La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La metodologia dellorientamento narrativo VENEZIA - 22 APRILE 2013 Federico Batini (Università di Perugia, Pratika) PROSSIMO CONVEGNO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La metodologia dellorientamento narrativo VENEZIA - 22 APRILE 2013 Federico Batini (Università di Perugia, Pratika) PROSSIMO CONVEGNO."— Transcript della presentazione:

1 La metodologia dellorientamento narrativo VENEZIA - 22 APRILE 2013 Federico Batini (Università di Perugia, Pratika) PROSSIMO CONVEGNO BIENNALE 6 E 7 SETTEMBRE 2013

2 Sommario riferimenti teorici (i pilastri) le competenze obiettivo (cosa riusciamo a sviluppare e potenziare) l'antropologia (le convinzioni che ci guidano circa gli uomini e le donne che incontriamo) la metodologia (come si usa) i punti di forza rispetto alla società odierna (perché questo orientamento oggi)

3 I riferimenti teorici ( i pilastri)

4 Riferimenti teorici (1/5) Le neuroscienze Le narrazioni profonde modificano fisicamente le sinapsi nel nostro cervello I frame narrativi intervengono sui nostri processi di pensiero e ci consentono di comprendere gli altri e noi stessi (chi siamo, chi siamo stati e dove vogliamo andare). Le narrazioni delle quali fruiamo, inconsapevolmente o consapevolmente, modificano le nostre convinzioni sul reale.

5 Riferimenti teorici (2/5) Il costruzionismo sociale e il carattere linguistico della realtà Il significato si costruisce in modo consensuale (negoziale), attraverso luso del linguaggio. Il Sé è un testo, una costruzione frutto di interazioni linguistiche Il reale è il prodotto dellattribuzione di significati individuale e collettiva

6 Riferimenti teorici (3/5) Il pensiero narrativo Esistono due modi di pensare: pensiero narrativo vs. pensiero paradigmatico (Bruner, 1986). Il pensiero narrativo presenta caratteri e finalità propri ed è alle fondamenta di specifiche competenze cognitive (intenzionalità, immaginazione...).

7 Riferimenti teorici (4/5) La psicologia culturale: le storie come strumenti cognitivi Le storie sono strumenti culturali attraverso i quali lindividuo, nel corso del suo sviluppo, cerca di padroneggiare la realtà e di scambiare significati. (Smorti, 2003) Le storie prima ancora che prodotti culturali sono repertori di significati, di comportamenti, di emozioni.

8 Riferimenti teorici (5/5) La pedagogia narrativa Il narratore-educatore è un animatore- facilitatore in grado di stimolare le narrazioni e il loro ascolto (non è colui che ha laccesso ai veri significati). Costruzione di una cassetta degli attrezzi per la gestione dei messaggi e per lattribuzione di significati, proposta di storie plurali.

9 le competenze obiettivo (cosa riusciamo a sviluppare e potenziare)

10 Orientamento come palestra delle competenze. Le competenze obiettivo EMPOWERMENT - Rendere le persone capaci di individuare propri obiettivi e di reperire le risorse interne ed esterne per raggiungerli. Aumentare il controllo (e la percezione di esso) di un soggetto sulla propria vita e sulle proprie scelte.

11 Le competenze obiettivo (1/6) essere capaci di dare una struttura allesperienza (mettere ordine nel caos) anche se in modo provvisorio ed aperto... Beato colui che può dire «allorché», «prima che» e «dopo che»! Avrà magari avuto tristi vicende, si sarà contorto dai dolori, ma appena gli riesce a riferire gli avvenimenti nel loro ordine di successione si sente così bene come se il sole gli riscaldasse lo stomaco. Robert Musil, Luomo senza qualità

12 Le competenze obiettivo (2/6) essere capaci di selezionare e organizzare le informazioni (e le narrazioni di riferimento) esercitando scelte consapevoli Le storie aiutano coloro che cercano comprensione separando la trama dallo sfondo, e gli eroi o i cattivi che stanno al centro della trama dalla schiera delle comparse e dei manichini. Z. Bauman, Vite di scarto, 2004

13 Le competenze obiettivo (3/6) essere capaci di attribuire senso e significato a ciò che ci accade e a ciò che facciamo Attraverso le storie costruiamo i nostri quadri di valori attraverso i quali diamo un senso alle azioni.Una regola di esperienza non è la vita. E', come tutte le regole di esperienza, un modo di interpretare i fatti della vita, nel tentativo di dare loro senso... Noi […] costruiamo storie per dare senso a fatti che in sé non ne hanno nessuno. G. Carofiglio, Ragionevoli dubbi

14 Le competenze obiettivo (4/6) essere capaci di socializzare le interpretazioni, le emozioni, i progetti Verso la fine degli anni Sessanta, quando ero studente universitario, passai tre mesi di vacanze estive in Europa. Feci un'ampia gamma di esperienze nuove ed eccitanti e, quando tornai a casa, ne parlai agli amici, alla mia famiglia e ad altri conoscenti. Ma non a tutti riferii esattamente la stessa versione del mio viaggio. […] Le storie del mio viaggio erano diverse tanto nel contenuto quanto nello stile. J. Meyrowitz, Oltre il senso del luogo

