La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Piano Triennale di Interventi in materia di ISTRUZIONE, DIRITTO ALLO STUDIO, LIBERA SCELTA EDUCATIVA per gli anni 2009-2011 Presentazione a cura dell’AGeSC.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Piano Triennale di Interventi in materia di ISTRUZIONE, DIRITTO ALLO STUDIO, LIBERA SCELTA EDUCATIVA per gli anni 2009-2011 Presentazione a cura dell’AGeSC."— Transcript della presentazione:

1 Il Piano Triennale di Interventi in materia di ISTRUZIONE, DIRITTO ALLO STUDIO, LIBERA SCELTA EDUCATIVA per gli anni Presentazione a cura dell’AGeSC del Piemonte

2 La Legge Regionale n. 28 del 28/12/2007 ha definito il quadro normativo per gli interventi in materia di istruzione della Regione Piemonte: le finalità, gli obiettivi strategici, le classi di intervento ed i destinatari Il Piano Triennale definisce il quadro applicativo della legge: priorità, criteri e modalità di effettuazione degli interventi.

3 Il piano identifica le seguenti priorità: Garantire il diritto all’istruzione nelle scuole di ogni ordine e grado e tutelare il principio di libertà di scelta educativa Prevenzione e recupero dell’abbandono scolastico per disagio geografico Integrazione scolastica di alunni disabili o con esigenze educative speciali Integrazione scolastica degli alunni di nazionalità straniera Attività di orientamento e raccordo tra i sistemi di Istruzione e Formazione e Lavoro Adeguamento e miglioramento dell’edilizia scolastica

4 Spiccano, tra le varie tipologie di intervento identificate nella Legge Regionale, alcune misure che più direttamente interessano le famiglie : 1.Interventi la cui attuazione è demandata a Provincie e/o Comuni o Comunità montane: 1.ASSISTENZA SCOLASTICA (trasporti, mense) 2.SOSTEGNO AD ALUNNI DISABILI O CON ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI (trasporti e sostegno) 3.DOTAZIONI LIBRARIE 4.CONTRIBUTI PER SPESE RESIDENZIALI 2.Interventi diretti a favore delle famiglie e degli alunni correlate alla situazione reddituale ISEE 1.A SSEGNO DI STUDIO (art. 12) a.P er spese Iscrizione e Frequenza b.P er libri di testo, attività integrative e trasporti 2.BORSE DI STUDIO per famiglie in situazione di disagio economico (L. 62/2000 e L.R. 28/2007 – Art. 11) 3.Interventi diretti a favore degli alunni meritevoli delle scuole secondarie di secondo grado: 1.VALORIZZAZIONE DELLE ECCELLENZE (art.10, c.1) (Non correlato al reddito ISEE) 2.CONTRIBUTO PER MERITO SCOLASTICO (Art.10, c.2) (Correlato al reddito ISEE)

5 l’Assegno di Studio della REGIONE PIEMONTE A C U R A D E L L ’ A G e S Presentazione a cura dell’AGeSC del Piemonte

6 L.R. 28/2007 – art. 12 comma 1 lettere A e B La legge regionale 28 dicembre 2007 n. 28 ha abrogato le precedenti leggi regionali in materia di “Buono Scuola”. L’articolo 12 comma 1 della legge regionale prevede oggi l’erogazione da parte della Regione Piemonte di ASSEGNI DI STUDIO a parziale copertura delle spese per: lettera a)- ISCRIZIONE E FREQUENZA, lettera b)- LIBRI DI TESTO, ATTIVITÀ INTEGRATIVE PREVISTE DAI PIANI DELL’OFFERTA FORMATIVA, TRASPORTI. L’articolo 12 comma 3 della legge 28 specifica che: non è ammessa la richiesta per il medesimo studente di entrambi gli assegni. IMPORTANTE: Se la famiglia presenta ERRONEAMENTE la domanda su entrambi i bandi, per lo stesso studente, non riceve nessun contributo

7 l’assegno è riconosciuto secondo graduatorie basate sull’indicatore ISEE (il certificato è rilasciato dai C.A.F. o Comune di Residenza o uffici INPS). Limite massimo a €: è l’indice ISEE entro il quale è ammissibile la richiesta del contributo (rettificato in caso di CIG,CIGS, Disoccupazione) Contributo diversificato per ordine di scuola e fascia ISEE Cosa prevede ISCRIZIONE e FREQUENZA Da 540 a euro Trasporti, Attività Integrative e Libri Da 120 a 600 euro Contributo diversificato per tipologia di spesa (solo una tipologia per alunno e solo spese documentate) Elevabile del 70% per alunni disabili o con esigenze educative speciali

8 Chi sono i destinatari famiglie di studenti residenti in Piemonte…..che frequentano nell’anno 2008/2009, in una qualunque regione,...la scuola primaria o secondaria di primo e secondo grado.. … Statale o Paritaria... …o corsi di formazione professionale di agenzie formative accreditate finalizzati all’assolvimento dell’obbligo formativo (solo per assegno di cui alla lettera B) ‼ (L’indicazione del nucleo familiare di riferimento e la situazione reddituale sono determinate secondo i criteri ISEE)

