La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'901 DM n°37 del 22 gennaio 2008 ex legge 46/’90.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'901 DM n°37 del 22 gennaio 2008 ex legge 46/’90."— Transcript della presentazione:

1

2 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'901 DM n°37 del 22 gennaio 2008 ex legge 46/’90

3 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'902 PREMESSA OBIETTIVO PRIMARIO SICUREZZA DEL CITTADINO CONTRO PERICOLI IMP.ELETTRICI Del DM 37/’08

4 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'903 ASPETTI FONDAMENTALI DEL DM 37/’08 OPERATORI PROFESSIONALITA’ Devono possedere

5 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'904 ASPETTI FOND.LI del DM 37/’08 Strumenti di prevenzione professionisti iscritti negli albi professionisti iscritti negli albi1 2 regola d’arte regola d’arte3 verifiche

6 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'905 ISCRIZIONE ALBO 1° : una corretta progettazione degli impianti effettuato da professionisti iscritti negli albi professionali per certe tipologie di impianti ritenuti di concezione più complessa e rischiosa.

7 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'906 REGOLA D’ARTE 2° : una realizzazione dell’installazione effettuata secondo la regola d’arte ed accompagnata da una dichiarazione di conformità rilasciata dall’impresa installatrice.

8 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'907 VERIFICHE 3°: Le verifiche sull’applicazione della legge e le sanzioni per chi non opera correttamente.

9 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'908 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE DECRETO N GENNAIO 2008 ART. 2 DEFINIZIONI ART. 2 DEFINIZIONI ART. 3 IMPRESE ABILITATE ART. 3 IMPRESE ABILITATE ART. 4 REQUISITI TECNICO-PROFESSIONALI ART. 4 REQUISITI TECNICO-PROFESSIONALI ART. 5 PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ART. 5 PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ART. 6 REALIZZAZIONE ED INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ART. 6 REALIZZAZIONE ED INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ART. 7 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’ ART. 7 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’ ART. 8 OBBLIGHI DEL COMMITTENTE O DEL PROPRIETARIO ART. 9 CERTIFICATO DI AGIBILITA’ ART. 10 MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ART. 10 MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ART. 11 DEPOSITO PRESSO LO SPORTELLO UNICO ART. 12 CONTENUTO DEL CARTELLO INFORMATIVO ART. 13 DOCUMENTAZIONE

10 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'909  REQUISITI TECNICO-PROFESSIONALI REQUISITI  DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’ DICHIARAZIONE  INSTALLAZIONE NUOVI IMPIANTI INSTALLAZIONE  CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA 46/90 CAMPO  ADEGUAMENTO VECCHI IMPIANTI ADEGUAMENTO  VERIFICHE VERIFICHE

11 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9010 art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE indipendentemente dalla destinazione d'usointerno 1. Il presente decreto si applica agli impianti posti al servizio degli edifici, indipendentemente dalla destinazione d'uso, collocati all’interno degli stessi o delle relative pertinenze. Se l’impianto è connesso a reti di distribuzione si applica a partire dal punto di consegna della fornitura.

12 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' Gli impianti di cui al comma 1 sono classificati come segue: a) Impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell'energia elettrica, impianti di protezione contro le scariche atmosferiche, nonché gli impianti per l'automazione di porte, cancelli e barriere; b)impianti radiotelevisivi, le antenne e gli impianti elettronici in genere; c)impianti di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento e di refrigerazione di qualsiasi natura o specie, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e delle condense, e di ventilazione ed aerazione dei locali; d)impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie; e)impianti per la distribuzione e l'utilizzazione di gas di qualsiasi tipo, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e ventilazione ed aerazione dei locali; f)impianti di sollevamento di persone o di cose per mezzo di ascensori, di montacarichi, di scale mobili e simili; g)impianti di protezione antincendio. art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE

13 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' Gli impianti o parti di impianto che sono soggetti a requisiti di sicurezza prescritti in attuazione della normativa comunitaria, ovvero di normativa specifica, non sono disciplinati, per tali aspetti, dalle disposizioni del presente decreto. art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE

14 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9013 Art. 2 DEFINIZIONI 1. Ai fini del presente decreto si intende per: punto di consegna delle forniture punto di consegna delle forniture: il punto in cui l'azienda fornitrice o distributrice rende disponibile all'utente l'energia elettrica, il gas naturale o diverso, l'acqua, ovvero il punto di immissione del combustibile nel deposito collocato, anche mediante comodato, presso l'utente; potenza impegnata potenza impegnata: il valore maggiore tra la potenza impegnata contrattualmente con l'eventuale fornito re di energia, e la potenza nominale complessiva degli impianti di autoproduzione eventualmente installati; uffici tecnici interni uffici tecnici interni: strutture costituite da risorse umane e strumentali preposte all'impiantistica, alla realizzazione degli impianti aziendali ed alla loro manutenzione i cui responsabili posseggono i requisiti tecnico professionali previsti dall'articolo 4; ordinaria manutenzione ordinaria manutenzione: gli interventi finalizzati a contenere il degrado normale d'uso, nonché a far fronte ad eventi accidentali che comportano la necessità di primi interventi, che comunque non modificano la struttura dell'impianto su cui si interviene o la sua destinazione d'uso secondo le prescrizioni previste dalla normativa tecnica vigente e dal libretto di uso e manutenzione del costruttore;

