La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari 2010 - Dr. Liliana Borgia 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari 2010 - Dr. Liliana Borgia 1."— Transcript della presentazione:

1 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 1

2 2 Strumenti normativi di supporto agli insegnanti Progetto Scuola attiva

3 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 3 Perché è importante conoscere le Norme e le Circolari sui DSA ? Il problema è stato già affrontato e analizzato da colleghi, esperti, famiglia Si hanno a disposizione risposte e strumenti che ci aiutano nel nostro lavoro Le informazioni sono meno interpretabili!

4 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 4 INOLTRE … Abbiamo a disposizione la possibilità di agire con uniformità nei macro-interventi Diminuiscono le difficoltà e le ansie dovute a non sapere cosa fare a non sapere come comportarsi a non sapere come intervenire

5 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 5 Impatto sociale … diritto all'educazione di tutti i ragazzi di pari età e la convinzione che è responsabilità del sistema scolastico ordinario educare tutti i bambini … (dalle dichiarazione UNESCO, 1994).

6 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 6 Non possiamo prescindere dal diritto del bambino … Di vivere in ambiente idoneo Di ricevere cure ed educazione adeguate Disporre di un sistema che valorizzi la persona e abbatta gli ostacoli per una crescita appropriata Di trovare nella sua strada educatori (famiglia, scuola) capaci di credere nelle sue potenzialità e di rimuovere barriere culturali e fisiche

7 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 7 Situazione attuale Problema ancora poco conosciuto È necessario un intervento diagnostico precoce Forte impatto sociale Dal 3 al 5% della popolazione Lalunno è spesso solo con il suo problema

8 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 8 Cosa può fare il territorio? Dalla sensibilità, competenza, coordinamento tra famiglia, educatori e operatori della scuola dipenderà la condizione in cui gli alunni con DSA vivranno linfanzia, ladolescenza e la vita adulta

9 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 9 Si tratta di un problema di coscienza, di responsabilità, o di professionalità? Quanto effettivamente la scuola fa e potrebbe fare? Chi sono i professionisti della scuola? Siamo consapevoli che siamo SOLO noi ad attivare il percorso formativo? E che SE non ci assumiamo NOI queste responsabilità, nessun altro avrà interesse ad occuparsi PROFESSIONALMENTE DEL BAMBINO

10 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 10 Abbiamo riflettuto sui risultati della nostra azione formativa? Quindi linsuccesso formativo È colpa della famiglia? Della società? Della scuola? Del bambino? Della sua difficoltà? Certi casi sono davvero insolubili?

11 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 11 Oppure non abbiamo capito che … In base a quanto noi concretamente e a volte inconsapevolmente FACCIAMO i risultati saranno …

12 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 12 Giovani e adulti attivi nel percorso di apprendimento e socializzazione con un riconoscimento adeguato della propria persona …

13 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 13 … oppure giovani e adulti rifugiati nellombre in una scuola incapace di accorgersi dei loro problemi e difficoltà

14 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 14 Perché è INDISPENSABILE per i professionisti della scuola conoscere la normativa A quali bisogni risponde la legislazione Per la famiglia …. Per gli insegnanti … Per gli alunni Per la classe Per il territorio

15 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 15 Conoscere la normativa consente … Di non trovarci impreparati davanti al problema Di avere chiara la situazione dellalunno con DSA Di essere consapevoli che dal nostro comportamento dipenderà il proseguo formativo dellalunno Di programmare interventi in base a scelte precise e regolamentate Di poter condividere con i colleghi le difficoltà Offre la possibilità di concentrarsi sullinsegnamento

16 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 16 Inoltre … Di avere dei punti di riferimento COMUNI PARLARE CON LO STESSO CODICE Di attivare percorsi per il successo formativo di tutti gli allievi, compresi i ragazzi disabili e con problemi di dislessia IN PARTICOLARE

17 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 17 Conoscere la situazione ci consente di indirizzare il nostro impegno … … non a capire quale problema ha il nostro allievo … ma programmare e pianificare strategie per quel problema

