La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I luoghi in cui visse Gesù La situazione politica Lattesa di un liberatore Gerusalemme al tempo di Gesù La società giudaica al tempo di Gesù I gruppi religiosi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I luoghi in cui visse Gesù La situazione politica Lattesa di un liberatore Gerusalemme al tempo di Gesù La società giudaica al tempo di Gesù I gruppi religiosi."— Transcript della presentazione:

1 I luoghi in cui visse Gesù La situazione politica Lattesa di un liberatore Gerusalemme al tempo di Gesù La società giudaica al tempo di Gesù I gruppi religiosi e politici ITIS Severi – 3 anno – Ins. Lorenzo Masiero

2 I luoghi in cui visse Gesù Gesù visse principalmente in Palestina, situata al centro della mezzaluna fertile. Il nome Palestina deriva dal termine ebraico Pelishtim, filistei, i temibili invasori, di origine cretese, installatisi sulla costa fin dal XII secolo a.C. Il termine poi si estese dalla zona costiera alla zona chiamata anticamente Terra di Canaan. Questa zona, almeno dall XI secolo, è nota anche come Terra santa. La Palestina vera e propria, identificata comunemente con la Cisgiordania, comprende da nord a sud tre regioni diverse: - la Galilea: una regione montagnoso-collinosa con piccole pianure e molto fertile e coltivata, ricca di vie di comunicazione e commerciali (questa regione fu il centro principale dellattività missionaria di Gesù); - la Samaria: in posizione centrale con montagne ricche di pascoli, ampie valli fertilissime, anchesse coltivate ; - la Giudea: regione montagnosa che scende verso il Mar Morto. Le città più importanti erano Gerusalemme e, per i samaritani, la città di Samaria Torna alla pagina iniziale

3 La situazione politica Quando nacque Gesù, la Palestina era sotto il dominio romano. I romani portarono in Palestina, come in tutte le province del loro Impero, un governo stabile, ed ebbero rispetto per la religione locale, permettendo il culto nel Tempio, anche se imponevano forti tasse. Era diffuso un certo malcontento per la dominazione straniera e per i pesanti tributi, già menzionati, che i vari governanti imponevano. Tra questi, unico re di tutta la Palestina fu Erode il Grande, sotto cui cominciò la ricostruzione del Tempio di Gerusalemme, che impegnò gran parte della vita di Gesù. Al tempo di Gesù listituzione più importante era il Sinedrio (dal greco synedrion, che significa assemblea, consiglio) che aveva a capo il Sommo Sacerdote; era formato da settantuno membri scelti tra i sommi sacerdoti e tra gli anziani appartenenti alle famiglie più agevolate di Gerusalemme. Il Sinedrio aveva il compito di amministrare la vita religiosa, giuridica ed economica degli ebrei e a tale scopo aveva alle sue dipendenze un proprio corpo di polizia. Torna alla pagina iniziale

4 Lattesa di un liberatore A quell epoca era molto forte lattesa della liberazione da parte di un Messia, che alcuni interpretavano come un liberatore politico che avrebbe realizzato finalmente le promesse di Dio e instaurato un regno di benessere e di pace. Lattesa di un Messia è molto radicata nella storia ebraica: gli ebrei pensavano che, quando vi fosse stata una situazione di pericolo, JHWH (Il Signore) avrebbe inviato un Messia con il compito di salvare il suo popolo. Erano anche piuttosto diffusi movimenti che si proponevano un risveglio religioso. Tra questi si distingueva il movimento di Giovanni il Battista, che dai Vangeli è presentato come il preparatore dellavvento di Cristo. Torna alla pagina iniziale

5 Gerusalemme al tempo di Gesù Quando la città fu assalita dalle truppe romane nel 63 a.C. le mura furono distrutte; ma con la vittoria definitiva di Roma e linstallazione del re Erode il Grande la città mutò profondamente. Il sovrano fece costruire molti edifici pubblici: il teatro, lanfiteatro,la reggia con tre torri e il Tempio. Il Tempio aveva come base una vasta spianata delimitata da alte mura e su tre lati da portici colonnati. Un portico regio suddiviso in tre navate chiudeva il lato meridionale. Si pensa che il portico orientale (di Salomone) facesse parte della costruzione precedente, mentre lestremità sud- orientale è nota come pinnacolo del Tempio ed è dove Gesù fu tentato dal demonio. Lampia area quadrangolare, delimitata da portici, era detta cortile dei gentili(cioè dei non ebrei) che non potevano procedere oltre, pena la morte. Nel lato sud-occidentale vi era la fortezza di Antonia, luogo di residenza e di difesa di Erode. Anche il Tempio era una fortezza, con un alto muro di recinzione. La maestosa porta bella introduceva al cortile delle donne, mentre la porta Nicanore dava accesso al santuario. Nel cortile interno si trovavano laltare per i sacrifici e la vasca di purificazione. Il nucleo principale era diviso in tre settori: il vestibolo, il Santo e il Santo dei Santi. Diversi episodi del N.T. hanno come sfondo il Tempio: Gesù venne qui presentato al Sommo Sacerdote, a dodici anni dimostrò la sua sapienza ai dottori della Legge,si svolsero gli episodi della cacciata dei mercanti e delloblo della vedova, Gesù sanò un paralitico e compì il miracolo della guarigione di un cieco nato. Torna alla pagina iniziale