15 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9014 Art. 2 DEFINIZIONI impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell'energia elettrica: impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell'energia elettrica: i circuiti di alimentazione degli apparecchi utilizzatori e delle prese a spina con esclusione degli equipaggiamenti elettrici delle macchine, degli utensili, degli apparecchi elettrici in genere. Nell'ambito degli impianti elettrici rientrano anche quelli di autoproduzione di energia fino a 20 kW nominale, gli impianti per l'automazione di porte, cancelli e barriere, nonché quelli posti all'esterno di edifici se gli stessi sono collegati, anche solo funzionalmente, agli edifici; impianti radiotelevisivi ed elettronici: impianti radiotelevisivi ed elettronici: le componenti impiantistiche necessarie alla trasmissione ed alla ricezione dei segnali e dei dati, anche relativi agli impianti di sicurezza, ad installazione fissa alimentati a tensione inferiore a 50 V in corrente alternata e 120 V in corrente continua, mentre le componenti alimentate a tensione superiore, nonché i sistemi di protezione contro le sovratensioni sono da ritenersi appartenenti all'impianto elettrico; ai fini dell'autorizzazione, dell'installazione e degli ampliamenti degli impianti telefonici e di telecomunicazioni interni collegati alla rete pubblica, si applica la normativa specifica vigente;

16 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9015 Art. 2 DEFINIZIONI impianti per la distribuzione e l'utilizzazione di gas impianti per la distribuzione e l'utilizzazione di gas: l'insieme delle tubazioni, dei serbatoi e dei loro accessori, dal punto di consegna del gas, anche in forma liquida, fino agli apparecchi utilizzatori, l'installazione ed i collegamenti dei medesimi, le predisposizioni edili e meccaniche per l'aerazione e la ventilazione dei locali in cui deve essere installato l'impianto, le predisposizioni edili e meccaniche per lo scarico all'esterno dei prodotti della combustione; impianti di protezione antincendio impianti di protezione antincendio: gli impianti di alimentazione di idranti, gli impianti di estinzione di tipo automatico e manuale nonché gli impianti di rilevazione di gas, di fumo e d'incendio; CEI: CEI: Comitato Elettrotecnico Italiano; UNI: Ente Nazionale Italiano di Unificazione.

17 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9016 Art. 3 IMPRESE ABILITATE 1.Le imprese, iscritte nel registro delle imprese di cui al decreto del Presidente della Repubblica 7 dicembre 1995, n. 581 e successive modificazioni, di seguito registro delle imprese, o nell'Albo provinciale delle imprese artigiane di cui alla legge 8 agosto 1985, n. 443, di seguito albo delle imprese artigiane, sono abilitate all'esercizio delle attività di cui all'articolo 1, se l'imprenditore individuale o il legale rappresentante ovvero il responsabile tecnico da essi preposto con atto formale, è in possesso dei requisiti professionali di cui all'articolo 4. 2.Il responsabile tecnico di cui al comma 1 svolge tale funzione per una sola impresa e la qualifica è incompatibile con ogni altra attività continuativa.

18 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9017 Art. 3 IMPRESE ABILITATE 3. Le imprese che intendono esercitare le attività relative agli impianti di cui all'articolo 1 presentano la dichiarazione di inizio attività, ai sensi dell'articolo 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni, indicando specificatamente per quali lettera e quale voce, di quelle elencate nel medesimo articolo 1, comma 2, intendono esercitare l'attività e dichiarano, altresì, il possesso dei requisiti tecnico- professionali di cui all'articolo 4, richiesti per i lavori da realizzare. 4. Le imprese artigiane presentano la dichiarazione di cui al comma 3, unitamente alla domanda d'iscrizione all'albo delle imprese artigiane per la verifica del possesso dei prescritti requisiti tecnico-professionali e il conseguente riconoscimento della qualifica artigiana. Le altre imprese presentano la dichiarazione di cui al comma 3, unitamente alla domanda di iscrizione, presso l'ufficio del registro delle imprese.

19 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9018 Art. 3 IMPRESE ABILITATE 5. Le imprese non installatrici, che dispongono di uffici tecnici interni sono autorizzate all'installazione, alla trasformazione, all'ampliamento e alla manutenzione degli impianti, relativi esclusivamente alle proprie strutture interne e nei limiti della tipologia di lavori per i quali il responsabile possiede i requisiti previsti all'articolo Le imprese, di cui ai commi precedenti, alle quali sono stati riconosciuti i requisiti tecnico-professionali, hanno diritto ad un certificato di riconoscimento, secondo i modelli approvati con decreto del Ministro dell'industria del commercio e dell'artigianato dell'l1 giugno Il certificato è rilasciato dalle competenti commissioni provinciali per l'artigianato, di cui alla legge 8 agosto 1985, n. 443, e successive modificazioni, o dalle competenti camere di commercio, di cui alla legge 29 dicembre 1993, n. 580, e successive modificazioni.

20 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9019 Art. 4 Requisiti tecnico-professionali 1.I requisiti tecnico-professionali sono, in alternativa, uno dei seguenti: diploma di laurea A:diploma di laurea in materia tecnica specifica conseguito presso una università statale o legalmente riconosciuta; diploma o qualifica conseguita al termine di scuola secondaria del secondo ciclo un anno B:diploma o qualifica conseguita al termine di scuola secondaria del secondo ciclo con specializzazione relativa al settore delle attività di cui all'articolo 1, presso un istituto statale o legalmente riconosciuto, seguiti da un periodo di inserimento, di almeno due anni continuativi, alle dirette dipendenze di una impresa del settore. Il periodo di inserimento per le attività di cui all'articolo 1, comma 2, lettera d) è di un anno;

21 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9020 Art. 4 Requisiti tecnico-professionali titolo o attestato due anni C:titolo o attestato conseguito ai sensi della legislazione vigente in materia di formazione professionale, previo un periodo di inserimento, di almeno quattro anni consecutivi, alle dirette dipendenze di una impresa del settore. Il periodo di inserimento per le attività di cui all'articolo 1, comma 2, lettera d) è di due anni; prestazione lavorativa svolta a tre anni D:prestazione lavorativa svolta, alle dirette dipendenze di una impresa abilitata nel ramo di attività cui si riferisce la prestazione dell'operaio installatore per un periodo non inferiore a tre anni, escluso quello computato ai fini dell'apprendistato e quello svolto come operaio qualificato, in qualità di operaio installatore con qualifica di specializzato nelle attività di installazione, di trasformazione, di ampliamento e di manutenzione degli impianti di cui all'articolo 1.

