La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dal NOP al CPI: entro il 2009 certificato a tutte le attività Arch. Valter Cirillo – CNVVF - DCPST – Area prevenzione incendi CONVEGNO: COSI’ CAMBIA LA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dal NOP al CPI: entro il 2009 certificato a tutte le attività Arch. Valter Cirillo – CNVVF - DCPST – Area prevenzione incendi CONVEGNO: COSI’ CAMBIA LA."— Transcript della presentazione:

1 Dal NOP al CPI: entro il 2009 certificato a tutte le attività Arch. Valter Cirillo – CNVVF - DCPST – Area prevenzione incendi CONVEGNO: COSI’ CAMBIA LA PREVENZIONE INCENDI – Roma 14 giugno 2007

2 LEGGE 7 DICEMBRE 1984 N. 818 LEGGE 7 DICEMBRE 1984 N. 818 consente alle attività sorte prima del 10/12/1984 sprovviste di certificato di prevenzione incendi di proseguire l’esercizio dotandosi di un nulla osta provvisorio ( n.o.p. ) entro il 31/12/1991 il n.o.p. veniva rilasciato dai comandi vv.f. controllando le dichiarazioni e le certificazioni predisposte da professionisti iscritti negli elenchi del ministero dell’interno (d.m. 25/3/1985) la documentazione e le certificazioni dovevano dimostrare l’osservanza delle misure più urgenti ed essenziali contenute nel d.m. 8/3/1985

3 MISURE URGENTI ED ESSENZIALI DI PREVENZIONE INCENDI ( d.m. 8/3/1985 ) generalità (impianti elettrici, estintori, …) aerazione divieti e limitazioni sistemi di vie di uscita comportamento al fuoco delle strutture impianti fissi di estinzione illuminazione di sicurezza servizio di emergenza in caso di incendio aree a rischio specifico (c.t., autorimesse, depositi, ascensori) Per alcune attività era già previsto il rispetto integrale della normativa (distributori carburanti, depositi oli minerali, esplosivi, materiale radioattivo, piattaforme perforazione, oleodotti) MISURE URGENTI ED ESSENZIALI DI PREVENZIONE INCENDI ( d.m. 8/3/1985 ) generalità (impianti elettrici, estintori, …) aerazione divieti e limitazioni sistemi di vie di uscita comportamento al fuoco delle strutture impianti fissi di estinzione illuminazione di sicurezza servizio di emergenza in caso di incendio aree a rischio specifico (c.t., autorimesse, depositi, ascensori) Per alcune attività era già previsto il rispetto integrale della normativa (distributori carburanti, depositi oli minerali, esplosivi, materiale radioattivo, piattaforme perforazione, oleodotti)

4 DPR 12 GENNAIO 1998 N. 37 DPR 12 GENNAIO 1998 N. 37 chi gestisce una attività che ha ottenuto il n.o.p. e che non ha subito modifiche tali da comportare una alterazione delle preesistenti condizioni di sicurezza deve: osservare le misure più urgenti ed essenziali ( d.m. 8/3/1985) osservare le misure più urgenti ed essenziali ( d.m. 8/3/1985) osservare gli obblighi connessi con l’esercizio dell’attività (art. 5 DPR 37/1998) osservare gli obblighi connessi con l’esercizio dell’attività (art. 5 DPR 37/1998) adeguare l’attività alla normativa di p. i. per ottenere il CPI entro i termini temporali ivi stabiliti. Per attività prive di regola tecnica il M.I. provvede a emanare apposite direttive per il superamento del NOP. adeguare l’attività alla normativa di p. i. per ottenere il CPI entro i termini temporali ivi stabiliti. Per attività prive di regola tecnica il M.I. provvede a emanare apposite direttive per il superamento del NOP. nelle suddette ipotesi il n.o.p. mantiene la propria validità se invece variano le condizioni il n.o.p. decade e deve essere richiesto il c.p.i.

5 D.M. 29 DICEMBRE 2005 D.M. 29 DICEMBRE 2005 entrato in vigore il 1 giugno 2006 si applica ad attività: soggette al rilascio del c.p.i. (16/2/1982) soggette al rilascio del c.p.i. (16/2/1982) preesistenti al 10/12/1984 preesistenti al 10/12/1984 che hanno un n.o.p. in corso di validità che hanno un n.o.p. in corso di validità per le quali non siano state emanate specifiche norme di per le quali non siano state emanate specifiche norme di adeguamento finalizzate all’ottenimento del c.p.i. adeguamento finalizzate all’ottenimento del c.p.i. TALI ATTIVITA’ POSSONO ESERCIRE CON IL N.O.P. FINO AL 1/6/ 2009

6 DOPO IL 1 GIUGNO 2009 L’ESERCIZIO DELL’ATTIVITA’ E’ CONSENTITO SOLTANTO CON IL C.P.I. ( D.I.A.) per ottenere il c.p.i. è necessario richiedere il parere di conformità sul progetto ed il sopralluogo secondo gli artt. 2 e 3 del DPR 37/98 il progetto deve dimostrare la rispondenza dell’attività alle vigenti norme o criteri di prevenzione incendi (tra cui il DM 10 marzo 1998)

