La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Www.fimpliguria.it www.apel-pediatri.it I test allergologici nellambulatorio del pediatra Alberto Ferrando Con la collaborazione di: G. Conforti S. Gandus.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Www.fimpliguria.it www.apel-pediatri.it I test allergologici nellambulatorio del pediatra Alberto Ferrando Con la collaborazione di: G. Conforti S. Gandus."— Transcript della presentazione:

1 I test allergologici nellambulatorio del pediatra Alberto Ferrando Con la collaborazione di: G. Conforti S. Gandus M. Fiore -Stefano Miceli Sopo -Lando Barberio Mailing list e sito APEL Mailing list e sito APAL

2 Problematiche del Pediatra di Famiglia ASL Distretti Privacy GdF Perizia Prudenza Diligenza Deontologia Etica Bioetica Leggi: Finanziaria 675/ ecc. ecc. Scienza Coscienza Economia sanitaria Farmacoeconomia Budget EBM

3 Problematiche del Pediatra di Famiglia Ci occupiamo di TANTI bambini poco malati POCHI bambini molto malati TUTTI i bambini da non far ammalare Asma (%?) Celiachia (% ???) Sindr. X-fragile (frequente) Maltrattamento (%?) Abuso (%?) Incidenti (1^ causa di morte) Obesità (20%) Disfunzioni neuroevolutive del b. in età scolare (5-15%) Difetto di IgA (1:400) ADHD (5-9%) Dislessia (5-15%) (G. Conforti PdF; APEL)

4 1. Frequenza del problema ? 2. Possibilità di diagnosi, prevenzione o di terapia precoce? 3. Rapporti con la famiglia e la Società? 4. Organizzazione dellattività professionale? 5. Possibilità di gestione in ambulatorio ? 6. Rapporti con gli specialisti ? PROBLEMI DI GESTIONE

5 Il pediatra di famiglia nel suo ambulatorio affronta sempre più frequentemente allergie ed asma: in Europa, circa un bambino su tre soffre di allergie 1. Frequenza del problema ?

6 A recent nationwide survey found that allergies are the 6th leading cause of chronic disease, responsible for an estimated $18 billion in annual health-care costs. Allergic diseases have a significant impact on the quality of life of the sufferer, with days lost from school or work. Medscape aprile 2006

7 Rapporto sullo stato di salute Nel rapporto vengono segnalati, fra gli altri, i seguenti problemi: –la mortalità nella fascia di età anni –due problemi di salute emergenti: asma obesità –una priorità assoluta:la salute mentale e in generale la sofferenza psico-sociale

8 Asma bronchiale Dato: 8-10%, età scolare (studio ISAAC) Dato: 9,5-10,4% (Studio Sidria-2) Definizione: diagnosi del medico, episodio ultimo anno Trend: aumento Riferimento internazionale: inferiore alla media europea

9 Patologia Asma9%9,5-(10,4%) Rinite6-(14%)9-(17%) DA6%10% (Studi Italiani sui Disturbi Respiratori e lAmbiente) Galassi C, De Sario M, Biggeri A, Bisanti L, Chellini E, Ciccone G, Petronio MG, Piffer S, Sestini P, Rusconi F, Viegi G, Forastiere F. Changes in prevalence of asthma and allegiea among children and adolescents in Italy: Pediatrics 2006 ; 117:

10 Sono a disposizione dei pediatri numerosi test rapidi, di facile esecuzione, che possono essere effettuati anche dal personale paramedico, opportunamente addestrato. In questo modo la diagnosi e piu accurata e tempestiva, con una ricaduta positiva in un minor accesso a prestazioni specialistiche o ad una riduzione degli accessi in Pronto Soccorso o in Ospedale.