22 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9021 Art. 4 Requisiti tecnico-professionali sei anni quattro anni. 2.I periodi di inserimento di cui alle lettere b) e c) e le prestazioni lavorative di cui alla lettera d) del comma 1 possono svolgersi anche in forma di collaborazione tecnica continuativa nell'ambito dell'impresa da parte del titolare, dei soci e dei collaboratori familiari. Si considerano, altresì, in possesso dei requisiti tecnico- professionali ai sensi dell'articolo 4 il titolare dell'impresa, i soci ed i collaboratori familiari che hanno svolto attività di collaborazione tecnica continuativa nell'ambito di imprese abilitate del settore per un periodo non inferiore a sei anni. Per le attività di cui alla lettera d) dell'articolo 1, comma 2, tale periodo non può essere inferiore a quattro anni.

23 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9022 art. 5 PROGETT. NE DEGLI IMPIANTI 1. Per l'installazione, la trasformazione e l'ampliamento degli impianti di cui all'articolo 1, comma 2, lettere a), b), c), d), e), g), è redatto un progetto. Fatta salva l'osservanza delle normative più rigorose in materia di progettazione, nei casi indicati al comma 2, il progetto è redatto da un professionista iscritto negli albi professionali secondo la specifica competenza tecnica richiesta mentre, negli altri casi, il progetto, come specificato all'articolo 7, comma 2, è redatto, in alternativa, dal responsabile tecnico dell'impresa installatrice. 2. Il progetto per l'installazione, trasformazione e ampliamento, è redatto da un professionista iscritto agli albi professionali secondo le specifiche competenze tecniche richieste, nei seguenti casi:

24 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9023 impianti di cui all'articolo 1, comma 2, lettera a), per tutte le utenze condominiali e per utenze domestiche di singole unità abitative aventi potenza impegnata superiore a 6 kW o per utenze domestiche di singole unità abitative di superficie superiore a 400 m 2 ; impianti elettrici realizzati con lampade fluorescenti a catodo freddo, collegati ad impianti elettrici, per i quali è obbligatorio il progetto e in ogni caso per impianti di potenza complessiva maggiore di 1200 VA resa dagli alimentatori; art. 5 PROGETT. NE DEGLI IMPIANTI

25 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' kW o qualora la superficie superi i 200 m 2impianti di cui all'articolo 1, comma 2, lettera a), relativi agli immobili adibiti ad attività produttive, al commercio, al terziario e ad altri usi, quando le utenze sono alimentate a tensione superiore a 1000 V, inclusa la parte in bassa tensione, o quando le utenze sono alimentate in bassa -tensione aventi potenza impegnata superiore a 6 kW o qualora la superficie superi i 200 m 2 uso medico esplosione o a maggior rischio di incendioimpianti elettrici relativi ad unità immobiliari provviste, anche solo parzialmente, di ambienti soggetti a normativa specifica del CEI, in caso di locali adibiti ad uso medico o per i quali sussiste pericolo di esplosione o a maggior rischio di incendio, nonché per gli impianti di protezione da scariche atmosferiche in edifici di volume superiore a 200 m 3 ; impianti di cui all'articolo 1, comma 2, lettera b), relativi agli impianti elettronici in genere quando coesistono con impianti elettrici con obbligo di progettazione ; art. 5 PROGETT. NE DEGLI IMPIANTI

26 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9025 impianti di cui all'articolo 1, comma 2, lettera c), dotati di canne fumarie collettive ramificate, nonché impianti di climatizzazione per tutte le utilizzazioni aventi una potenzialità frigorifera pari o superiore a frigorie/ora; impianti di cui all'articolo 1, comma 2, lettera e), relativi alla distribuzione e l'utilizzazione di gas combustibili con portata termica superiore a 50 kW o dotati di canne fumarie collettive ramificate, o impianti relativi a gas medicali per uso ospedaliero e simili, compreso lo stoccaggio; impianti di cui all'articolo 1, comma 2, lettera g), se sono inseriti in un'attività soggetta al rilascio del certificato prevenzione incendi e, comunque, quando gli idranti sono in numero pari o superiore a 4 o gli apparecchi di rilevamento sono in numero pari o superiore a 10. art. 5 PROGETT. NE DEGLI IMPIANTI

27 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9026 3I progetti degli impianti sono elaborati secondo la regola dell’arte. I progetti elaborati in conformità alla vigente normativa e alle indicazioni delle guide e alle norme dell'UNI, del CEI o di altri Enti di normalizzazione appartenenti agli Stati membri dell'Unione Europea o che sono parti contraenti dell'accordo sullo spazio economico europeo, si considerano redatti secondo la regola dell'arte. 4. I progetti contengono almeno gli schemi dell'impianto e i disegni planimetrici, nonché una relazione tecnica sulla consistenza e sulla tipologia dell'installazione, della trasformazione o dell'ampliamento dell'impianto stesso, con particolare riguardo alla tipologia e alle caratteristiche dei materiali e componenti da utilizzare e alle misure di prevenzione e di sicurezza da adottare. Nei luoghi a maggior rischio di incendio e in quelli con pericoli di esplosione, particolare attenzione è posta nella scelta dei materiali e componenti da utilizzare nel rispetto della specifica normativa tecnica vigente. art. 5 PROGETT. NE DEGLI IMPIANTI

