La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Cosa sono i DSA? Martina Nani Francesca Cavallini Centro di Apprendimento Tice.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Cosa sono i DSA? Martina Nani Francesca Cavallini Centro di Apprendimento Tice."— Transcript della presentazione:

1 Cosa sono i DSA? Martina Nani Francesca Cavallini Centro di Apprendimento Tice

2 La categoria dei Disturbi Evolutivi Specifici di Apprendimento viene convenzionalmente identificata con lacronimo DSA. Con il termine Disturbi Evolutivi Specifici di Apprendimento ci si riferisce ai soli disturbi delle abilità scolastiche e in particolare a: Dislessia, Disortografia, Disgrafia e Discalculia Consensus Conference, 2007

3 La principale caratteristica di definizione (…) è quella della specificità, intesa come un disturbo che interessa uno specifico dominio di abilità in modo significativo ma circoscritto, lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale

4 Difficoltà di apprendimento e disturbi di apprendimento (indicatori principali) Difficoltà di apprendimento Possono dipendere da fattori ambientali (culturali, sociali, educativi) Dipendono da deficit intellettivo, da disordini affettivi, ecc. Hanno carattere pervasivo Sono sensibili al trattamento Disturbi di apprendimento Non dipendono da fattori ambientali né da deficit intellettivo Sono intrinseci al sistema cognitivo Sono circoscritti a specifiche abilità Risultano particolarmente resistenti al trattamento

5 Caratteristiche che definiscono i DSA Il principale criterio necessario per stabilire la diagnosi di DSA è quello della discrepanza tra abilità nel dominio specifico interessato (deficitaria in rapporto alle attese per letà e/o la classe frequentata) e lintelligenza generale (adeguata per letà cronologica). (Consensus Conference, 2007)

6 Chi fa la diagnosi e quando? Specialisti della diagnosi: psicologo neuropsichiatra Età della diagnosi: 7 anni circa (fine della classe seconda – inizio della classe terza) Incidenza del disturbo: 4% circa della popolazione scolastica

7 Manuali diagnostici ICD-10 ICD-10 Classificazione delle sindromi e dei disturbi psichici e comportamentali (OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità, 1996) DSM-IV DSM-IV Disturbi dellinfanzia e delladolescenza (APA – Associazione Psichiatrica Americana, 1996)

8 ICD-10 ICD-10 F81 – Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche F81 – Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche F81.0 Disturbo specifico della lettura F81.1 Disturbo specifico della compitazione F81.2 Disturbo specifico delle abilità aritmetiche F81.3 Disturbi misti delle abilità scolastiche DSM-IV DSM-IV Disturbi dellApprendimento Disturbi dellApprendimento Disturbo della lettura Disturbo del calcolo Disturbo dellespressione scritta Disturbo dellApprendimento non altrimenti specificato Manuali diagnostici

9 DISLESSIA: specifico disturbo nellautomatizzazione (velocità) e nella correttezza della lettura; DISORTOGRAFIA: specifico disturbo nella correttezza della scrittura intesa come processo di trascrizione tra fonologia e rappresentazione grafemica della parola, perché differente dalla correttezza morfosintattica; DISGRAFIA: specifica difficoltà nella realizzazione manuale dei fonemi e quindi nel grafismo (Consensus conference)

10 La dislessia evolutiva Disturbo di automatizzazione delle procedure di transcodifica dei segni scritti in corrispondenti fonologici che si traduce nella compromissione grave dellapprendimento della lettura.

11 LIVELLO COGNITIVO: nella norma ( 85) LETTURA: 2 deviazioni standard sotto la media Opportunità educative e di istruzione normali Assenza di deficit sensoriali e/o neurologici Interferenza significativa nelle attività scolastiche Disturbo Specifico di Lettura - Dislessia Evolutiva

12 Familiarità Pregressa o attuale presenza di difficoltà nel linguaggio verbale (Disturbo Specifico del Linguaggio) DISTURBI ASSOCIATI: Disortografia, Disgrafia, Discalculia Disturbo Specifico di Lettura - Dislessia Evolutiva

