La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Creazione di archivi tramite Data Base Dal modello Concettuale E-R al modello Logico Esempio di relazione N:N Autore M. Lanino.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Creazione di archivi tramite Data Base Dal modello Concettuale E-R al modello Logico Esempio di relazione N:N Autore M. Lanino."— Transcript della presentazione:

1 Creazione di archivi tramite Data Base Dal modello Concettuale E-R al modello Logico Esempio di relazione N:N Autore M. Lanino

2 Testo del problema Si implementi lo schema concettuale E-R e si fornisca lelenco delle tabelle relative ad una Base Dati che tenga conto delle verifiche che gli studenti di una classe svolgono durante lanno nelle varie materie del loro piano di studi. Regole di derivazione dal modello E-R

3 Prima versione Si tratta di una relazione fra lentità STUDENTE e lentità MATERIA di tipo N:N, infatti : un allievo svolge più prove nelle varie materie e per ciascuna materia vengono valutati più allievi in ciascuna verifica. 1,NStudente Materia 1,N Materia MATR Data_N ID_M Nome_MNome Indirizzo Verificato in Voto Data Verificato in Si noti poi che anche la relazione Verificato in deve presentare degli attributi, ad esempio: Data di svolgimento e Voto conseguito nella prova. Regole di derivazione dal modello E-R

4 Occorre effettuare delle modifiche: VERIFICA STUDENTEMATERIA In questi casi è bene scomporre la relazione N:N con due relazioni 1:N e N:1, facendo comparire una nuova entità (VERIFICA) derivata dalla relazione (Verificato in) che univa le entità primarie (STUDENTE e MATERIA). Si ottiene una seconda versione del modello E-R, più funzionale e adatta a diventare un modello logico ed un archivio. Regole di derivazione dal modello E-R

5 Seconda versione 1,1Studente Verifica 1,N Verifica MATR Data_N ID_M Nome_M Riferita a Voto Data Materia 1,1 Materia Sostiene 1,N Nome Indirizzo Lentità aggiuntiva (VERIFICA) diventerà una tabella che si andrà ad aggiungere alle altre due (STUDENTE e MATERIA). Regole di derivazione dal modello E-R

6 Struttura dellarchivio Larchivio risulterà formato dalle seguenti Tabelle: Studente Studente (Matr, Nome,Indirizzo,Data_N) Materia Materia (ID_M, Nome) Verifica Verifica (Data, Voto, Matr, ID_M) Si noti che la tabella Verifica contiene, oltre ai suoi attributi, anche le chiavi primarie delle tabelle a cui risulta collegata (Matr e ID_M) Regole di derivazione dal modello E-R Torna al modello E-R

7 1.Ogni ENTITA diventa un ARCHIVIO ( Tabella in Access ) 2.Ogni istanza di unentità sarà perciò un Record dellarchivio (Tabella) 3.Ogni ATTRIBUTO di unentità diventa un CAMPO di ciascuno dei record dell archivio (Tabella) e ne eredita le caratteristiche 4.Lidentificatore univoco di unentità diventa Chiave Primaria (Primary Key) del record dellarchivio (Tabella) 5.Lassociazione UNO a UNO diventa un archivio unico (Tabella unica) contenente gli attributi di entrambe le entità 6.Lassociazione UNO a MOLTI si traduce in due archivi, uno per ciascuna delle entità della relazione 7.Lidentificatore univoco dellentità di partenza nellassociazione UNO a MOLTI diventa Chiave Esterna (Foreign Key) dellentità di arrivo, cioè lattributo che è PK del primo archivio diventa un campo dei record del secondo archivio 8.Lassociazione MOLTI a MOLTI diventa un nuovo archivio (Tabella) in aggiunta ai due archivi derivati dalle due entità legate dallassociazione. Questo nuovo archivio sarà formato da record che contengono le PK degli altri archivi più gli eventuali attributi dellassociazione Torna al Testo Regole di derivazione


Scaricare ppt "Creazione di archivi tramite Data Base Dal modello Concettuale E-R al modello Logico Esempio di relazione N:N Autore M. Lanino."

Presentazioni simili


Annunci Google