18 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 18 Il Curricolo È uno strumento che ci consente di riflettere sulla figura dellinsegnante e di … individuare lalunno come centralità degli interventi formativi costruire lambiente di apprendimento pianificare strategie relazionali, cognitive, empatiche RI-STRUTTURARE metodologie educative RIMETTERE IN GIOCO il sistema di apprendimento, facendo riferimento a QUANTO POSSIAMO FARE PER TUTTI GLI ALLIEVI

19 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 19 Percorso diagnostico Persone con DSA non vengono tutelate dalla L 104/92 Lidentificazione avviene mediante uno screening Attraverso la collaborazione tra scuola e Servizi Sanitari Diagnosi di DSA

20 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 20 Condizione necessaria per un adeguato percorso scolastico Sensibilità e disponibilità della Scuola Disponibilità ad un cambiamento culturale nei processi di istruzione e di valutazione Competenza e formazione degli operatori scolastici Facilitazioni didattiche Strumenti compensativi e dispensativi Strumenti e ausili alternativi (computer, sintesi vocale registratori, ecc)

21 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 21 Ricevuta la diagnosi … La famiglia Informare la scuola Concordare i criteri per la collaborazione Richiedere e pianificare un percorso personalizzato Sviluppare consapevolezza rispetto alla situazione di difficoltà (genitori e figlio) Valorizzare i comportamenti positivi Incoraggiare le attitudini del bambino per sviluppare situazioni di autostima (sport, hobby)

22 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 22 La Scuola Osservazione e screening nella classe Concordare con la famiglia il percorso Predisporre gli interventi didattici e comportamentali da attuare per tutte le materie e da tutti gli insegnanti Sviluppo dellautostima Valorizzare gli atteggiamenti positivi Passaggio delle informazioni

23 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 23 La Costituzione italiana Art. 3 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana … Art. 33 L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento. La Repubblica detta le norme generali sull'istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi

24 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 24 Legge 517/77 e L 270/82 Scuola elementare, media e superiore dettano disposizioni per l'integrazione scolastica nelle scuole elementari e medie introduce il tema della programmazione educativa individualizzata come strumento indispensabile per ".... agevolare l'attuazione del diritto allo studio e la promozione della piena formazione della personalità degli alunni, in particolare dei portatori di handicap... con interventi individualizzati in relazione alle esigenze dei singoli alunni

25 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 25 Esempio di cambiamento culturale La sentenza n° 215/87 ha sancito … " … illegittimità costituzionale dell'art. 28 … della L.118/71 ("Conversione in legge del D.L. 30 gennaio 1971, n. 5 e nuove norme in favore dei mutilati ed invalidi civili." ) nella parte in cui prevede che "sarà facilitata anziché assicurata la frequenza alle scuole medie superiori ed Università E sarà poi lart 12 della L.104/92 a garantire il diritto all'educazione e all'istruzione delle persone handicappate nella scuola materna, nelle classi comuni delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado e nelle Università.

26 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 26 Legge 59/97 Bassanini-Autonomia scolastica Art 21 … autonomia didattica finalizzata al diritto di apprendere L'autonomia organizzativa finalizzata alla realizzazione della diversificazione della flessibilità dell'efficienza e dell'efficacia del servizio scolastico alla integrazione e al miglior utilizzo delle risorse e delle strutture all'introduzione di tecnologie innovative al coordinamento con il contesto territoriale

27 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 27 Legge 59/97 Bassanini-Autonomia scolastica superamento dei vincoli orari della lezione dell'unitarietà del gruppo classe delle modalità di organizzazione e impiego dei docenti ottimizzazione delle risorse umane, finanziarie, tecnologiche, materiali e temporali

28 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 28 Legge 59/97 Bassanini Autonomia scolastica Le strategie e le azioni sono indirizzate al diritto dellallievo, delle famiglie, dei soggetti coinvolti nella costruzione del SISTEMA DI RETE con PATTO tra famiglia - scuola - territorio la finalità del nuovo sistema formativo riguarda il successo formativo di ciascun allievo della classe in questo modo è dato agli insegnanti la possibilità di ricercare strategie, metodologie e interventi Per essere concretamente professionisti della scuola