15 Le competenze obiettivo (5/6) Essere in grado di costruire e ricostruire la propria identità. Lidentità come somma dei racconti, delle storie, delle narrazioni ascoltate, giocate, esperite. L'identità, oggi è un compito individuale, le storie sono necessarie per tenere insieme i racconti rendendoli disponibili per ulteriori costruzioni. Io non sono arabo, Momo. Sono musulmano Allora perché tutti dicono che lei è l'arabo della via, se non è arabo? Arabo, Momo, vuol dire bottega aperta dalle otto del mattino a mezzogiorno, anche la domenica. Eric Emmanuel Schmitt, Monsieur Ibrahim e i fiori del corano

16 Le competenze obiettivo (6/6) essere capaci di immaginare e di progettare azioni future Datemi una barca, disse l'uomo. E voi, a che scopo volete una barca, si può sapere? Per andare alla ricerca dell'isola sconosciuta. Sciocchezze, isole sconosciute non ce ne sono più. Sono tutte sulle carte. Sulle carte geografiche ci sono soltanto le isole conosciute. Josè Saramago, Il racconto dell'isola sconosciuta

17 L'antropologia (le convinzioni che ci guidano circa gli uomini e le donne che incontriamo)

18 Le convinzioni che ci guidano (1/4) Lessere umano è un organismo fondamentalmente degno di fiducia, capace di valutare la situazione interna e esterna, di comprendere se stesso, di fare scelte essenziali riguardo ai successivi passi nella vita e di agire in base a queste scelte. (C. Rogers, Potere personale, 1978)

19 Le convinzioni che ci guidano (2/4) Lautonomia, la capacità decisionale, il controllo e il potere di ogni soggetto sulla propria vita e sulle proprie scelte sono dei valori fondamentali per la costruzione di società democratiche

20 Le convinzioni che ci guidano (3/4) La mente non è una macchina, la mente è un discorso che si costruisce attraverso linterazione tra le persone in determinati contesti

21 Le convinzioni che ci guidano (4/4) Siamo una specie narrante. La narrazione è lo strumento attraverso il quale gli uomini comprendono le loro azioni. La letteratura è uno strumento cognitivo prima che un insieme di prodotti linguistici.

22 La metodologia (come si usa)

23 La metodologia (1/3) Il lavoro di gruppo finalizzato alla produzione di testi e alla loro interpretazione. i fotolinguaggi la lettura ad alta voce e lascolto il racconto orale la scrittura creativa la scrittura cinematografica e lutilizzo di audiovisivi la canzone e il canto Le narrazioni-guida

24 La metodologia (2/3) Il colloquio centrato sulle soluzioni: costruire narrazioni progressive, ancorate al traguardo da raggiungere e capaci di mettere a frutto le risorse delle persone. Stimoli narrativi Ascolto e osservazione Negoziazione dei ruoli e definizione di percorsi brevi

25 La metodologia (3/3) Il monitoraggio e la valutazione con strumenti qualitativi, finalizzati allautoconsapevolezza e allo sviluppo e alla rilevazione della percezione di autoefficacia e dellagentività role play diari di bordo cartacei e multimediali interpretazione dei testi prodotti Verifica delle competenze narrative ex ante ed ex post

26 I punti di forza rispetto alla società odierna (Perché questo orientamento oggi)

27 Riferimenti Federico Batini, Storie, futuro e controllo, Liguori Simone Giusti, Insegnare con la letteratura, Zanichelli Federico Batini, Simone Giusti, Lorientamento narrativo a scuola, Erickson Federico Batini, Simone Giusti (a cura di), Imparare dalle narrazioni, Unicopli Federico Batini, Simone Giusti (a cura di), Le storie siamo noi, Liguori Federico Batini, Simone Cini, Leonardo Lambruschini, Andrea Paolini, Storie e orientamento. Percorsi per lorientamento narrativo di gruppo, Pensa Federico Batini (a cura di), Manuale per orientatori, Erickson Blog con materiali: federicobatini.wordpress.com Sito di Pratika: Sito di Nausika e LaAV: Sito di Thélème:

28 I punti di forza Lorientamento narrativo risponde a: 1.Frantumazione identitaria (fine delle grandi narrazioni) 2.Fine dei periodi di transizione e moltiplicazione delle possibilità di scelta: necessità di ri-orientamento continuo o di una metodologia che potenzi e stimoli la competenza decisionale e di controllo attivo. 3.Invasione di messaggi e di informazioni: necessità di filtri critici e di capacità di attribuire significato e valore 4.Crisi di partecipazione nelle democrazie: necessità di conferire potere alle persone e di dare significato alle loro azioni 5.Crisi dei sistemi dellistruzione, della formazione e del lavoro centrati sulle discipline e sulle competenze tecnico-professionali: necessità di lavorare sulle competenze trasversali


Scaricare ppt "La metodologia dellorientamento narrativo VENEZIA - 22 APRILE 2013 Federico Batini (Università di Perugia, Pratika) PROSSIMO CONVEGNO."

Presentazioni simili


Annunci Google