La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA E LIMPRESA ARTIGIANA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA E LIMPRESA ARTIGIANA."— Transcript della presentazione:

1 1 LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA E LIMPRESA ARTIGIANA

2 2 DEFINIZIONE DI PICCOLA E MEDIA IMPRESA ADOTTATA DALLA COMMISSIONE UE con RACCOMANDAZIONE N. 96/280/CE del 03/04/1996 COMUNICAZIONE N° 96/C 213/04 del 23/07/96 richiamata nel Reg. CE 70/2001 Recepita dallo Stato con DM 18\09\1997

3 3 DEFINIZIONE DI PICCOLA E MEDIA IMPRESA Raccomandazioni e Comunicazioni non sono atti comunitari vincolanti per gli stati membri o per i destinatari. Si è infatti reso necessario un atto normativo (quindi vincolante) nazionale di adeguamento della normativa interna rispetto a quella comunitaria

4 4 DEFINIZIONE DI PICCOLA E MEDIA IMPRESA Tuttavia il fatto che parte del contenuto della raccomandazione è stato inserito allinterno del Reg.to CE 70\01, fa sì che, ai fini dellapplicazione del regolamento di esenzione, la definizione comunitaria risulti vincolante. Tale fatto è rilevante poiché con Raccomandazione della Commissione n del 06\03\2003 sono stati modificati i parametri di identificazione delle micro, piccole e medie imprese, mentre ancora il DM di adeguamento non è ancora stato emanato.

5 5 DEFINIZIONE DI PICCOLA E MEDIA IMPRESA Ciò significa che per tutti i regimi di aiuto che si appoggiano sul Reg.to CE 70\01, la nuova definizione di micro, piccole e medie imprese è già operante. Tuttavia a giorni dovrebbe venire emanato il DM di recepimento (già pronto in bozza circa un mese fa, ed alla firma del Ministro)

6 6 RACC. del 03/04/1996: PMI sono quelle imprese che presentano i seguenti requisiti

7 7 Che sono in possesso del requisito dellindipendenza: Sono considerate imprese indipendenti quelle il cui capitale o i cui diritti di voto non sono detenuti per il 25% o più da una sola impresa oppure, congiuntamente da più imprese non conformi alle definizioni di PMI o di piccola impresa, secondo il caso. Questa soglia può essere superata nelle due fattispecie seguenti:

8 8 RACC. del 03/04/1996: PMI sono quelle imprese che presentano i seguenti requisiti se limpresa è detenuta da società di investimenti pubblici, società di capitali di rischio o investitori istituzionali, a condizione che questi non esercitino alcun controllo individuale o congiunto, sullimpresa

9 9 RACC. del 03/04/1996: PMI sono quelle imprese che presentano i seguenti requisiti se il capitale è disperso in modo tale che sia impossibile, determinare da chi è detenuto e se limpresa dichiara di poter legittimamente presumere che non è detenuto per il 25% o più da una sola impresa, oppure, congiuntamente, da più imprese non conformi alle definizioni di PMI o di piccola impresa, secondo il caso

10 10 RACC. del 03/04/1996: PMI sono quelle imprese che presentano i seguenti requisiti I tre requisiti (numero massimo di dipendenti, fatturato o stato patrimoniale, indipendenza), sono cumulativi, nel senso che tutti e tre devono sussistere. Inoltre in caso di gruppi di imprese occorre sommare percentualmente i dati relativi ai tre parametri.

