La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La riforma ecclesiastica (sec. XI-XII) 1.Leredità carolingia: lambiguità delle istituzioni 2.I problemi aperti: il fenomeno della chiesa privata, la simonia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La riforma ecclesiastica (sec. XI-XII) 1.Leredità carolingia: lambiguità delle istituzioni 2.I problemi aperti: il fenomeno della chiesa privata, la simonia."— Transcript della presentazione:

1 La riforma ecclesiastica (sec. XI-XII) 1.Leredità carolingia: lambiguità delle istituzioni 2.I problemi aperti: il fenomeno della chiesa privata, la simonia e il concubinato. 3.Lemergere del tema della libertas ecclesiae 4.La questione del primato papale

2 La riforma ecclesiastica (sec. XI-XII)/ il fenomeno della chiesa privata Di cosa si tratta? Simonia e concubinato del clero Il caso di Cluny: quali le effettive novità del fenomeno?

3 La riforma ecclesiastica (sec. XI-XII): il problema della libertas ecclesiae La libertas ecclesiae: le radici del problema (il privilegium Othonis del 962). Chiesa e Impero fino alla deposizione di Sutri (1046): viene eletto Clemente II Il papato sotto linfluenza imperiale: il rispetto dei canoni. Leone IX ( ): il papa apostolicus. La rottura con Costantinopoli. La predicazione contro la simonia. Nuove esperienze monastiche (Vallombrosa e Camaldoli).

4 Il problema della libertas ecclesiae /2: la svolta della metà dellXI secolo 1054: Frattura tra la Chiesa Latina e quella Greca (Leone IX – Michele Cerulario). 1056: morte di Enrico III (minorità di Enrico IV) Alleanza tra Lorena,Canossa, arcivescovo di Colonia 1057: Elezione di Stefano IX, fratello di Goffredo di Lorena 1059: Accordi di Melfi tra il papato e Roberto il Guiscardo 1059: Decretum in electione papae (Nicolò II). I dubbi su lhonor e la reverentia imperiale.

5 Il problema della libertas ecclesiae /2/1: la svolta della metà dellXI secolo Primo scisma ad Occidente: Anselmo da Baggio (Alessandro II) contro Cadalo, vescovo di Parma (Onorio II). 1067: la chiesa di Milano viene disciplinata, con lappoggio dei patarini. 1073: sale al soglio pontificio Gregorio VII (Ildebrando di Soana).

6 Vallombrosa

7 La riforma gregoriana e la lotta per le investiture/scontro con Enrico IV Il papa cerca di fare da arbitro delle questioni tedesche 1075: il sinodo di Quaresima condanna le investiture operate dai laici 1076: gennaio. Enrico IV depone Gregorio per tradimento verso limperatore / Gregorio scioglie i vassalli regi dal giuramento di fedeltà e scomunica alcuni ecclesiastici tedeschi / ottobre: i principi tedeschi decidono di deporre il sovrano se entro un anno non otterrà la revoca della scomunica. 1077: gennaio. Umiliazione di Canossa

8 La riforma gregoriana e la lotta per le investiture/ laffermazione del primato papale: il Dictatus papae (1075) e le Auctoritates Apostolicae Sedis Non è da considerarsi cattolico chi non è daccordo con la Chiesa romana. Politica e dottrina sono due facce della stessa medaglia. Dissenso politico e religioso coincidono. Le insegne imperiali spettano al papato. 1080: nuova scomunica di Enrico. Ma limperatore nomina papa Wiberto di Ravenna (Clemente III). 1084: i Normanni allontanano Enrico da Roma e poi saccheggiano la città. 1085: Gregorio muore a Salerno, in territorio normanno. I Normanni, nuovi tutori del papato.

9 La riforma gregoriana e la lotta per le investiture/i successori di Gregorio Pontificati di mediazione: Vittore III e Urbano II Il problema delle investiture viene allargato a Francia e Inghilterra Flessibilità e intransigenza del principio: dispensa e necessitas La prima Crociata: le potenze europee al servizio della Christianitas

10 La riforma gregoriana e la lotta per le investiture/i successori di Gregorio Pasquale II: gli accordi contraddittori di Sutri (1110) e di Sette Fratte (1111) Il papa eretico? La necessità giustifica la dispensa Il papa è al di là di ogni possibilità di giudizio Roma (papato e collegio cardinalizio) è la sede di ogni giudizio La canonistica elabora il Decretum (1140) Il compromesso conclusivo: il Concordato di Worms (1122)

11 Nuove interpretazioni del monachesimo benedettino: il ritorno alle origini Certosini Premonstratensi Cistercensi (Bernardo di Chiaravalle, Eugenio III) I nuovi ordini garantiscono lintegrità dellordinamento diocesano e si integrano perfettamente nel disegno di riorganizzare le Chiesa secondo una struttura verticistica.


Scaricare ppt "La riforma ecclesiastica (sec. XI-XII) 1.Leredità carolingia: lambiguità delle istituzioni 2.I problemi aperti: il fenomeno della chiesa privata, la simonia."

Presentazioni simili


Annunci Google