29 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 29 La continuità didattica/formativa Predisporre la documentazione Trasferirla agli operatori (supplenti, insegnanti degli anni successivi, ecc) Possibilità di modifiche in base ai risultati Coinvolgimento della famiglia che è parte attiva La scuola ha la responsabilità verso lallievo e verso la famiglia

30 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 30 Cosa succede, invece, ancora oggi, nei Consigli di classe, tra insegnanti, nei colloqui? … non sa ancora leggere bene! … deve impegnarsi di più! … non abbiamo tempo per occuparci di tutti! … non riesce a seguire! … sembra che non sia attento! … la famiglia deve aiutare a fare i compiti a casa!

31 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 31 Occorre riflettere su aspetti fondamentali Chi ha il dovere di occuparsi della formazione? Se non si impegna la scuola, chi può farlo? Se il tempo a disposizione non ci consente di dedicarci a tutte le problematiche di tutti gli alunni, chi altro potrà farlo? Chi ha stabilità che ci dobbiamo occupare maggiormente degli allievi bravi, che ci seguono?

32 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 32 Possiamo ancora con coscienza affermare … … ma devo andare avanti con il programma!… … e lasciare indietro (con dispiacere, certo) coloro che non hanno gli strumenti per i normali processi di apprendimento … … e non attivarci per fornirglieli …

33 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 33 Con la normativa … … abbiamo a disposizione lo srumento che sostiene in tal senso listruzione per tutti … per essere realmente … PROFESSIONISTI DELLA SCUOLA e quindi essere noi in grado di proporre e decidere

34 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 34 DPR 249/98 modifiche al Regolamento del D.P.R. 249/98 Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria la scuola è un luogo di crescita civile e culturale della persona rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea per sviluppare la cultura dellosservanza delle regole

35 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 35 Il compito della scuola è di far acquisire competenze e valori da trasmettere per formare cittadini che abbiano senso di identità, appartenenza e responsabilità … e la consapevolezza che la libertà personale si realizza nel rispetto degli altrui diritti e nelladempimento dei propri doveri

36 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 36 DPR 275/99 regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche Le istituzioni scolastiche … riconoscono e valorizzano le diversità promuovono le potenzialità di ciascuno adottando tutte le iniziative utili al raggiungimento del successo formativo adottano tutte le forme di flessibilità che ritengono opportune attivano percorsi didattici individualizzati, nel rispetto del principio generale dellintegrazione degli alunni nella classe e nel gruppo … per garantire il successo formativo esempio

37 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 37 Dlgs 165/01 norme sullordinamento del lavoro alle dipendenze delle Amministrazioni pubbliche Art 25: Dirigenti delle istituzioni scolastiche Nellambito dellAmministrazione Scolastica periferica è istituita la qualifica dirigenziale per i Capi di Istituto delle Istituzioni Scolastiche ed Educative … Ha poteri di direzione, coordinamento e valorizzazione delle risorse umane Assicura la gestione unitaria, è il legale rappresentante È responsabile della gestione delle risorse finanziarie e strumentali, e dei risultati del servizio

38 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 38 Note del Ministero: si comincia a parlare di DSA Nota Prot. n. 4099/A/4 ottobre 2004 Iniziative relative alla dislessia le difficoltà di apprendimento di alcuni alunni non sono sempre adeguatamente considerate le scuole devono applicare gli strumenti compensativi e dispensativi devono essere predisposte iniziative di formazione degli insegnanti

39 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 39 Note del Ministero Nota Prot. N. 26/A 4° gennaio 2005 Iniziative relative alla dislessia (precisazioni) Per lutilizzazione dei provvedimenti dispensativi e compensativi è sufficiente la diagnosi specialistica di disturbo specifico di apprendimento (dislessia) Tali strumenti devono essere applicati in tutte le fasi del percorso scolastico, compresi i momenti di valutazione finale

