La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL PIANETA TERRA A cura di Matteo Ziino Nicola Tomeo Vanessa Capuano Susanna Rossi Isabella Varrà

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL PIANETA TERRA A cura di Matteo Ziino Nicola Tomeo Vanessa Capuano Susanna Rossi Isabella Varrà"— Transcript della presentazione:

1 IL PIANETA TERRA A cura di Matteo Ziino Nicola Tomeo Vanessa Capuano Susanna Rossi Isabella Varrà

2 Il pianeta blu La Terra è coperta per i due terzi della sua superficie di acqua, mentre la restante parte è occupata delle terre emerse. La Terra è coperta per i due terzi della sua superficie di acqua, mentre la restante parte è occupata delle terre emerse. La superficie terrestre è in continuo cambiamento a cause delle forze che generano nuova terra e di quelle che la consumano. La superficie terrestre è in continuo cambiamento a cause delle forze che generano nuova terra e di quelle che la consumano.

3 La Terra nello spazio La Terra è una pianeta che orbita attorno alla sua stella, il Sole. La Terra è una pianeta che orbita attorno alla sua stella, il Sole. Oltre alla Terra altri pianeti ruotano attorno al Sole, formando un complesso denominato Sistema Solare. Oltre alla Terra altri pianeti ruotano attorno al Sole, formando un complesso denominato Sistema Solare. Il Sistema Solare si trova a sua volta nella galassia chiamata Via Lattea Il Sistema Solare si trova a sua volta nella galassia chiamata Via Lattea

4 La Terra dallo spazio Guardando la Terra dallo spazio ad occhio nudo questa ci apparirebbe perfettamente liscia ed inabitata, in quanto le montagne, come gli insediamenti umani, sono troppo piccole per essere viste dallo spazio senza luso di strumenti particolari. Guardando la Terra dallo spazio ad occhio nudo questa ci apparirebbe perfettamente liscia ed inabitata, in quanto le montagne, come gli insediamenti umani, sono troppo piccole per essere viste dallo spazio senza luso di strumenti particolari.

5 I colori della Terra Sempre guardando la Terra dallo spazio, questa ci apparirebbe colorata di blu nelle zone coperte da grandi distese dacqua, mentre le terre emerse apparirebbero giallo- verdi-marroni. Sempre guardando la Terra dallo spazio, questa ci apparirebbe colorata di blu nelle zone coperte da grandi distese dacqua, mentre le terre emerse apparirebbero giallo- verdi-marroni.

6 La sfera terrestre Grazie alle tecnologie attuali sappiamo che la Terra è una sfera leggermente schiacciata ai poli Grazie alle tecnologie attuali sappiamo che la Terra è una sfera leggermente schiacciata ai poli Dato che la Terra non è una sfera perfetta, le sue misure variano leggermente a seconda del punto di rilevazione Dato che la Terra non è una sfera perfetta, le sue misure variano leggermente a seconda del punto di rilevazione

7 Le misure della Terra Oggi sappiamo che: Oggi sappiamo che: Il raggio equatoriale terrestre misura 6378 km, quello polare 6358 km. Il raggio equatoriale terrestre misura 6378 km, quello polare 6358 km. Il diametro equatoriale misura km, quello polare km. Il diametro equatoriale misura km, quello polare km. La superficie totale è di km 2 La superficie totale è di km 2 La densità media è di 5,5 g/cm 3 La densità media è di 5,5 g/cm 3

8 Localizzare un punto Per stabilire un punto sulla superficie terrestre è necessario lutilizzo un sistema di riferimento. Per stabilire un punto sulla superficie terrestre è necessario lutilizzo un sistema di riferimento. Questo sistema è costituito da una serie di circonferenze chiamate paralleli e meridiani. Questo sistema è costituito da una serie di circonferenze chiamate paralleli e meridiani.

9 I paralleli I paralleli sono le circonferenze virtuali che si ottengono suddividendo la Terra con piani perpendicolari rispetto allasse terrestre. La circonferenza più grande è chiamata Equatore, e da questa inizia la numerazione delle altre. I paralleli sono le circonferenze virtuali che si ottengono suddividendo la Terra con piani perpendicolari rispetto allasse terrestre. La circonferenza più grande è chiamata Equatore, e da questa inizia la numerazione delle altre.