28 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' Se l’impianto a base di progetto è variato in corso d'opera, il progetto presentato è integrato con la necessaria documentazione tecnica attestante le varianti, alle quali, oltre che al progetto, l'installatore è tenuto a fare riferimento nella dichiarazione di conformità. 6. Il progetto, di cui al comma 2, è depositato presso lo sportello unico per l'edilizia del comune in cui deve essere realizzato l'impianto nei termini previsti all'articolo 11. art. 5 PROGETT. NE DEGLI IMPIANTI

29 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9028 art. 6 art. 6 REALIZZAZIONE E INSTALLAZIO NE DEGLI IMPIANTI 1. Le imprese realizzano gli impianti secondo la regola dell'arte, in conformità alla normativa vigente e sono responsabili della corretta esecuzione degli stessi. Gli impianti realizzati in conformità alla vigente normativa e alle norme dell'UNI, del CEI o di altri Enti di normalizzazione appartenenti agli Stati membri dell'Unione Europea o che sono parti contraenti dell'accordo sullo spazio economico europeo, si considerano eseguiti secondo la regola dell'arte. 2. Con riferimento alle attività produttive, si applicano le norme generali di sicurezza di cui all'articolo 1 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 marzo 1989 e le relative modificazioni. 3. Gli impianti elettrici nelle unità immobiliari ad uso abitativo realizzati prima del 13 marzo 1990 si considerano adeguati se dotati di sezionamento e protezione contro le sovracorrenti posti all'origine dell'impianto, di protezione contro i contatti diretti, di protezione contro i contatti indiretti o protezione con interruttore differenziale avente corrente differenziale nominale non superiore a 30 mA.

30 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9029 art. 7 DICHIAR. NE di CONFORMITA’ 1. Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste dalla normativa vigente, comprese quelle di funzionalità dell'impianto, l'impresa installatrice rilascia al committente la dichiarazione di conformità degli impianti realizzati nel rispetto delle norme di cui all'articolo 6. Di tale dichiarazione, resa sulla base del modello di cui all’allegato I, fanno parte integrante la relazione contenente la tipologia dei materiali impiegati, nonché il progetto di cui all'articolo Nei casi in cui il progetto è redatto dal responsabile tecnico dell'impresa installatrice l'elaborato tecnico è costituito almeno dallo schema dell'impianto da realizzare, inteso come descrizione funzionale ed effettiva dell'opera da eseguire eventualmente integrato con la necessaria documentazione tecnica attestante le varianti introdotte in corso d'opera.

31 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9030 art. 7 DICHIAR. NE di CONFORMITA’ 3. In caso di rifacimento parziale di impianti, il progetto, la dichiarazione di conformità, e l'attestazione di collaudo dove previsto, si riferiscono alla sola parte degli impianti oggetto dell'opera di rifacimento, ma tengono conto della sicurezza e funzionalità dell'intero impianto. Nella dichiarazione di cui al comma 1 e nel progetto di cui all'articolo 5, è espressamente indicata la compatibilità tecnica con le condizioni preesistenti dell'impianto. 4. La dichiarazione di conformità è rilasciata anche dai responsabili degli uffici tecnici interni delle imprese non installatrici di cui all'articolo 3, comma 3, secondo il modello di cui all'allegato II del presente decreto.

32 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9031 art. 7 DICHIAR. NE di CONFORMITA’ 5. Il contenuto dei modelli di cui agli allegati I e II può essere modificato o integrato con decreto ministeriale per esigenze di aggiornamento di natura tecnica. 6. Nel caso in cui la dichiarazione di conformità prevista dal presente articolo, salvo quanto previsto all'articolo 15, non sia stata prodotta o non sia più reperibile, tale atto è sostituito - per gli impianti eseguiti prima dell'entrata in vigore del presente decreto - da una dichiarazione di rispondenza, resa da un professionista iscritto all'albo professionale per le specifiche competenze tecniche richieste, che ha esercitato la professione, per almeno cinque anni, nel settore impiantistico a cui si riferisce la dichiarazione, sotto personale responsabilità, in esito a sopralluogo ed accertamenti, ovvero, per gli impianti non ricadenti nel campo di applicazione dell'articolo 5, comma 2, da un soggetto che ricopre, da almeno 5 anni, il ruolo di responsabile tecnico di un'impresa abilitata di cui all'articolo 3, operante nel settore impiantistico a cui si riferisce la dichiarazione.

33 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9032 art. 10 MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI’ 1.La manutenzione ordinaria degli impianti di cui all'articolo 1 non comporta la redazione del progetto né il rilascio c1elfattestazione di collaudo, né l'osservanza dell'obbligo di cui all'articolo 8, comma 1, fatto salvo il disposto del successivo comma Sono esclusi dagli obblighi della redazione del progetto e dell'attestazione di collaudo le installazioni per apparecchi per usi domestici e la fornitura provvisoria di energia elettrica per gli impianti di cantiere e similari, fermo restando l'obbligo del rilascio della dichiarazione di conformità. 3. Per la manutenzione degli impianti di ascensori e montacarichi in servizio privato si applica il decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1999, n. 162 e le altre disposizioni specifiche.