40 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 40 Nota MIUR 4798 luglio 2005 Attività di programmazione dellintegrazione scolastica degli alunni disabili da parte della scuola Coinvolgimento della famiglia Migliorare la qualità dellintegrazione Continuità didattica Si ribadisce lattenzione per i DSA (nota Miur 4099) Note del Ministero

41 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 41 Legge n. 169/08 (…) recante disposizioni urgenti in materia di istruzione e università" (VALUTAZIONE) Art. 3. Valutazione sul rendimento scolastico degli studenti Comma 5: con regolamento emanato ai sensi dell'articolo 17, comma 2, della L 400/88 (… i regolamenti per la disciplina delle materie …) si provvede al coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli studenti … … tenendo conto anche dei disturbi specifici di apprendimento e della disabilità degli alunni e sono stabilite eventuali ulteriori modalità applicative

42 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 42 Circolare Ministero Infrastrutture/Trasporti Dislessia e patente di guida La Circolare Prot.n , luglio 2006, relativa all'esame di teoria con il sistema informatico, è stata modificata a vantaggio delle persone con D.S.A in data 25 ottobre 2007 Che potranno utilizzare la sintesi vocale evitando il controllo della commissione medica di idoneità psichica alla guida Il punto 2c di detta circolare è stato modificato a seguito dell'intervento dell'AID nazionale presso il Ministero dei Trasporti Circolare Prot MOT3/ /M350 (2004) e prot Div /05 (2007): le persone con DSA possono svolgere oralmente (PATENTINO) o con sintesi vocale (PATENTE) lesame di teoria

43 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 43 Strumenti normativi per la Valutazione dellapprendimento Nella scheda di valutazione non va menzionata la differenziazione e l'uso di strumenti compensativi e dispensativi Il Ministero ha emanato apposite circolari e il Regolamento sulla valutazione Occorre comunque adottare tutte le forme di supporto sulla base delle effettive difficoltà di quel particolare allievo (D.P.R. n. 122 del 22 giugno 2009, art.10)

44 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 44 Quali sono gli strumenti compensativi e dispensativi

45 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 45 Nota Prot. n. 4099/A/4 ottobre 2004 Strumenti compensativi Le misure compensative sono facilitatori formali, necessari a compensare alcune carenze difficilmente colmabili. Sono strumenti che permettono di compensare difficoltà di esecuzione di compiti automatici derivanti da una disabilità specifica. Lo strumento compensativo è una sorta di protesi che aiuta a superare queste difficoltà mettere il soggetto con disabilità in condizioni di operare più agevolmente Tavola pitagorica Tabelle (misure, formule geometriche, alfabeto, ecc) Calcolatrice Video scrittura Correzione ortografica

46 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 46 Strumenti compensativi sintesi vocale registratore libro parlato sussidi audiovisivi ed informatici la sintesi vocale, ad es, non risolve o guarisce dal problema (infatti lallievo deve abituarsi allascolto, non risolve il problema della comprensione e della capacità di studiare normalmente)

47 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 47 Strumenti compensativi Tabelle dell'alfabeto Cartine geografiche e storiche Mappe concettuali e mentali Audio cassette o CD con i contenuti dei testi di studio Registrare le lezioni e le interrogazioni Computer con programmi di videoscrittura e correttore ortografico, dizionari digitali, libri parlati o in pdf da leggere con sintesi vocale, software Inoltre: Valutazione da parte dellinsegnante (del contenuto più che della forma) Attività didattica: Mappe, formule, tabelle, schede, schemi possono essere presentati a tutta la classe

48 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 48 IMPORTANTE!!! Sin dalle prime classi gli insegnanti trasmettano un reale clima di collaborazione e cooperazione, in cui tutti gli allievi potranno consultare, alloccorrenza, quanto disponibile, fino a che ognuno ne farà a meno in base ai risultati raggiunti. Con questa metodologia, i bambini con problemi di DSA consulteranno ed utilizzeranno gli strumenti come gli altri, senza risentire della differenziazione di trattamento

