La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 STATO DEL PROTOTIPO DI SCoPE E DELLINTEGRAZIONE TRA I 4 PON Riunione del Comitato Tecnico sullInteroperabilità MUR, 25/10/2007 S.Pardi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 STATO DEL PROTOTIPO DI SCoPE E DELLINTEGRAZIONE TRA I 4 PON Riunione del Comitato Tecnico sullInteroperabilità MUR, 25/10/2007 S.Pardi."— Transcript della presentazione:

1 1 STATO DEL PROTOTIPO DI SCoPE E DELLINTEGRAZIONE TRA I 4 PON Riunione del Comitato Tecnico sullInteroperabilità MUR, 25/10/2007 S.Pardi

2 2 Stato del Prototipo SCoPE: Collective Services Optical Fiber SCIENZE MEDICINA LETTERE GIURISPRUDENZA INGEGNERIA COLLECT. STORAGE COLLECT. CORE

3 3 Stato del Prototipo SCoPE: Collective Services YAIM-REPOSITORY VOMS SERVER RESOURCE BROKER – BDII WMS GLITE MY-PROXY SERVER LFC – FILE CATALOG SERVER GRIDICE MONITORING SISTEMA TICKETING

4 4 Stato del Prototipo SCoPE: Core Services sito GSC COMPUTING ELEMENT 11 WORKER NODE 48 CORE STORAGE ELEMENT 4 TB SPAZIO DISCO USER INTERFACE GENIUS PORTAL

5 5 Stato del Prototipo SCoPE: Core Services

6 6 GARR PI2S2 GARR Altri Enti e realtà Strategia di Interoperabilità

7 7 Vantaggi visione unica dellintera infrastruttura nessuna modifica alla configurazione del RB locale assenza di un servizio centralizzato dedicato alla gestione del Grid Information Service e del Resource Broker implementazione semplice ed immediata Strategia di Interoperabilità

8 8 Stato Interoperabilità E stata conclusa con successo la prima fase di integrazione tra i prototipi dei progetti: CYBERSAR,PI2S2 e SCoPE Sono stati presi i contatti per la prossima integrazione di CRESCO appena saranno disponibili i servizi collective

9 9 Stato Interoperabilità AZIONI DI INTEGRAZIONE SVOLTE PER I TRE PROGETTI CYBERSAR, PI2S2 e SCoPE. Abilitazione delle VO degli altri progetti sulle risorse disponibili Scambio dei Certificati VOMS Registrazione delle risorse degli altri siti sul proprio TOP BDII Creazione di aree di storage per i diversi progetti sugli Storage Element Testbed della infrastruttura integrata

10 10 Configurazione SCoPE ABILITATE LE VO CYBERSAR E COMETA (per PI2S2) SUI 48 CORE DEL PROTOTIPO IMPOSTATE 3 CODE PBS SU CUI INSISTONO LE TRE VO CON LE SEGUENTI POLICY: NAME MaxCPUTime WallTime pon1575_long 240 h 480 h pon1575_medium 48 h 72 h Pon1575_short 12 h 24 h STORAGE ELEMENT CON INTERFACCIA DPM 2 TB SHARED CON LE TRE VO

11 11 Stato delle risorse condivise

12 12 Test di interoperabilità svolti con successo: Sottomissione di job da Cybersar verso SCoPE e vicevera OK Sottomissione di job da PI2S2 verso SCoPE e viceversa OK Accesso in lettura e scrittura degli utenti Cybersar sullo storage di SCoPE e viceversa OK Accesso in lettura e scrittura degli utenti PI2S2 sullo storage di SCoPE e viceversa OK

13 13 Tempistica Rispettata 17/12/07 01/10/07 01/11/07 AZIONI 1-4 NEI SITI PROVVISTI DI SERVIZI COLLETTIVI IMPLEMENTAZIONE DEI SERVIZI COLLETTIVI NEI SITI ANCORA SPROVVISTI INIZIO DEL TESTBED INTEGRAZIONE DEI 4 PON INTEGRAZIONE DEI 4 PON TESTBED SU TUTTA LA NUOVA GRIGLIA 01/12/07 25/10/07

14 14 Conclusioni - Prossime azioni di integrazione La strategia di integrazione è stata attuata con successo mostrando linteroperabilità tra le infrastrutture Le prossime azioni da organizzare Integrazione del prototipo di CRESCO Stabilire le policy delle code Gestione coordinata del servizio di ticketing Organizzazione del sistema di accounting Implementazione SAM monitoring

15 15 Applicazioni Nellambito del progetto SCoPE sono in esecuzione alcune applicazioni pilota FISICA DELLE ALTE ENERGIE- ATLAS FISICA DELLA MATERIA MECCANICA STATISICA ASTROFISICA - VIRGO

16 16 DIMOSTRAZIONE: Un applicazione VIRGO Nellambito del data analysis dellesperimento VIRGO è stato sviluppato un codice di trigger per la rivelazione di onde gravitazionali. Il software è stato reso Grid Compliant ed è stato utilizzato come applicazione pilota per i testi di interoperabilità

17 17 DIMOSTRAZIONE: Caratteristiche dellapplcazione. Il software prende in input una serie temporale quindi esegue la ricerca di un segnale gravitazionale mediante un algoritmo di ottimizzazione globale basato sul matched filtering. Il software è conservato sullo SE di SCoPE La serie temporale è conservata sul SE di SCoPE e registrata sul LFC

18 18 DIMOSTRAZIONE: Caratteristiche dellapplcazione. Il job atterra su un worker node Contatta il LFC per conoscere lSE dove è conservata la serie temporale e la sua locazione fisica Scarica il software dallSE di SCoPE Fa partire lalgoritmo sulla serie temporale in input accedendo direttamente al file mediante le api GFAL senza scaricarlo in locale Restituisce il risultato dellalgoritmo con due plot uno della serie in ingresso ed uno del segnale eventualmente trovato con una stima dei parametri.

19 19 GOAL – Validare le scelte di integrazione Verificare che gli utenti iscritti alla VO SCoPE riescano a sottomettere Job sulle risorse degli altri PON Verificare che i servizi dei diversi progetti riescano a dialogare tra di loro (es. WN con LFC) Verificare laccesso allo storage

20 20 Un applicazione test: VIRGO UI-SCoPE RB-SCoPE VOMS-SCoPE SE WN CE YAIM SE WN CE YAIM SE WN CE YAIM SCoPE SITE CYBERSAR SITE PI2S2 SITE LFC

21 21 Un applicazione test: VIRGO SE WN CE YAIM SE WN CE YAIM SCoPE SITE CYBERAR/PI2S2 SITE RB-SCoPE LFC

22 22 Personale Coinvolto nella attività di integrazione CYBERSAR Daniele Mura Gianmario Mereu CRESCO Giovanni Bracco Carlo Scio PI2S2 Rosanna Catania Giuseppe Platania Gianni Mario Ricciardi Gianluca Passaro Alberto Falzone SCOPE Gennaro Tortone Silvio Pardi Fulvio Serio Marco Scognamiglio Davide Bottalico Vania Boccia


Scaricare ppt "1 STATO DEL PROTOTIPO DI SCoPE E DELLINTEGRAZIONE TRA I 4 PON Riunione del Comitato Tecnico sullInteroperabilità MUR, 25/10/2007 S.Pardi."

Presentazioni simili


Annunci Google