La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Piano di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado (a.s. 2011/2012) Dalla Legge 170/2010 alle Linee Guida: un percorso di tutela dei diritti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Piano di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado (a.s. 2011/2012) Dalla Legge 170/2010 alle Linee Guida: un percorso di tutela dei diritti."— Transcript della presentazione:

1 Piano di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado (a.s. 2011/2012) Dalla Legge 170/2010 alle Linee Guida: un percorso di tutela dei diritti allapprendimento degli alunni con DSA Jesi, 28 novembre 2011

2 I DSA: unemergenza educativa Condividere i significati Legge n. 170 del Linee guida sui D.S.A. La personalizzazione didattica

3 I DSA: unemergenza educativa Tra il 2,5 e il 3,5 % della popolazione in età evolutiva (per la lingua italiana) soffre di DSA La situazione è, senza dubbio, del tutto al di fuori dellambito di competenza della L. 104/92. Infatti, … la percentuale di popolazione che presenta questa singolarità di funzionamento mentale è troppo alta perché si possa parlare di deficit (che da un punto di vista scientifico – evoluzionistico dovrebbe essere molto più raro) e non, appunto, di singolarità di funzionamento mentale (G. Stella)

4 I DSA: unemergenza educativa Come far fronte allemergenza? Tutelare la persona, i suoi diritti/bisogni attraverso provvedimenti legislativi specifici Rispondere in maniera specifica a bisogni specifici

5 Legge 8 ottobre 2010 n. 170 D.M Linee Guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi specifici di apprendimento garantire il diritto allistruzione; favorire il successo scolastico, anche attraverso misure didattiche di supporto, garantire una formazione adeguata e promuovere lo sviluppo delle potenzialità; ridurre i disagi relazionali ed emozionali

6 La Legge 170/10 dà valore definitivo e di norma primaria a tutte le indicazioni contenute dalle varie Circolari/Ordinanze emanate dal MIUR dal 2004 in poi e, in parte, confluite nell'articolo 10 del DPR 122/09

7 -Perché una Legge sui DSA? -ma era proprio necessaria una legge? -è una legge destabilizzante -ed ora ci sarà una legge specifica per tutti gli altri bisogni educativi speciali? (deprivazione, disturbi motori, balbuzie,…) LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170

8 Art. 1 - Riconoscimento e definizione di dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia Art. 2 - Finalità Art. 3 - Diagnosi Art. 4 - Formazione nella scuola Art. 5 - Misure educative e didattiche di supporto Art. 6 - Misure per i familiari Art. 7 - Disposizioni di attuazione Art. 8 - Competenze delle regioni a statuto speciale e delle province autonome Art. 9 - Clausola di invarianza finanziaria

9 Difficoltà di apprendimento o Disturbi specifici di apprendimento

10 Disturbi Specifici di Apprendimento Sono deficit funzionali di natura neurobiologica Si manifestano in persone con normali capacità cognitive (QI nella norma o superiore) Non dipendono da problemi psicologici (emotivo- relazionali, familiari, ecc…) Non dipendono da pigrizia o da scarso interesse Sono presenti dalla nascita - si manifestano quando si viene esposti allapprendimento della lettura e della scrittura Sono modificabili nel tempo ma non si risolvono: non scompaiono

11 I DSA nelle Classificazioni Internazionali […] disturbi nei quali le modalità normali di acquisizione delle capacità in questione sono alterate già nelle prime fasi di sviluppo. Essi non sono semplicemente una conseguenza di una mancanza di opportunità di apprendere e non sono dovuti a una malattia cerebrale acquisita […] si ritiene che i disturbi derivino da anomalie nellelaborazione cognitiva legate in larga misura a qualche tipo di disfunzione biologica […] (OMS, Classificazione Internazionale delle sindromi e dei disturbi psichici e comportamentali ICD-10 - sigla F81, 1992)

12 I DSA nelle Classificazioni Internazionali […] diagnosticati quando i risultati ottenuti dal bambino in test standardizzati, somministrati individualmente, su lettura, calcolo o espressione scritta, risultano significativamente al di sotto di quanto previsto in base alletà, allistruzione e al livello dintelligenza. Essi interferiscono in modo significativo con i risultati scolastici o con le attività della vita quotidiana che richiedono capacità di lettura, di calcolo e di scrittura […]. (APA, Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali - DSM-IV – cap. 315, 1994)

13 … dalle Linee Guida… […] interessano alcune specifiche abilità dellapprendimento scolastico, in un contesto di funzionamento intellettivo adeguato alletà anagrafica. Sono coinvolte in tali disturbi: labilità di lettura, di scrittura, di fare calcoli. Sulla base dellabilità interessata dal disturbo, i DSA assumono una denominazione specifica: dislessia (lettura), disgrafia e disortografia (scrittura), discalculia (calcolo).

