La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gliederung 1 Einordnung in die Zeit- Die Questione im 500 2 Biographisches 3 Die Prose della volgar lingua 3.1 Aufbau, Inhalt 3.2 Die Dialogform 3.3 Die.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gliederung 1 Einordnung in die Zeit- Die Questione im 500 2 Biographisches 3 Die Prose della volgar lingua 3.1 Aufbau, Inhalt 3.2 Die Dialogform 3.3 Die."— Transcript della presentazione:

1 Gliederung 1 Einordnung in die Zeit- Die Questione im Biographisches 3 Die Prose della volgar lingua 3.1 Aufbau, Inhalt 3.2 Die Dialogform 3.3 Die Protagonisten 3.4 Beispiel: Buch 3, Kapitel Der Polymorphismus in den Prose 3.6 kurzes Nachwort 4 Bembo – Fortunio 5 Die Bedeutung Bembos und seiner Prose

2 BemboBembo PietroPietro

3 Biographisches Geboren in Venezia Erste Ausbildung in Florenz: Studium des Griechischen und der Philosophie Ferrara: Bekanntschaft mit Ariosto und Ercole Strozzi Urbino: Castiglione, Federico Fregoso, Giuliano de Medici 1512 nach Rom: Sekretär Papst Leos X Nach Tod des Papstes kontemplatives Leben in Padua 1529 Geschichtsschreiber 1539 von Papst Paul III. zum Kardinal ernannt – Rom Gestorben

4 Seine Werke Rerum Veneticarum Libri XII 1551 Le Prose 1501 Gli Asolani 1505 Le Rime 1530 Carmina 1533 Herausgeber von Werken Petrarcas, 1501 Terze Rime, Commedia 1502 Enge Zusammenarbeit mit Verleger Aldo Manuzio

5 Aufbau, Inhalt 1. Buch: Überlegenheit des Florentinischen des Trecento über alle anderen Dialekte, Argumente für das Volgare verglichen mit Latein Vorbildcharakter Petrarcas für Lyrik, Boccaccios für Prosa 2. Buch: Darlegung der richtigen Wortwahl und des Rhythmus der Sprache: suono, numero und variazione, Betrachtung des rhetorischen Charakters, des Stils und der Metrik 3. Buch: diskursive Grammatik

6 Die Dialogform Fiktives Gespräch zwischen Gelehrten In Anlehnung an antike Vorbilder (Plato, Cicero) Provokant/herausfordernd War Hauptform von humanistischen Abhandlungen Würde des Volgare und seiner Autonomie dadurch unterstrichen Diskussion über Sprache im Allgemeinen, als auch über grammatikalische und lexikalische Problematiken (Be)Wertung einzelner Autoren zentral

7 Protagonisten Ercole Carlo Giuliano Federico Strozzi Bembo De Medici Fregoso Überlegen- archaisie- gegen- eklektische heit des La- rende wärtiges Tendenz, tein über Position Florentinisch, lingua das Volgare uso vivo cortigiana

8 Capitolo III [...] E per incominciar dal Nome, dico che, sì come nella maggior parte delle altre lingue della Italia, così eziando in quella della città mia, i nomi in alcuna delle vocali terminano e finiscono sempre [...].

9 E questi nomi altro che di due generi non sono: del maschio e della femina. Quello che da Latini neutro è detto, ella partitamente non ha; sì come non hanno eziando le altre volgari, [...].

10 Ne maschi il numero del meno [...] nella O termina, che è nondimeno comunemente fine delle altre lingue volgari, e nella I, che proprio fine è della toscana in alquante di quelle voci che nomi propriamente si chiamano, Neri Geri Rinieri e simili. Perciò che quelli delle famiglie che così finiscono, Elisei Cavalcanti [...], sono tolti dal numero del più e non da quello del meno.

11 Termina eziando nella E, nella quale, tra gli altri, generalmente hanno fine que nomi, che o maschi o di femina o pure neutri che essi siano, nel secondo loro caso duna sillaba crescono nel latino, Amore Onore Vergine Margine e questo, che io Genere novellamente chiamo, e somiglianti.

12 Il qual fine, quantunque ragionevolmente così termini, perciò che usandosi volgarmente una sola forma e qualità per tutti i casi, meglio fu il pigliar quel fine che a più casi serve nel latino, che quello che serva a meno, nientedimanco hanno gli scrittori alcuna volta usato eziando il fine del primo caso; [...].

13 Ma tornando alle voci del maschio, egli termina nella E [...] i quali comunemente parlandosi nella O finiscono, Pensiere Sentiere [...] Scolare e somiglianti.

14 Termina ultimamente ancora nella A, che tuttavia, fuori solamente alcuni pochissimi, è fine di nomi più tosto duffici o darti o di famiglie, o per altro accidente sopraposti, che altro. [...]

15 Nella U niuno toscano nome termina, fuori che Tu e Gru; la qual voce così si dice nel numero del più, come in quello del meno, la Gru le Gru. La Virtù e le Virtù, che si dicono, e dellaltre, non sono voci compiute.

16 Ma tuttavolta, in qualunque delle vocali cada il numero del meno nelle voci del maschio, quello del più sempre in I cade.

17 Schlüsselzitate armonicamente, perché lottimo modello letterario è armonia, equilibrio, gradevolezza; e il terzo libro delle Prose è una grammatica dellarmonia. (Patota, S. 107) Il terzo libro delle Prose è una meravigliosa selva dove lesemplificazione della parola e del suo uso prevale sulla classificazione e sulle regole. (Dionisotti, S.146)


Scaricare ppt "Gliederung 1 Einordnung in die Zeit- Die Questione im 500 2 Biographisches 3 Die Prose della volgar lingua 3.1 Aufbau, Inhalt 3.2 Die Dialogform 3.3 Die."

Presentazioni simili


Annunci Google