La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Erogazioni in natura Somministrazioni di vitto. Art.51, comma 2, del Tuir. Non concorrono a formare il reddito: c) le somministrazioni di vitto da parte.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Erogazioni in natura Somministrazioni di vitto. Art.51, comma 2, del Tuir. Non concorrono a formare il reddito: c) le somministrazioni di vitto da parte."— Transcript della presentazione:

1 Erogazioni in natura Somministrazioni di vitto. Art.51, comma 2, del Tuir. Non concorrono a formare il reddito: c) le somministrazioni di vitto da parte del datore di lavoro, nonché quelle in mense organizzate direttamente dal datore di lavoro o gestite da terzi, o, fino allimporto complessivo giornaliero di lire (5.29 euro n.d.r.) le prestazioni o indennità sostitutive corrisposte agli addetti ai cantieri edili, ad altre strutture lavorative a carattere temporaneo o ad unità produttive ubicate in zone dove manchino strutture o servizi di ristorazione.

2 Erogazioni in natura Somministrazioni di vitto. La fornitura di pasti ai dipendenti può essere effettuata mediante: -mensa aziendale; -servizio sostitutivo di mensa aziendale (indennità di mensa o buono pasto).

3 Erogazioni in natura Somministrazioni di vitto. La mensa aziendale può essere: -realizzata direttamente dal datore di lavoro sia allinterno che allesterno dellazienda e, in questo caso, anche in locali di proprietà di terzi (circolari del Ministero delle finanze 19 gennaio 1980, n.3; 14 febbraio 1980, n.9; 13 giugno 1980, n.25; 16 luglio 1998, n.188; 20 giugno 2002, n.202); -realizzata dal datore di lavoro con gestione data in appalto a terzi comprese le convenzioni con ristoranti (circolare del Ministero delle finanze 23 dicembre 1997, n.326); -effettuata da imprese diverse dal datore di lavoro purché i lavoratori esterni siano autorizzati ad accedere allinterno di locali-mensa (risoluzione dellAgenzia delle entrate 28 marzo 2001, n.35).

4 Erogazioni in natura Somministrazioni di vitto. Il servizio sostitutivo di mensa aziendale può essere reso mediante: - buoni pasto (c.d. ticket restaurant). Art.4 della legge 25 marzo 1997, n.77: per servizi sostitutivi di mensa aziendale resi a mezzo dei buoni pasto … devono intendersi le somministrazioni di alimenti e bevande effettuati dai pubblici esercizi, nonché le cessioni di prodotti di gastronomia pronti per il consumo immediato effettuate da mense aziendali interaziendali, rosticcerie e gastronomie artigianali, pubblici esercizi e dagli esercizi commerciali muniti di autorizzazione … per la produzione, preparazione e vendita di generi alimentari, anche su area pubblica, e operate dietro commesse di imprese che forniscono servizi sostitutivi di mensa aziendale;

5 Erogazioni in natura Somministrazioni di vitto. Il servizio sostitutivo di mensa aziendale può essere reso mediante: -indennità sostitutiva di mensa aziendale: cantieri edili; strutture lavorative a carattere temporaneo; unità produttive ubicate in zone dove mancano strutture o sevizi di ristorazione. Risoluzione del Ministero delle finanze 30 marzo 2000, n.41. La non concorrenza alla formazione del reddito può riguardare i lavoratori che si trovino in determinate condizioni: avere un orario di lavoro che preveda una pausa per il vitto; essere addetti ad ununità produttiva; mancanza di servizi di ristorazione.

6 Erogazioni in natura Somministrazioni di vitto. Risoluzione dellAgenzia delle entrate 15 dicembre 2004, n.153/E. Fattispecie: assegnazione di buoni pasto ai dipendenti in assenza di pausa pranzo. Richiesta: possibilità di escludere il valore dei buoni pasto, fino allimporto giornaliero di 5,29 euro, dalla determinazione del reddito dei dipendenti assegnatari.