11 Strettamente dipendenti dal medico Non strettamente dipendenti Legati alla famiglia: Compliance Rapporti con il Centro di Riferimento Conoscenza e competenza Rapporto medico paziente Rapporti tra Colleghi Fattori da considerare

12 Gorgia da Lentini (400 a.C.) In medicina la parola può abolire il dolore, instillare la gioia, esaltare la pietà Balint (1960) Il medico stesso è un farmaco per il proprio paziente Consolare sempre Alleviare il dolore spesso La comunicazione in medicina Guarire …….. qualche volta Il medico può

13 WATZLAWICK OGNI COMUNICAZIONE AVVIENE CONTEMPORANEAMENTE SU DUE PIANI: QUELLO DEL CONTENUTO E QUELLO DELLA RELAZIONE: MEDIANTE LE PAROLE TRASMETTIAMO DELLE INFORMAZIONI E CON I SEGNALI DEL CORPO DIAMO INFORMAZIONI ALLE INFORMAZIONI

14 IL DIALOGO E FORMATO DA: PAROLEVOCEGESTUALITA

15 I SEGNALI NON VERBALI I gesti, gli atteggiamenti, i comportamenti favoriscono o, talvolta, ostacolano la comunicazione. Il linguaggio non verbale spesso viene utilizzato come codice di controllo della comunicazione verbale.

16 IL PARAVERBALE, CIOE I SEGNALI DELLA VOCE (VOCE ACUTA, PARLARE VELOCEMENTE, ECC.) LA MIMICA, CIOE I SEGNALI DEL VISO (SORRISO, SOPRACCIGLIE AGGROTTATE, ECC.) I SEGNALI AUTOMATICI, COME L ARROSSIRE, IL SOSPIRARE, IL SUDARE, LA DILATAZIONE DELLA PUPILLA LA POSTURA, CIOE I SEGNALI DEL BUSTO, DELLE GAMBE E DEI PIEDI (ACCAVALLARE LE GAMBE, BUSTO PROTESO IN AVANTI, ECC.) LA GESTUALITA, CIOE I SEGNALI DELLE BRACCIA E DELLE MANI (GRATTARSI, STARE A BRACCIA CONSERTE, ECC.) IL CONTATTO FISICO: LA PELLE CALDA, FREDDA, SUDATA I SEGNALI SOCIALI, COME L ABBIGLIAMENTO, LA COSMESI I SEGNALI DEL CORPO PIU NE RACCOGLIAMO (COLLEGANDOLI) NELLA RELAZIONE, PIU AFFIDABILITA INTERPRETATIVA AVREMO LA PROSSEMICA: LA DISTANZA, VICINANZA CON L INTERLOCUTORE

17 Sono a disposizione dei pediatri numerosi test rapidi, di facile esecuzione, che possono essere effettuati anche dal personale paramedico, opportunamente addestrato. In questo modo la diagnosi e piu accurata e tempestiva, con una ricaduta positiva in un minor accesso a prestazioni specialistiche o ad una riduzione degli accessi in Pronto Soccorso o in Ospedale.

18 DA LAMBERTO REGGIANI SITO

19 1 1)Manichino 2)Saturimetro 3)Sonde 4)Boel Test 5)Spirometro 6)Stick urine 7)Prick test 8)Immunocap 9)PCR semiq. 10)Strept test 11)Urocoltura 12)Palmare 13)Otosc pneum 14)Sfingmo 15)Gibbometro 16)Orchidometro ) Fonendo Littmann 4000 con registrazione suoni

20 Organizzazione delle visite

21 Oppure…organizzazione?? Associazione??? Gruppo?????

22 -Confermare o meno un sospetto clinico DIAGNOSTICA STRUMENTALE -Aiutare nella diagnostica differenziale -Fornire parametri obiettivi a supporto dei dati clinici che sono soggettivi (e autoreferenziali) -Fornire parametri funzionali non ottenibili solo in base alla valutazione clinica

23 Misurare ciò che è Misurabile e rendere Misurabile ciò che non lo è

24

25

26

27

28 Score della Yale University di Rochester per valutare le condizioni generali del bambino con febbre Criteri clinici1= Normale2=poco compromesso3=molto compromesso Qualità del pianto Vivace,di tonalità normale. Oppure è contento e non piange Pianto lamentoso o con singhiozzi Pianto debole o di tonalità alta Reazione agli stimoli dolorosi Piange per breve tempo e poi smette Piange a intermittenzaContinua a piangere o reagisce violentemente Stato di veglia Normale stato di veglia. Se dorme,stimolato si sveglia prontamente Chiude gli occhi.Si sveglia brevemente o solo se stimolato a lungo Sonno profondo o insonnia Colorito della cute RoseoEstremità pallide o cianotiche Pallido o cianotico o marezzato o grigiastro Idratazione Cute e mucose normoidratate Mucosa orale un po asciutta Cute o mucose aride. Occhi cerchiati Reazione a sollecitazioni sociali Sorride. Presta attenzioneBrevi sorrisi. Attenzione breve Non sorride. Espressione ansiosa del volto. Inespressività. Non presta attenzione

