La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

EDUCARE: tra identità e differenze ISSR di Padova 19 novembre 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "EDUCARE: tra identità e differenze ISSR di Padova 19 novembre 2013."— Transcript della presentazione:

1 EDUCARE: tra identità e differenze ISSR di Padova 19 novembre 2013

2 CONTESTO -Gravissimum educationis (1965) -Recezione del Concilio After the Council: Living Vatican II George Sim Johnston (il giovane ricco) -Caritas in veritate -CEI Convegno Verona 2006: 6 aree -CEI «Educare alla vita buona del vangelo» (Orientam ) - Benedetto XVI e discorso alla CEI. (27 maggio 2010) «Le tre fonti: rivelazione, natura, storia»

3 Vat. II Gaudium et spes "Legittimamente si può pensare che il futuro dell'umanità sia riposto nelle mani di coloro che sono capaci di trasmettere alle generazioni di domani ragioni di vita e di speranza" (Gaudium et Spes n.31). Ogni generazione ha dunque il compito di riscoprire e di metter in atto un progetto educativo con cui non soltanto far sopravvivere la cultura e i valori ricevuti, ma anche preparare i propri membri ad ulteriori scoperte e conquiste.

4 «Leducazione è il momento che decide se noi amiamo abbastanza il mondo per assumercene la responsabilità e salvarlo così dalla rovina, che è inevitabile senza il rinnovamento, senza larrivo di esseri nuovi, di giovani». Arendt H., Tra passato e futuro, Vallecchi, Firenze 1970, 213 (ed. or. 1954).

5 Benedetto XVI Caritas in Veritate «la questione sociale è diventata radicalmente questione antropologica» (CV n. 75). Il vero sviluppo non consiste primariamente nel fare: «Chiave dello sviluppo sottolinea il Papa è unintelligenza in grado di pensare la tecnica e di cogliere il senso pienamente umano del fare delluomo, nellorizzonte di senso della persona presa nella globalità del suo essere» (ivi, n. 70).

6 Le 6 aree La vita affettiva Il lavoro e la festa La fragilità La tradizione La cittadinanza

7 IL MONDO DEI GIOVANI: CHI SONO E CHE COSA CERCANO? 1.Chi sono? 2.Un contesto sociale che favorisce la dipendenza psicologica a. Una società che favorisce linfantilismo b. Una speranza di vita più lunga c. Un infanzia accorciata per una adolescenza più lunga 3.I compiti psichici da assolvere a. La fiducia in se sessi b. Il rapporto con il tempo c. Occupare il proprio spazio interiore 4.La vita affettiva dei giovani a. Lo stato generale dellaffettività b. Dalla coeducazione al rapporto unisessuato c. La paura di impegnarsi d. La bisessualità psichica

8 IL MONDO DEI GIOVANI: CHI SONO? CHE COSA CERCANO? (2) 5.I giovani e le nuove influenze ideologiche a. Le teorie del gender b. La società di mercato e il liberalismo c. Laicità e bisogno del religioso 6.I giovani e la Chiesa a. Giovani senza radici religiose b. Confusione tra religioso e paranormale c. I giovani della GMC sono in ricerca di vita spirituale d. Perché JPII attira(va) tanti giovani, benché il messaggio cristiano sia esigente, in particolare in materia di morale sessuale? CONCLUSIONE (Tony Anatrella)

9 CARATTERISTICHE DEL MONDO DI Baudolino (U.Eco/F.Castelli) –La verità non esiste per se stessa. E soggettiva, esiste solo nella nostra mente siamo noi ad inventarla. –La politica è fondata sul potere. Il potente può usare il potere per fare del bene ma per conservare il potere deve far del male Lunico modo di non peccare è fare lo stilita. Non sei imperatore perché hai le idee giuste ma le idee sono giuste perché vengono dall imperatore Quod principi placuit legis habet vigorem –La vita è un gioco di passioni, di credenze fasulle, falsificazioni, inganni, non cè di meglio che immaginare altri mondi per dimenticare quanto doloroso sia quello in cui viviamo

