La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MATERNITA E PATERNITA Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MATERNITA E PATERNITA Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica."— Transcript della presentazione:

1 MATERNITA E PATERNITA Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica

2 LEGGI e CIRCOLARI D.lgs. 151/2001 Legge 8 Marzo 2000, n. 53 legge 24/12/2007 n legge Finanziaria 2008 legge 54/2006 in tema di affidamento condiviso D.P.R. 25 novembre 1976, n Legge 10 aprile 1991, n. 125 e successive modificazioni Legge 23 luglio 1991, n. 223 e successive modificazioni Dlgs 81/2008 Legge 8 agosto 1995, n. 335 Dlgs.8 aprile 2003, n. 66. Dlgs. 19 luglio 2004, n. 213 Legge 24 febbraio 2006, n. 104 Legge 24 dicembre 2007, n. 244 Legge 6 giugno 2008, n. 101 Circ. Inps n. 114 del C.C.N.L. Art Tutela della maternità e della paternità

3 IL DIRITTO ALLA MATERNITA E PATERNITA Consiste in specifiche disposizioni, permessi e congedi a tutela dello stato di gravidanza e dello stato di maternità e paternità che attribuiscono anche al lavoratore padre un ruolo rilevante attraverso il riconoscimento di una serie di diritti propri. Esiste un complesso di garanzie a tutela della maternità e della paternità dei figli naturali, adottivi e in affidamento per sostenere economicamente la nuova famiglia nei periodi di assenza dal lavoro per maternità e paternità e per garantire la salute della donna e del bambino.

4 IL RUOLO DELLINPS Dal 1° gennaio 2009 in base all art. 20 comma 2 del D.L. nr. 112/08, convertito in Legge n. 133/08, Poste Italiane e le Società del Gruppo che applicano il CCNL dell11/07/07, hanno lobbligo di versare allINPS i contributi per maternità di tutti i lavoratori. Quindi le indennità economiche relative alle assenze per la fruizione del congedo di maternità/paternità, dei permessi per allattamento e del congedo parentale sono poste a carico dellINPS (Circ. INPS 114/2008). Si precisa che lIstituto corrisponde esclusivamente le indennità previste per legge, il trattamento economico di miglior favore previsto dal CCNL per il congedo di maternità /paternità e parentale resta a carico dellAzienda.

5 TUTELE La tutela della salute permessi per controlli prenatali interdizione anticipata lavoro notturno congedo di maternità/paternità congedo parentale riposi giornalieri congedo per malattia del figlio

6 LA TUTELA DELLA SALUTE E garantita dallAzienda in conformità alle previsioni di legge e al documento di Valutazione dei Rischi dallinizio della gravidanza sino a sette mesi di età del figlio. Il T.U. prevede il divieto di adibire le lavoratrici madri al trasporto e al sollevamento di pesi nonché ai lavori pericolosi, faticosi ed insalubri (allegati A e B del D.lgs n. 151/2001). Per i periodi per i quali è previsto il divieto, la lavoratrice addetta ad uno dei lavori vietati deve essere adibita ad altre mansioni. Il datore di lavoro è inoltre tenuto a valutare i rischi per la salute e la sicurezza delle lavoratrici gestanti e, qualora ve ne fossero, ad adottare le misure necessarie quali la variazione delle condizioni o dellorario di lavoro. Lo spostamento ad altre mansioni può essere altresì disposto dal Servizio Ispettivo del Ministero del Lavoro, dufficio o su istanza della lavoratrice, nel caso in cui detto Servizio accerti che le condizioni di lavoro o ambientali sono pregiudizievoli alla salute della donna. Qualora il datore di lavoro non ritenga percorribile lo spostamento della lavoratrice ad altra mansione, il Servizio Ispettivo del Ministero del Lavoro competente per territorio dispone linterdizione dal lavoro per tutto il periodo in cui opera il divieto.

7 PERMESSI PER CONTROLLI PRENATALI Le lavoratrici gestanti hanno diritto ad appositi permessi retribuiti per leffettuazione di esami prenatali, accertamenti clinici o visite specialistiche che debbano essere eseguiti durante lorario di lavoro presentando l apposita domanda e la relativa documentazione giustificativa con la data e lorario di effettuazione degli esami anche per i tempi degli spostamenti.