9 PER SPESE DI ISCRIZIONE E FREQUENZA ASSEGNO di cui alla lettera A: PER SPESE DI ISCRIZIONE E FREQUENZA Quali sono le uniche spese ammissibili ? Spese e contributi di iscrizione Spese di frequenza SOLO QUELLE DOCUMENTABILI sostenute nell’anno scolastico 2008 – 2009

10 Spese per servizi di mensa e convitto Spese per viaggi di istruzione Spese per sussidi e materiali didattici Spese per attività integrative ed extracurriculari Spese per attività di arricchimento formativo Spese per libri di testo Spese per trasporti PER SPESE DI ISCRIZIONE E FREQUENZA ASSEGNO di cui alla lettera A: PER SPESE DI ISCRIZIONE E FREQUENZA E quelle non ammissibili ?

11 RIEPILOGO SPESE (documentate) Tipologia Lettera A Iscrizione e Frequenza Lettera B Libri di Testo, attività integrative e trasporti Spese e contributi di iscrizioneSI no Spese di frequenzaSI no Servizi di mensa, convitto, pre/dopo scuolano Viaggi di istruzioneno Libri di testono Si (parte eccedente L.448/97 ) Sussidi e materiali didatticino Attività integrativeno Si, se previste dal POF Trasporti casa/scuolanoSI

12 Condizioni di ammissibilità ISTITUZIONE SCOLASTICA FAMIGLIA DEVE ESSERE: STATALE, PARITARIA O ACCREDITATA E IN POSSESSO DEL RICONOSCIMENTO NELL’ANNO SCOLASTICO 2008–2009 La certificazione delle spese di iscrizione e frequenza, con timbro e firma, non è più richiesta studente con residenza in Piemonte Indice della situazione economica equivalente (ISEE) non superiore ad € ,00 presentata 16/04/2009 domanda presentata o spedita (raccomandata) entro il 16/04/2009 domanda correttamente compilata e accompagnata dalla copia del documento di identità del richiedente aver richiesto per lo stesso figlio un solo tipo di contributo:  lettera A (iscrizione/frequenza)  o  lettera B (Libri/Integrative/Trasporti) SI DEVE CONSERVARE TUTTA LA DOCUMENTAZIONE DI TUTTE LE SPESE PER ALMENO 5 ANNI

13 Lettera A: Spese Iscrizione e frequenza che non potrà comunque essere superiore alla spesa documentata Lettera A: Spese Iscrizione e frequenza Qual è il contributo massimo erogabile per ogni alunno ? che non potrà comunque essere superiore alla spesa documentata ISEE dichiarata (Rettificata del: -20% se nel primo trimestre 2009 in CIG o senza lavoro e con indennità disoccupazione ordinaria -35% se senza lavoro e SENZA indennità disoccupazione) CONTRIBUTO MASSIMO EROGABILE PER FIGLIO Scuola Primaria Scuola Secondaria di primo grado Scuola Secondaria di secondo grado Inferiore o uguale a ,00 € € 1.080,00€ 1.440,00€ 1.920,00 da ,01 a ,00€ € 810,00€ 1.080,00€ 1.440,00 da ,01 a ,00 € € 540,00€ 720,00€ 960,00 Elevato del 70% per alunni disabili o con esigenze educative speciali

14 Lettera B: Spese Trasporti, attività integrative che non potrà comunque essere superiore alla spesa documentata Lettera B: Spese Trasporti, attività integrative Qual è il contributo massimo erogabile per ogni alunno ? che non potrà comunque essere superiore alla spesa documentata ISEE dichiarata (Rettificata del: -20% se nel primo trimestre 2009 in CIG o senza lavoro e con indennità disoccupazione ordinaria -35% se senza lavoro e SENZA indennità disoccupazione) CONTRIBUTO MASSIMO EROGABILE PER FIGLIO Scuola Primaria Scuola Secondaria di primo grado Scuola Secondaria di secondo grado Inferiore o uguale a ,00 € € 240,00€ 360,00€ 600,00 da ,01 a ,00€ € 180,00€ 270,00€ 450,00 da ,01 a ,00 € € 120,00€ 180,00€ 300,00 Elevabile del 70% per alunni disabili o con esigenze educative speciali

15 Come si calcola l’ ISEE ? CALCOLARE L’IMPORTO DEI REDDITI EQUIVALENTI DEL NUCLEO FAMILIARE REDDITI DICHIARATI NELL’ANNO 2008 PER L’ANNO 2007 Per ogni persona produttrice di reddito, occorre utilizzare: - mod. CUD, ricevuto nell’anno 2008 per i redditi del mod presentato nell’anno 2008 per i redditi del mod. UNICO presentato nell’anno 2008 per i redditi del redditi percepiti all’estero, convertiti in euro - eventuali altri redditi imponibili - dati sul patrimonio mobiliare (c/correnti, depositi, ecc. al 31/12/2008) - redditi del patrimonio immobiliare (case e terreni) al 31/12/2008