34 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9033 RICONOSCIMENTO DEI REQUISITI TECNICO-PROF. LI TITOLO DI STUDIO Diploma -perito, -mat. Prof. le Diploma -perito, -mat. Prof. le Laurea in : -ING. -ARCH -FISICA Laurea in : -ING. -ARCH -FISICA 33 Specializzazione corrispondente all’attività che si intende svolgere Specializzazione corrispondente all’attività che si intende svolgere NO Attestato di qualifica Prof. le Attestato di qualifica Prof. le SI NO 00 SI

35 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9034 CAMPO DI APPL. NE LEGGE 46/90 MANUT. NE ORDINARIA IMPIANTI ELETTRICI IMPIANTI ELETTRICI IMP. A VALLE CONTATORI IMP. A VALLE CONTATORI IMP. A BORDO MACCHINA IMP. A BORDO MACCHINA IMPIANTI RADIOTV ELETTRONICI ANTENNE PARAFULMINI IMPIANTI RADIOTV ELETTRONICI ANTENNE PARAFULMINI EDIFICI CIVILI EDIFICI CIVILI NON SI APPLICA LA LEGGE 46/90 NO IMP. ESTERNO NON COLLEGATO A IMP.INTERNO IMP. ESTERNO NON COLLEGATO A IMP.INTERNO NO NO NO NO SI SI SI SI SI APPLICA LA LEGGE 46/90

36 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9035 UNITA’ IMM. RE AD USO CIVILE PROGETTO HA SUPERFICIE > 400 m 2 HA SUPERFICIE > 400 m 2 CENTRALE TERMICA A GAS > k cal/h CENTRALE TERMICA A GAS > k cal/h COMPRENDE LOCALI AD USO MEDICO COMPRENDE LOCALI AD USO MEDICO OBBLIGO PROGETTOSI OBBLIGO PROGETTO PROGETTONO NO CLASSE COMP. TO ANTINCENDIO  30 CLASSE COMP. TO ANTINCENDIO  30 NO SI SI SI SI NO NO

37 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9036 SERVIZI CONDOMINIALI PROGETTO POTENZA IMPEGNATA >6 kW POTENZA IMPEGNATA >6 kW CENTRALE TERMICA A GAS > k cal/h CENTRALE TERMICA A GAS > k cal/h AUTORIMESSA COND. LE CON CAPIENZA> 9 AUTOVEICOLI AUTORIMESSA COND. LE CON CAPIENZA> 9 AUTOVEICOLI OBBLIGO PROGETTOSI NO CLASSE COMP. TO ANTINCENDIO  30 CLASSE COMP. TO ANTINCENDIO  30 NO SI SI SI SI NO NO

38 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9037 SERVIZI CONDOMINIALI PROGETTO ALTEZZA IN GRONDA > 24 m ALTEZZA IN GRONDA > 24 m BOX CON CAPIENZA > 9 AUTOVEICOLI BOX CON CAPIENZA > 9 AUTOVEICOLI OBBLIGO PROGETTOSI OBBLIGO PROGETTONO NO I BOX SI AFFACCIANO SU SPAZIO A CIELO LIBERO I BOX SI AFFACCIANO SU SPAZIO A CIELO LIBERO SI SI SI NO NO

39 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9038 AUTORIMESSA PROGETTO APERTURE PERIMETRALI SU SPAZIO A CIELO LIBERO  60% SUP. LATERALE APERTURE PERIMETRALI SU SPAZIO A CIELO LIBERO  60% SUP. LATERALE CAPACITA’ DI PARCAMENTO > 9 AUTOVEICOLI CAPACITA’ DI PARCAMENTO > 9 AUTOVEICOLI OBBLIGO PROGETTONO NO SOLO AUTOVEICOLI A GASOLIO SOLO AUTOVEICOLI A GASOLIO SI SI SI NO NO

40 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9039 AUTORIMESSA PROGETTO AUTORIMESSA A BOX AUTORIMESSA A BOX I BOX SI AFFACCIANO SU SPAZIO A CIELO LIBERO I BOX SI AFFACCIANO SU SPAZIO A CIELO LIBERO OBBLIGO PROGETTOSI OBBLIGO PROGETTONO NO SI SI NO

41 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9040 LOCALI ADIBITI AD ATTIVITA’ COMM. LI, PRODUTTIVE, TERZIARIO ED ALTRO PROGETTO IMP. TO CON PROPRIA CABINA DI TRASF.NE IMP. TO CON PROPRIA CABINA DI TRASF.NE SUPERFICIE > 200 m 2 SUPERFICIE > 200 m 2 OBBLIGO PROGETTOSI NO LUOGO CON PERICOLO DI ESPLOSIONE LUOGO CON PERICOLO DI ESPLOSIONE SI SI SI NO NO

42 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9041 LOCALI ADIBITI AD ATTIVITA’ COMM. LI, PRODUTTIVE, TERZIARIO ED ALTRO PROGETTO LUOGO M.A.R.C.I.O. OBBLIGO PROGETTOSI NO LOCALE ADIBITO AD USO MEDICO LOCALE ADIBITO AD USO MEDICO SI SI NO OBBLIGO PROGETTONO

43 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9042 IMPIANTI PARAFULMINI PROGETTO EDIFICIO CIVILE OBBLIGO PROGETTOSI VOLUME > 200 m 3 SI NO OBBLIGO PROGETTONO ALTEZZA > 5 m SI SI NO NO NO

44 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9043 IMPIANTI PARAFULMINI PROGETTO L’EDIFICO COMPRENDE LOCALI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE O M.A.R.C.I.O O ADIBITI AD USO MEDICO L’EDIFICO COMPRENDE LOCALI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE O M.A.R.C.I.O O ADIBITI AD USO MEDICO OBBLIGO PROGETTOSI NO OBBLIGO PROGETTONO SI NO

45 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9044 CAMPO DI APPLICAZIONE 1. Cosa si intende per edificio civile ? (1.7)1. Cosa si intende per edificio civile ? (1.7) Ai fini della legge 46/90 per edificio civile si intende una unità immobiliare o la parte di essa destinata ad uso abitativo, a studio professionale o a sede di persone giuridiche private, associazioni,circoli o conventi e simili.