29 PREMATURE INFANT PAIN PROFILE (PIPP) 0123 S.G.> = (6/7)28-31(6/7)<=28 COMPORTA MENTO Dorme tranquillo Dorme attivo Sveglio calmo Sveglio attivo F.C.Increm 0-4 batt/min Increm 5-14 batt/min Increm batt/min Increm >25 batt/min O2 satDecrem 0- 2,4% Decrem 2,5- 4,9% Decrem 5-7,4% Decrem >=7,5% Corr. La FronteAssenteMinimoModeratoMassimo Strizza gli Occhi AssenteMinimoModeratoMassimo Arriccia il nasoAssenteMinimoModeratoMassimo

30 HAPPY FACE PAIN RATING SCALE

31 Non tutto ciò che può essere contato necessariamente conta e non tutto ciò che conta può necessariamente essere contato Albert Einstein

32

33 Saturimetro palmare per la misura di: -Saturazione in Ossigeno, -Frequenza ed Ampiezza del Polso

34 Componenti essenziali della diagnosi allergologica Test di provocazione Oral, Nasal, Bronchial Challenge Esami di laboratorio di conferma Skin Test (Puncture, Intradermal) Allergen-specific IgE antibody serology Anamnesi ed esame obiettivo Symptoms versus Exposure

35 1. Storia clinica: è il punto fondamentale di ogni approccio diagnostico: a.Familiarità positiva: è un fattore di rischio importante per la comparsa di reazioni IgE-mediate (una familiarità negativa, invece, non esclude un sospetto di allergia). B Manifestazioni cliniche: Valutare lepoca di comparsa, la durata, la frequenza, la correlazione con leventuale esposizione ad allergeni alimentari o ambientali. PATOLOGIA ALLERGICA: prima degli esami

36 1 Esame obiettivo Sintomi e Segni Primari: esaminare accuratamente le lesioni cutanee - tipologia e distribuzione - la presenza - di graffi, lauscultazione del torace, - la tipologia di sibili, il colore delle mucose. Sintomi e Segni Secondari: approfondire la tendenza allasma in bambini con eczema, esaminare anche la cute – o informarsi su una pregressa storia di eczema o di otiti - in bambini con sibili ricorrenti.

37 …..POI… esami

38 Sono innocui, di facile esecuzione e interpretazione, di rapida lettura, poco costosi, e possono essere praticati a qualsiasi età.

39 Perché eseguire i prick test Si usano i prick test per dimostrare la presenza di IgE specifiche per lallergene testato sui mastociti cutanei. Ci aiutano a formulare una diagnosi eziologica di allergia, che è indispensabile per almeno tre ragioni: 1. Evitare o ridurre lesposizione allallergene (quando è possibile), come nel caso degli acari della polvere ambientale o di un alimento. 2. Istituire una terapia allergene-mirata (vaccinoterapia specifica), qualora sia indicata in parallelo ai trattamenti sintomatici. 3. Ridurre lansia dei genitori di fronte a una patologia in cerca di una definizione eziologica.

40 Nella pratica clinica, sono quasi sempre inutili le indagini di laboratorio su sangue (i cosiddetti RAST) e sono assolutamente sconsigliate indagini alternative (Test di provocazione e neutralizzazione, Test citotossico o Cytotest, D.R.I.A. test, Elettroagopuntura o test elettrodermico, Kinesiologia applicata, Biorisonanza) perché prive di qualunque validità scientifica.

41 A quale età si possono eseguire i test allergometrici? Se il lattante manifesta sintomi di sospetta allergia, può essere sottoposto a prick test con lallergene sospetto fin dalle prime settimane di vita.