6 La società giudaica al tempo di Gesù La Palestina al tempo di Gesù era abitata da poco più di mezzo milione di persone. Accanto alla gran parte di persone che vivevano in condizioni modeste del proprio lavoro quotidiano vi erano ricchi commercianti, proprietari terrieri, usurai e i cosiddetti pubblicani, ovvero gli estrattori delle tasse. Numerosi erano i poveri; il ruolo della donna era analogo a quello diffuso nelloriente antico: non poteva partecipare alla vita pubblica né al culto. Il matrimonio in genere avveniva un anno dopo il fidanzamento, e comportava da parte del padre della sposa la consegna al marito di una somma di denaro che, in caso di divorzio, doveva essere restituita. Torna alla pagina iniziale

7 I gruppi religiosi e politici La società giudaica al tempo di Gesù era frammentata in gruppi religiosi che, pur accomunati dalla fede in JHWH, davano interpretazioni diverse della tradizione e della Legge. Gesù ebbe spesso con alcuni di loro incontri e scontri. Le classi più abbienti della popolazione erano favorevoli al dominio romano; fortemente antiromani erano i ceti più popolari, che della dominazione straniera maggiormente subivano le conseguenze sociali e economiche. Parlando di queste suddivisioni il N.T. le definisce sette. Un elenco di queste sette, con le rispettive caratteristiche, è il seguente: avanti Sommi sacerdoti e scribi

8 I gruppi religiosi e politici I FARISEI : il nome significa separati e fa riferimento allorigine del gruppo, in quanto durante linvasione macedone della Palestina, si erano mantenuti fedeli alla Legge antica e alle loro tradizioni. Erano laici appartenenti alla classe media: mercanti, artigiani, contadini. Il loro compito consisteva nel custodire la Legge e nellinterpretarla, adattandola alle situazioni nuove. Credevano nella risurrezione dei morti e nel premio o castigo delle anime. Ebbero con Gesù numerose discussioni, ma non gli furono totalmente ostili. I SADDUCEI : questo gruppo sociale, religioso e politico era formato da ricche famiglie patrizie e sacerdotali che, per motivi economici, si adattavano alla dominazione romana. Interpretavano la Legge alla lettera, rifiutando invece le tradizioni orali e le credenze del popolo. Gli SCRIBI : erano gli uomini del Libro, gli specialisti e interpreti delle Sacre Scritture. Erano incaricati di conservare la tradizione, di spiegare e applicare la Scrittura e poiché questa regolava tutti i settori della vita, non definivano solo questioni dottrinali, ma anche giuridiche. I SACERDOTI : sacerdoti e leviti erano i soli che potessero officiare al Tempio. Divisi in gruppi, servivano nel Tempio per una settimana lanno, e durante le feste annuali. Usufruivano delle decime e delle offerte fatte al Tempio. Dopo il ritorno dallesilio, scomparsa la monarchia, la figura del Sommo Sacerdote divenne particolarmente rilevante. avantiindietro

9 Gli ESSENI : gli appartenenti a questo gruppo costituivano la setta dei puri. Avevano abbandonato Gerusalemme e il Tempio, contaminati da comportamenti che loro giudicavano impuri, e si erano rifugiati nel deserto di Giuda, a ovest del Mar Morto. Gli ZELOTI : erano i membri di una fazione politica fortemente antiromana e i loro obiettivi erano la cacciata degli invasori romani e la costruzione del regno di Dio sulla terra, attraverso una rivoluzione violenta. Tra i seguaci di Gesù vi erano anche simpatizzanti di questo gruppo. Al momento della rivolta antiromana del 68 d.C. gli zeloti riuscirono a impadronirsi del potere a Gerusalemme; quando questa, nel 70 d.C., fu ripresa da Tito, e il Tempio venne distrutto, si ritirarono nella fortezza di Masada, sulla sponda occidentale del Mar Morto. Gli ERODIANI : erano i sostenitori della dinastia monarchica di Erode e in particolare, al tempo di Gesù, di Erode Antipa. I SAMARITANI : erano gli abitanti della regione della Samaria; essi ritenevano che il monte Garizim, situato nella loro regione, e non il Tempio di Gerusalemme, fosse il luogo prescelto da Dio per i sacrifici; riconoscevano come libri sacri soltanto i primi cinque libri della Bibbia e attendevano la venuta di un nuovo Mosè. I PROSELITI : molti infine erano i pagani che, affascinati dallebraismo, desideravano entrare a far parte del popolo ebraico. A loro era adibito un settore del Tempio e potevano partecipare alle grandi feste ebraiche. Torna alla pagina iniziale indietro

10 ...THE END…


Scaricare ppt "I luoghi in cui visse Gesù La situazione politica Lattesa di un liberatore Gerusalemme al tempo di Gesù La società giudaica al tempo di Gesù I gruppi religiosi."

Presentazioni simili


Annunci Google