13 La dislessia è una disabilità specifica dellapprendimento di origine neurobiologica La dislessia è una disabilità specifica dellapprendimento di origine neurobiologica Le neuroimmagini funzionali offrono la possibilità di esaminare il funzionamento cerebrale durante lesecuzione di un compito cognitivo (i cambiamenti dellattività neurale possono essere misurati da tecniche come la risonanza magnetica funzionale – fMRI) (G. Reid Lyon, E. Shaywitz, B.A. Shaywitz; 2003)

14 DISTURBO DI LETTURA (o DISLESSIA) Il livello di lettura raggiunto (cioè precisione, velocità della lettura misurate da test standardizzati somministrati individualmente) si situa sostanzialmente al di sotto di quanto ci si aspetterebbe data l'età cronologica del soggetto, la valutazione psicometrica dell'intelligenza, e un'istruzione adeguata all'età. L'anomalia della lettura interferisce notevolmente con l'apprendimento scolastico o con le attività della vita quotidiana che richiedono capacità di lettura. La lettura orale è caratterizzata da distorsioni, sostituzioni o omissioni; sia la lettura orale che quella a mente sono caratterizzate da lentezza ed errori di comprensione. Se è presente un deficit sensoriale, le difficoltà nella lettura vanno al di là di quelle di solito associate con esso.

15 4% POPOLAZIONE in età scolare presenta un disturbo di lettura (puro o misto) 60-80% dei soggetti a cui viene diagnosticato un disturbo della lettura sono MASCHI In 4 casi su 5 il disturbo di apprendimento è costituito dalla dislessia La dislessia ha unorigine (in parte) genetica (es. padre) La dislessia si presenta sovente assieme al disturbo del calcolo e al disturbo della scrittura INCIDENZA DEL DISTURBO DI LETTURA

16 PROCESSI DEFICITARI NELLA DISLESSIA 1) deficit dellANALISI e della MEMORIA VISIVE (es. p/q, b/d) 2) difficoltà nellANALISI VISIVA SERIALE 3) difficoltà nellINTEGRAZIONE VISIVO-UDITIVA 4) deficit della MBT fonologica 5) difficoltà nel riconoscimento dei suoni associato alla lettere (CONSAPEVOLEZZA FONOLOGICA) 6) LENTEZZA nellarticolazione dei suoni

17 Incremento medio annuale della rapidità di lettura del brano MT dalla classe seconda della scuola primaria alla classe terza media (Stella, Nicoletti 2002) Buoni lettori 0.54 sillabe/secondo Dislessici0.29 sillabe/secondo Velocità di lettura: 2,5 - 3 sillabe/secondo limite minimo per lincidenza significativa della decodifica sulla comprensione (Cornoldi, 2007)

18

19 Evoluzione della velocità di lettura in normo-lettori e dislessici

20 Bizzaro-Ferrari Nella norma Difficoltà Deficit in media sopra la media sotto la media

21 Disortografia e disgrafia ASPETTI LINGUISTICI: Disortografia Le difficoltà di scrittura Disordine di codifica del testo scritto che viene fatto risalire ad un deficit di funzionamento delle componenti centrali del processo di scrittura, responsabili della transcodifica del linguaggio orale nel linguaggio scritto ASPETTI GRAFO-MOTORI: Disgrafia Disordine delle componenti periferiche, cioè esecutivo-motorie, prescinde dalle variabili linguistiche come il lessico, la grammatica, la sintassi, l'ortografia.

22 Disturbo delle abilità numeriche e aritmetiche che si manifesta in bambini di intelligenza normale, che non hanno subito danni neurologici. Essa può presentarsi associata a dislessia, ma è possibile che ne sia dissociata (C. Temple; 1992) Età della diagnosi: fine della classe terza DISCALCULIA EVOLUTIVA

23 La Discalculia evolutiva Disturbo Specifico del Calcolo Compare in età evolutiva ma è strutturale

24 I DSA si caratterizzano generalmente per lentezza nellelaborazione dello stimolo; per un ritmo lento di apprendimento.


Scaricare ppt "Cosa sono i DSA? Martina Nani Francesca Cavallini Centro di Apprendimento Tice."

Presentazioni simili


Annunci Google