16 PRECISAZIONE Come mai si considerano i redditi maturati nell’anno 2007, mentre la situazione patrimoniale mobiliare ed immobiliare deve essere riferita al 31/12/2008? Il Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 109 “Definizioni di criteri unificati di valutazione della situazione economica dei soggetti che richiedono prestazioni sociali agevolate, a norma dell'articolo 59, comma 51, della legge 27 dicembre 1997, n. 449” pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 90 del 18 aprile 1998, che disciplina le modalità di valutazione dell’ISEE, dispone che, il patrimonio mobiliare ed immobiliare, sia valutato in base alla situazione in essere al 31 dicembre dell'anno precedente a quello di presentazione della domanda, indipendentemente dal periodo di possesso nel periodo d'imposta considerato. NE CONSEGUE CHE, DOVENDO PROCEDERE A RICHIEDERE LA CERTIFICAZIONE NEI MESI DI FEBBRAIO – MARZO – APRILE 2009, LA SITUAZIONE PATRIMONIALE DEVE ESSERE RIFERITA AL 31/12/2008.

17 IL COEFFICIENTE DI RIDUZIONE DEL REDDITO VARIA IN FUNZIONE DELLA COMPOSIZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE N.B.: 0,35 PER OGNI COMPONENTE IN PIÙ OLTRE AL QUINTO 0,20 IN PIÙ PER PRESENZA DI MINORI CON UN SOLO GENITORE 0,50 PER OGNI PORTATORE D’HANDICAP PSICOFISICO PERMANENTE O CON GRADO INVALIDITA’ MAGGIORE DEL 66% COMPONENTIPARAMETRO 11,00 21,57 32,04 42,46 52,85 ISEE della famiglia

18 SI DEVE ACCEDERE ad uno tra: UN C.A.F. AUTORIZZATO IL COMUNE DI RESIDENZA GLI UFFICI DELL’INPS CON LA DOCUMENTAZIONE COMPLETA ATTENZIONE ! - se ISEE è maggiore di € NON si ha diritto al contributo Come si ottiene la certificazione dell’indicatore della situazione economica (ISEE) ?

19 MODALITA’ DI FORMULAZIONE DELLE GRADUATORIE Per la formazione della graduatoria, valgono criteri diversi: Lettera A ISCRIZIONE e FREQUENZA Lettera B Trasporti, Attività Integrative, libri Rapporto tra Spese Ammissibili _______________________________________________________________ Indicatore ISEE ( rettificato ) + alto è il rapporto + alta la posizione in graduatoria Indicatore ISEE ( rettificato ) in ordine crescente + alto è l’indicatore + bassa la posizione in graduatoria

20 INFORMAZIONI CONCLUSIVE Presentare Una e una sola domanda di assegnazione per ogni studente…..Utilizzando il modello unificato (Determina Reg.Piemonte n. 66 del 6/02/2009) o conforme a quello unificato…...Compilando: –Per lettera A (iscrizione) : pagg e Sez. 2A di pag. 4 –Per lettera B (Trasporti..): pagg e Sez. 2B di pag. 4..Allegando la sola carta identità del dichiarante.. 23 febbraio 16 aprile tra il 23 febbraio ed il 16 aprile Se il contributo ottenibile per l’alunno è inferiore ad € 25,00, il contributo non viene erogato

21 INFORMAZIONI CONCLUSIVE NEL CASO LA FAMIGLIA ABBIA PIU’ STUDENTI … È possibile presentare PER CIASCUN FIGLIO UNA E UNA SOLA DOMANDA PER UNO SOLO DEI DUE BANDI

22 INFORMAZIONI CONCLUSIVE Sulla domanda devono essere indicati gli estremi dichiarazione ISEE compilata dal C.A.F. Allegare alla domanda solo COPIA DOCUMENTO DI IDENTITA’ del richiedente La domanda deve essere COMPLETA in ogni sua parte La domanda deve essere PRESENTATA AL COMUNE SEDE DELL’ISTITUZIONE SCOLASTICA autonoma o, se fuori regione, al Comune di residenza –Se il Comune NON ha indicato le modalità di presentazione le domande vanno spedite per Raccomandata entro il termine del 16/04/2009 Procurarsi e conservare con cura tutte le ricevute, le quietanze e la documentazione relativa alla domanda

23 INFORMAZIONI CONCLUSIVE Il bando ed i moduli sono: –Reperibili presso gli URP (Uffici Relazioni con il Pubblico) della Regione Piemonte e dei Comuni sede di Istituzione scolastica autonoma –scaricabili dal sito della Regione Piemonte alla pagina: Ulteriori informazioni possono essere richieste ai suddetti U.R.P. ed al Call Center della Regione Piemonte al numero verde gratuito

24 l’Assegno di Studio della REGIONE PIEMONTE Presentazione a cura dell’AGeSC Regionale del Piemonte FINE DELLA PRESENTAZIONE


Scaricare ppt "Il Piano Triennale di Interventi in materia di ISTRUZIONE, DIRITTO ALLO STUDIO, LIBERA SCELTA EDUCATIVA per gli anni 2009-2011 Presentazione a cura dell’AGeSC."

Presentazioni simili


Annunci Google