7 Erogazioni in natura Somministrazioni di vitto. Risoluzione dellAgenzia delle entrate 15 dicembre 2004, n.153/E. Considerazioni dellAgenzia: la ratio della previsione agevolativa è quella di favorire i dipendenti che, pur costretti a consumare il pasto nel corso della giornata lavorativa, non fruiscono di un servizio di mensa aziendale e, contestualmente, i datori di lavoro, al fine di evitare prolungate assenze da parte dei lavoratori. Conclusioni dellAgenzia: la fruizione di una pausa per il vitto costituisce condizione necessaria al fine dellapplicabilità della norma che esclude la concorrenza dei buoni pasto dal reddito di lavoro dipendente.

8 Erogazioni in natura Somministrazioni di vitto. Disciplina dellorario di lavoro. - Art.8 del D. Lgs. 8 aprile 2003, n.66 (direttive 93/104/CE e 2000/34/CE). Comma 1 Qualora lorario di lavoro giornaliero ecceda il limite di sei ore il lavoratore deve beneficiare di un intervallo per pausa, le cui modalità e la cui durata sono stabilite dai contratti collettivi di lavoro, ai fini del recupero delle energie psico-fisiche e della eventuale consumazione del pasto anche al fine di attenuare il lavoro monotono e ripetitivo.

9 Erogazioni in natura Somministrazioni di vitto. Disciplina dellorario di lavoro. - Art.8 del D. Lgs. 8 aprile 2003, n.66 (direttive 93/104/CE e 2000/34/CE). Comma 2: Nelle ipotesi di cui al comma 1, in difetto di disciplina collettiva che preveda un intervallo a qualsivoglia titolo attribuito, al lavoratore deve essere concessa una pausa, anche sul posto di lavoro, tra linizio e la fine di ogni periodo giornaliero di lavoro, di durata non inferiore a dieci minuti e la cui collocazione deve tener conto delle esigenze tecniche del processo lavorativo.

10 Erogazioni in natura Somministrazioni di vitto. Fattispecie problematiche. Lavoratori part time e turnisti (con periodo di lavoro giornaliero di durata inferiore alle 6 ore): possibilità per il datore di lavoro di concedere la pausa pranzo e, correlativamente, di provvedere alla somministrazione di vitto tramite predisposizione di un servizio di mensa ovvero mediante assegnazione di buoni pasto o erogazione di indennità di mensa. - Soluzione negativa: Pretura di Milano, 8 aprile 1993: ai lavoratori part- time non spettano i buoni pasto neppure in misura riproporzionata essendo la loro corresponsione legata alla circostanza che il lavoratore debba trattenersi per riprendere il lavoro dopo il pasto di mezzogiorno.

11 Erogazioni in natura Somministrazioni di vitto. Fattispecie problematiche. Considerazioni. La disciplina dellorario di lavoro costituisce una disciplina di tutela minima in assenza di contrattazione collettiva (può essere derogata a favore del lavoratore anche per accordo, contratto o regolamento aziendale). Se per contrattazione collettiva nazionale ovvero per contratto accordo o regolamento aziendale è prevista la pausa pranzo deve ritenersi applicabile la disciplina agevolativa di cui allart.51, comma 2, lett.c), del Tuir.

12 Erogazioni in natura Somministrazioni di vitto. Ulteriori questioni. -Collocazione temporale della pausa: non cè alcuna previsione normativa espressa in merito alla collocazione temporale della pausa per la consumazione del pasto. La determinazione del momento in cui il lavoratore può godere della pausa è rimessa al datore di lavoro che la può individuare in qualsiasi momento della giornata lavorativa, tenuto conto delle esigenze tecniche dellattività lavorativa (quindi non deve essere necessariamente il pranzo). In genere la collocazione della pausa per il vitto dipende dallarticolazione dellorario di lavoro. La pausa può essere collocata fuori dallorario di lavoro? -Durata della pausa: il limite trova applicazione solo in difetto di una disciplina collettiva.


Scaricare ppt "Erogazioni in natura Somministrazioni di vitto. Art.51, comma 2, del Tuir. Non concorrono a formare il reddito: c) le somministrazioni di vitto da parte."

Presentazioni simili


Annunci Google