10 TRE MINACCE ALLAUTENTICITA DELLA PERSONA Frammentazione Coerenza ---- > SENSO SIGNIFICATO Depressione Fermezza della Volontà (libertà) ---- > IMPEGNO Disarmonia Armonia (consistenza interiore) ---- > GIOIA (P. Ricoeur che riprende H.Kohut)

11 La Sfida di Papa Francesco Se non formiamo ministri capaci di riscaldare i cuori della gente, di camminare con loro nella notte, di dialogare con le loro speranze e delusioni, di curare le loro fratture, quale speranza possiamo avere per il nostro viaggio presente e futuro? (ai Vescovi del Brasile)

12 Dalla fenomenologia (manifestazioni, sintomi) alle radici/fondamenti

13 DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE PDV – FONDAMENTO: Umana – FINE: Pastorale – MEZZO: Intellettuale – ANIMA: Spirituale

14 La Fragilità affettiva come CUORE della questione antropologica. Il pathos come dimensione antropologica (non sentimentale) Soggettività autentica come via alloggettività Cf P. Ricoeur LAntinomie de la réalité humaine et le problème ce lanthropologie philosophique. Il Pensiero, 1960, V,3 pp Id. LHomme fallible, Paris Aubier, 1960

15 «La mia vita interiore è la sorgente delle mie relazioni esteriori. Allopposto delle sapienze meditative e contemplative della fine del paganesimo greco o dellOriente al di là dellIndo, la predicazione cristiana non ha mai opposto lessere al fare, linteriore allesteriore, la teoria alla prassi, la preghiera alla vita, la fede alle opere, Dio al prossimo. E sempre nel momento in cui la comunità cristiana si disfa o la fede decade, che la si vede abbandonare il mondo e le sue responsabilità e ricostruire il mito dellinteriorità. Allora il Cristo non è più riconosciuto nella persona del povero, dellesiliato, del prigioniero». Paul Ricoeur:

16 LE PRINCIPALI AREE DI FRAGILITA (PAURE/ANSIE) Le figure dellaffettività, il sentire, pathos (P. Ricoeur) Avere indigenza, povertà, solitudine (beni, ma anche qualcuno) Valere vergogna (reputazione, fama, celebrità, immagine) Potere impotenza Colpa

17 Le tre aree di fragilità sono anche aree di possibile forza e crescita In base e secondo il come vengono trattate

18 Come concepire il mistero della Persona?

19 Per questo piego le ginocchia davanti al Padre, dal quale ogni paternità nei cieli e sulla terra prende nome, perché vi conceda, secondo la ricchezza della sua gloria, di essere potentemente rafforzati dal suo Spirito nelluomo interiore. Che il Cristo abiti per la fede nei vostri cuori, e così, radicati e fondati nella carità, siate in grado di comprendere con tutti i santi quale sia lampiezza, la lunghezza, laltezza e la profondità, e conoscere lamore di Cristo che sorpassa ogni conoscenza, perché siate ricolmi di tutta la pienezza di Dio. (Efesini 3, 14-18)

20 ALTEZZA Superior Summo meo AMPIEZZA LUNGHEZZA PROFONDITA Interior Intimo meo Logos/ Rivelazione QUIETEFELICITA INQUIETUDINE ANSIA ASPETTATIVA QUIETEPIACERE Significato Forza Affetto Orizzonte Antropologico della persona come mistero Pathos/Storia Bios/Natura

21 Due Fondamenti Antropologici Questa similitudine manifesta che luomo il quale sulla terra è la sola creatura che Iddio abbia voluta per se stessa, non possa ritrovarsi pienamente se non attraverso un dono sincero di sé (GS, 24). In realtà solamente nel mistero del Verbo incarnato trova vera luce il mistero delluomo.. Cristo che è il nuovo Adamo, proprio rivelando il mistero del Padre e del Suo Amore svela anche pienamente luomo alluomo e gli fa nota la sua altissima vocazione (GS, 22).

