La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Facoltà di Farmacia Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Insegnamento di Biologia animale e Microbiologia AA 2007 - 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Facoltà di Farmacia Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Insegnamento di Biologia animale e Microbiologia AA 2007 - 2008."— Transcript della presentazione:

1 Facoltà di Farmacia Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Insegnamento di Biologia animale e Microbiologia AA

2 Gli organismi viventi Tutti gli organismi viventi sono composti da cellule. Nuove cellule sono generate da cellule preesistenti. Il corpo di un animale è formato da miliardi di cellule, in questi organismi pluricellulari, i processi vitali dipendono dalle funzioni coordinate delle cellule organizzate per formare organi e tessuti e apparati. Alcune delle forme di vita più semplici sono unicellulari come i protozoi sono quindi costituite da ununica cellula. 2

3 Ambiente esterno e membrane cellulari Ogni cellula è distinta dallambiente esterno per mezzo di una membrana plasmatica, la membrana regola una serie di fenomeni importanti per la biologia cellulare. La membrana è in grado di regolare il passaggio di materiale tra ambiente sterno e interno. Le cellule contengono linformazione genetica che risiede nel DNA. Allinterno delle cellule è possibile riconoscere strutture interne chiamate organelli con precise funzioni. 3

4 Gli organismi viventi

5 Sviluppo e ambiente Gli organismi viventi si sviluppano mediante aumento del numero di cellule o delle loro dimensioni oppure di entrambi. Alcune delle forme di vita più semplici sono unicellulari come i protozoi sono quindi costituite da ununica cellula. Esistono due tipi di cellule le procariotiche esclusive di forme di vita inferiori per organizzazione (batteri) ed eucariotiche per tutti gli altri organismi queste contengono organelli e nucleo delimitato da membrana. 5

6 Quando un prodotto ad esempio è in quantità sufficiente la sua produzione viene limitata. Un esempio tipico è quello del glucosio disponibile nel sangue quando il suo livello aumenta viene immagazzinato, mentre se il suo livello diminuisce viene liberato nel sangue. Tutte le forme di vita rispondono agli stimoli di natura diversa: fisici chimici provenienti dall ambiente esterno ma anche dallambiente interno. Metabolismo: reazioni chimiche avvengono continuamente allinterno di ogni organismo vivente, sono reazioni essenziali per il nutrimento, per la crescita. E la trasformazione dellenergia. Per metabolismo si intendo le reazioni metaboliche che devono essere accuratamente regolate per garantire lequilibrio interno. (omeostasi). 6

7 Ambiente e stimoli Diversità degli stimoli: cambiamenti di colore, o intensità e direzione della luce, ma anche temperatura, pressione e suono, anche di natura chimica in relazione allaria e allacqua. Tutte le forme di vita rispondono agli stimoli di natura diversa: fisici chimici provenienti dall ambiente esterno ma anche dallambiente interno Negli organismi unicellulari lintero organismo è in grado di rispondere agli stimoli 7

8 Gli organismi viventi

9 Movimento e locomozione La risposta agli stimoli è talvolta il movimento a volte la locomozione In alcune forme di vita lo spostamento può essere il risultato di un movimento di tipo ameboide (scivolamento) in altre forme è loscillazione di piccole parti come ciglia e flagelli a determinare il movimento (i batteri utilizzano la rotazione dei flagelli). Anche le forme di vita vegetali sono in grado di rispondere agli stimoli, in relazione alla presenza di luce, acqua, etc. 9

10

11 Generazione spontanea Francesco Redi e Louis Pasteur chiarirono definitivamente i principi relativi alla riproduzione degli organismi viventi, prima di allora si credeva alla generazione spontanea Ciascun essere vivente deriva da un altro organismo vivente mediante riproduzione sessuata o asessuata Lameba è un organismo che si riproduce in modo asessuale semplicemente dividendosi in due, dopo avere raddoppiato il suo materiale genetico La stragrande maggioranza di piante e animali si riproducono mediante riproduzione sessuale. 11

12 Gli organismi viventi In tutti gli organismi viventi avvengono reazioni chimiche e trasformazioni chimiche. Crescita, nutrimento, riparazioni di danni cellulari, trasformazione dell energia in forme utilizzabili. 12

13 Organizzazione biologica Livelli di organizzazione Livello chimico, con atomi, molecole e cellule. Per cellula intendiamo il componente più semplice della materia vivente in grado di svolgere tutte le unzioni necessarie per vivere. Le cellule si organizzano in tessuti che a loro volta sono integrati in organi ma un organismo è molto di più dellassociazione degli organi che lo compongono. 13

14 Organizzazione ecologica

15

16 riproduzione La riproduzione sessuale avviene mediante cellule specializzate spermatozoi e cellule uovo che si uniscono a formare luovo fecondato che originerà lindividuo adulto. La prole è il prodotto dellinterazione dei due assetti genetici forniti sia dal padre che dalla madre. Le variazioni genetiche sono alla base dei processi vitali dellevoluzione e delladattamento. Per adattamento si intende la capacità di una specie di evolvere (milioni di anni),e adattarsi allambiente che la circonda. 16