8 INTERDIZIONE ANTICIPATA La legge prevede che il Servizio ispettivo del Ministero del Lavoro dufficio o su istanza della lavoratrice possa disporre linterdizione anticipata dal lavoro. In caso di istanza della lavoratrice per complicazioni della gravidanza, il provvedimento dovrà essere emanato, dopo laccertamento medico effettuato attraverso gli organi del Servizio sanitario nazionale, entro sette giorni dalla ricezione dellistanza e dura fino allinizio del congedo di maternità. Linterdizione dura per tutta la durata della gravidanza e fino a sette mesi detà del figlio, quando la lavoratrice non possa essere spostata ad altre mansioni o la modifica delle condizioni e dellorario non sia possibile. TRATTAMENTO ECONOMICO Il CCNL di Poste italiane prevede il trattamento economico pari al 100% della retribuzione, migliorativo rispetto alla legge.

9 LAVORO NOTTURNO La lavoratrice gestante è esonerata dal lavoro notturno, dallo ore 24 alle ore 6, fino al compimento di un anno di età del bambino. Non sono inoltre obbligati a prestare lavoro notturno: – la lavoratrice o il lavoratore che sia lunico genitore affidatario di un figlio convivente di età inferiore a dodici anni; – la lavoratrice o il lavoratore che abbia a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della l. 104/92. – la lavoratrice madre di un figlio di età inferiore a tre anni o, in alternativa, il lavoratore padre convivente con la stessa;

10 CONGEDO DI MATERNITA E il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro della lavoratrice per un periodo complessivo di 5 mesi di cui due mesi (congedo ante partum) precedenti la data presunta del parto, tre mesi (congedo post partum) successivi al parto. Ferma restando la durata complessiva del congedo di maternità, le lavoratrici possono astenersi dal lavoro a partire dal mese precedente la data presunta del parto e nei quattro mesi successivi al parto, a condizione che il medico specialista del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato e il medico competente, se svolge attività sottoposta a sorveglianza sanitaria, attestino che tale opzione non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro, non ci sia stato provvedimento di astensione anticipata e non ci siano controindicazioni riguardo alle modalità di raggiungimento del luogo di lavoro.

11 INTERRUZIONE DELLA GRAVIDANZA Linterruzione della gravidanza avvenuta entro il 180° giorno di gestazione è considerata a tutti gli effetti come malattia, ed il relativo periodo non è computabile agli effetti del comporto. Linterruzione di gravidanza avvenuta invece dopo il 180° giorno di gestazione è considerata parto a tutti gli effetti e, pertanto, determina comunque il diritto della lavoratrice alla fruizione del congedo di maternità (nella misura intera paria a 5 mesi) ed al relativo trattamento economico e normativo).

12 CONGEDO DI PATERNITA Il papà può godere dello stesso congedo della madre per la parte residua che sarebbe spettata alla stessa, solo nelle seguenti ipotesi tassative: morte o grave infermità della madre; abbandono del bambino da parte della madre; affidamento esclusivo del bambino al padre. TRATTAMENTO ECONOMICO Per il congedo di maternità e paternità il CCNL di Poste italiane prevede il trattamento economico pari al 100% della retribuzione, migliorativo rispetto alla legge.

13 ADOZIONI E AFFIDAMENTO Il diritto alla fruizione del congedo di maternità è riconosciuto anche alle lavoratrici che abbiano adottato un minore a prescindere dalletà del minore allatto delladozione (ovvero anche che se il minore, allatto delladozione, abbia superato i sei anni di età) e spetta per lintero periodo, anche nellipotesi in cui durante il congedo lo stesso raggiunga la maggiore età. Le modalità di fruizione di tale periodo sono differenti a seconda che si tratti di adozione nazionale oppure di adozione internazionale. La lavoratrice che prende in affidamento un minore ha diritto al congedo di maternità per un periodo complessivo pari a tre mesi che devono essere fruiti entro larco temporale di cinque mesi decorrenti dalla data di affidamento del minore allinteressata. Il congedo spetta a prescindere dalletà del minore allatto dellaffidamento ed è riconosciuto, pertanto, anche per minori che, allatto dellaffidamento, abbiano superato i sei anni di età.

