La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Esercitazioni: Laboratorio Microscopia PP1 Lunedì 26 marzo 2007: BU (A: 14:00-15.15; B: 15.15-16.30 C: 16.30-17.45) Martedì 27 marzo 2007: BCM (D: 14:00-15.15;

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Esercitazioni: Laboratorio Microscopia PP1 Lunedì 26 marzo 2007: BU (A: 14:00-15.15; B: 15.15-16.30 C: 16.30-17.45) Martedì 27 marzo 2007: BCM (D: 14:00-15.15;"— Transcript della presentazione:

1 Esercitazioni: Laboratorio Microscopia PP1 Lunedì 26 marzo 2007: BU (A: 14: ; B: C: ) Martedì 27 marzo 2007: BCM (D: 14: ; E: F: ) Gli elenchi saranno pubblicati sul sito di didattica web

2 Viola papilionaceae Viola tricolor Viola tricolor var. hortensis

3 Fungi

4 Protisti

5 Cianobatteri

6 Ciascuna pianta viene identificata da un nome scientifico che rappresenta la carta didentità universale di quellorganismo La SISTEMATICA si occupa dello studio della diversità biologica definendo una struttura, un sistema di catalogazione La TASSONOMIA è la scienza che delimita i taxa (un gruppo sistematico), ne studia la struttura e laggregazione in taxa di ordine superiore Il primo teorico della biologia sistematica fu Carlo Linneo ( ) che usò un sistema di classificazione GERARCHICO (Classe, ordine, genere, specie) Linneo introdusse il sistema binomio di nomenclatura

7 Il nome di una specie (Nepeta cataria L.) consiste del nome del Genere e dellepiteto specifico e patronimico Nepeta cataria L. Codice Internazionale di Nomenclatura Botanica Tipo: campione secco di riferimento custodito in un museo o in un erbario

8 Categorie sistematiche Regno : Monera,Protista, Animalia, Fungi, Plantae Phylum: (gruppi di classi) es. Anthophyta Classe: Monocotyledones Ordine: Commelinales Famiglia: Poaceae Genere: Zea Specie: Zea mays Dominio: Bacteria, Archaea, Eukarya

9 Darwin nel 1859 pubblica lOrigine della Specie: Le specie si trasformano secondo un processo di divergenza graduale Rappresentato da alberi filogenetici Taxa monofiletici, polifiletici, parafiletici La sistematica di basa sulla somiglianza/differenza di strutture o caratteri Strutture omologhe: origine comune e non necessariamente funzione Strutture analoghe: origine evolutiva diversa e funzione comune

10 Metodo cladistico: analisi filogenetiche tra organismi Cladogramma: risultato di unanalisi cladistica

11 Caratteri utilizzati nelle relazioni filogenetiche TaxonXilemaLegnoSemiFiori floema Muschinononono Felcisinonono Pinisisisino Quercesisisisi

12 Classificazioni: basate su informazioni morfologiche e anatomiche Si prendono in considerazione il portamento e i principali organi, in particolare il fiore e le strutture riproduttive Chiavi analitiche dicotomiche

13 Sistematica molecolare

14 Albero filogenetico comparando le sequenze dellRNA ribosomale Bacteria Archaea Eukarya

15 Caratteristiche dei tre domini Tipo di cellulaProcarioticaProcarioticaEucariotica Membrana nuclearenonosi N. cromosomi11superiore a 1 DNAcircolarecircolarelineare Organelli (mit +plas)nonosi Citoscheletrononosi Fotosintesi da chlsinosi BacteriaArchaeaEukarya

16 Eukarya Protista: protozoi eterotrofi sia alghe (autotrofe); muffe plasmodiali. Provvisti di mobilità mediante flagelli, ameboidi o immobili. Parafiletico Animalia: organismi pluricellulari con cellule eucariote prive di parete, plastidi e pigmenti fotosintetici. Nutrizione per ingestione. Livello di organizzazione molto complesso. Differenziazione dei tessuti

17 Fungi: eucarioti filamentosi immobili privi di plastidi e pigmenti fotosintetici. Parete con chitina Plantae: organismi fotosintetici adatti alla vita terrestre. Pluricellulari, costituite da cellule eucariote circondate da parete cellulosica. Fotosintetiche. Differenziazione di organi specializzati. Riproduzione sessuale. Eukarya


Scaricare ppt "Esercitazioni: Laboratorio Microscopia PP1 Lunedì 26 marzo 2007: BU (A: 14:00-15.15; B: 15.15-16.30 C: 16.30-17.45) Martedì 27 marzo 2007: BCM (D: 14:00-15.15;"

Presentazioni simili


Annunci Google