10 I meridiani I meridiani si ottengono tagliando la Terra con piani passanti per lasse terrestre. I meridiani si ottengono tagliando la Terra con piani passanti per lasse terrestre. Il Meridiano Fondamentale, quello da cui parte la numerazione degli altri, è quello passante per Greenwich. Dal lato opposto della Terra si trova lAntimeridiano Il Meridiano Fondamentale, quello da cui parte la numerazione degli altri, è quello passante per Greenwich. Dal lato opposto della Terra si trova lAntimeridiano

11 Le coordinate geografiche Avendo il sistema di riferimento si può quindi localizzare un punto sulla superficie terrestre, ovvero determinare le sue coordinate geografiche. Questo si fa grazie alle misure di longitudine e latitudine. Avendo il sistema di riferimento si può quindi localizzare un punto sulla superficie terrestre, ovvero determinare le sue coordinate geografiche. Questo si fa grazie alle misure di longitudine e latitudine.

12 La latitudine La latitudine è la distanza tra lequatore ed il punto da localizzare. È espressa in gradi ed è necessario specificare anche nord o sud a seconda se il punto è nellemisfero boreale o australe La latitudine è la distanza tra lequatore ed il punto da localizzare. È espressa in gradi ed è necessario specificare anche nord o sud a seconda se il punto è nellemisfero boreale o australe

13 La longitudine La longitudine è la distanza espressa in gradi tra il meridiano fondamentale ed il punto da localizzare. È necessario specificare est (E) od ovest (W) a seconda della posizione del punto dal meridiano fondamentale. La longitudine è la distanza espressa in gradi tra il meridiano fondamentale ed il punto da localizzare. È necessario specificare est (E) od ovest (W) a seconda della posizione del punto dal meridiano fondamentale.

14 Il Sole Il Sole, la nostra stella, è una gigantesca sfera di gas incandescente. Il Sole, la nostra stella, è una gigantesca sfera di gas incandescente. Anche se è fatto di gas e perciò è meno denso della Terra, il Sole è talmente grande che la sua massa è molto maggiore di quella del nostro pianeta. Anche se è fatto di gas e perciò è meno denso della Terra, il Sole è talmente grande che la sua massa è molto maggiore di quella del nostro pianeta.

15 La rivoluzione intorno al Sole Sotto linfluenza dellattrazione gravitazione del Sole la Terra si muove nello spazio seguendo una traiettoria (o orbita) che gira intorno al Sole e richiude su se stessa: questo movimento è chiamato rivoluzione Sotto linfluenza dellattrazione gravitazione del Sole la Terra si muove nello spazio seguendo una traiettoria (o orbita) che gira intorno al Sole e richiude su se stessa: questo movimento è chiamato rivoluzione

16 La Terra intorno al Sole Il moto di rivoluzione della Terra ha tre caratteristiche principali: Il moto di rivoluzione della Terra ha tre caratteristiche principali: lorbita ha la forma di una ellisse, di cui il Sole occupa uno dei fuochi. lorbita ha la forma di una ellisse, di cui il Sole occupa uno dei fuochi. Il moto di rivoluzione avviene sempre in uno stesso piano, che gli astronomi chiamano piano delleclittica; Il moto di rivoluzione avviene sempre in uno stesso piano, che gli astronomi chiamano piano delleclittica; Durante la rivoluzione la velocità con cui la Terra si sposta non è costante: il moto più rapido quando la Terra è vicina al Sole, più lento quando è lontana. Durante la rivoluzione la velocità con cui la Terra si sposta non è costante: il moto più rapido quando la Terra è vicina al Sole, più lento quando è lontana.

17 La rotazione terrestre Mentre orbita attorno al sole, la Terra ruota attorno al suo asse di rotazione, che passa per due chiamati poli. Mentre orbita attorno al sole, la Terra ruota attorno al suo asse di rotazione, che passa per due chiamati poli. I poli sono gli unici punti che rimangono perfettamente fermi durante la rotazione terrestre. I poli sono gli unici punti che rimangono perfettamente fermi durante la rotazione terrestre.

