La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il problema clinico e lanamnesi come metodologia diagnostica. La diagnosi clinica Prof. Giovanni Murialdo Professore di Medicina Interna - Dipartimento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il problema clinico e lanamnesi come metodologia diagnostica. La diagnosi clinica Prof. Giovanni Murialdo Professore di Medicina Interna - Dipartimento."— Transcript della presentazione:

1 Il problema clinico e lanamnesi come metodologia diagnostica. La diagnosi clinica Prof. Giovanni Murialdo Professore di Medicina Interna - Dipartimento di Scienze Endocrinologiche e Metaboliche - DiSEM

2 ANAMNESI o Storia Clinica Tecnica diagnostica finalizzata alla individuazione, definizione e interpretazione dei problemi clinici per i quali una persona è pervenuta allosservazione medica, attuata attraverso la descrizione ed evoluzione dei sintomi, lanalisi dei precedenti patologici e delle condizioni predisponenti alla malattia, integrate dalla valutazione di eventuale documentazione clinica preesistente o attuale.

3 Anamnesi NO ! Intervista, racconto, raccolta dei dati narrati dal paziente SI ! Strumento diagnostico interpretativo

4 Anamnesi FINALITA: Individuazione, definizione e interpretazione del problema primario e di eventuali problemi secondari del paziente > FORMULAZIONE DI IPOTESI DIAGNOSTICHE POLI-PATOLOGIE PAZIENTI ANZIANI

5 Il SINTOMO E IL SEGNO Sintomo > anamnesi Manifestazione clinica soggettiva di sofferenza di organi e apparati, riferita dal paziente, in rapporto al suo vissuto ed alla sua capacità di esprimere lalterazione SINTOMI SPECIFICI o LOCALIZZATI tosse, diarrea, dolore toracico, etc. SINTOMI ASPECIFICI o DIFFUSI astenia, anoressia secondaria, prurito, etc.

6 SEGNO > Esame obiettivo Espressione di malattia sistemica o di singoli organi o apparati oggettiva, quantificabile, riproducibile, la cui valutazione è legata alla capacità semeiologica dellosservatore

7 SINTOMO DESCRIZIONE ANAMNESTICA 1.Estensione:generalizzato o localizzato ? Se localizzato: 2. Sede:dove origina e si manifesta? 3. Irradiazione: dove irradia ? 4. Tipo si sintomo:che tipo di dolore è ? Colico, trafittivo, oppressivo, urente ? 5. Intensità: E molto forte o leggero ? %

8 6. Modalità dinsorgenza o fattori scatenanti: quando è iniziato? Come è iniziato ? Da cosa è scatenato ? 7. Durata:cronico, giorni, ore, secondi, episodico, ricorrente, etc. 8. Fattori aggravanti o allevianti: effetto di farmaci, della postura, etc. 9. Manifestazioni associate: nausea, vomito, sudorazione, ipotensione, etc.

9 Anamnesi tradizionale Anamnesi per problemi

10 ANAMNESI TRADIZIONALE 1. ANAMNESI FAMILIARE 2. ANAMNESI PERSONALE FISIOLOGICA 3. ANAMNESI PATOLOGICA REMOTA 4. ANAMNESI PATOLOGICA PROSSIMA

11 Il Problema Clinico Problema Primario: Motivazione più importante per la quale il paziente è pervenuto allosservazione del medico Criterio soggettivo del medico, non del paziente Problemi Secondari: Altre malattie rilevanti e coesistenti in caso di patologie multiple Sintomi di incerta relazione col problema primario Patologie preesistenti residuate in esiti

12 TIPI DI ANAMNESI DIRETTA: direttamente raccolta dal pz. INDIRETTA: raccolta da persona/e a conoscenza dei fatti (pz. privi di coscienza, con demenza, bambini, etc.) DIRETTA con integrazione INDIRETTA DOCUMENTARIA: basata solo su documentazione clinica

13 ANAMNESI Creare un ambiente idoneo al colloquio Tenere un atteggiamento dimostrativo della disponibilità allascolto Condurre il colloquio da seduti in modo calmo e sereno Evitare di incombere sul paziente allettato Dimostrare linteresse verso la persona e non solo verso le sue malattie: chiedere -con discrezione- la sua età, come vive, le sue attività lavorative, i suoi interessi, etc. Usare un linguaggio facilmente comprensibile e adatto alla condizione psico-sociale

14 Il racconto in ogni caso appartiene a un essere umano che è oggetto di studio scientifico e al mondo di esperienze vissute e di convinzioni di quella persona. Esso resta centrale alla conoscenza in medicina proprio perché il paziente è il centro. K.M. Hunter, 1991

15 Lettura Consigliata Robert C. Smith La storia del paziente. Un approccio integrato allintervista medica. Ed. italiana : Il Pensiero Scientifico Editore, 1997

16 Linsieme della scienza altro non è che un processo di affinamento del pensiero quotidiano Albert Einstein, 1950


Scaricare ppt "Il problema clinico e lanamnesi come metodologia diagnostica. La diagnosi clinica Prof. Giovanni Murialdo Professore di Medicina Interna - Dipartimento."

Presentazioni simili


Annunci Google