42 Il b. piccolo può presentare reazioni cutanee meno evidenti: 1)Minor numero di mastociti cutanei 2)Ridotto numero di recettori di IgE 3)Diminuito rilascio dei mediatori cellulari 4)Ridotta reattività allistamina 5)Ridotta produzione di IgE sierichetotali e specifiche

43

44

45 il pediatra si trova giornalmente alle prese con problemi che sono, o che potrebbero essere, di natura allergica e che, di fatto, non ci sono test così frequentemente richiesti come quelli allergologici, il prick e il RAST sopra tutti.

46 Il prick test è più sensibile del RAST e per questo è particolarmente utile proprio nelle età più basse, perché riesce ad evidenziare, in anticipo sul RAST, le sensibilizzazioni allergiche al loro primo apparire. Infatti, quando il livello delle IgE specifiche è ancora troppo basso, il RAST non riesce a misurarle nel siero, mentre il prick può già svelare quelle presenti sui mastociti cutanei. Le IgE si fissano sui mastociti cutanei prima di essere dosabili nel siero.

47

48 Il prick test, se correttamente eseguito, rappresenta il più conveniente, specifico ed economico test di screening per le allergopatie. Position paper: Allergen standardization and skin tests. The European Academy of Allergology and Clinical Immunology. The European Academy of Allergology and Clinical Immunology Allergy, 1993; 48(14 Suppl): At present, the skin prick test method … is the method of choice for routine diagnosis, especially among pediatricians.

49 Where it can be performed and interpreted, skin prick testing (SPT) remains the primary confirmatory test because it is fast, safe, sensitive, minimally invasive and results correlate with nasal and bronchial challenges. Quantitative IgE antibody serology is an accepted alternative. SPT and/or IgE serology are essential adjuncts to history and physical exam when making the diagnosis of allergy. Provocation tests are sometimes needed to confirm sensitization. 1. Oppenheimer Ann Allergy 2006;S1:6-12, 2. Bousquet Clin Allergy 17:529-36, Cockroft Am Rev Respir Dis 135:264-7., 1987 World Allergy Organization (WAO)

50 Ma forse il motivo più frequente di ricorso al RAST (dati emersi da unindagine personale non pubblicata) è legato al fatto che questo test, contrariamente al prick, permette al pediatra di agire in modo autonomo, rimanendo sganciato dallo specialista allergologo. Pochi sono infatti i Servizi Allergologici disponibili a eseguire un prick test, magari con gli allergeni indicati dal pediatra, senza effettuare contestualmente anche una visita allergologica; la gestione del caso rimane comunque nelle mani del pediatra che, per le poche e semplici cose da saper dire e fare in questi casi, sono perlopiù buone mani.

51 ALLERGOLOGO VENETO (Mailing list APAL) Anche nel mio ambulatorio ci sono 1-2 mesi di attesa ma la ragione è molto semplice credo che circa l'80% o più delle visite che faccio, sia completamente inutile e non lo dico provocatoriamente

52 ALLERGOLOGA Certe mattine, su 12 bambini che visito può capitare che non ne trovi nessuno allergico. Ecco i più comuni motivi per cui vengono inviati: 1)flogosi ricorrenti prime vie, otiti, "tosse 2)scarsa crescita 3)dolori addominali ricorrenti, cefalea 4)"bollicine" e dermatiti aspecifiche 5)punture di zanzara con reazioni evidenti 6)orzaiolo 7)fratello allergico......vediamo se ancheTonino è allergico, sintomi nessuno. 8)Ortensia un anno fa ha avuto un episodio di orticaria vorrei sapere se è allergica. 9)è capitata anche la signora che asseriva che il latte della centrale causava problemi al bambino, il Granarolo no 10)laringiti ricorrenti non seguite da wheezing

53 ITER DIAGNOSTICO ALLERGIE: PdF e…..sospetta allergia Non fare nulla Inquadramento Cons. allergologica RAST Diagnosi in ambulatorio Gestione in proprio o

54 Prima di far praticare un esame, bisogna chiedersi quale sarà l'atteggiamento: a) se il risultato è positivo b) se il risultato è negativo. Se nei due casi l'atteggiamento previsto è identico, l'esame non va richiesto Archibald Cochrane: L'inflazione medica. Efficacia ed efficienza in medicina, prima edizione 1972

55 PdF che fa Prick in ambulatorio da 20 anni (1) Li ho sempre fatti ritagliandomi del tempo dedicato ad hoc (15-30 minuti a seconda dei casi) e le persone l'hanno sempre gradito. Il pregio del prick e: Limmediatezza della risposta, alla cui costruzione piace di solito "partecipare" anche alle mamme che accompagnano i bambini, osservando i ponfi e intervistando sulla composizione degli estratti che si usano.