14 Disturbi specifici che si inseriscono allinterno di un quadro di sviluppo cognitivo tipico, riconducibili a origini neurobiologiche, riguardanti lacquisizione delle abilità scolastiche : Disturbo della Lettura; Disturbo del Calcolo; Disturbo dellEspressione Scritta;

15 dislessia: disturbo specifico che si manifesta con una difficoltà nellimparare a leggere in particolare nella decifrazione dei segni linguistici, ovvero nella correttezza e nella rapidità della lettura. disgrafia: disturbo specifico di scrittura che si manifesta in difficoltà nella realizzazione disortografia: disturbo specifico di scrittura che si manifesta in difficoltà nei processi linguistici di transcodifica discalculia: disturbo specifico che si manifesta con una difficoltà negli automatismi del calcolo e dellelaborazione dei numeri

16 Possono sussistere separatamente o insieme ( comorbilità) e si riflettono: 1. sugli apprendimenti (nonostante lintelligenza nella norma) 2. sullo sviluppo psicologico (nonostante lorigine neurobiologica)

17 Le conseguenze sugli apprendimenti Nel sistema scolastico gli apprendimenti avvengono tramite il canale della letto-scrittura. I bambini con DSA hanno un deficit nella velocità e nellaccuratezza della lettura e della scrittura. Possono comunque riuscire a leggere e scrivere impegnando al massimo le capacità attentive e le energie. Le loro prestazioni sono altalenanti e solitamente di breve durata. Ciò può venire erroneamente interpretato come scarso impegno. In realtà si tratta di stanchezza perché la non automatizzazione del processo di letto-scrittura implica un dispendio di energie enorme nella transcodifica (paragone: per leggere una pagina il bambino con DSA impiega la stessa energia che occorre per correre i 100 metri, il bambino non DSA impiega lenergia che occorre per bere un bicchiere dacqua).

18 Le conseguenze psicologiche Il continuo insuccesso nelle prestazioni scolastiche genera una situazione di frustrazione nel bambino con DSA e di insoddisfazione sia dei genitori che degli insegnanti. Tutto ciò si ripercuote negativamente nella sua autostima e sulla formazione della sua personalità. Possono quindi manifestarsi disturbi comportamentali, atteggiamenti di disinteresse e rifiuto ad impegnarsi, atteggiamenti di chiusura in se stesso, somatizzazioni. Questo si traduce nella dipendenza dagli altri nellaffrontare gli apprendimenti scolastici. Nei ragazzi con DSA subentra la rassegnazione che si esprime con lapatia e la mancanza di reazioni di riscatto che spesso sfociano nellabbandono scolastico

19 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 – art. 4 - Formazione Losservazione in classe il riconoscimento di un potenziale disturbo specifico dellapprendimento

20 Lettura segnali dallarme permanere di una lettura sillabica ben oltre la metà della prima classe primaria; tendenza a leggere la stessa parola in modi diversi nel medesimo brano; perdere frequentemente il segno o la riga.

21 Scrittura segnali dallarme Errori ricorrenti che si presentano a lungo ed in modo non occasionale; Nei ragazzi più grandi: estrema difficoltà a controllare regole ortografiche o punteggiatura

22 Calcolo segnali dallarme Terminologia e simbolismo; sequenzialità degli apprendimenti; problemi; tecniche di calcolo.

23 Alcune caratteristiche dellalunno con DSA: Frequenti errori ortografici; Facile distraibilità – scarsa attenzione; Lentezza generalizzata (nella lettura, nellesecuzione di compiti…) Facile affaticamento; Memorizzazione difficoltosa (tabelline, sequenze numeriche …); Organizzazione spaziale difettosa (confusione nella lateralità, difficoltà spaziale su foglio …); Organizzazione temporale difettosa (difficoltà a leggere lorologio, ricordare date …); Motricità fine non perfetta (difficoltà ad allacciarsi le scarpe, a tenere in mano la penna, grafia illeggibile …); Disturbi comportamentali (chiusura o irrequietezza).

24 Osservare e conoscere gli stili di apprendimento

25 LA DIAGNOSI (art.3 L. 170/2011) - Chi? - Quando? - Perché ? - Per chi ?

26 LA DIAGNOSI (art.3 L. 170/2011) CHI? …. La diagnosi dei DSA è effettuata nellambito dei trattamenti specialistici già assicurati dal Servizio sanitario nazionale a legislazione vigente ed è comunicata dalla famiglia alla scuola di appartenenza dello studente. Le regioni nel cui territorio non sia possibile effettuare la diagnosi nellambito dei trattamenti specialistici erogati dal Servizio sanitario nazionale possono prevedere, nei limiti delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente, che la medesima diagnosi sia effettuata da specialisti o da strutture accreditate

27 LA DIAGNOSI (art.3 L. 170/2011) Quando? Non prima della fine del 2° anno della scuola primaria Perché? Misure educative e didattiche di supporto. Didattica individualizzata e personalizzata Per chi? Ogni settore della vita sociale,professionale,lavorativa

28 Attenzione Prima di arrivare a formulare una diagnosi di D.S.A. bisogna essere certi che si tratti di problemi di apprendimento e non di … … problemi di insegnamento !

29 Una didattica per gli alunni con DSA.. …gli insegnantiriappropriarsi laddove lo spostamento del baricentro in ambito clinico aveva invece portato sempre più a delegare a specialisti esterni …gli insegnanti possono riappropriarsi di competenze educativo-didattiche anche nellambito dei D.S.A., laddove lo spostamento del baricentro in ambito clinico aveva invece portato sempre più a delegare a specialisti esterni funzioni proprie della professione docente..

30 Evoluzione/elasticità/revisione In età evolutiva le caratteristiche personali e cognitive vanno considerate dinamicamente. Gli interventi compensativi e dispensativi non sono quindi da considerare come i soli possibili, né come strumenti e forme di insegnamento rigide e immutabili nel tempo, ma come risorse che richiedono spesso modifiche e aggiustamenti, al fine di favorire lo sviluppo armonioso di ciascuna singola storia

31 Non possiamo curare i nostri allievi, ma possiamo sempre averne cura

32 Grazie per lattenzione!


Scaricare ppt "Piano di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado (a.s. 2011/2012) Dalla Legge 170/2010 alle Linee Guida: un percorso di tutela dei diritti."

Presentazioni simili


Annunci Google