14 CONGEDO PARENTALE E riconosciuto dalla legge ad entrambi i genitori, per ogni figlio, fino al compimento dellottavo anno di età del bambino e spetta: Alla madre lavoratrice, trascorso il periodo di congedo di maternità, per un periodo continuativo o frazionato non superiore a 6 mesi ; Al padre lavoratore, dalla nascita del figlio, per un periodo continuativo o frazionato non superiore a 6 mesi (o fino a 7 nel caso in cui lo stesso ne abbia già fruito di 3 mesi; in tal caso, la durata complessiva del congedo parentale è pari ad 11 mesi); Al genitore solo, per un periodo continuativo o frazionato non superiore a 10 mesi. Nellipotesi di parto plurimo il periodo di congedo parentale spettante a ciascun genitore è moltiplicato in ragione del numero dei gemelli. I genitori possono fruire del congedo parentale contemporaneamente; Il padre può fruire del congedo parentale anche durante il congedo di maternità post partum della madre e durante i periodi in cui questa fruisce dei riposi giornalieri (c.d. permessi allattamento di cui al successivo capitolo 8). TRATTAMENTO ECONOMICO Il CCNL di Poste Italiane prevede, fino al 3° anno di età del bambino, l80% dello stipendio per i primi due mesi ed il 30% per i restanti quattro mesi

15 ADOZIONE E AFFIDAMENTO Entrambi i genitori hanno diritto, per ogni figlio adottato o affidato, a fruire del congedo parentale entro i primi otto anni dallingresso del minore nel nucleo familiare, con gli stessi limiti e modalità spettanti ai genitori naturali. Il congedo parentale spetta indipendentemente dalletà del minore allatto delladozione o dellaffidamento ma non può essere fruito oltre il compimento della maggiore età dello stesso.

16 RIPOSI GIORNALIERI Durante il primo anno di vita del bambino alla lavoratrice madre spettano due periodi di riposo giornaliero (c.d. permessi per allattamento), ciascuno della durata di unora, anche cumulabili durante la giornata. Qualora lorario di lavoro sia inferiore a sei ore il periodo di riposo si riduce ad unora. Il diritto ai riposi giornalieri è esteso al padre lavoratore nelle seguenti ipotesi: affidamento esclusivo del figlio ; in alternativa alla madre lavoratrice dipendente che non se ne avvalga; nel caso in cui la madre non sia lavoratrice dipendente; in caso di morte o di grave infermità della madre. Nellipotesi di parto plurimo, a prescindere dal numero dei figli, i periodi di riposo sono raddoppiati e le ore aggiuntive possono essere fruite dal padre, anche durante il congedo di maternità e il congedo parentale della madre lavoratrice dipendente.

17 CONGEDI PER MALATTIA DEL FIGLIO Entrambi i genitori hanno diritto, alternativamente, di assentarsi dal lavoro durante le malattie di ciascun figlio: fino a tre anni di età (ovvero sino al giorno successivo al terzo compleanno) senza limiti temporali, e quindi per tutta la durata della malattia del bambino; dai 3 agli 8 anni di età (ovvero sino al giorno - compreso - dell'ottavo compleanno) nel limite di cinque giorni lavorativi annui. Detto limite di 5 giorni annui (spettanti per ciascun figlio) non può essere superato neanche nel caso in cui uno dei due genitori non fruisca, in tutto o in parte, dei propri 5 giorni. TRATTAMENTO ECONOMICO Per i periodi di congedo per la malattia del figlio non è prevista la corresponsione di alcuna indennità.

18 MODULISTICA 1.DOMANDA PER ESAMI PRENATALI 2.MOD SR01 DOMANDA PER CONGEDO DI MATERNITA PATERNITA E RICHIESTA FLESSIBILITA 3.MOD SR 23 DOMANDA DI CONGEDO PARENTALE 4.ALL. 6 DOMANDA PER RIPOSI GIORNALIERI DELLA MADRE 5.ALL. 7 DOMANDA PER RIPOSI GIORNALIERI DEL PADRE 6.ALL. 8 MALATTIA DEL FIGLIO


Scaricare ppt "MATERNITA E PATERNITA Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica."

Presentazioni simili


Annunci Google