La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Carlo Stagnaro Direttore, Ecologia di mercato Istituto Bruno Leoni Politiche del clima e sicurezza energetica Convegno Sicurezza per lenergia Roma 26 marzo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Carlo Stagnaro Direttore, Ecologia di mercato Istituto Bruno Leoni Politiche del clima e sicurezza energetica Convegno Sicurezza per lenergia Roma 26 marzo."— Transcript della presentazione:

1 Carlo Stagnaro Direttore, Ecologia di mercato Istituto Bruno Leoni Politiche del clima e sicurezza energetica Convegno Sicurezza per lenergia Roma 26 marzo 2007

2 Prevede una riduzione delle emissioni del 5,2% al di sotto dei livelli del 1990 da parte dei paesi industrializzati; Lobiettivo collettivo dellUnione Europea è una riduzione dell8% al di sotto dei livelli del 1990; Nellambito del burden sharing lItalia deve ridurre le sue emissioni del 6,5% al di sotto dei livelli del Il protocollo di Kyoto

3 Dovè lEuropa

4 È focalizzato sul breve termine (vs lungo termine); È un accordo regionale (vs globale); Provvede gli incentivi sbagliati: Sottrae risorse alla R&S; Scoraggia investimenti in vista di futuri giri di vite; Le conseguenze economiche generano incertezza politica; Lincertezze politica causa impatti economici negativi (scarsa propensione allinvestimento). I limiti di Kyoto

5 La comunità scientifica è divisa Sullentità del riscaldamento globale; Sulle cause; Sulle conseguenze; Il clima è un sistema complesso; Il clima è sempre cambiato e cambierà sempre; Correlazione non è causa. Il dibattito scientifico

6

7 Emissioni economie emergenti: 28% (1990) 50% (2025); 70% aumenti consumi energia ; 83% aumento domanda sarà coperto da combustibili fossili; Cina e India: 4/5 incremento domanda. Il panorama internazionale

8 20 mila miliardi di dollari; 56% settore elettrico + 10% combustibili inclusi; Solo sul petrolio 4 mila miliardi di dollari; Nei PVS > 50%; Cina: 3700 miliardi di dollari; Emissioni energy-related: +55%, di cui 75% nei PVS; Aumento emissioni > aumento domanda energia. Investimenti (IEA)

9 I paesi industrializzati che hanno ratificato il Protocollo raggiungeranno entro il 2012 una riduzione delle emissioni globali inferiore al 2,5 per cento. E se gli stessi Paesi volessero proseguire nellattuale format del Protocollo di Kyoto dopo il 2012, entro il 2030 le emissioni dei Paesi industrializzati – Usa esclusi – potrebbero essere ridotte del 16 per cento rispetto ai livelli del 1990, corrispondenti a meno del 5 per cento delle emissioni globali Corrado Clini, DG Ministero Ambiente Benefici?

10 Nei paesi in via di sviluppo? Contraddizione tra: Aumento consumi energia Riduzione delle emissioni Feedback paradossale: la nostra leadership in campo ambientale potrebbe significativamente minare la competitività internazionale di una parte dei settori industriali energivori europei e peggiorare la performance ambientale globale attraverso la delocalizzazione della produzione in parti del globo con standard ambientali più bassi (G. Verheugen). La sicurezza energetica

11 India, Cina, Corea del Sud, Giappone, Australia e Stati Uniti: 45% popolazione, 50% emissioni; Montgomery e Tuladhar: criticità investimenti nel settore privato, ammodernamento tecnologico; Provvedimenti necessari: Riduzione regolamentazione e corruzione; Rule of law; Proprietà intellettuale; Riduzione interventismo pubblico; Ruolo investimenti stranieri diretti in avanzamento tecnologico. Unalternativa: la Asia Pacific Partnership

12 Aumento produttività; Creazione ricchezza; Miglioramento tecnologico; Innovazioni manageriali; Accesso a nuovi mercati; Miglioramento performance ambientali. REQUISITO FONDAMENTALE: istituzioni corrette, libertà economica. Investimenti stranieri diretti

13 13

14 Libertà economica spiega 40% differenza intensità energetica; Due ragioni: Motivo diretto: attrae investimenti, crea competizione; Motivo indiretto: stimola innovazione. Libertà economica

15 Una grande opportunità

16 2012 (Milioni di tonnellate di carbonio equivalente) 2017 (Milioni di tonnellate di carbonio equivalente) Adozione della tecnologia americana per i nuovi investimenti in India e Cina Adozione della tecnologia americana con un tasso di ricambio accelerato in India e Cina Adozione di una tecnologia in continuo miglioramento in Cina e India Ue secondo il protocollo di Kyoto (senza hot air) Tutti i paesi Annex B (inclusi Usa e hot air) Riduzione delle emissioni grazie allinnovazione

17 Il ruolo delle organizzazioni internazionali può essere quello di promuovere cooperazione, ma soprattutto aperture reciproche dei mercati; Miglioramento tecnologico in tutte le fasi della filiera energetica promuove sicurezza; Perché possa avvenire servono liberalizzazioni Vendita e produzione di energia (fonti). Le organizzazioni internazionali

18 La Asia Pacific Partnership è la strada giusta; Va ampliata: Numero di paesi; Investire direttamente temi energetici; Creare G20 dellenergia con Leader politici; Imprese; Altri stakeholder. Dalla Partnership al G20

19 I mercati dellenergia sono globali (anche quando sono regionali); Difficoltà estrazione riguardano produttori e consumatori; Liberalizzazioni, anche unilaterali, avvantaggiano entrambi; Inoltre forme di cooperazione sono utili in termini difensivi (Nato dellenergia); Energia può aiutare a uscire dal vicolo cieco Wto. G20 (continua)

20 Evitare politiche che non possano superare unanalisi dei costi e i benefici (es. limiti vincolanti alle emissioni); Rimuovere le barriere allaccesso del mondo in via di sviluppo a tecnologie più efficienti e pulite Libero scambio; Libertà economica; Sviluppo; Incentivare la R&S sulle tecnologie energetiche; Sviluppare il sequestro di anidride carbonica; Consentire limpiego di fonti economicamente efficienti e a basso tasso di emissioni (nucleare); Espandere la cooperazione bi- e muti-laterale coi paesi in via di sviluppo; Promuovere una soluzione autenticamente globale sulla scorta della Asia & Pacific Partnership on Development Crescita; Trasferimento tecnologico; Attenzione alle dinamiche di lungo termine, no a misure statiche nel breve. Conclusioni

21 Grazie per la vostra attenzione Carlo Stagnaro Istituto Bruno Leoni Carlo Stagnaro Istituto Bruno Leoni


Scaricare ppt "Carlo Stagnaro Direttore, Ecologia di mercato Istituto Bruno Leoni Politiche del clima e sicurezza energetica Convegno Sicurezza per lenergia Roma 26 marzo."

Presentazioni simili


Annunci Google