56 PdF che fa Prick in ambulatorio da 20 anni (2) Faccio di solito : acari, parietaria off., graminacee, olivo, epiteli animali miscele di pollini d'albero alternaria t.

57 PdF che fa Prick in ambulatorio da 20 anni (3) Quando ho dubbi o i miei dati mi lasciano in dubbio rispetto alla clinica faccio una consulenza allergologica. Questo e' un punto un po' dolente perche' assai spesso il Collega allergologo non perde occasione, come talora succede con i consulenti, di sminuire il valore dei miei prick rispetto ai suoi (e' un po' come il cortisone prescritto dal dermatologo, che e' meglio di quello prescritto dal Pediatra)

58 Uno dei motivi per cui cerco di gestirmi in proprio la diagnostica e' legato al fatto che ho un approccio terapeutico verso l'allergia di gran lunga piu' "leggero" rispetto ai "centri", ……………………………………………………………………… PdF che fa Prick in ambulatorio da 20 anni (3)

59 il risultato del prick si ha in tempo reale (dopo min); il test si fa e si valuta mentre parliamo con la mamma; è facile da leggere (il ponfo istaminico, con lalone rosso attorno, si vede da lontano); in caso di dubbio o di discordanza con la clinica non costa nulla ripeterlo. E poi pensiamo anche alla soddisfazione che si prova davanti a un risultato che si vede e che il più delle volte avevamo già previsto.

60 BASSA SPECIFICITA (Sp) Il prick, come ovviamente il RAST (e lImmunocap) è poco specifico (comporta cioè molti falsi positivi). Soltanto la metà delle persone positive al prick ha di fatto una sintomatologia, una malattia concordante con quella positività cutanea - Position Paper: Allergen standardization and skin tests. The European Academy of Allergology and Clinical Immunology Allergy 1993;48(14 Suppl): David TJ.Conventional allergy tests.Arch Dis Child. 1991;66(3): Barbee RA, Lebowitz MD, Thompson HC, Burrows B. Immediate skin-test reactivity in a general population sample. Ann Intern Med 1976;84: Sp= VN (Vero negativo)/(VN + FP) x100

61 Alta sensibilità (Se) significa pochissimi falsi negativi: se il prick è negativo quel soggetto non ha realmente IgE specifiche verso lallergene testato. Se: VP (Vero Positivo)/(VP+FN, Falso negativo)x 100

62 Importanza del valore predittivo negativo!!!!! E una grande indicazione per indirizzare una dieta per una supposta allergia alimentare

63 INDICAZIONI TROPPO ALLARGATE: 1)Bambino catarrale 2)Tosse persistente o ricorrente isolata 3)Naso chiuso 4)Otite (OMAR, OME) 5)Laringospasmo 6)Congiuntivite primaverile-estiva (vernal)

64 QUALI ALLERGENI nellambulatorio del pediatra? -Acaro -Graminacee -Epitelio di gatto -Epitelio di cane -Parietaria -Alternaria -Betullacee -Olivo Per età < 2 anni: latte e uovo

65 Alternative al prick test in ambulatorio?

66 ImmunoCAP Rapid Wheeze/Rhinitis child 10 allergeni per profilo Durata test 20 min Risultato qualitativo 110 µl sangue capillare 10 allergeni per profilo Durata test 20 min Risultato qualitativo 110 µl sangue capillare e1Epitelio e forfora di gatto t3 Betulla w6 Assenzio g6 Coda di topo f1 Albume e5 Forfora di cane t9 Olivo w21 Parietaria d1 Acaro f2 Latte