17 Linformazione di cui necessita un organismo vivente sottoforma di impulsi elettrici o sostanze chimiche. Negli organismi che si riproducono in modo sessuato, ogni figlio è combinazione delle caratteristiche (geni) dei suoi genitori. Watson e Crick nel 1953 hanno scoperto la molecola del DNA costituita da geni alla base del materiale ereditario. La loro scoperta portò alla comprensione del codice genetico che può codificare milioni di informazioni differenti necessarie allo sviluppo dellorganismo e della sua diversità. Il DNA è un esempio dellunicità della vita il suo modello di trasmissione dei caratteri è valido per qualsiasi essere vivente. Il DNA è il codice per la sintesi delle proteine. Informazione genetica 17

18 I geni sono responsabili del controllo dello sviluppo e del funzionamento di ciascun organismo. Le proteine sono grosse molecole derivate dalla lettura del codice genetico. Le loro funzioni sono numerose e diversificate se si pensa alle cellule nervose o muscolari. Sono determinati per la struttura e funzione cellulare, trasporto, comunicazione, messaggeri chimici, ormoni. Possono regolare processi di trasformazione e sviluppo nei processi metabolici di un organismo. ormoni Informazione genetica 18

19 Informazione genetica Il DNA contiene la ricetta per creare tutte le proteine necessarie allorganismo, queste molecole sono importanti nel determinare struttura e funzione delle cellule e dei tessuti. Alcune proteine svolgono un ruolo importante per la comunicazione cellulare con lambiente esterno o fra le cellule o con linterno cellulare. Le loro funzioni sono molte possono servire come marker per fare in modo che le altre cellule riconoscano la cellula, altre proteine disposte sulla superficie servono come recettori di segnali chimici. Possono regolare i processi di trasformazione e di sviluppo nei processi metabolici di un organismo pluricellulare. Uno dei campi di interesse è il passaggio di informazioni che riguarda le cellule del sistema immunitario. 19

20 Trasmissione dell informazione Gli ormoni sono messaggeri chimici in grado di trasmettere informazioni da una parte allaltra dellorganismo, un ormone può indurre una cellula a produrre una particolare proteina o altro. Molti organismi usano segnali elettrici per trasmettere informazioni, la maggior parte degli organismi superiori possiede un sistema nervoso in grado di trasmettere le informazioni sia sottoforma di segnale elettrico che mediante molecole dette neuro trasmettitori. Le informazioni possono essere trasmesse da un individuo ad un altro : mediante rilascio di composti chimici, stimoli sonori o visivi. La trasmissione di queste informazione fa parte della comunicazione che può essere mediata da diverse forme di comportamento. 20

21 Informazione genetica La teoria dellevoluzione è il concetto unificante in biologia, spiega come le popolazioni di organismi sono cambiate nel tempo. Elementi tipici di questa teoria sono presenti in tutti i campi della biologia. 21

22 Specie classificazione Fino ad oggi sono state identificate 1,7 milioni di specie viventi, i biologi usano un sistema binomiale per classificare gli organismi formato da due sostantivi di cui il primo indica il genere e il secondo la specie. La sistematica è un modo per organizzare e classificare e assegnare un nome alle molteplici forme di vita. Stabilisce anche le correlazioni tra organismi differenti. La tassonomia valuta la nomenclatura e la classificazione degli organismi. La sistematica è ancora basata sullopera del botanico svedese Carlo Linneo (XVIII° secolo). 22

23 Specie classificazione Lunità di base per classificare è la specie cioè un gruppo di organismi con natura struttura e funzione e comportamento simili, in natura si incrociano solo tra di loro e tutti i membri hanno un insieme comune di geni oltre che derivare da un antenato comune. Le specie strettamente correlate tra di loro costituiscono il genere, un certo numero di generi correlati costituiscono le famiglie, che a loro volta possono essere raggruppati in classi le classi in phyla e quindi in regni assegnati poi a i domini. Il sistema binomiale si basa sullattribuzione ad ogni organismo vivente di un nome doppio in cui la prima parte indica il genere e la seconda la specie. Il nome descrive a volte una caratteristica di un particolare organismo vivente, e viene istinto in due parti una distingue il gener ela seconda la specie. 23

24 Specie classificazione DOMINIOREGNO PHYLUM CLASSE ORDINE FAMIGLIA GENERE SPECIE 24 Ciascuna categoria è più generale ed inclusiva di quella che segue

25 Antenato comune eubatteri archeobatteri animali funghi piante protisti REGNI EUBACTERIA ARCHAEA EUKARYA Procarioti unicellulari Eucarioti