49 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 49 Nota Prot. n. 4099/A/4 ottobre 2004 Strumenti dispensativi Sono misure didattiche necessarie agli alunni con DSA che vanno offerte durante le normali attività didattiche e in fase di verifica, senza per questo inficiare la valutazione Gli strumenti dispensativi sono esoneri da alcune attività di routine: Dalla lettura ad alta voce Studio della lingua straniera in forma scritta Dalluso del vocabolario Da interrogazioni non programmate

50 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 50 Strumenti dispensativi DISPENSATIVI Da valutazione delle prove in termini di forma Dallo studio a memoria delle tabelline Delle formule Tempi più lunghi delle esecuzione delle prove Riduzione del numero degli esercizi Prevalenza delle interrogazioni orali Riduzione dei compiti a casa Dispensare dal copiare dalla lavagna

51 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 51 scrittura veloce sotto dettatura scrittura di appunti durante le lezioni lettura di consegne uso del vocabolario studio a memoria della tavola pitagorica, delle formule matematiche e geometriche, delle coniugazioni verbali … studio delle lingue straniere in forma scritta uso di testi con meno quantità di pagine Strumenti dispensativi

52 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 52 Nota 1 marzo Esame di Stato Alunni affetti da dislessia L'AID ha richiamato l'attenzione del Ministero sulle difficoltà che i dislessici incontrano nel sostenere lesame di Stato. Il Ministero, tenendo presente che la composizione con docenti interni delle Commissioni esaminatrici consente un'approfondita conoscenza degli specifici disturbi dei candidati affetti da dislessia, invita le Commissioni stesse affinché adottino … Note del Ministero-Esami di Stato

53 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 53 (…) ogni opportuna iniziativa, idonea a ridurre il più possibile le difficoltà degli studenti. Le Commissioni terranno in debita considerazione le specifiche situazioni soggettive sia in sede di predisposizione della terza prova scritta, che in sede di valutazione delle altre due prove, valutando anche la possibilità di riservare alle stesse tempi più lunghi di quelli ordinari

54 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 54 OM n. 22/06 Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli Esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore nelle scuole statali e non statali. Art.12, punto 7 La Commissione terrà in debita considerazione le specifiche situazioni soggettive relative ai candidati affetti da dislessia, sia in sede di predisposizione della terza prova scritta, che in sede di valutazione delle altre due prove scritte, valutando anche la possibilità di riservare alle stesse tempi più lunghi di quelli ordinari. Note del Ministero-Esami di Stato

55 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 55 Note del Ministero - Esami di Stato Nota MIUR 1787 marzo 2005 Adottare tutte le iniziative per ridurre le difficoltà CM 4674 maggio 2007 Indicazioni operative Lesame di Stato non prescinde dalla prova scritta di lingua straniera Valutazione prevalente della prova orale Tempi adeguati Valutazioni più attente ai contenuti che alla forma

56 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 56 OM n. 30/2008 istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli Esami di stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore ART. 6 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. I consigli di classe dell'ultimo anno di corso elaborano, entro il 15 maggio, per la commissione d'esame, un apposito documento relativo all'azione educativa e didattica realizzata nell'ultimo anno di corso. 2. Tale documento indica i contenuti, i metodi, i mezzi, gli spazi e i tempi del percorso formativo, i criteri, gli strumenti di valutazione adottati, gli obiettivi raggiunti, nonché ogni altro elemento che i consigli di classe ritengano significativo ai fini dello svolgimento degli esami. Note del Ministero-Esami di Stato

57 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 57 C.M. n. 54/2008 Oggetto: esami Stato istruzione secondaria di primo grado a.s. 2007/2008 – prova scritta a carattere nazionale - C.M. n. 32 del 14 marzo istruzioni integrative. Nel caso vi siano candidati con difficoltà specifiche di apprendimento che necessitino di prova in formato dedicato (versione informatizzata), atteso che non è stata effettuata la loro rilevazione, il presidente della commissione ovvero il vice presidente o il commissario delegato ne informa, il giorno precedente la prova, lInvalsi inviando una a o un fax al numero 06/ al fine del tempestivo invio, nel giorno della prova, dei testi. Tale comunicazione deve essere inviata per conoscenza anche allUfficio scolastico regionale. Note del Ministero-Esami di Stato