67 Leggere il risultato nella finestra del Test. La comparsa di una linea rosso-rosa indica il risultato positivo per quell'allergene. Reagenti e materiali forniti Scaldare la punta del dito. Lavare e asciugare l'estremità del dito. Pungere la punta del dito con la lancetta Raccogliere il sangue usando il Dispositivo del Campione di Sangue eparinizzato fino a dove indicato Riempire attentamente il Dispositivo per Campione di Sangue nel pozzetto, spingendo gentilmente verso il basso lo stantuffo con un dito che copre il foro dello stantuffo. Puntare il timer per cinque minuti Riempire la pipetta fornita fino al segno superiore con 500 μl di Soluzione di Sviluppo. Aggiungere la Soluzione di Sviluppo nel pozzetto apposito, appoggiando la punta della pipetta al fondo del pozzetto. Puntare il timer per quindici minuti Linee di colore rosso-rosa devono apparire nella Finestra di Controllo Leggere il risultato nella finestra del Test. Le linee possono essere di colore dal rosso al rosa. Esempio di test positivo

68 Assay time 5 min15 min

69 PRICK TEST: - Richiede un training specifico ed è necessaria una manualità che si acquisisce con il tempo. - Gli allergeni, la loro conservazione ottimale, il loro rinnovo periodico hanno un costo non trascurabile (*). - Può esserci limpatto psico-emotivo negativo delle prove cutanee sul bambino e sui genitori, a lungo sottovalutato, probabilmente superiore a quello di un normale prelievo di sangue. - Difficoltà nel gestire i piccoli pazienti poco collaborativi per un certo periodo * 230 euro per i 20 allergeni più comuni che consentono di eseguire oltre 50 esami (3-5 euro esame) + costo lancette (circa 2 euro/esame)

70 IMMUNOCAP: - Il test è rapido (1 minuto di impiego delloperatore) - Il risultato del test si ottiene in max 20 minuti, il piccolo paziente è impegnato solo nei brevi secondi del prelievo; - Si utilizzano poche gocce di sangue intero capillare, poco invasivo - Si ottiene una risposta, positiva o negativa, in contemporanea per i 10 allergeni più frequenti per quella patologia

71 RegioneAgreementPrick Prices BasilicataYes20 ToscanaYes,single ASL PugliaYes7.5 /10 allergens CalabriaYes26 /12 allergens LombardiaYes20 /10 allergens VenetoYes35 /10 allergens AbruzzoYes25 /12 allergens REGIONI CHE PASSANO IL PRICK TEST AL PDF

72 Ma come faccio a sapere, discutere di queste cose chiuso come sono nel mio ambulatorio e poi a fare visite a domicilio mentre il telefono squilla in continuazione???? USA LE NUOVE (si fa per dire, sono quasi vecchie) TECNOLOGIE

73 Dal sito web è nata, quasi come conseguenza logica, una mailing list. E, da questa, più liste di discussione e comunicazione. Il Forum prinncipale di discussione attivo da circa 4 anni, è aperto a tutti gli operatori sanitari, anche se tratta, principalmente argomenti di pediatria ed ha come obbiettivo principale la comunicazione tra pediatri iscritti operanti in realtà lavorative diverse (territorio, ospedale,

74 Sia il sito web che la lista di discussione sono privi di sponsorizzazioni sia farmaceutiche che di altra natura

75

76

77 CV = inter-individual coefficient of variation, Target < 25%; Vohlonen I et al. Allergy 1989; 44: Inter-Individual Variation in SPT CV 55.9% 16.6% 42.8% 24.7% 43.3% 26.5%

78 Suppression of Skin Tests by Medication Most antihistamines and anti-depressants suppress skin tests for 3-7 days. Astemizole suppresses for 1-3 months. H 2 antagonists have no, or a very minor, effect. Bronchodilators do not affect skin tests. Short-term and low dose oral corticosteroids have no effect. –Reports vary on long-term high-dose use. Cook J Allergy Clin Immunol 1973;51:71-7 Rao KS J Allergy Clin Immunol 1988;82:752-7 Miller J J Allergy Clin Immunol 1989;84: Slott RIJ Allergy Clin Immunol 1974;554:229-34

79 Prendendo a prestito dalla meccanica unimmagine

80 Cosa dobbiamo evitare? la sindrome della pallina da ping-pong

81


Scaricare ppt "Www.fimpliguria.it www.apel-pediatri.it I test allergologici nellambulatorio del pediatra Alberto Ferrando Con la collaborazione di: G. Conforti S. Gandus."

Presentazioni simili


Annunci Google