7 Dopo il 1985 le attività che hanno specifiche norme transitorie valide per il superamento del regime di n.o.p. sono varie: edifici di civile abitazione ( d.m. 16/5/1987, n. 246, punto 8 ) edifici di civile abitazione ( d.m. 16/5/1987, n. 246, punto 8 ) edifici storici adibiti a musei ( d.m. 20/5/1992, n. 569, capo VI ) edifici storici adibiti a musei ( d.m. 20/5/1992, n. 569, capo VI ) scuole ( d.m. 26/8/1992, punto 13 ) scuole ( d.m. 26/8/1992, punto 13 ) alberghi ( d.m. 9/4/1994, titolo II parte II; d.m. 6/10/2003) alberghi ( d.m. 9/4/1994, titolo II parte II; d.m. 6/10/2003) edifici storici adibiti a biblioteche ( dpr 30/6/1995, n. 418, art. 12 ) edifici storici adibiti a biblioteche ( dpr 30/6/1995, n. 418, art. 12 ) locali di pubblico spettacolo ( d.m. 19/8/1996, titolo XIX ) locali di pubblico spettacolo ( d.m. 19/8/1996, titolo XIX ) strutture sanitarie ( d.m. 18/9/2002, titolo III ) strutture sanitarie ( d.m. 18/9/2002, titolo III ) uffici ( d.m. 22/2/2006, titolo IV ) uffici ( d.m. 22/2/2006, titolo IV ) … … … … … …

8 AttivitàPunto del DM 16/02/1982 Riferimento normativo Termine transitorio originario Legge di proroga e ultima scadenza Depositi di GPL con capacità fino a 13 mc 4/bDM 14/05/20048/06/2007- Depositi di GPL con capacità > a 5 mc ad uso commerciale 4/bDM 13/10/199427/11/2001DM 16/10/ /12/2003 Depositi di soluzioni idroalcoliche 22DM 18/05/199524/06/2000- Locali di pubblico spettacolo 83DM 19/08/199612/09/1999- Strutture ricettive turistico-alberghiere 84DM 4/09/199411/05/ /05/2002 Legge n. 17/ /12/2007 Scuole85DM 26/08/19921/10/1997Legge n. 296/ /12/2009

9 AttivitàPunto del DM 16/02/1982 Riferimento normativo Termine transitorio originario Legge di proroga e ultima scadenza Strutture sanitarie86DM 18/09/200226/12/2007- Uffici89DM 22/02/20061/04/2011- Edifici storici per musei, gallerie, ecc. 90DM 20/05/1992 n /03/1996- Edifici storici per archivi e biblioteche 90DPR 30/06/1995 n /10/1998- Impianti termici a combustibili liquidi 91DM 28/04/200519/07/2008- Impianti termici a gas 91DM 29/12/2005 Allegato A 1/06/2009- Autorimesse92DM 29/12/2005 Allegato A 1/06/2009- Edifici per civili abitazioni 94DM 16/05/1987 n /06/1992-

10 Le normative per autorimesse e impianti termici a gas non contengono norme transitorie. Per tali attività pertanto il passaggio dal n.o.p. al c.p.i. avviene rispettando l’allegato A del d.m. 29/12/2005 autorimesse: - d.m. 1/2/1986 con alcune esclusioni autorimesse: - d.m. 1/2/1986 con alcune esclusioni imp. t. a gas: - d.m. 12/4/1996 (tit. VII) con alcune esclusioni imp. t. a gas: - d.m. 12/4/1996 (tit. VII) con alcune esclusioni (2 opzioni) - circolare n. 68/1969 con alcune esclusioni (2 opzioni) - circolare n. 68/1969 con alcune esclusioni

11 Per attività non normate il progetto deve dimostrare il rispetto dei criteri di prevenzione incendi l’iter da seguire è stabilito dall’allegato I al D.M. 4/5/1998 che prevede: individuazione dei pericoli di incendio individuazione dei pericoli di incendio individuazionedelle condizioni ambientali che possono individuazione delle condizioni ambientali che possono amplificare i pericoli amplificare i pericoli valutazione qualitativa del rischio in relazione agli obiettivi valutazione qualitativa del rischio in relazione agli obiettivi individuazione delle misure per compensare il rischio individuazione delle misure per compensare il rischio controllo dei rischi residui (esercizio e emergenza) controllo dei rischi residui (esercizio e emergenza)

12 Anziché ribadire l’impostazione del DM 8/3/85, si è ritenuto più opportuno adottare un sistema basato sulla valutazione del rischio di incendio e sulla conseguente individuazione delle misure idonee a contrastare tale rischio, mutuando la metodologia dei DDMM 10/3/98 e 4/5/98. L’applicazione di misure di protezione passiva, che hanno un impatto rilevante sulle caratteristiche costruttive, dovrà essere attentamente valutata e graduata sulla base … dell’effettivo livello di rischio. L’adeguamento si riferisce ad attività esistenti cui non possono essere applicati integralmente gli stessi criteri adottati per gli edifici di nuova realizzazione. A tal fine, il comma 2 dell’art.2 del decreto rinvia, oltre che ai criteri generali, anche ai criteri stabiliti dal D.M L. C. P194 / 4101 sott. 135/A del 20/02/2006

13 SICUREZZA PRIMARIA SICUREZZA SECONDARIA (incolumità delle persone) (preservazione dei beni) RISCHIO = FREQUENZA x MAGNITUDO

14 Grazie per l’attenzione

15


Scaricare ppt "Dal NOP al CPI: entro il 2009 certificato a tutte le attività Arch. Valter Cirillo – CNVVF - DCPST – Area prevenzione incendi CONVEGNO: COSI’ CAMBIA LA."

Presentazioni simili


Annunci Google