26 Regno protisti La sistematica si è evoluta mediante le attuali tecnologie molecolari, i Biologi non sono in accordo su correlazione e classificazione ma molti assegnano gli organismi a tre domini e sei regni. protisti protozoi alghe Muffe dacqua Eucarioti uni o pluricellulari alcuni protisti sono fotosintetici 26

27 piante Piante non vascolarizzate (muschi) Piante vascolarizzate (felci conifere piante e fiori) Muffe dacqua Eucarioti pluricellulari in grado di svolgere attività fotosintetica Le piante hanno la cuticola che è una copertura cerosa per evitare la perdita di acqua ma anche stomi e gametangi 27

28 Evoluzione e teoria della selezione naturale Gli organismi possono essere assegnati a tre domini e sei regni. Ogni organismo è il prodotto dellinterazione tra i suoi geni e le condizioni dellambiente. Organismi appartenenti ad una sola specie identici tra loro potrebbero soccombere ad un eventuale cambiamento dell ambientale andando incontro all estinzione. Gli adattamenti sono risultato di processi evolutivi che avvengono in periodo molto lunghi e coinvolgono molti generazioni. Levoluzione della specie fu teorizzata da Charles Darwin nel 1859, nel suo trattato lautore formulava alcuni postulati: 28

29 1.Ogni individuo è differente dallaltro nellambito della stessa specie (noi sappiamo che è vero perché conosciamo la struttura del DNA). 2.Nascono più organismi di quelli in grado di sopravvivere. 3.Gli individui competono per usufruire delle risorse naturali come cibo, spazio, luce e gli individui che hanno caratteristiche vantaggiose hanno più possibilità di originare una progenie. 4.Gli individui che sopravvivono si riproducono e trasmettono le loro caratteristiche alle generazioni future. (La diversità degli individui è prodotta in maniera casuale dalle mutazioni a carico del DNA, sia fisiche che chimiche, le mutazioni sono ereditabili). Evoluzione e teoria della selezione naturale 29

30 Si tratta di tre specie animali con un antenato comune che ha colonizzato nel corso delle generazioni tre ambienti con caratteristiche di presenza alimentare differenti. In relazione al tipo di alimentazione le specie quindi hanno sviluppato un becco dalla forma diversa. In questo caso a determinare la adattamento è stato lambiente, che metteva a disposizione un particolare tipo di alimentazione.

31 Energia Per organismi autotrofi (Piante, alghe, batteri) si intendono organismi definiti produttori che sono in grado di impiegare lenergia solare come fonte di energia e materiali semplici per produrre in maniera autonoma il proprio alimento. Sono in genere fotosintetici e sono in grado di sintetizzare molecole complesse a partire da CO2 e acqua. Lenergia luminosa è trasformata in energia chimica ed è accumulata nei legami chimici delle molecole dell alimento prodotto. Lossigeno è un sottoprodotto della fotosintesi CO2 + acqua + E zuccheri + O2 31

32 GLI ECOSITEMI DIPENDONO DA UN CONTINUO APPORTO DI ENERGIA. GLI ECOSISTEMI SONO COSTIUTI DA TRE TIPI DI ORGANISMI PRODUTTORI, DECOMPOSITORI, CONSUMATORI. GLI ORGANISMI NON SONO IN GRADO DI CREARE ENERGIA, DURANTE OGNI TRASFORMAZIONE LENERIA VIENE DISPERSA NELLAMBIENTE. I PRDOUTTORI (AUTOTROFI) RICAVANO ENERGIA DALLA LUCE SOLARE, MENTRE I CONSUMATORI DA DALLA DEGRADAZIOONE DI ZUCCHERI E ALTRE MOLECOLE. 32

33 ALTRE ATTIVITA OMEOSTASI, MOVIMENTO DI MATERIALI, ACCRESCIMENTO E SVILUPPO, RIPRODUZIONE LOCOMOZIONE SINTESI STRUTTURE E MATERIALI NECESSARI RESPIRAZIONE CELLULARE (Degradazione delle molecole) ENERGIA NUTRIZIONE 33 Materia prima Carburante

34 ZUCCHERI + O2 CO2 + ACQUA + E CONSUMATORI PRODUTTORI CO2 + acqua + E zuccheri + O2 Energia ZUCCHERI + O2 CO2 + ACQUA + E

35 Energia Per organismi eterotrofi si intendono organismi consumatori che dipendono dai produttori per cibo, energia, e ossigeno. Ricavano energia (gli eterotrofi) degradando il glucosio e altre molecole originariamente prodotte durante la fotosintesi,quando durante la respirazione cellulare si ha la rottura dei legami chimici lenergia immagazzinata viene resa disponibile per i processi vitali. Batteri e funghi sono decompositori fanno in modo che i componenti dei materiali di scarto possano essere riutilizzati. 35

36


Scaricare ppt "Facoltà di Farmacia Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Insegnamento di Biologia animale e Microbiologia AA 2007 - 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google