46 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' Quali sono le persone giuridiche private ? (1.8)2. Quali sono le persone giuridiche private ? (1.8) Sono persone giuridiche private le associazioni, le fondazioni e le altre istituzioni di carattere privato riconosciute con decreto presidenziale a livello nazionale o con delibera della giunta regionale. CAMPO DI APPLICAZIONE

47 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' La 46/90 si applica solo agli Imp. El. degli edifici civili ? (1.1)3.La 46/90 si applica solo agli Imp. El. degli edifici civili ? (1.1) La 46/90 si applica agli impianti elettrici non solo degli edifici civili, ma di tutti gli altri edifici, indipendentemente dalla loro destinazione. CAMPO DI APPLICAZIONE

48 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' La 46/90 si applica anche agli edifici pubblici ? (1.2)4. La 46/90 si applica anche agli edifici pubblici ? (1.2) La 46/90 non fa alcuna distinzione tra edifici pubblici e privati, quindi si applica anche agli imp.el. degli edifici pubblici e degli immobili demaniali. CAMPO DI APPLICAZIONE

49 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' La 46/90 si applica anche agli impianti posti all’esterno ? (1.3)5. La 46/90 si applica anche agli impianti posti all’esterno ? (1.3) La legge 46/90 si applica anche agli impianti elettrici posti all’esterno se collegati ad impianti posti all’interno di edifici. CAMPO DI APPLICAZIONE

50 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' Cosa si intende per impianto elettronico ? (1.9)6. Cosa si intende per impianto elettronico ? (1.9) Per impianto elettronico si intende la parte di impianto a bassissima tensione posto a valle dell’alimentatore. Es: citofono, impianti di trasmissione dati, impianti antintrusione, la tv a circuito chiuso, ecc. CAMPO DI APPLICAZIONE

51 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' La 46/90 si applica agli impianti elettronici ? (1.5)7.La 46/90 si applica agli impianti elettronici ? (1.5) La legge 46/90 si applica agli impianti elettronici e radioTV, ma limitatamente agli edifici civili. CAMPO DI APPLICAZIONE

52 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' Un imp. parafulmine di uno stabilimento ind.le è soggetto alla legge 46/90 ? (1.11)8.Un imp. parafulmine di uno stabilimento ind.le è soggetto alla legge 46/90 ? (1.11) In un stabilimento industriale e più in generale negli edifici diversi da quelli civili, la 46/90 si applica soltanto agli impianti elettrici. Il parafulmine non è un impianto elettrico. CAMPO DI APPLICAZIONE

53 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' L’antenna televisiva di una palazzina uffici rientra nel campo di appl.ne della 46/90 ? (1.12)9.L’antenna televisiva di una palazzina uffici rientra nel campo di appl.ne della 46/90 ? (1.12) L’antenna televisiva non è un impianto elettrico e quindi rientra nell’ambito della 46/90 soltanto se installato in un edificio civile. La palazzina uffici non è un edificio civile, e quindi al caso specifico non si applica la 46/90. CAMPO DI APPLICAZIONE

54 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' Cosa si intende per impianto elettrico ? (1.16)10.Cosa si intende per impianto elettrico ? (1.16) Per impianti di utilizzazione dell’energia elettrica si intendono i circuiti di alimentazione degli apparecchi utilizzatori e delle prese a spina con esclusione degli equipaggiamenti elettrici delle macchine, degli utensili, degli apparecchi elettrici in genere. CAMPO DI APPLICAZIONE

55 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' Gli impianti elettrici delle chiese rientrano nel campo di appl.ne della 46/90 ? (1.14)11.Gli impianti elettrici delle chiese rientrano nel campo di appl.ne della 46/90 ? (1.14) Gli impianti elettrici nei luoghi di culto rientrano nella 46/90 come tutti gli altri impianti elettrici installati negli immobili. CAMPO DI APPLICAZIONE

56 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' La manutenzione ordinaria rientra nel campo di appl.ne della 46/90 ? (1.31)12. La manutenzione ordinaria rientra nel campo di appl.ne della 46/90 ? (1.31) La manutenzione ordinaria non è soggetta alla legge 46/90 CAMPO DI APPLICAZIONE

57 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' Cosa si intende per manutenzione ordinaria ? (1.32)13. Cosa si intende per manutenzione ordinaria ? (1.32) L’insieme degli interventi finalizzati a contenere il degrado normale d’uso, nonché a far fronte ad eventi accidentali che comportino la necessità di primi interventi che comunque non modifichino la struttura essenziale dell’impianto o la loro destinazione d’uso. CAMPO DI APPLICAZIONE

58 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' La legge 46/90 si applica alla manutenzione straordinaria ? (1.33)14. La legge 46/90 si applica alla manutenzione straordinaria ? (1.33) Si. CAMPO DI APPLICAZIONE

59 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' L’aggiunta di una presa a spina è manutenzione ordinaria o straordinaria ? (1.34)15. L’aggiunta di una presa a spina è manutenzione ordinaria o straordinaria ? (1.34) L’aggiunta o lo spostamento di una presa a spina, o di un punto luce, su di un circuito esistente rientra nella manutenzione straordinaria. CAMPO DI APPLICAZIONE

60 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' La sostituzione di un interruttore rientra nella manutenzione ordinaria o straordinaria ? (1.35)16.La sostituzione di un interruttore rientra nella manutenzione ordinaria o straordinaria ? (1.35) La sostituzione di componenti dell’impianto con altri di caratteristiche elettriche uguali, rientra nella manutenzione ordinaria. CAMPO DI APPLICAZIONE