11 11 RACC. del 03/04/1996: PMI sono quelle imprese che presentano i seguenti requisiti Quando unimpresa alla data di chiusura del bilancio supera verso lalto o verso il basso le soglie del numero di dipendenti o dei massimali finanziari specificati perde o acquisisce la qualifica di PMI, media impresa, piccola impresa, microimpresa solo se detta circostanza si ripete durante due esercizi consecutivi

12 12 RACC. del 03/04/1996: PMI sono quelle imprese che presentano i seguenti requisiti Le soglie per il fatturato e per il totale di bilancio sono quelle dellultimo esercizio contabile approvato di dodici mesi. Nel caso di un impresa di nuova creazione la cui contabilità non è stata ancora approvata, le soglie da applicare sono soggette ad una stima secondo buona fede eseguita nel corso dellesercizio

13 13 RACC. del 06/05/2003 recepita dal DM Attività Produttive 18/05/2005 : PMI sono quelle imprese che presentano i seguenti requisiti Le soglie relative ai dipendenti rimangono invariate modificato il criterio del fatturato: micro: meno di 2 M piccole: meno di 10 M (anziché 7 M) medie: meno di 50 M (anziché 40 M)

14 14 RACC. del 06/05/2003: PMI sono quelle imprese che presentano i seguenti requisiti modificato il criterio dellattivo di bilancio: micro: meno di 2 M piccole: meno di 10 M (anziché 5 M) medie: meno di 43 M (anziché 27 M)

15 15 RACC. del 06/05/2003: PMI sono quelle imprese che presentano i seguenti requisiti Non modificato il criterio dellindipendenza Tuttavia la modifica di alcune definizioni in materia di imprese controllate\collegate (allineate alla Direttiva CE sui bilanci consolidati), fa sorgere dubbi circa la partecipazione di persone fisiche in PMI, allorché le prime siano socie in grandi imprese.

16 16 DEFINIZIONE DI IMPRESA ARTIGIANA legge n. 443 dell' (legge quadro sull'artigianato) Art. 3 - definizione di impresa artigiana: E' artigiana l'impresa che, esercitata dall'imprenditore artigiano nei limiti dimensionali di cui atta presente Legge, abbia per scopo prevalente lo svolgimento di una attività di produzione di beni, anche semilavorati, o di prestazioni di servizi, escluse le attività agricole e le attività di prestazioni di servizi commerciali, di intermediazione nella circolazione dei beni o ausiliarie di queste ultime, di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, salvo il caso che siano solamente strumentali e accessorie all'esercizio dell'impresa.

17 17 DEFINIZIONE DI IMPRESA ARTIGIANA E' altresì artigiana l'impresa che, nei limiti dimensionali di cui alla presente legge e con gli scopi di cui al precedente comma, é costituita ed esercitata in forma di società (Snc), anche cooperative escluse le società a responsabilità limitata e per azioni ed in accomandita semplice e per azioni, a condizione che la maggioranza dei soci, ovvero uno nel caso di due soci, svolga in prevalenza lavoro personale, anche manuale, nel processo produttivo e che nell'impresa il lavoro abbia funzione preminente sul capitale

18 18 DEFINIZIONE DI IMPRESA ARTIGIANA Limpresa artigiana può svolgersi in luogo fisso, presso l'abitazione dellimprenditore o di uno dei soci o in appositi locali in altra sede designata dal committente oppure in forma ambulante o di posteggio. In ogni caso, l'imprenditore artigiano può essere titolare di una sola impresa artigiana.

19 19 DEFINIZIONE DI IMPRESA ARTIGIANA Ai sensi della legge 20 maggio n. 133 è ammissibile l impresa artigiana costituita in forma di società a responsabilità limitata con unico socio o di società in accomandita semplice

20 20 DEFINIZIONE DI IMPRESA ARTIGIANA Ai sensi della legge 5 marzo 2001, n. 57 diventa ammissibile anche limpresa artigiana esercitata nella forma di s.r.l. non unipersonale.

21 21 DEFINIZIONE DI IMPRESA ARTIGIANA Poiché in base alla Legge Quadro stabilisce che limpresa artigiana possa avere fino ad un massimo di 40 dipendenti (solo certe attività), limpresa artigiana è per definizione piccola o micro impresa, ai sensi della definizione comunitaria.


Scaricare ppt "1 LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA E LIMPRESA ARTIGIANA."

Presentazioni simili


Annunci Google