22 DIO DESIDERIO BISOGNO IDEALE (umano) PERSONA Due tipi di lotta

23 DIO Formaz Spirituale DESIDERIO Formaz Intellettuale IDEALE Formaz Pastorale PERSONA Formazione Umana Due tipi di lotta

24 ALTEZZA Superior Summo meo AMPIEZZA LUNGHEZZA PROFONDITA Interior Intimo meo QUIETE FELICITA INQUIETUDINE ANSIA ASPETTATIVA QUIETEPIACERE Significato Forza Affetto Orizzonte antropologico della persona come mistero e le lotte DIO DESIDERIO BISOGNO IDEALE (umano) PERSONA bios logos pathos

25 TRE VIE RELIGIOSE VIA DELLAPPARENZA + Eterno, Al di là, il Significato - Tempo, il mondo, il reale contingente VIA DEL COMBATTIMENTO TRAGICO + Il reale, tempo - Assurdo (Senso/Significato) VIA DELLAMORE + LEterno entra nel tempo. Incarnazione + La morte è superata, Mistero Pasquale (H.U. Von Balthasar, Il tutto nel frammento)

26 Tre modelli di Pedagogia SALMICOSAPIENZIALEPARABOLICO PEDAGOGIA SOGGETTIVA espressiva del bisogno soggettiva, ignora loggettivo, lideale Soggetto e valore non si incontrano PEDAGOGIA OGGETTIVA mira al valore, al dover essere estrinseca, ignora il concreto, il soggettivo Soggetto e valore non si incontrano PEDAGOGIA come INTERPRETAZIONE Ermeneutica della domanda: Cerca risposte concrete, ma a domande più radicali, manifesta e nasconde unaltra domanda rispetta la realtà antropologica del mistero Dialogo tra soggetto e valore SUPM, pp

27 GESU a EMMAUS Apre gli occhi i loro occhi erano incapaci di riconoscerlo (v16) cominciando da Mosé e da tutti i profeti spiegò loro in tutte le scritture ciò che si riferiva a lui (v.27) Invia a Gerusalemme erano in cammino per un villaggio distante circa sette miglia da Gerusalemme di nome Emmaus (v.13) partirono senz'indugio e fecero ritorno a Gerusalemme (v.33) Infiamma il cuore Si fermarono, col volto triste (v.17) Non ci ardeva forse il cuore nel petto mentre conversava con noi? (v.32)

28 Tre Ministeri (Vat II) Vescovi Sacerdoti Laici Insegnamento Conoscere Verità (Profetico) Governo Pastore Agire Etica (Regale) Santificazione Motivazione Cuore (Sacerdotale)

29 TRE FIGURE DI EDUCATORE/LEADER ABRAMO orizzonte cognitivo: un paese che io ti indicherò. Conoscenza ---> verità GIACOBBE lotta per un impegno della volontà. Libertà ----> per il bene. DAVIDE le passioni, gli amori e la loro integrazione nel cuore. Armonia o disarmonia > affetto (Tre Volti delleducatore, 3 Dimensioni, 2004, 1, 9-17)

30 MATTE0MARCOLUCA 10 7 e strada facendo, predicate che Il Regno dei cieli è vicino 8 Guarite gli infermi, risuscitate i morti, sanate i lebbrosi e cacciate i demoni 6 7: chiamò i dodici e incominciò a mandarli a due a due e diede loro potere sugli spiriti immondi 12: e partiti, predicavano che la gente si convertisse 13: scacciavano molti demoni, ungevano di olio molti infermi e li guarivano 9 2: e li mandò ad annunziare il Regno di Dio e a guarire gli infermi 10 9: curate I malati che vi si trovano e dite loro si è avvicinato a voi il Regno di Dio' DUE ASPETTI FONDAMENTALI DEL MINISTERO

31 Intrapsichica VITA Interpersonale PROGRESSO DECLINO REDENZIONE LEGGE DELLO SVILUPPO E LEGGE DELLA CROCE MATURITA CRISTIANA E METAFORA DELLA GRAZIA

32 TRE MINISTERI/ UFFICI (LG) CRISTO PROFETA SACERDOTE RE VESCOVI LUFFICIO DI INSEGNARE (25) LUFFICIO DI SANTIFICARE (26) LUFFICIO DI GOVERNARE (27) PRESBITERI (28) LAICI FUNZIONE SACERDOTALE e CULTUALE (34) FUNZIONE PROFETICA E TESTIMONIANZA (35) FUNZIONE REGALE (36)