61 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' Cosa si intende per installazione, trasformazione e ampliamento di un imp. ? (1.37)17.Cosa si intende per installazione, trasformazione e ampliamento di un imp. ? (1.37) Installazione= realizzazione di un impianto non esistente in precedenza o il completo rifacimento di un imp.esistente Trasformazione = esecuzioni di modifiche Ampliamento = aggiunta di nuovi circuiti elettrici CAMPO DI APPLICAZIONE

62 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9061 REQUISITI TECNICO-PROFESSIONALI 18. Cosa sono i requisiti tecnico-professionali ? (2.1)18. Cosa sono i requisiti tecnico-professionali ? (2.1) Sono i requisiti minimi che deve possedere il responsabile tecnico di un’impresa installatrice affinché questa sia abilitata all’installazione, alla trasformazione, all’ampliamento e manutenzione straordinaria degli impianti

63 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' E’ sufficiente un diploma per avere i requisiti tecnico-professionali ? (2.7)19.E’ sufficiente un diploma per avere i requisiti tecnico-professionali ? (2.7) I periti e i diplomati professionali devono avere trascorso un periodo di inserimento, di almeno un anno continuativo, alle dirette dipendenze di un’impresa del settore impiantistico di competenza. REQUISITI TECNICO-PROFESSIONALI

64 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' Con un attestato di qualifica prof.le si puo’ ottenere il riconoscimento dei requisiti tecnico-professionali ? (2.8)20.Con un attestato di qualifica prof.le si puo’ ottenere il riconoscimento dei requisiti tecnico-professionali ? (2.8) I qualificati professionali devono avere trascorso un periodo di inserimento, di almeno due anni continuativi, alle dirette dipendenze di un’impresa del settore REQUISITI TECNICO-PROFESSIONALI

65 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9064 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’ 21.E’ sempre obbligatorio rilasciare la d.d.c. ? (3.1)21.E’ sempre obbligatorio rilasciare la d.d.c. ? (3.1) L’impresa installatrice deve rilasciare la d.d.c. quando effettua lavori elettrici che non rientrano nella manutenzione ordinaria

66 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' Chi deve firmare la d.d.c. ? (3.13)22. Chi deve firmare la d.d.c. ? (3.13) La d.d.c. deve essere sottoscritta dal responsabile tecnico e firmata dal titolare o dal legale rappresentante dell’impresa DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’

67 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9066 INSTALLAZIONE NUOVI IMPIANTI 23.La 46/90 impone sempre la messa a terra. ? (5.1)23.La 46/90 impone sempre la messa a terra. ? (5.1) La 46/90 non impone sempre e comunque la messa a terra: ”In particolare gli impianti elettrici devono essere dotati di impianto di messa a terra e di interruttori differenziali ad alta sensibilità o di altri sistemi di protezione equivalenti” art.7,comma 2, 46/90

68 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' E’ vero che in base alla 46/90 un imp. el. deve essere sempre protetto con interruttori differenziali ? (5.2)24. E’ vero che in base alla 46/90 un imp. el. deve essere sempre protetto con interruttori differenziali ? (5.2) Non è vero, in quanto la legge non esprime preferenze né per la messa a terra, né per i mezzi di protezione equivalenti INSTALLAZIONE NUOVI IMPIANTI

69 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' Che cosa si intende per interruttore differenziale ad alta sensibilità ? (5.3)24.Che cosa si intende per interruttore differenziale ad alta sensibilità ? (5.3) I dn  30 mAIn generale è un interruttore con corrente differenziale nominale di intervento I dn  30 mA. Secondo la 46/90 è un interruttore con corrente differenziale nominale di intervento fino a 1A. INSTALLAZIONE NUOVI IMPIANTI

70 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' Interruttori differenziali con I dn > 1A sono ammessi ? (5.4)25. Interruttori differenziali con I dn > 1A sono ammessi ? (5.4) Interruttori differenziali con corrente differenziale nominale di intervento I dn > 1 A, associati alla messa terra, sono riconosciuti dalle norme CEI come sistema di protezione contro i contatti indiretti. Quindi sono ammessi. INSTALLAZIONE NUOVI IMPIANTI

71 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' I componenti dell’impianto devono essere marchiati ? (5.8)26. I componenti dell’impianto devono essere marchiati ? (5.8) Non è necessario che i componenti siano marchiati: è sufficiente che il prodotto sia dichiarato a regola d’arte dal relativo costruttore. INSTALLAZIONE NUOVI IMPIANTI

72 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' Nel rifare l’impianto elettrico nuovo in un vecchio appartamento, occorre la messa terra ? (5.12)27. Nel rifare l’impianto elettrico nuovo in un vecchio appartamento, occorre la messa terra ? (5.12) In un nuovo impianto occorre l’impianto di terra, anche se l’intero edifico ne è sprovvisto. INSTALLAZIONE NUOVI IMPIANTI

73 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' Si può rilasciare la dich. ne di conf. tà per un app. to se tutti gli altri app. ti non hanno l’inter. re diff. le ? (5.13)28.Si può rilasciare la dich. ne di conf. tà per un app. to se tutti gli altri app. ti non hanno l’inter. re diff. le ? (5.13) L’efficienza di un imp. di terra in un edificio civile è assicurata solo se tutti gli app. ti, i servizi cond. li, l’ascensore, i quali sono collegati allo stesso imp. di terra, sono protetti da un int. diff. coordinato con la resistenza di terra. INSTALLAZIONE NUOVI IMPIANTI

74 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9073 ADEGUAMENTO IMPIANTI PREESISTENTI 29. Cosa bisogna fare per gli imp. preesistenti all’entrata in vigore della 46/90 ? (6.1)29. Cosa bisogna fare per gli imp. preesistenti all’entrata in vigore della 46/90 ? (6.1) 1. Sezionamento e protezione contro le sovracorrenti, posti all’origine dell’impianto protezione contro i contatti diretti protezione contro i contatti indiretti o protezione con int.diff. con I dn <30mA.