58 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 58 Circolare n. 32/2008 Ministero della Pubblica Istruzione Oggetto: Scrutini ed esame di Stato a conclusione del primo ciclo di istruzione - Anno scolastico Disposizioni per particolari tipologie di alunni Alunni con dislessia/disturbo specifico di apprendimento (DSA) devono sostenere tutte le prove scritte hanno diritto allimpiego di strumenti compensativi (come indicato nella nota ministeriale prot. 26/A del 4 gennaio 2005) assegnazione di maggior tempo a disposizione per lo svolgimento delle prove.

59 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 59 Circolare n. 32/2008 Le prove differenziate per alunni con disabilità: hanno valore equipollente ai fini della valutazione dellalunno. nel caso di esito negativo delle prove di esame, per gli alunni con disabilità è possibile rilasciare un attestato che certifichi i crediti formativi acquisiti tale attestato è titolo per liscrizione e la frequenza di classi successive, ai soli fini del riconoscimento di crediti formativi da valere anche per percorsi integrati (cfr. ordinanza ministeriale n. 90/2001) concorre ad assicurare la frequenza negli istituti di istruzione secondaria superiore Nel diploma di licenza non deve essere fatta menzione delle prove differenziate sostenute dagli alunni con disabilità

60 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 60 Il PEP Il PEP andrebbe predisposto per gli alunni con difficoltà Il Regolamento sulla Valutazione- DPR 122/2009- indica il PEP come necessario per tracciare il percorso formativo degli alunni Agli alunni vanno OBBLIGATORIAMENTE forniti gli strumenti compensativi e dispensativi e modalità di verifica e valutazione adeguate

61 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 61 DPR 122/2009- (Articolo 10 - Valutazione degli alunni con difficoltà specifica di apprendimento (DSA) 1. Per gli alunni con difficoltà specifiche di apprendimento (DSA) adeguatamente certificate, la valutazione e la verifica degli apprendimenti, comprese quelle effettuate in sede di esame conclusivo dei cicli, devono tenere conto delle specifiche situazioni soggettive di tali alunni; a tali fini, nello svolgimento dellattività didattica e delle prove di esame, sono adottati, nellambito delle risorse finanziarie disponibili a legislazione vigente, gli strumenti metodologico-didattici compensativi e dispensativi ritenuti più idonei. 2. Nel diploma finale rilasciato al termine degli esami non viene fatta menzione delle modalità di svolgimento e della differenziazione delle prove. )

62 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 62 Attenzione!!! Nel PEP per lalunno con DSA vanno garantiti gli obiettivi minimi disciplinari. Quindi il consiglio di classe deve dichiarare, per ogni disciplina: - Le misure dispensative attuate - Le misure compensative fornite - Le modalità e i tempi delle verifiche - I criteri di valutazione

63 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 63 Indicare inoltre … Strategie utilizzate Metodologia Risultati raggiunti Qualsiasi indicazione utile a fornire un quadro complessivo e possibilmente esaustivo delle difficoltà e capacità dellallievo

64 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 64 Strumenti normativi per la Valutazione dellapprendimento Gli alunni con DSA non vanno interrogati o valutati sulla base di performance mnemoniche Hanno necessità di poter usare la tavola pitagorica durante le verifiche di calcolo o di risoluzione di problemi In questo modo possono concentrarsi sulle procedure e sui contenuti (D.P.R. n. 122 del 22 giugno 2009, art.10)

65 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 65 Un caso legale I genitori di un ragazzo bocciato hanno presentato ricorso prima al TAR e poi al Consiglio di Stato (che ha accolto lappello, sospendendo la decisione di degli insegnanti Gli insegnanti lo avevano bocciato non tenendo conto della diagnosi di dislessia e delle sue difficoltà Non avevano attuato le misure compensative e dispensative adeguati al raggiungimento formativo La sentenza afferma il principio che le DSA non escludono il conseguimento dei normali obiettivi di apprendimento

