZZAZIONE Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

31 31 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) RETE RACCOLTA PERCOLATO Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

32 32 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) CONTROLLO DELLE PERDITE DI PERCOLATO Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti

33 33 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) BIOGAS Componente% vol a secco Metano47,5 Anidride Carbonica47,0 Azoto3,7 Ossigeno0,8 Idrocarburi Paraffinici0,1 IPA0,2 Idrogeno0,1 Idrogeno solforato0,01 Monossido di carbonio0,1 Composti in tracce ( benzene, toluene, anidride solforosa, policloroetilene, solfuro carbonilico, cloruro di metilene, etc.) 0,5

34 34 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) RETE DI CAPTAZIONE BIOGAS

35 35 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) RECUPERO ENERGETICO BIOGAS CIP 6 FORNITURA RISERVATA TOTALMENTE A GSE AUTOPRODUZIONE FONTI RINNOVBILI

36 36 Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) Problematiche di una discarica per rifiuti non pericolosi Norme Costruttive (D.Lgs. 36/2003) COPERTURA TEMPORANEA E FINALE


Scaricare ppt "1 Sator Ambiente S.r.l. Dott. Ing. Maurizio Ciotti 1 Discarica per rifiuti non pericolosi Problematiche per la realizzazione."

Presentazioni simili


Annunci Google