75 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9074 ADEGUAMENTO IMPIANTI PREESISTENTI 30.Non c’è contrasto tra la legge che richiede l’impianto di messa a terra + il differenziale e il regolamento di attuazione che si accontenta del differenziale ? (6.3)30.Non c’è contrasto tra la legge che richiede l’impianto di messa a terra + il differenziale e il regolamento di attuazione che si accontenta del differenziale ? (6.3) La legge 46/90 richiede l’impianto di terra e un interruttore differenziale con Idn <1A, mentre il regolamento di attuazione richiede un interr.diff. con Idn  30mA.

76 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9075 ADEGUAMENTO IMPIANTI PREESISTENTI 31.Il solo interr.diff. con Idn  30mA fornisce un livello di sicurezza sufficiente ? (6.7)31.Il solo interr.diff. con Idn  30mA fornisce un livello di sicurezza sufficiente ? (6.7) Senza interr.diff. e senza terra la sicurezza nei confronti dei contatti indiretti è nulla. Con il solo interr.diff. con Idn  30mA il livello di sicurezza è valutabile intorno al 90-95%.

77 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9076 ADEGUAMENTO IMPIANTI PREESISTENTI 32. I cavi di sezione 1 mm 2 devono essere cambiati ? (6.34)32. I cavi di sezione 1 mm 2 devono essere cambiati ? (6.34) Il minimo è stato portato a 1,5 mm 2. Un cavo in PVC da 1mm 2 di sezione porta fino a 15A: è spesso utilizzato per i centri volta che non necessitano della protezione contro sovraccarico.

78 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9077 ADEGUAMENTO IMPIANTI PREESISTENTI 33. Le piattine devono essere sostituite ? (6.35)33. Le piattine devono essere sostituite ? (6.35) La piattina per installazione fissa non è più commercializzata dal 1988.

79 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9078 ADEGUAMENTO IMPIANTI PREESISTENTI 34. Negli adeguamenti degli impianti si possono posare i cavi direttamente sotto intonaco ? (6.36)34. Negli adeguamenti degli impianti si possono posare i cavi direttamente sotto intonaco ? (6.36) La norma CEI 64-8 non proibisce, sconsiglia, la posa sotto intonaco purchè il cavo sia del tipo adatto alla posa sotto intonaco: sigle G5,G7,R2R, N1VV.

80 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9079 ADEGUAMENTO IMPIANTI PREESISTENTI 35.Per evitare l’impianto di terra si può utilizzare un trasformatore di isolamento ? (6.42)35.Per evitare l’impianto di terra si può utilizzare un trasformatore di isolamento ? (6.42) Il trasformatore d’isolamento permette di realizzare la protezione contro i contatti indiretti per separazione elettrica, collegando equipotenzialmente tra loro, e non a terra, le masse degli apparecchi

81 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9080 ADEGUAMENTO IMPIANTI PREESISTENTI 36. L’impianto di antenna tv deve essere adeguato ? (6.48)36. L’impianto di antenna tv deve essere adeguato ? (6.48) Si, nel senso che è necessario adeguare gli impianti d’antenna tv dal punto di vista della sicurezza: messa a terra e protezione contro le scariche atmosferiche e non della loro funzionalità, per ricevere per es. Canale 5 o RAI1.

82 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9081 ADEGUAMENTO IMPIANTI PREESISTENTI 37.La messa a terra della calza dell’antenna tv può essere sostituita dall’int. re diff. le da 30 mA ? (6.49)37.La messa a terra della calza dell’antenna tv può essere sostituita dall’int. re diff. le da 30 mA ? (6.49) In alternativa alla messa a terra e int. re diff. le, si può usare un int. re diff. le da 30 mA, purché tutti gli utenti allacciati al sistema centralizzato siano protetti da int. re diff. le con Idn  30 mA

83 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9082 VERIFICHE 38.L’installatore che firma la dichiarazione di conformità senza essere abilitato che cosa rischia ? (7.3)38.L’installatore che firma la dichiarazione di conformità senza essere abilitato che cosa rischia ? (7.3) Fino ad 1 anno di reclusione o la multa da 50 a 500 euro

84 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' L’installatore ha l’obbligo di utilizzare materiali a regola d’arte, ma se i materiali sono scelti e forniti dal committente ? (7.4)39.L’installatore ha l’obbligo di utilizzare materiali a regola d’arte, ma se i materiali sono scelti e forniti dal committente ? (7.4) Se i materiali forniti dal committente non sono a regola d’arte, o non sono adatti al luogo d’installazione, l’installatore non li deve installare. VERIFICHE

85 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/' In quali casi la legge 46/90 richiede il collaudo degli impianti ? (7.13)40.In quali casi la legge 46/90 richiede il collaudo degli impianti ? (7.13) Nel settore elettrico, le vigenti disposizioni legislative prevedono il collaudo solo per gli ascensori e montacarichi. Per tutti gli altri impianti si parla di verifiche o controlli per accertare la veridicità della dichiaraz.di conformità. VERIFICHE

86 a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'9085 Legge 46 / ‘90


Scaricare ppt "a cura del prof.M.ZIMOTTI DM 37/'08 - ex legge 46/'901 DM n°37 del 22 gennaio 2008 ex legge 46/’90."

Presentazioni simili


Annunci Google