66 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 66 Il Consiglio di Classe … (…) nella valutazione del ragazzo ha ignorato la sua condizione clinica, pur essendo a conoscenza della diagnosi e potendo disporre di tutti gli strumenti tecnici necessari per procedere a giudizio personalizzato e differenziato (…) (…) questo era anche raccomandato in considerazione del carattere irreversibile e permanente del disturbo, che avrebbe reso ogni eventuale ripetizione dellanno scolastico inutile frustrante (…) TAR Regionale Marche

67 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 67 Siti di riferimento SA.htmlhttp://www.maestrantonella.it/DSA/link_strumenti_D SA.html i_DSA.htmlhttp://www.maestrantonella.it/DSA/materiali_didattic i_DSA.html

68 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 68 Bibliografia Le aquile sono nate per volare Sottotitolo: Il genio creativo nei bambini dislessici Autore R. Grenci Pagine 120 Anno 2004 Prezzo 14,00 La Meridiana Bibliografia: aPagina.asp?ID=35 aPagina.asp?ID=35 Bibliografia

69 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 69 Software programma free "Open Office", è in italiano, è notevolmente evoluto e la correzione è buona. Open Office è un pacchetto che comprende diversi programmi: videoscrittura, creazione di tabelle, creazione di presentazioni, disegno, database, sia per programmi Windows, che Linux, o Mac. Scaricare dal sito 3. Integra un sistema di riconoscimento vocale che, tramite un semplice linguaggio di script, consente di creare dialoghi interattivi con l'utente

70 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 70 Software Il programma Balabolka converte testi in audio Per riprodurre la voce umana il programma può utilizzare tutti i sintetizzatori vocali installati sul pc Il programma legge ad alta voce il contenuto degli appunti visualizza il testo in formato DOC, RTF, PDF, ODT, FB2 e HTML cambia le impostazioni del carattere e colore controlla lortografia pronuncia il testo digitato ecc

71 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 71 Inoltre … Il Balabolka permette di cancellare dal testo tutti i punti di sillabazione per migliorare la lettura Si possono salvare testi come file audio in formato WAV, MP3, OGG e WMA Il programma opera diverse versioni del Microsoft Speech API (SAPI) con funzioni di audio Permette di cambiare la velocità e il timbro della voce Si possono fare cambiamenti speciali per migliorare la qualità dellaudio Servono per modificare la pronuncia di certe parole o sillabe; per questo puoi sostituire la frase in questione con una più leggibile (…)

72 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 72 Programmi gratuiti per la costruzione di mappe CMAP è un programma Open Source per progettare learning object specifico per lelaborazione di mappe concettuali. sito produttore produttorehttp://cmap.ihmc.us/download/ Rende rapida la realizzazione di mappe concettuali anche complesse ed offre anche strumenti di razionalizzazione e rappresentazione delle idee molto avanzati, con modalità di personalizzazione grafica funzionali per mappe altamente funzionali e allo stesso tempo gradevoli e di immediata lettura È possibile creare collegamenti tra mappe e di condividerle attraverso archivi on line. E' scaricabile gratuitamente per fini educativi

73 Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari Dr. Liliana Borgia 73 Inoltre … Freemind è un editor per mappe mentali leggero e veloce E Open source e gratuito, liberamente scaricabile dal sito degli autori. Per stessa ammissione dei programmatori, Freemind non è un software per mappe mentali nel senso stretto del termine, così come è stato teorizzato dallo psicologo inglese Tony Buzan intorno al 1960 permette di gestire alcune operazioni molto utili come inserire collegamenti nei vari nodi, esportare la mappa in formato HTML, modificare laspetto dei nodi con disegni e colori vari, e tante altre cose


Scaricare ppt "Centro PHARE "Scuola Attiva" Cagliari 2010 - Dr. Liliana Borgia 1."

Presentazioni simili


Annunci Google