33 Appello e risposta: esigenza Coinvolgimento personale: essere + fare MAESTRO LEADER COMPAGNO Sfida (ostacoli?) : fragilità, ansia, paura

34 MINISTRI PER IL FUTURO Arciv Oscar Romero Aiuta - qualche volta – fare un passo indietro e guardare da lontano; Il Regno non è soltanto al di là dei nostri sforzi; è al di là della nostra visione. Noi realizziamo nella nostra vita solo una minima frazione dellimpresa meravigliosa che è il lavoro del Signore.. Nulla di ciò che facciamo è completo, il che significa che il Regno sta sempre al di là di noi stessi. Nessuna predica dice tutto quello va detto, Nessuna preghiera esprime pienamente la fede, Nessuna confessione porta perfezione, Nessuna visita pastorale porta la pienezza, Nessun programma compie la missione della Chiesa, Nessuna combinazione di scopi e obiettivi include tutto. Ecco dove stiamo. Piantiamo semi che un giorno cresceranno, Innaffiamo semi già piantati, sapendo che portano una promessa per il futuro.

35 Gettiamo fondamenti (fondazioni) che richiederanno sviluppi ulteriori. Forniamo un lievito che influirà ben al di là delle nostre capacità.. Non possiamo fare tutto, e cè un senso di liberazione nel prenderne coscienza. Questo ci permette di fare qualcosa, e di farlo molto, molto bene. Potrà essere incompleto, ma è un inizio, un passo sulla via, unopportunità per la grazia del Signore di entrare e di fare il resto. Forse non vedremo mai i risultati finali, ma qui sta la differenza tra larchitetto e loperaio. Noi siamo operai, non architetti Ministri, non messia. Siamo profeti di un futuro che non è nostro. Amen

36 Se non potete sradicare le idee cattive, se non potete curare mali antichi, completamente, quanto vorreste, non dovete per questo lasciare la comunità. Non abbandonate la nave nella tempesta, perché non potete dirigere i venti. E non forzate con arroganza idee strane su chi voi sapete ha una posizione diversa dalla vostra. Dovete cercare di influenzare il corso delle azioni indirettamente; trattare la situazione con tatto e così quello che non riuscite a volgere in bene, potete almeno renderlo meno cattivo. E infatti impossibile rendere le istituzioni buone a meno di rendere buone tutte le persone, e questo non mi aspetto di vederlo per molto tempo avvenire. St Thomas More

37 Ricoeur «La vita interiore sorgente delle relazioni esteriori. Allopposto delle sapienze meditative e contemplative della fine del paganesimo greco o dellOriente al di là dellIndo, la predicazione cristiana non ha mai opposto lessere al fare, linteriore allesteriore, la teoria alla prassi, la preghiera alla vita, la fede alle opere, Dio al prossimo. E sempre nel momento in cui la comunità cristiana si disfa o la fede decade, che la si vede abbandonare il mondo e le sue responsabilità e ricostruire il mito dellinteriorità. Allora il Cristo non è più riconosciuto nella persona del povero, dellesiliato, del prigioniero».

38 Approccio epistemologico AZIONE PERSONALE STORIA UMANA TESTO SPIEGAZIONEINTERPRETAZIONECOMPRENSIONE CAUSALITA (Oggettiva) DISCERNIMENTOINTENZIONALITA (Soggettiva) Metodo Classico/Statistico Metodo Genetico Metodo Dialettico B. Lonergan, P. Ricoeur

39 Modelli di affettività MeccanicoCognitivoCostrutto: strutturato/dinamico Forza istintiva connessa con il concetto di sfogo Concetti presi dall etologia: energia di azione specifica meccanismi innati di sblocco Impulso Libido e le sue forme Forza vitale Nulla di amato/voluto se non conosciuto Controllo razionale, esterno, significato --razionalistico Componenti: - cognitiva - conativa di controllo - equlibrio armonia interna pathos logos bios

40 UN MODELLO DI STRUTTURAZIONE DELLAFFETTO CONSOLAZIONE GIOIA PIACERE DOLORE TRISTEZZA DESOLAZIONE AZIONE CONTEMPLAZIONE IO DIO


Scaricare ppt "EDUCARE: tra identità e differenze ISSR di Padova 19 novembre 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google