18 La scansione del tempo Il tempo impiegato dalla Terra per una rotazione viene chiamato giorno, che corrisponde a 24 ore, mentre quello impiegato per una rivoluzione viene chiamato anno, che corrisponde a 365 giorni e 6 ore. Il tempo impiegato dalla Terra per una rotazione viene chiamato giorno, che corrisponde a 24 ore, mentre quello impiegato per una rivoluzione viene chiamato anno, che corrisponde a 365 giorni e 6 ore.

19 Anni bisestili Queste 6 ore in più ogni rivoluzione vengono smaltite ogni 4 anni aggiungendo un giorno allanno nel mese di febbraio. Queste 6 ore in più ogni rivoluzione vengono smaltite ogni 4 anni aggiungendo un giorno allanno nel mese di febbraio. Questi anni di 366 giorni vengono chiamati bisestili. Questi anni di 366 giorni vengono chiamati bisestili.

20 Luce e buio sulla terra La Terra, ruotando, genera il succedersi del dì e della notte, in quanto durante la rotazione presenta via via una faccia diversa al Sole. La Terra, ruotando, genera il succedersi del dì e della notte, in quanto durante la rotazione presenta via via una faccia diversa al Sole.

21 Linclinazione dellasse Linclinazione dellasse Lasse di rotazione terrestre è inclinato di circa 66° rispetto al piano delleclittica. Lasse di rotazione terrestre è inclinato di circa 66° rispetto al piano delleclittica. Questa inclinazione rimane sempre costante. Questa inclinazione rimane sempre costante.

22 Gli effetti dellinclinazione Uno degli effetti dellinclinazione dellasse terrestre è la variazione delle durata del dì e della notte. Questo perché larea illuminata dalla luce solare (detta circolo di illuminazione) varia a seconda dellangolazione con cui la Terra si presenta al Sole durante lanno. Uno degli effetti dellinclinazione dellasse terrestre è la variazione delle durata del dì e della notte. Questo perché larea illuminata dalla luce solare (detta circolo di illuminazione) varia a seconda dellangolazione con cui la Terra si presenta al Sole durante lanno.

23 Risposte alle domande Qual è il procedimento per il calcolo della velocità di rotazione terrestre? Qual è il procedimento per il calcolo della velocità di rivoluzione terrestre? Come mai le stagioni climatiche sono in ritardo rispetto a quelle astronomiche?

24 Procedimento per il calcolo della velocità di rotazione terrestre Per calcolare la velocità di rotazione terrestre bisogna dividere la circonferenza allequatore per il tempo impiegato per una rotazione. Per calcolare la velocità di rotazione terrestre bisogna dividere la circonferenza allequatore per il tempo impiegato per una rotazione. Con questo calcolo si può stabilire che la terra ruota su se stessa a circa 1700 km/h. Con questo calcolo si può stabilire che la terra ruota su se stessa a circa 1700 km/h.

25 Procedimento per il calcolo della velocità di rivoluzione terrestre Per calcolare la velocità rivoluzione terrestre bisogna calcolare la misura dellellisse immaginaria che rappresenta lorbita della Terra per il tempo impiegato per una rivoluzione. Per calcolare la velocità rivoluzione terrestre bisogna calcolare la misura dellellisse immaginaria che rappresenta lorbita della Terra per il tempo impiegato per una rivoluzione. Questo calcolo da come risultato una velocità di circa 30 km/s, pari a circa km/h Questo calcolo da come risultato una velocità di circa 30 km/s, pari a circa km/h

26 Come mai le stagioni climatiche sono in ritardo rispetto a quelle astronomiche? Il ritardo fra stagioni climatiche e astronomiche è da attribuirsi allenorme inerzia termica della Terra. Il ritardo fra stagioni climatiche e astronomiche è da attribuirsi allenorme inerzia termica della Terra.

27 FINE


Scaricare ppt "IL PIANETA TERRA A cura di Matteo Ziino Nicola Tomeo Vanessa Capuano Susanna Rossi Isabella Varrà"

Presentazioni simili


Annunci Google